Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Andor | stagione 1 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 30 Novembre 2022 nel canale CINEMA

“Durante la ricerca di sua sorella, Cassian Andor è costretto a fuggire sul pianeta Ferrix dove incontra una delle menti dietro alla nascente ribellione. Ma sulle sue tracce si mette un’agente della sicurezza imperiale che diventa la principale minaccia per la sua libertà e per la rivolta.”


- click per ingrandire -

Durante la ricerca di sua sorella su Morlana One, Cassian Andor si imbatte in due agenti della Pre-Mor che hanno voglia di attaccar briga ma hanno la peggio. Così l’uomo è costretto a nascondersi sul pianeta Ferrix presso la madre adottiva Maarva. Qui contatta la sua amica Bix per trovargli un acquirente di un pezzo molto pregiato sottratto all’Impero. Mentre su Morlana One il vice ispettore della sicurezza Syril Karn inizia un’indagine su di lui contro il volere del suo superiore, Cassian incontra Luthen Rael che oltre che suo acquirente si rivela essere una delle menti dietro alla nascente ribellione. Sfuggiti a un agguato, i due arrivano su Aldhani, dove si trovano i ribelli, e Luthen promette a Cassian una buona ricompensa se farà loro da pilota per una missione pericolosa. Nelle trame dei rivoluzionari è coinvolta anche Mon Mothma, senatrice dell’Impero che chiede aiuto all’amico banchiere Tay Kolma per finanziare la rivolta. Intanto su Coruscant il supervisore dell’ufficio di sicurezza imperiale Dedra Meero inizia una personale battaglia perché le venga affidato il caso Andor, finendo per diventare la principale minaccia per la libertà di Cassian.


- click per ingrandire -

Prequel di Rogue One: A Star Wars Story (2016), a sua volta spin-off del franchise originale e prequel di Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza (1977, originariamente Guerre Stellari, ovvero il primo film della saga realizzato), Andor inizia il suo percorso con un’estetica d’impatto molto vicina a quella di Blade Runner, per poi tornare alle ambientazioni tipiche del mondo partorito da George Lucas. La narrazione è articolata ma chiara e scorrevole, i flashback di quando il protagonista era solo un ragazzino allargano il campo portandoci a un’età dell’innocenza che viene infranta dopo poco. I tanti personaggi vengono introdotti via via che scorrono gli episodi con la giusta dose di approfondimento che li renda presto familiari. E così le molte location che si susseguono come in tre diverse stagioni, tanta è la varietà di azioni parallele che avvengono.


- click per ingrandire -

Le macchinazioni politiche che muovono le azioni militari prendono il sopravvento a scapito di quello spirito d’avventura tipico della saga iniziale. Spirito che a Cassian (interpretato da un ottimo Diego Luna) non manca, sia nel privato, da rubacuori incallito, che nell’entrare, suo malgrado, tra le maglie dell’Impero per combatterlo e portare una giusta liberazione al popolo sempre più oppresso. Quanti gli si avvicinano o provano a stargli accanto non possono che correre seri pericoli, sia per la sua natura alquanto selvatica, sia per gli affari che conduce e sia per gli intrighi in cui si imbatte perché qualcuno pensa che il suo modo di deridere ogni potere sia utile alla causa. Quel qualcuno è Luthen Rael che ha il volto di Stellan Skarsgård, il quale disegna un personaggio a tratti molto controverso con l’esperienza necessaria a renderlo sfaccettato e quanto più coerente possibile. Il che lo rende un vero coprotagonista dell’intera serie perché è da lui che tutto viene pianificato nella maniera più efficace e apparentemente semplice.


- click per ingrandire -

L’Impero ci sta soffocando così lentamente che non ce ne accorgiamo.
Ci sono molte donne che popolano la storia, ognuna a suo modo forte e determinata. Per saggezza e consapevolezza, Maarva è la controparte femminile di Luthen. Madre adottiva di Cassian lo salva da morte certa da giovane per crescerlo e proteggerlo contro chiunque possa toccarlo. Mon Mothma lavora contro l’Impero da senatrice, gli agi in cui vive sono contrapposti all’enorme rischio di essere scoperta ed essendo notevolmente esposta le possibilità sono moltiplicate. Se non fosse per la condotta poco ortodossa di Cassian, Bix sarebbe la sua perfetta incarnazione dell’altro sesso. Dedita alla riparazione e al commercio di ogni genere di articolo sul mercato nero, usa ogni stratagemma per vivere, con una natura indomita e appassionata che le donano un’aura molto potente.


- click per ingrandire -

Vel è la ribelle per eccellenza, sempre al centro della tempesta, con Cinta al fianco sa come dirigere le operazioni più complesse, la perfetta sintesi tra un’acuta stratega e una combattente nata. A tutte queste figure positive si contrappone Dedra Meero, ufficiale dell’Impero, che sembra poter riassumere almeno tre delle suddette in versione contraria. La sua ambizione è in grado di spingerla negli anfratti più oscuri per stanare la preda, un carattere tanto razionale nel predisporre piani quanto istintivo per la ferocia con cui li porta a compimento.


