Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Mercoledì | stagione 1 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 13 Dicembre 2022 nel canale CINEMA

“Dopo essere stata allontanata dall’ennesimo istituto per atteggiamenti estremamente pericolosi, l’adolescente Mercoledì Addams viene condotta presso la Nevermore Academy. Dove si troverà ad indagare su una serie di eventi sovrannaturali in cui potrebbe essere coinvolta anche la sua famiglia.”


- click per ingrandire -

Dopo essere stata allontanata dall’ennesimo istituto per atteggiamenti estremamente pericolosi, l’adolescente Mercoledì Addams viene condotta presso la Nevermore Academy in cui si sono conosciuti i suoi genitori Gomez e Morticia e dove i ragazzi e le ragazze problematici sono ben accetti. Mentre non fa alcuno sforzo per ambientarsi, la ragazza scopre di avere il potere di vedere immagini di eventi più o meno oscuri ogni volta che viene in contatto con oggetti o persone. Il che la porta a indagare sulla morte apparente di un compagno di scuola per mano di un mostro. Ma il singolo episodio mette in moto una serie di accadimenti a catena per svelare un mistero accaduto chissà quanti anni prima, in cui sarà coinvolta persino la sua famiglia.


- click per ingrandire -

Regista dei primi quattro episodi, nonché coproduttore, Tim Burton si cimenta con la sua prima serie tv e sceglie di farlo con un personaggio che fa parte della famiglia più grottesca della televisione. Un mondo a lui molto caro quello degli strampalati che rovesciano la norma mettendola in discussione se non alla berlina. Così come gli è caro il tema del diverso. Quale migliore occasione dunque quella di isolare Mercoledì dal resto della Famiglia Addams spedendola in una nuova scuola? La possibilità di unire il carattere anticonformista del gruppo con gli stati alterati di un’adolescente alle prese coi cambiamenti del proprio corpo e le interazioni coi coetanei era certamente golosa, una bomba a orologeria che deflagra magnificamente all’inizio del primo episodio coi bulli che vengono bullizzati, il giusto contrappasso necessario alla protagonista per mostrare di che pasta sia fatta come alla storia per formarsi e delinearsi.


- click per ingrandire -

Ma è da questo punto in poi che accade qualcosa che piuttosto che esaltare le inclinazioni misantrope di Mercoledì le appiattisce nel confronto con gli altri. Alla Nevermore infatti ci sono ragazzi e ragazze altrettanto disagiati, se non altro per il fatto che sono dotati di diverse capacità sovrannaturali, oltretutto legate alla mitologia. Così da “una contro tutti” l’intreccio si trasforma in “strani contro normali”, in cui gli strani sono gli studenti e i normali sono i cittadini di Jericho, la città in cui si trova l’istituto. Uno scontro che in realtà viene solo accennato e non si concretizza in qualcosa di realmente belligerante, almeno inizialmente. Lo scopo del racconto non è mai chiaro e intervengono troppi piani di lettura, quando quello base da solo conteneva già i contorni per essere sviluppato con ricchezza ed efficacia. Senza contare che la direzione che prende, involontaria si spera, è la stessa della saga di Harry Potter, con l’unica differenza che il maghetto fuggiva da un quotidiano davvero oppressivo mentre la pallida ragazza con le trecce d’ebano è una ribelle anticonvenzionale. E vista la presenza di vampiri e licantropi si correva il rischio di finire anche dalle parti di Twilight, un pericolo scampato solo in virtù del fatto che qui si tratta di una commedia.


- click per ingrandire -

– Dovresti farti Instagram, Snapchat e TikTok.
– I social sono un buco nero di vuote gratificazioni per l’anima.

Di buono ci sono i tanti personaggi, l’uno diverso dall’altro e parallelamente l’evoluzione della protagonista in funzione di questi e viceversa. A partire dalla compagna di stanza Enid, una variopinta bionda che non riesce a terminare la transizione in lupo mannaro, perfetta nemesi per Mercoledì la cui prima reazione è dividere la camera in due spazi del tutto antitetici. C’è poi la sirena Bianca con cui entra immediatamente in competizione da tutti i punti di vista, particolarmente nelle sfide sportive. Ovviamente non può mancare la madre Morticia con cui stabilisce una forte competizione basata su una proverbiale freddezza. Le figure femminili di spicco si completano con la direttrice Weems, interpretata da Gwendoline Christie che dopo Brienne di Tarth nel Trono di Spade e Lucifero in The Sandman si trova nella parte opposta a dover dirigere una scuola composta da personalità complesse, e della dolce professoressa di botanica Thornhill che cerca di curare i rapporti tra gli studenti e ha le sembianze di Christina Ricci, che oltre ad aver già lavorato con Burton in Il mistero di Sleepy Hollow è stata per ben due volte Mercoledì in La famiglia Addams del 1991 e due anni dopo in La famiglia Addams 2.


