Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

The Playlist | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 02 Novembre 2022 nel canale CINEMA

“Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari, il ventitreenne Daniel Ek decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.”


- click per ingrandire -

Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari per dieci milioni di corone, il ventitreenne Daniel Ek piuttosto che godersi i soldi decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Si unisce a lui Martin Lorentzon che crede nelle capacità di Daniel e sceglie di investire nella società grosse somme di denaro. Quella che fin dall’inizio si delinea come una rivoluzione che potrebbe far comodo a tutti si scontra però con le case discografiche che non hanno intenzione di far mutare un mercato flagellato dalla pirateria ma ancora gestibile e soprattutto in mano loro. Sarà solo grazie all’impegno indefesso di Daniel, Martin e gli altri collaboratori scelti con cura lungo il cammino che nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.


- click per ingrandire -

Sviluppata da Christian Spurrier e Luke Franklin, basata sul libro Spotify Untold di Sven Carlsson e Jonas Leijonhufvud, The Playlist racconta di un giovane Daniel che nell’assistere alla crisi del mondo della musica ad opera di piattaforme come Pirate Bay pensa bene di rendere la condivisione qualcosa di legale rendendo ogni brano esistente al mondo disponibile per tutti. Quando questo succede Youtube sta per nascere e gli mp3 si ascoltano col glorioso Winamp. Da bravo osservatore e analista della rete, decide così di gettarsi in un’avventura globale, dopo essere stato a capo di un’attività per creare siti web a soli tredici anni guadagnando circa 50 mila dollari al mese, fondatore della società Advertigo, e CEO di μTorrent poi ceduta a BitTorrent.


- click per ingrandire -

Al contrario di quello che avrebbe potuto comodamente essere, la serie non racconta solo di Daniel Ek, parte da lui per poi concentrarsi sui principali fautori di Spotify. La storia è una vera e propria playlist, ogni episodio è dedicato a uno dei personaggi che hanno contribuito a che l’app venisse alla luce. In questo modo ogni aspetto della macchina viene approfondito e tutte le facce del dado vengono rivelate direttamente da chi le rappresenta. Ogni episodio si conclude infatti con un personaggio che, guardando in macchina, sostiene che le cose siano andate diversamente da come le ha raccontate chi lo ha preceduto. Il primo a mettere in dubbio la visione di Ek è Per Sundin, CEO di Sony Music Entertainment nei paesi nordici, che rappresenta l’industria musicale. Sul orlo di un tracollo di proporzioni epiche, Sundin viene costretto a licenziare collaboratori ogni mese, misura che non può certo fermare un’emorragia mondiale ma che indica la gravità della situazione in modo inequivocabile. Sentir dire da Daniel che vorrebbe rendere la musica gratuita lo manda ovviamente su tutte le furie, e se inizialmente lo spettatore lo percepisce come il male, una volta dentro al suo mondo le spiegazioni arrivano. È uno dei personaggi chiave, quello che ha scoperto lo scomparso Avicii quando era ancora conosciuto come Tim Bergling, e ritornerà anche negli episodi successivi al suo.


- click per ingrandire -

Prendi il mondo orribile e caotico in cui viviamo e lo rendi perfetto.
È quindi la volta dell’avvocato Petra Hanson, appena diventata Junior Manager presso il prestigioso studio legale per il quale lavora che viene convinta dal socio di Daniel a unirsi a loro. Una scelta folle dettata dal fatto che a Spotify Petra ha il controllo totale delle questioni legali della società, cosa che le era stata negata dopo anni di dedizione e sacrifici allo studio. L’episodio successivo si concentra sul capo programmatore Andreas Ehn, un ragazzo timido e introverso ma anche determinato e puro, che vede nel progetto non una sfida ma una vera e propria missione. È quello che cercherà di mantenere la rotta iniziale in ogni momento, provando a rimettere sui binari i propri compagni dopo i vari compromessi apparentemente obbligati. Oltre a questo la sua stabilità mentale verrà messa a dura prova dalle esigenze a volte estreme di Daniel che pretende l’immediatezza assoluta del programma. La squadra termina con Martin Lorentzon, principale partner di Ek, un uomo sempre allegro, positivo e soprattutto arguto che ha molte frecce al suo arco per convincere e conquistare nuovi investitori e dirigere l’azienda nel modo più assennato e costruttivo possibile.


- click per ingrandire -

L’ultimo episodio è dedicato a Bobbi T, cantante soul, amica di Daniel dai tempi del liceo. Appare già all’inizio della serie quando, con sua somma sorpresa e gioia viene scritturata dalla Sony, per poi ritrovarsi nel finale a far fatica a vivere di musica proprio a causa di Spotify. Nonostante sia interpretato dalla cantante svedese Janice, il personaggio è del tutto inventato, così come il suo episodio è collocato in un ipotetico futuro, nel 2024. Avviene così uno scollamento tra ciò che è verosimile e ciò che è semplicemente immaginato, a scapito della buona realizzazione del prodotto fino a quel momento. Il racconto è drammatico e intenso ma inefficace perché mai accaduto, e la credibilità dell’intera serie viene molto intaccata. La storia di Taylor Swift che abbandona la piattaforma, probabilmente come protesta per i bassi introiti per gli artisti è invece vera e sarebbe stato opportuno approfondirla molto di più per entrare nei veri gangli del sistema e farne una critica decisamente più azzeccata.


- click per ingrandire -

La qualità delle immagini è in partenza alquanto bassa. Nonostante la buona macchina a mano, la fotografia non aiuta affatto a riportare in quegli anni (sebbene il metodo di ripresa sia tipico di una certa abitudine di allora, pessima) e non crea una fascinazione adeguata. Ma solo all’inizio. Perché poi l’impostazione stilistica cambia via via che la startup evolve, particolarmente con l’innesto dell’avvocato Hanson. Una crescita che avrebbe potuto essere costante procedendo di pari passo all’espansione della società e alla dilatazione della storia. Ma purtroppo così non è. La scrittura invece è ben realizzata. Ciò che nei primi episodi appare come fonte d’ispirazione anche per chi non abbia intenzione di intraprendere una carriera da amministratore delegato, man mano che il racconto procede diventa giustamente altro, contrapponendosi ferocemente a una realtà imprenditoriale priva di scrupoli. Se la nascita di Spotify possiede velocità e dinamica che si scontrano con la lenta burocrazia, il suo consolidamento fa sì che i suoi attori diventino altro. Daniel in testa. Che da sintesi del confronto tra Per Sundin e Peter Sunde (CEO di Sony e creatore di Pirate Bay) si trasforma lentamente ma inesorabilmente in una figura quasi divina ma in negativo. La costruzione dell’intreccio crea senso e densità, e il suo scorrere intriga e appassiona, se non fosse per quell’ultimo capitolo che chiude una buona serie drammatica con una fantasiosa nota stonata.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 7,5 Potenziale 9

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 7,5 Senso 7 Qualità 7
Giudizio Complessivo 7,1

The Playlist | miniserie
drammatico | Svezia, UK | 13 ott 2022 | 6 ep / 49 min | Netflix

sviluppata da Christian Spurrier, Luke Franklin basata su Spotify Untold di Sven Carlsson e Jonas Leijonhufvud

personaggi interpreti
Daniel Ek Edvin Endre
Martin Lorentzon Christian Hillborg
Petra Hansson Gizem Erdogan
Per Sundin Ulf Stenberg
Andreas Ehn Joel Lützow
Bobbi Thomasson Janice Kamya Kavander
Peter Sunde Valter Skarsgård
Felix Hagnö Krister Kern
Stephanie Dahlgren Sofia Karemyr
Maxine Silverson Severija Janušauskaitė
Ken Parks Sam Hazeldine
Sophia Bendz Ella Rappich
Sofia Levander Félice Jankell

critica IMDb 7,6 /10 | Rotten Tomatoes critica 6,3 /10 utenti 4,5 /5 | Metacritic critica 60 /100 utenti 5 /10

 

Articoli correlati

The Midnight Club | la recensione

The Midnight Club | la recensione

Quando l’adolescente Ilonka scopre di avere un male incurabile si trasferisce presso una struttura che ospita giovani malati terminali. Che ogni notte in segreto si riuniscono per scambiarsi racconti dell’orrore e giurare che chi muore dovrà trovare un modo per comunicare con gli altri dall’aldilà.
She-Hulk | stagione 1 | la recensione

She-Hulk | stagione 1 | la recensione

In seguito a un incidente stradale col cugino Bruce Banner, l’avvocato Jennifer Walters viene in contatto col sangue dell’uomo e diventa a sua volta una Hulk. Tra problemi di cuore e super casi da risolvere, la nuova Jen dovrà fare i conti col suo scomodo alter ego, non solo più forte ma anche più affascinante di lei.
Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Quando l’elfo Finrod viene ucciso e marchiato da Sauron, successore di Morgoth, sua sorella Galadriel si mette a caccia del Valar cercando di stanarlo lungo tutta la Terra di Mezzo. Una ricerca che la porterà a ritrovarsi sola, di fronte a un nemico che potrebbe portare oscurità ovunque.
Dahmer | la recensione della miniserie

Dahmer | la recensione della miniserie

A Milwaukee nel 1991, Glenda Cleveland sospetta che il suo vicino Jeff usi violenza su alcuni ragazzi. Fino a quando si scopre che l’appartamento è stato il teatro di orrori indicibili: Jeffrey Dahmer ha infatti conservato diverse parti di corpi di ragazzi di cui ha fatto ampio scempio.
Snabba Cash | stagione 2 | la recensione

Snabba Cash | stagione 2 | la recensione

Quando la startup di Leya sembra decollare, la donna si ritrova ancora una volta invischiata in un turbine di malaffare che potrebbe portarla verso il baratro, mentre cerca di dare un futuro a suo figlio Sami e deve convivere col ricordo onnipresente dello scomparso Salim
Scissione | stagione 1 | la recensione

Scissione | stagione 1 | la recensione

Una serie da recuperare a tutti i costi per qualità, intensità e significato, sviluppata con una trama le cui tessere vengono ricomposte per gradi fino a giungere a un finale di stagione fenomenale che soddisfa qualsiasi palato, in un arcobaleno di emozioni fortissime e rivelazioni esplosive
The Imperfects | stagione 1 | la recensione

The Imperfects | stagione 1 | la recensione

Due ragazze e un ragazzo si ritrovano nello studio di un genetista che anni prima li ha sottoposti ad alcuni trattamenti sperimentali. Che senza farmaci li stanno trasformando in mostri. Ma quando lo scienziato sparisce, le speranze di guarigione vengono affidate a una sua collega che può aiutarli a trovare lui e una cura efficace.
Il diavolo in Ohio | recensione della miniserie

Il diavolo in Ohio | recensione della miniserie

Quando una ragazza viene portata in ospedale in stato di shock e con un pentacolo inciso sulla schiena, un’assistente sociale prende a cuore la sua situazione e prova a scoprire una verità che si delineerà come sconcertante e difficile da sradicare



Commenti