- click per ingrandire -

La serie risulta molto densa per il numero di personaggi che affronta, tanti nomi cui dare volti e senso, che se da un lato la rende molto ricca, dall’altro non sarebbe stato male se fosse stata stemperata in almeno due parti, che avrebbero concesso un più ampio respiro, spazio ed evoluzione anche agli accadimenti. In effetti inizialmente le stagioni avrebbero dovuto essere ben cinque, e la compressione derivante non giova alla narrazione che appare a volte, se non confusa, sicuramente molto piena. Inoltre non viene concesso abbastanza spazio all’azione, tanto che le scene migliori sono in tal senso due, entrambe fatte di ribellione, orgoglio e liberazione, oltre a una terza molto composita in cui le casse dell’Impero vengono saccheggiate. Si perde così un’essenzialità che avrebbe dato ad Andor ancor più spessore anche se è molto probabile che gli sviluppi della prossima stagione correggano il tiro. C’è un punto in particolare che avrebbe meritato un approfondimento importante, quello sul passato del protagonista. Dalle dichiarazioni dello showrunner Tony Gilroy trapela che la ricerca da parte di Cassian di sua sorella resterà per lui solo come motivazione. Il che delude un po’ visto che la partenza della serie è spinta proprio da quel bisogno, che in qualche modo quindi avrebbe dovuto trovare una soluzione, specialmente visti i numerosissimi flashback che lo interessano.


- click per ingrandire -

Lungo gli episodi, diventa chiaro quanto la visione non possa prescindere dal film cui approderà. Il che è una carenza, nel senso che essendo precedente ad esso la serie dovrebbe esistere a prescindere, con le descrizioni dei personaggi fatte da zero e gli accadimenti ben collocati, in maniera che chi non abbia visto Rogue One possa iniziare agevolmente il cammino da qui. Spicca ad esempio la figura di Saw Gerrera (interpretato da Forest Whitaker) che arriva nella storia come se si dovesse sapere chi sia. Un vero peccato per le potenzialità narrative di una serie che mostra le radici della ribellione, contro l’Impero più negativamente noto nell’universo filmico di genere fantascientifico. Le tante ottime fascinazioni che non arrivano a meta troveranno certamente sbocco nel prossimo capitolo la cui produzione è partita ancor prima dell’uscita del primo e che ci auguriamo possa espandere a dovere le diverse premesse che questo buon prodotto ha messo in campo.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

prima della visione
Aspettativa 7,5 Potenziale 9

dopo la visione
Intrattenimento 7,5 Senso 7 Qualità 8,5
Giudizio Complessivo 7,5

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO/ALTO

Andor | stagione 1
drammatico, avventura, fantascienza | USA | 21 set - 23 nov 2022 | 12 ep / 45 min | Disney+

ideatore Tony Gilroy

personaggi interpreti
Cassian Andor Diego Luna
Bix Caleen Adria Arjona
Timm Karlo James McArdle
Maarva Andor Fiona Shaw
Luthen Rael Stellan Skarsgård
Mon Mothma Genevieve O'Reilly
Tay Kolma Ben Miles
Perrin Fertha Alastair Mackenzie
Vel Sartha Faye Marsay
Cinta Kaz Varada Sethu
Karis Nemik Alex Lawther
Arvel Skeen Ebon Moss-Bachrach
Taramyn Barcona Gershwyn Eustache Jnr
Dedra Meero Denise Gough
Syril Karn Kyle Soller
Saw Gerrera Forest Whitaker
Kino Loy Andy Serkis

critica IMDb 8,4 /10 | Rotten Tomatoes critica 9 /10 utenti 4,2 /5 | Metacritic critica 74 /100 utenti 7,9 /10

 

Articoli correlati

The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

Mentre June si gode un iniziale stato di ebbrezza per la vendetta compiuta, che lascia spazio al dolore per non aver ancora riportato a casa la piccola Hannah, Serena cerca di affermarsi perché incinta e venerata da molte persone che la vedono come un esempio. Il loro inevitabile scontro sta per deflagrare.
Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Otto diversi racconti compongono questa raccolta di mediometraggi curata da Guillermo Del Toro, che si concentra sulla sua sconfinata passione per il genere horror mettendo al centro del progetto un mobile pieno di cassetti da cui vengono fuori vari oggetti che diventano storie
Enola Holmes 2 | la recensione

Enola Holmes 2 | la recensione

Dopo la prima avventura da detective, Enola ha aperto la sua agenzia investigativa, ma tutti le preferiscono suo fratello Sherlock, ritenendola troppo giovane e inesperta. Fino a quando non bussa alla sua porta una bambina che le chiede di ritrovare sua sorella scomparsa.
House of the Dragon | stagione 1 | recensione

House of the Dragon | stagione 1 | recensione

Ad Approdo del Re, Viserys Targaryen regna da alcuni anni cercando di mantenere una pace duratura. Ma quando decide che a succedergli dovrà essere sua figlia Rhaenyra, gli equilibri di palazzo iniziano a tentennare fino a scatenare una serie di reazioni imprevedibili e drammatiche.
The Playlist | la recensione

