Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Supertest Samsung Trilaser LSP9T

Recensione di Emidio Frattaroli , pubblicato il 27 Aprile 2021 nel canale 4K

“Dopo quasi 10 anni, Samsung torna nella videoproiezione casalinga dalla 'porta principale' con un prodotto esclusivo, con tecnologia DLP e ottica a tiro cortissimo, sorgente luminosa laser 3P e copertura completa dello spazio colore REC BT.2020”

Caratteristiche e dotazioni


- click per ingrandire -

Il settore dei proiettori UST (Ultra Short Throw - tiro ultra-corto) è piuttosto 'omogeneo' ed è composto da prodotti che utilizzano quasi esclusivamente un sistema d'illuminamento ibrido, con laser blu e fosfori 'gialli'. La quasi totalità di prodotti utilizzano la tecnologia DLP (Digital Light Processing), con un singolo DMD (Digital Micromirror Device) con diagonale da 0,47", risoluzione nativa di 1920x1080 pixel e dispositivo XPR in modo da quadruplicare la risoluzione effettivamente riprodotta: ogni pixel 'fisico' ne riproduce quattro virtuali in quattro diverse posizioni.

Il prezzo suggerito al pubblico di questi prodotti è compreso tra 3.000 e 4.000 Euro e le differenze tra un modello e l'altro sono tante, sia per qualità d'immagine che per funzioni. Per fare un esempio, il Samsung LSP7T rientra in questa categoria di prodotti, costa 3.499 Euro e utilizza un DMD da 0,47" con sistema d'illuminamento con laser e fosfori. Il rapporto di tiro di questi prodotti, ovvero il rapporto tra la distanza che c'è tra la lente e la superficie dello schermo, in questo caso è di solito di 0,25:1.


- click per ingrandire -

Per riprodurre un'immagine da 222 centimetri di base, ovvero con diagonale da 100", l'ottica sarà a circa 55cm dallo schermo. In molti casi l'ottica sarà in una posizione tale rispetto al telaio del proiettore che quest'ultimo potrà essere molto vicino alla superficie dello schermo, anche a meno di 15cm. Il proiettore Samsung LSP9T ha due differenze sostanziali rispetto al resto del mercato. Il primo elemento è il DMD singolo con diagonale di 0,66" (quasi due volte più grande) con risoluzione nativa di 2716 x 1526 pixel e un sistema ottico che permette di disegnare due immagini a risoluzione nativa traslate di mezzo pixel in diagonale, in modo da riprodurre un totale di 8,3 megapixel (2.716 x 1.526 x 2), la stessa quantità di pixel del formato UHD 4K (3840x2160).

Sarà pure la stessa quantità ma la risoluzione effettiva è ben differente. Per questo motivo, che si tratti di riprodurre un segnale Full HD (1920x1080) oppure UHD 4K (3840x2160), i segnali in ingresso devono essere convertiti in una risoluzione 'intermedia' che è differente da quella originale, situazione che introduce artefatti di aliasing e, più in generale, una perdita di risoluzione. Al contrario, il DMD da 0,47" ha una risoluzione nativa di 1920x1080 pixel e riesce a riprodurre anche segnali 3840x2160 senza artefatti di aliasing.


- click per ingrandire -

D'altra parte, il DMD da 0,66" utilizzato nel Samsung LSP9T ha due enormi vantaggi. Il primo è sul dettaglio, ovvero sulla capacità di riprodurre in maniera più 'tagliente' i particolari più piccoli. Quindi, anche se l'immagine riprodotta è comunque affetta da qualche artefatto di ricampionamento, avrà comunque un dettaglio decisamente superiore rispetto a quello generato con un DMD da 0,47". L'altro vantaggio è il rapporto di contrasto che è più che doppio rispetto a quello del DMD da 0,47". Samsung dichiara un rapporto di contrasto nativo di 1.500:1; io ho rilevato 1.964:1 con calibrazione D65 mentre la media di prodotti con DMD da 0,47" è di circa 800:1.

Oltre al sistema d'illuminamento laser RGB e al DMD da 0,66", il proiettore utilizza un sistema operativo Tizen con assistente vocale Bixbi, dispone della modalità predefinita 'Filmmaker Mode' e anche di un ingresso per segnali di antenna DVB-T2 e un altro per segnali DVB-S2. Manca però lo slot Common Interface, quindi niente tivusat. Il flusso luminoso dichiarato è di 2800 lumen. L'unità audio integrata nel telaio è accreditata di 40W di potenza e configurazione con 4.2 canali. Completano le caratteristiche tre porte HDMI di cui una con eARC, una porta USB, WiFi 5, porta LAN, Bluetooth 4.2 e pieno supporto alle codifiche HDR10, HLG e HDR10+, quindi con metadati dinamici. L'elenco completo delle caratteristiche è a questo indirizzo.

Caratteristiche dichiarate:

tecnologia: DLP
risoluzione: 3840 x 2160
flusso luminoso: 2800 lumen
sorgente luminosa: Triple Laser
durata: 20000 ore
rapporto di contrasto nativo: 1.500:1
rapporto di contrasto dinamico: 2.000.000:1
throw ratio: 0,189:1
dimensione schermo: 100"~130"
distanza: 113mm
rumore: 32dB(A) 
DSP video: n.d.
HDR: HDR10, HDR10+, HLG
tecnologia audio: Hole Array Speaker
potenza audio: 40W RMS
tipologia altoparlanti: 4.2CH
sistema operativo: Tizen
riconoscimento volante: Bixby
sintonizzazione: DVB-T2 + DVB-S2
data broadcasting: HbbTV 2.0.1
ingressi: 3x HDMI con eARC
interfacce dati: 1x USB 2.0, 1x RJ 45 (LAN)
uscita audio: 1x TOSlink (Ottico)
wireless: WiFi5, bluetooth 4.2
telecomando: TM1850A Base
consumo: 410W max (0.5W st-by)
dimensioni: 550 x 141 x 367 mm
peso: 11.5 kg
prezzo suggerito: 6.499,00 Euro IVA inclusa

Maggiori informazioni: samsung.com/it/projectors