- click per ingrandire -

Nessuna buona azione resta impunita.
I personaggi maschili che interagiscono con la protagonista sono ancora più disparati. Dal compagno di scuola Xavier, ex di Bianca, che disegna gli orribili mostri che popolano i suoi continui incubi, al ragazzo del bar Tyler, simpatico ma dal passato nascosto, entrambi con un debole per la ragazza, passando per l’imbranato ma divertente e acuto Eugene, che insieme all’amicizia con lei, nutre un forte interesse per le api e per Enid. Le indagini di Mercoledì la portano a dover collaborare con lo sceriffo Galpin, padre di Tyler, che se da un lato non ha intenzione di condividere alcunché con la giovane curiosa, dall’altro è costretto a collaborare con lei che si trova quasi sempre un passo avanti a lui. Infine ci sono Gomez che adora sua figlia e il suo essere oscuro più intimo e profondo e lo Zio Fester, unico raggio di sole che riesce a convertire l’espressione orizzontale delle labbra di Mercoledì in sorriso specie quando lavoreranno insieme al caso. Ma il rapporto di maggior sodalizio è con Mano, che fuggito per stare con lei diviene il suo collaboratore più incisivo.


- click per ingrandire -

I pregi nella serie ci sono e la salvano da una mediocrità decisamente inattesa viste le premesse e le potenzialità. Le musiche di Danny Elfman sono come al solito perfette, come se fosse facile incastonarsi così bene in ogni scena in cui intervengono, così come le ambientazioni curate nei dettagli con grande attenzione. Tantissime citazioni (da Edgar Allan Poe quasi abusato fino a Carrie - Lo sguardo di Satana) ed easter eggs da scovare arricchiscono la scena di preziosismi e fascinazioni. La metafora e il parallelo dello scontro tra emarginati e normali con le contrapposizioni donne/uomini, giusti/sbagliati, buoni/cattivi sono pregnanti nella misura in cui sono funzionali all’interazione tra le varie anime della storia. Nella quale la protagonista cerca la verità perché essa si nasconde, è il mistero a sedurla prima della giustizia. Non a caso la sua passione che vorrebbe diventasse professione è quella di scrittrice.


- click per ingrandire -

E poi c’è Jenna Ortega, deliziosa in ogni espressione, nell’interpretazione delle sferzanti battute del suo personaggio e nei movimenti minuziosamente precisi, beffardamente perfidi e favolosamente freddi che partono dai guizzi con il fioretto per culminare nella danza al Rave'N che è già diventata oggetto di culto. Di sicuro porta sulle spalle un carico troppo pesante, non sostenuto sufficientemente da una sceneggiatura che non osa quando dovrebbe, al punto che solo quando arriva Fester e viene aggiunto un po’ di quel sano senso Addams, il bisogno di assurdo e di paradossale viene finalmente soddisfatto ma solo in parte. Oltre alle dichiarazioni della Ortega circa il suo desiderio che Mercoledì sia piuttosto che una salvatrice, un’oscura antieroina, e al fatto che ci sarà un nuovo villain visto l’eloquente finale in merito, gli showrunner hanno affermato che nella prossima stagione ci sarà uno spazio più ampio per gli altri componenti della famiglia Addams. Una buona notizia che si spera venga affiancata da una storia più forte, coraggiosa e originale.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

prima della visione
Aspettativa 8 Potenziale 9

dopo la visione
Intrattenimento 8 Senso 6 Qualità 7,5
Giudizio Complessivo 7,3

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

Mercoledì | stagione 1 (Wednesday)
thriller, horror, commedia | USA | 23 nov 2022 | 8 ep / 49 min | Netflix

ideatori Alfred Gough, Miles Millar tratta da La famiglia Addams di Charles Addams