The Playlist | la recensione

Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari, il ventitreenne Daniel Ek decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.
The Midnight Club | la recensione

The Midnight Club | la recensione

Quando l’adolescente Ilonka scopre di avere un male incurabile si trasferisce presso una struttura che ospita giovani malati terminali. Che ogni notte in segreto si riuniscono per scambiarsi racconti dell’orrore e giurare che chi muore dovrà trovare un modo per comunicare con gli altri dall’aldilà.
She-Hulk | stagione 1 | la recensione

She-Hulk | stagione 1 | la recensione

In seguito a un incidente stradale col cugino Bruce Banner, l’avvocato Jennifer Walters viene in contatto col sangue dell’uomo e diventa a sua volta una Hulk. Tra problemi di cuore e super casi da risolvere, la nuova Jen dovrà fare i conti col suo scomodo alter ego, non solo più forte ma anche più affascinante di lei.
Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Gli Anelli del Potere | stagione 1 | la recensione

Quando l’elfo Finrod viene ucciso e marchiato da Sauron, successore di Morgoth, sua sorella Galadriel si mette a caccia del Valar cercando di stanarlo lungo tutta la Terra di Mezzo. Una ricerca che la porterà a ritrovarsi sola, di fronte a un nemico che potrebbe portare oscurità ovunque.
Dahmer | la recensione della miniserie

Dahmer | la recensione della miniserie

A Milwaukee nel 1991, Glenda Cleveland sospetta che il suo vicino Jeff usi violenza su alcuni ragazzi. Fino a quando si scopre che l’appartamento è stato il teatro di orrori indicibili: Jeffrey Dahmer ha infatti conservato diverse parti di corpi di ragazzi di cui ha fatto ampio scempio.



Commenti (12)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: stazzatleta pubblicato il 30 Novembre 2022, 11:42
Sono perfettamente in linea con la completa recensione di Fabrizio.
Per quel che mi riguarda sarei anche stato più generoso col voto finale almeno di un punto, ma quando si racconta dell'universo di SW perdo il senso critico

Forse vedendo prima Rogue One si capiscono meglio alcuni passaggi, ma è anche vero che si conosce già l'epilogo. Dovessi consigliare la successione di visione a chi nulla conosce, gli direi di iniziare dalla serie, ma di aspettare di vedere la prossima prima del film.
Commento # 2 di: bradipolpo pubblicato il 30 Novembre 2022, 15:32
Solo due stagioni, e per giunta con scadenza già nota
Cmnq la miglior prova Disney dell'universo di SW, non per niente ci sono dietro gli stessi di Rogue One, il miglior film della saga disneyana
Commento # 3 di: renato_blu pubblicato il 30 Novembre 2022, 23:23
Davvero un bellissima sorpresa questa serie così come lo fu il film che la segue temporalmente al tempo della sua uscita.
Commento # 4 di: Anger.Miki pubblicato il 01 Dicembre 2022, 10:46
D'accordo con stazzatleta su tutto. Però un 8 lo merita anche senza essere fan di SW, secondo me.
Commento # 5 di: ellebiser pubblicato il 01 Dicembre 2022, 12:33
Sono d’accordo anche a me è piaciuta molto sia come svolgimento anche se all’inizio sembrava lento…poi però ha preso il giusto ritmo.
Commento # 6 di: andrea_gi pubblicato il 06 Dicembre 2022, 14:15
ma mettere anche qualche dato tecnico e di qualità audio video in queste recensioni non sarebbe male
Commento # 7 di: rossoner4ever pubblicato il 11 Dicembre 2022, 13:43
Finita di vedere oggi... Bella... 8,5 lo merita secondo me.
Commento # 8 di: HanSolo&Chewbacca pubblicato il 11 Dicembre 2022, 19:57
beh solo dal mio nick si evince che ..................... S.W. è nel mio universo fin da Guerre Stellari 1977 .. visto al Cavour di Milano con i primi effetti speciali sonori ..

SI sono anch'io super allineato con quello che avete scritto .. è il primo prodotto Disney .. relativo a Star Wars che mi acchiappa .. per la cronaca mi mancano ancora 2 puntate .. Aspettando la seconda serie
Commento # 9 di: Samu1 pubblicato il 11 Dicembre 2022, 22:16
Beato te che devi ancora vedere le ultime 2 puntate.....
Commento # 10 di: marco_iol pubblicato il 06 Gennaio 2023, 09:31
Ho finito di vederla in questi giorni e mi è piaciuta - avrei alzato anche io il voto finale di un punto.
Alcuni spunti di riflessione:
- Non mi ha fatto impazzire la recitazione di Stellan Skarsgård. Alcune volte sembra lì per caso, non molto convinto;
- Rivedremo sicuramente Saw Gerrera anche nella seconda stagione e non mi stupirei se decidessero di fare una (mini) serie dove è il protagonista
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »