Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

1899 | stagione 1 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 09 Dicembre 2022 nel canale CINEMA

“La nave Kerberos è in viaggio dall’Inghilterra in direzione di New York City, dopo che quattro mesi prima la sua gemella Prometheus è finita dispersa senza lasciare tracce. Fino a quando uno strano messaggio innesca una serie di eventi a catena e rivela un enigma carico di mistero.”


- click per ingrandire -

La nave Kerberos è in viaggio dall’Inghilterra in direzione di New York City, dopo che quattro mesi prima la sua gemella Prometheus è finita dispersa senza lasciare tracce. Quando giunge un messaggio contenente dei numeri, il capitano Eyk Larsen pensa che si tratti di coordinate geografiche e fa virare la nave verso il punto indicato, dove c’è proprio la Prometheus. Maura Franklin che ha un conto in sospeso col padre circa il fratello scomparso, decide di salire con Eyk a bordo dell’altra nave insieme al fuochista polacco Olek e al prete portoghese Ramiro. Dopo aver rinvenuto il telegrafo della Prometheus completamente fuori uso e non aver trovato l’ombra di un solo superstite, dall’interno di un armadio viene fuori un bambino con in mano un misterioso oggetto di forma piramidale.


- click per ingrandire -

Compagni anche nella vita, Jantje Friese e Baran bo Odar si sono distinti per la creazione dell’apprezzata Dark, e dopo due anni e mezzo dalla sua fine arriva la loro seconda serie, anch’essa di produzione tedesca. L’impronta resta la stessa: disseminare gli episodi di indizi per giungere a una verità complessa e difficile in un rompicapo molto composito e visionario che catapulta lo spettatore in un universo a sé stante col fascino e la naturalezza di una storia che non fa fatica a far sospendere l’incredulità. Il tema fondante della storia muove il pensiero sia verso il film Titanic, particolarmente quando si assiste alla divisione degli ospiti a seconda dello stato sociale, ma soprattutto verso la leggenda del Triangolo delle Bermuda (più volte smentita da fonti ben più documentate rispetto a quelle fuorvianti e sensazionalistiche di scrittori che in cerca di fama hanno ingigantito l’incidenza delle scomparse rispetto al traffico medio in quella zona, decisamente alto) che si porta dietro il fascino del mistero irrisolto e impenetrabile.


- click per ingrandire -

Sveglia.
La prima cosa che lo spettatore cerca è comprendere la struttura dell’enigma che gli si pone davanti. I passaggi segreti, lo scarabeo verde, la piramide nera, il puzzle di metallo e le morti inspiegabili. Gli elementi oscuri che compongono la narrazione vengono esposti come parte di un tutto molto vasto e intricato, motivo per cui addentrarsi nei meandri del racconto, invece di saziare il palato aumenta la curiosità. Ovviamente è un gioco che alla lunga può stancare. Ed è qui il primo bivio che si mette tra chi guarda e chi racconta: avere la giusta dose di pazienza nell’attendere il disvelamento a tempo debito dei vari interrogativi e relativi significati.


- click per ingrandire -

Fuggono tutti da qualcosa. Perché altrimenti si vorrebbe andare altrove?
L’ambizione della serie si nota subito, quando intervengono le diverse lingue dei vari ospiti della nave (il modo migliore per capirla correttamente è vederla in lingua originale, che sulla piattaforma è l’inglese). Ognuno viene da una cultura e un vissuto differenti, ma qualcosa lega tutti indissolubilmente, qualcosa che non lascia grosso spazio a pace o redenzione. Le visioni-flashback portano con loro le storie dei personaggi svelate un po’ per volta, mettendo in luce uno dei punti di forza della serie, cioè il fatto che non è chiaro chi siano i buoni e chi i cattivi. E anche la morale gioca un ruolo fondamentale quando alcuni di essi mostrano la loro vera natura, e anche se in buona fede, ognuno ha agito in maniera errata con conseguenze talvolta catastrofiche.


- click per ingrandire -

La sceneggiatura carica sempre di più i personaggi principali di una centralità che viene spiegata in maniera lenta ma inesorabile. Ciascuno ha qualcosa di sostanzioso da nascondere, un peso di cui farebbe volentieri a meno e dal quale fuggire il più lontano possibile, pensando che attraversando l’oceano possa lasciarselo alle spalle. I ricordi che si vorrebbero cancellare vengono invece riportati in vita dalla memoria di un’entità che non fa che indagare nella mente degli sventurati, riportando a galla dolori soltanto in parte sopiti, che gridano più forte di qualsiasi altro pensiero che vi si possa sostituire per portare oblio e conseguente pace interiore. E una volta investite da questa mole di sofferenza diventano prigionieri di loro stessi, della paura e di una ritrovata coscienza, tra l’altro evocata tramite il parallelo col mito della caverna di Platone.


