Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Alice in Borderland | stagione 2 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 06 Gennaio 2023 nel canale CINEMA

“Arisu e Usagi riescono a restare insieme e si trovano a competere nel game del Re di Fiori. Ma in mezzo alle diverse gare mortali, la verità fa fatica a emergere, mentre le menti dei partecipanti iniziano sempre più a vacillare rendendoli prede più facili da sopprimere.”


- click per ingrandire -

Dopo la prima parte dei giochi, restano soltanto le carte rappresentate dalle figure (fanti, regine e re) che corrispondono a persone che creano un proprio game e vi partecipano come sfidanti. I ragazzi vengono separati dal Re di Picche che spara a chiunque si trovi davanti a lui. Arisu e Usagi riescono a restare insieme, con Kuina e Tatta, e si trovano a competere nel game del Re di Fiori, il cui nome è Kyuma e ha con sé altri tre concorrenti. Gli altri competono in varie altre sfide per ottenere il visto che li tenga in vita il tempo necessario a capire se alla fine dei giochi riusciranno a tornare o meno nella realtà da cui provengono. Ma in mezzo alle diverse gare mortali, la verità fa fatica a emergere, mentre le menti dei partecipanti iniziano sempre più a vacillare rendendoli prede più facili da sopprimere. L’unica chiave per sopravvivere diventa dunque una fede incrollabile supportata da lucidità e determinazione.


- click per ingrandire -

La seconda stagione della serie tratta dai manga scritti e disegnati da Haro Aso, arriva dopo due anni da un primo capitolo (uscito nove mesi prima di Squid Game, con cui condivide l’idea di fondo) che aveva meravigliato chi non conosceva l’opera a fumetti e aveva soddisfatto i fan per la fedeltà all’originale, anche nella versione anime, specialmente per quello che riguardava le scenografie. La principale differenza nello sviluppo della trama che si evince in questo seguito è che stavolta i protagonisti sono addentro alla realtà alternativa e cruda in cui sono finiti loro malgrado e non sono più spaesati. Ma la difficoltà nell’affrontare i game è aumentata e con essa è diminuita la forza d’animo per continuare. La sopravvivenza ha bisogno così di motivazioni più forti, che però non si trovano. Perché non c’è garanzia che una volta superate le durissime prove si tornerà al mondo com’era prima.


- click per ingrandire -

Anche i flashback evolvono perché stabiliscono una doppia funzione: alcuni sono ancora le tessere mancanti del mosaico, altri aprono scenari nuovi e inattesi. Da cui nella parte finale crescono le maglie di cunicoli mentali che portano a interrogativi profondi e complessi. La disperazione nel non trovare una via d’uscita da un mondo orribile porta paradossalmente i personaggi a porsi domande sul senso della vita e sull’onore. Sopravvivenza e coscienza inizialmente ben distinte, la prima a scapito della seconda, iniziano a incrociarsi mettendo in pericolo la stabilità mentale, fondamentale per proseguire. Vincere, e quindi vivere, ma senza ideali o perire restando fedeli a ciò in cui si crede? In ogni gioco le questioni si moltiplicano e rivelano il passato di alcuni personaggi, alcuni già visti, altri nuovi, che non si sa se resteranno imbrigliati da una fitta rete di pensieri o troveranno una via di fuga per andare avanti. Una sfida ulteriore che diventa quasi impossibile quando a dover trovare soluzioni non si è soli ma accanto a chi ha un vissuto diverso e di conseguenza convinzioni e scopi diversi, se non addirittura contrapposti.


- click per ingrandire -

Arisu (che corrisponde all’Alice del titolo) fa definitivamente squadra con Usagi. Il ragazzo che non si staccava dai videogame evitando i colloqui di lavoro e la ragazza che voleva un bene sconfinato al padre scomparso con cui condivideva l’amore per la montagna, sembrano aver trovato la giusta affinità per schivare i colpi e gli inganni della terra di confine in cui sono stati catapultati. Una solidarietà che verrà messa profondamente in crisi in un ultimo episodio notevole e dai risvolti potenzialmente letali. Sulla loro strada procedono la scattante e combattiva Kuina, il suo amico Chishiya, il cui cinismo troverà qui diverse spiegazioni e il cui acume lo aiuterà a sopravvivere anche una volta rimasto solo, e Aguni che da capo militare della Spiaggia gestita dal Cappellaio, si ritrova a sopravvivere con le sue forze affiancato da Heiya, una bella ragazza che da scialba teenager ha dovuto trasformarsi in una precisa guerriera. Nei nuovi game si incontrano personaggi molto interessanti. A partire da Kyuma, ex leader di una band, dal fisico scultoreo oltre che convinto naturista, il cui confronto con Arisu, che inizialmente sembra costruttivo e positivo, getterà le basi per la controversa messa in discussione del protagonista.