personaggi interpreti
Mercoledì Addams / Goody Addams Jenna Ortega
Enid Sinclair Emma Myers
Tyler Galpin Hunter Doohan
Xavier Percy Hynes White
Bianca Barclay Joy Sunday
direttrice Larissa Weems Gwendoline Christie
dott. Valerie Kinbott Riki Lindhome
Marilyn Thornhill Christina Ricci
sceriffo Donovan Galpin Jamie McShane
Morticia Addams Catherine Zeta Jones
Gomez Addams Luis Guzmán
Mano Victor Dorobantu
Zio Fester Fred Armisen
Pugsley Addams Isaac Ordonez
Lurch George Burcea
Joseph Crackstone William Houston

critica IMDb 8,4 /10 | Rotten Tomatoes critica 6,8 /10 utenti 4,3 /5 | Metacritic critica 66 /100 utenti 7,3 /10

 

Articoli correlati

1899 | stagione 1 | la recensione

1899 | stagione 1 | la recensione

La nave Kerberos è in viaggio dall’Inghilterra in direzione di New York City, dopo che quattro mesi prima la sua gemella Prometheus è finita dispersa senza lasciare tracce. Fino a quando uno strano messaggio innesca una serie di eventi a catena e rivela un enigma carico di mistero.
Andor | stagione 1 | la recensione

Andor | stagione 1 | la recensione

Durante la ricerca di sua sorella, Cassian Andor è costretto a fuggire sul pianeta Ferrix dove incontra una delle menti dietro alla nascente ribellione. Ma sulle sue tracce si mette un’agente della sicurezza imperiale che diventa la principale minaccia per la sua libertà e per la rivolta.
The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

The Handmaid's Tale | stagione 5 | recensione

Mentre June si gode un iniziale stato di ebbrezza per la vendetta compiuta, che lascia spazio al dolore per non aver ancora riportato a casa la piccola Hannah, Serena cerca di affermarsi perché incinta e venerata da molte persone che la vedono come un esempio. Il loro inevitabile scontro sta per deflagrare.
Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Cabinet of Curiosities | stagione 1 | recensione

Otto diversi racconti compongono questa raccolta di mediometraggi curata da Guillermo Del Toro, che si concentra sulla sua sconfinata passione per il genere horror mettendo al centro del progetto un mobile pieno di cassetti da cui vengono fuori vari oggetti che diventano storie
Enola Holmes 2 | la recensione

Enola Holmes 2 | la recensione

Dopo la prima avventura da detective, Enola ha aperto la sua agenzia investigativa, ma tutti le preferiscono suo fratello Sherlock, ritenendola troppo giovane e inesperta. Fino a quando non bussa alla sua porta una bambina che le chiede di ritrovare sua sorella scomparsa.
House of the Dragon | stagione 1 | recensione

House of the Dragon | stagione 1 | recensione

Ad Approdo del Re, Viserys Targaryen regna da alcuni anni cercando di mantenere una pace duratura. Ma quando decide che a succedergli dovrà essere sua figlia Rhaenyra, gli equilibri di palazzo iniziano a tentennare fino a scatenare una serie di reazioni imprevedibili e drammatiche.
The Playlist | la recensione

The Playlist | la recensione

Dopo aver venduto la sua società di annunci pubblicitari, il ventitreenne Daniel Ek decide di fondare una nuova impresa il cui scopo è quello di rendere la musica fruibile a tutti gratuitamente. Nel giro di qualche anno Spotify diventerà l’app di streaming musicale più utilizzata nel mondo.
The Midnight Club | la recensione

The Midnight Club | la recensione

Quando l’adolescente Ilonka scopre di avere un male incurabile si trasferisce presso una struttura che ospita giovani malati terminali. Che ogni notte in segreto si riuniscono per scambiarsi racconti dell’orrore e giurare che chi muore dovrà trovare un modo per comunicare con gli altri dall’aldilà.
She-Hulk | stagione 1 | la recensione

She-Hulk | stagione 1 | la recensione

In seguito a un incidente stradale col cugino Bruce Banner, l’avvocato Jennifer Walters viene in contatto col sangue dell’uomo e diventa a sua volta una Hulk. Tra problemi di cuore e super casi da risolvere, la nuova Jen dovrà fare i conti col suo scomodo alter ego, non solo più forte ma anche più affascinante di lei.



Commenti