- click per ingrandire -

I brani rock che annunciano la chiusura di ogni episodio (tra cui Child in time dei Deep Purple) giungono con la solennità di una musica sacra, come a sancire la fine delle danze e contemporaneamente a fare da ponte tra un episodio e l’altro. Cinematograficamente si avvertono gli echi di Eternal sunshine of the spotless mind (Se mi lasci ti cancello), Blade Runner e Matrix, con le suggestioni di una Dark espansa. Specialmente quando alcune persone credute morte tornano in vita (mentre altre no) e gli interrogativi iniziano a moltiplicarsi, allargando ulteriormente la macchia d’olio del rebus in cui le linee temporali sono ben mascherate sotto la coltre di quelle spaziali, in un crescendo di domande che sembrano non trovare mai risposta, se non in maniera parziale. Salvo cominciare a essere decriptate una dopo l’altra per portare a un finale altamente impattante. Dalle dichiarazioni degli showrunner sappiamo che la serie si dovrebbe sviluppare su tre stagioni come Dark. E vista la chiusura e la qualità decisamente elevata, le aspettative per un buon seguito ci sono tutte.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

prima della visione
Aspettativa 7,5 Potenziale 9

dopo la visione
Intrattenimento 7,5 Senso 7,5 Qualità 8,5
Giudizio Complessivo 7,9

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO/ALTO

1899 | stagione 1
drammatico, thriller, fantascienza | Germania | 17 nov 2022 | 8 ep / 55 min | Netflix

ideatori Jantje Friese, Baran bo Odar

personaggi interpreti
Maura Franklin Emily Beecham
Eyk Larsen Andreas Pietschmann
Daniel Solace Aneurin Barnard
Ángel Miguel Bernardeau
Ramiro José Pimentão
Ling Yi Isabella Wei
Yuk Je Gabby Wong
Jérôme Yann Gael
Clémence Mathilde Ollivier
Lucien Jonas Bloquet
Virginia Wilson Rosalie Craig
Olek Maciej Musiał
Tove Clara Rosager
Krester Lucas Lynggaard Tønnesen
Anker Alexandre Willaume
Iben Maria Erwolter
Sebastian Tino Mewes
Franz Isaak Dentler
Elliot Fflyn Edwards
Henry Singleton Anton Lesser

critica IMDb stagione 7,7 /10 episodi 8,2 /10 | Rotten Tomatoes critica 6,8 /10 utenti 3,9 /5 | Metacritic critica 67 /100 utenti 6,8 /10

 

Articoli correlati

Andor | stagione 1 | la recensione

Andor | stagione 1 | la recensione

Durante la ricerca di sua sorella, Cassian Andor è costretto a fuggire sul pianeta Ferrix dove incontra una delle menti dietro alla nascente ribellione. Ma sulle sue tracce si mette un’agente della sicurezza imperiale che diventa la principale minaccia per la sua libertà e per la rivolta.
The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

Mentre June si gode un iniziale stato di ebbrezza per la vendetta compiuta, che lascia spazio al dolore per non aver ancora riportato a casa la piccola Hannah, Serena cerca di affermarsi perché incinta e venerata da molte persone che la vedono come un esempio. Il loro inevitabile scontro sta per deflagrare.
Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Otto diversi racconti compongono questa raccolta di mediometraggi curata da Guillermo Del Toro, che si concentra sulla sua sconfinata passione per il genere horror mettendo al centro del progetto un mobile pieno di cassetti da cui vengono fuori vari oggetti che diventano storie
Enola Holmes 2 | la recensione

Enola Holmes 2 | la recensione

Dopo la prima avventura da detective, Enola ha aperto la sua agenzia investigativa, ma tutti le preferiscono suo fratello Sherlock, ritenendola troppo giovane e inesperta. Fino a quando non bussa alla sua porta una bambina che le chiede di ritrovare sua sorella scomparsa.
House of the Dragon | stagione 1 | recensione

House of the Dragon | stagione 1 | recensione

Ad Approdo del Re, Viserys Targaryen regna da alcuni anni cercando di mantenere una pace duratura. Ma quando decide che a succedergli dovrà essere sua figlia Rhaenyra, gli equilibri di palazzo iniziano a tentennare fino a scatenare una serie di reazioni imprevedibili e drammatiche.
The Playlist | la recensione