- click per ingrandire -

Mentre nella prima stagione a ogni episodio corrispondeva un game, qui non vengono superati al termine di ogni capitolo. Probabilmente un po’ per discontinuità e un po’ per creare dei cliffhanger che però risultano alquanto superflui vista la presa sullo spettatore comunque alta. Inoltre in alcuni momenti si avverte una complessità eccessiva, tipica del genere orientale, che comunque non mina sostanzialmente le solide basi della storia. L’idea iniziale di mettere il focus sul superamento di tutti i game come soluzione finale vira in questa stagione in favore dei singoli personaggi concentrati non più solo sui giochi mortali ma alle prese con le proprie coscienze. Il che se da una parte è un gran pregio, dall’altra lascia sospesi alcuni interrogativi non marginali.


- click per ingrandire -

L’ultimo episodio introduce infatti a diverse possibili verità, attraverso cui non è chiaro vedere e comprendere, un po’ com’era stato nel finale precedente. Il che lascia però ben sperare per un seguito esplosivo, che accanto ai soliti colpi di scena giunga alla risoluzione definitiva. Anche stavolta in buona posizione nella Top10 di Netflix, Alice in Borderland non è stata ancora rinnovata per una terza stagione, che potrebbe chiudere degnamente una serie più che dignitosa, sia per la parte ludica e cruenta dedicata agli amanti dei giochi mortali, che per quella filosofica e profondamente interiore che gli sceneggiatori hanno saputo fin qui delineare e raccontare in maniera soddisfacente ed efficace.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

prima della visione
Aspettativa 7,5 Potenziale 8,5

dopo la visione
Intrattenimento 7,5 Senso 8 Qualità 8
Giudizio Complessivo 7,8

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

Alice in Borderland | stagione 2 (Imawa no kuni no Arisu)
drammatico, thriller, fantastico | Giappone | 22 dic 2022 | 8 ep / 63 min | Netflix

scritta da Yoshiki WatabeYasuko Kuramitsu e Shinsuke Sato basata sull’omonimo manga di Haro Aso

personaggi interpreti
Ryōhei Arisu Kento Yamazaki
Yuzuha Usagi Tao Tsuchiya
Shuntarō Chishiya Nijirô Murakami
Hikari Kuina Aya Asahina
Morizono Aguni Sho Aoyagi
Akane Heiya Yuri Tsunematsu
Rizuna Ann Ayaka Miyoshi
Niragi Dori Sakurada
Kyuma Tomohisa Yamashita
Shitara Ryohei Shima
Maki Eishin
Sunato Banda Hayato Isomura
Oki Yaba Maiguma Katsuya
Lisa Chihiro Yamamoto
Segawa Chōta Yûki Morinaga
Daikichi Karube Keita Machida

critica IMDb 7,8 /10 | Rotten Tomatoes critica 7,1 /10 utenti 4,3 /5 | Metacritic nd

 

Articoli correlati

Inverso - The Peripheral | stag. 1 | recensione

Inverso - The Peripheral | stag. 1 | recensione

Nel 2032, Flynne Fisher, molto abile nel mondo videoludico in realtà virtuale collabora col fratello Burton, per guadagnare quanto basta per pagare le cure per la madre malata. Fin quando si ritrova in un gioco ambientato in una Londra del futuro che presto scoprirà non essere una simulazione.
Mercoledì | stagione 1 | la recensione

Mercoledì | stagione 1 | la recensione

Dopo essere stata allontanata dall’ennesimo istituto per atteggiamenti estremamente pericolosi, l’adolescente Mercoledì Addams viene condotta presso la Nevermore Academy. Dove si troverà ad indagare su una serie di eventi sovrannaturali in cui potrebbe essere coinvolta anche la sua famiglia.
1899 | stagione 1 | la recensione

1899 | stagione 1 | la recensione

La nave Kerberos è in viaggio dall’Inghilterra in direzione di New York City, dopo che quattro mesi prima la sua gemella Prometheus è finita dispersa senza lasciare tracce. Fino a quando uno strano messaggio innesca una serie di eventi a catena e rivela un enigma carico di mistero.
Andor | stagione 1 | la recensione

Andor | stagione 1 | la recensione

Durante la ricerca di sua sorella, Cassian Andor è costretto a fuggire sul pianeta Ferrix dove incontra una delle menti dietro alla nascente ribellione. Ma sulle sue tracce si mette un’agente della sicurezza imperiale che diventa la principale minaccia per la sua libertà e per la rivolta.
The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

Mentre June si gode un iniziale stato di ebbrezza per la vendetta compiuta, che lascia spazio al dolore per non aver ancora riportato a casa la piccola Hannah, Serena cerca di affermarsi perché incinta e venerata da molte persone che la vedono come un esempio. Il loro inevitabile scontro sta per deflagrare.
Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Otto diversi racconti compongono questa raccolta di mediometraggi curata da Guillermo Del Toro, che si concentra sulla sua sconfinata passione per il genere horror mettendo al centro del progetto un mobile pieno di cassetti da cui vengono fuori vari oggetti che diventano storie
Enola Holmes 2 | la recensione

Enola Holmes 2 | la recensione

Dopo la prima avventura da detective, Enola ha aperto la sua agenzia investigativa, ma tutti le preferiscono suo fratello Sherlock, ritenendola troppo giovane e inesperta. Fino a quando non bussa alla sua porta una bambina che le chiede di ritrovare sua sorella scomparsa.
House of the Dragon | stagione 1 | recensione

House of the Dragon | stagione 1 | recensione

Ad Approdo del Re, Viserys Targaryen regna da alcuni anni cercando di mantenere una pace duratura. Ma quando decide che a succedergli dovrà essere sua figlia Rhaenyra, gli equilibri di palazzo iniziano a tentennare fino a scatenare una serie di reazioni imprevedibili e drammatiche.
The Playlist | la recensione

The Playlist | la recensione

Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari, il ventitreenne Daniel Ek decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.
The Midnight Club | la recensione

The Midnight Club | la recensione

Quando l’adolescente Ilonka scopre di avere un male incurabile si trasferisce presso una struttura che ospita giovani malati terminali. Che ogni notte in segreto si riuniscono per scambiarsi racconti dell’orrore e giurare che chi muore dovrà trovare un modo per comunicare con gli altri dall’aldilà.



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Mech pubblicato il 07 Gennaio 2023, 20:03
Sono all'ep. 3 e fino ad ora mi ha abbondantemente soddisfatto.
Commento # 2 di: adslinkato pubblicato il 09 Gennaio 2023, 06:18
La prima serie l'avevo trovata innovativa e consistente. Questa, che non ho completato, è il classico seguito meno centrato e ritmato. Complimenti a Fabrizio per il bell'articolo e il commento equilibrato.
Commento # 3 di: SebArdo77 pubblicato il 09 Gennaio 2023, 09:34
io ho fatto veramente fatica a finirlo.
La prima stagione mi ha letteralmente catturato mentre la seconda l'ho completata quasi per vedere dove andavano a parare.
Per onestà mia ammetto però che avevo aspettative alte dovute al trasporto della prima stagione.
Commento # 4 di: ellebiser pubblicato il 09 Gennaio 2023, 22:55
Finale so so ma mi è piaciuta; comunque sì più scontata della prima serie.
Commento # 5 di: Mech pubblicato il 14 Gennaio 2023, 19:55
La seconda stagione non mi ha deluso fino agli ultimi due episodi, davvero senza senso le azioni dei protagonisti e poi ho mandato avanti veloce in almeno due parti davvero troppo assurde e lente.
La fine invece mi ha soddisfatto abbastanza, ma non sono sicuro di voler vedere una terza stagione, non capisco il motivo di continuare a parte il bisogno di monetizzare costringendo ad un quadriplo carpiato gli sceneggiatori per far ripartire il tutto.