The Playlist | la recensione

Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari, il ventitreenne Daniel Ek decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.
The Midnight Club | la recensione

The Midnight Club | la recensione

Quando l’adolescente Ilonka scopre di avere un male incurabile si trasferisce presso una struttura che ospita giovani malati terminali. Che ogni notte in segreto si riuniscono per scambiarsi racconti dell’orrore e giurare che chi muore dovrà trovare un modo per comunicare con gli altri dall’aldilà.
She-Hulk | stagione 1 | la recensione

She-Hulk | stagione 1 | la recensione

In seguito a un incidente stradale col cugino Bruce Banner, l’avvocato Jennifer Walters viene in contatto col sangue dell’uomo e diventa a sua volta una Hulk. Tra problemi di cuore e super casi da risolvere, la nuova Jen dovrà fare i conti col suo scomodo alter ego, non solo più forte ma anche più affascinante di lei.
Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Quando l’elfo Finrod viene ucciso e marchiato da Sauron, successore di Morgoth, sua sorella Galadriel si mette a caccia del Valar cercando di stanarlo lungo tutta la Terra di Mezzo. Una ricerca che la porterà a ritrovarsi sola, di fronte a un nemico che potrebbe portare oscurità ovunque.



Commenti (14)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Samu1 pubblicato il 09 Dicembre 2022, 15:00
Serie molto bella, a mio parere una di quelle da non perdere.

Reparto audio video ottimo.

Consiglio la visione in inglese, perché in italiano hanno cannato traducendo anche chi non parla inglese nella serie e quindi molte scene sembrano senza senso.

La diversità di linguaggio è fondamentale nella sceneggiatura, non capisco come non ci abbiano pensato.
Probabilmente ci credono un branco di cerebrolesi.
Commento # 2 di: bradipolpo pubblicato il 10 Dicembre 2022, 08:54
Non ho capito cosa intendi: hanno sbagliato la traduzione dei dialoghi non inglesi?
O intendi che avrebbero dovuto sottotitolarli invece che doppiarli?
Commento # 3 di: Samu1 pubblicato il 10 Dicembre 2022, 09:21
La seconda, come hanno fatto in inglese d'altronde.
Commento # 4 di: giannia pubblicato il 10 Dicembre 2022, 19:17
In Dark la storia era talmente intricata per via dell’intreccio temporale che se ti distraevi troppo rischiavi di non capire più nulla… se qua cambiano pure il senso dei dialoghi… ora siamo proprio fritti..
Commento # 5 di: marklevi pubblicato il 10 Dicembre 2022, 22:36
Io l'ho trovata davvero pesante ed arzigogolata sulle varie stratificazioni del mistero.
In pratica come la terza stagione di Dark, che va a rovinare le prime due.
Mi sembrava di vedere un Tenet ancor più accartocciato su se stesso.
Commento # 6 di: AlbertoPN pubblicato il 11 Dicembre 2022, 09:33
Originariamente inviato da: marklevi;5224253
Io l'ho trovata davvero pesante ed arzigogolata sulle varie stratificazioni del mistero.


Quoto.

Sono arrivato a metà e non riesco ad andare avanti .... leeeeeenta e pesante ..... non mi prende proprio
Commento # 7 di: Samu1 pubblicato il 11 Dicembre 2022, 11:11
Secondo me, se fai uno sforzo e scollini, non te ne pentirai, la seconda parte riallinea tutti i fili ed è più movimentata.
Commento # 8 di: marklevi pubblicato il 11 Dicembre 2022, 12:53
io l'ho trovata invece una caduta libera. Specie l'ultimo episodio. per non parlare dell'ultimo minuto...

Continuerò a vederla perchè c'è di peggio in giro ma l'ho trovata un po' troppo da quel punto di vista.
Commento # 9 di: rossoner4ever pubblicato il 11 Dicembre 2022, 13:41
Originariamente inviato da: marklevi;5224253
In pratica come la terza stagione di Dark, che va a rovinare le prime due.
Mi sembrava di vedere un Tenet ancor più accartocciato su se stesso.
Allora lascio stare.
Commento # 10 di: AlbertoPN pubblicato il 11 Dicembre 2022, 16:00
Originariamente inviato da: Samu1;5224298
Secondo me, se fai uno sforzo e scollini, non te ne pentirai


Allora vedrò di sforzarmi un pò
Grazie
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »