Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Obi-Wan Kenobi | la recensione della miniserie

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 05 Luglio 2022 nel canale CINEMA

“La serie Disney+ sul maestro Jedi della saga di Star Wars si sviluppa bene nel tessere i rapporti tra i vari personaggi, su cui spicca quello di Leia bambina. Peccato per diverse ingenuità che abbassano la qualità di un prodotto che avrebbe dovuto essere all’altezza delle elevate aspettative.”


- click per ingrandire -

Dieci anni dopo la caduta della Repubblica, Obi-Wan Kenobi, maestro di Anakin Skywalker, conduce una vita solitaria sul pianeta Tatooine col nome di Ben, svolgendo lavori manuali al riparo dalle pericolose attenzioni degli Inquisitori a caccia di Jedi. Il suo interesse per la sicurezza di Luke è più forte di ogni cosa nonostante il parere contrario di suo zio Owen che teme che il ragazzo possa diventare come suo padre Anakin. Intanto sul pianeta Alderaan la piccola principessa Leia Organa mal sopporta le imposizioni dovute dal suo rango, preoccupando i genitori adottivi, la poco flessibile Breha e il comprensivo Bail. Ma durante una delle sue fughe la bambina viene rapita da un gruppo di cacciatori di taglie al soldo di Reva, una Inquisitrice che vuole a tutti i costi stanare Obi-Wan. Quando Bail contatta quest’ultimo per liberare Leia, il cavaliere jedi si mostra inizialmente riluttante pensando di non essere più in grado di compiere una missione tanto gravosa e che il suo intervento potrebbe addirittura nuocere alla piccola. Ma non essendoci altri modi per salvarla sarà costretto a imbattersi in un’avventura quasi impossibile che lo porterà a dover fare di nuovo i conti con la Forza e col suo ex allievo e amico Anakin, nel frattempo divenuto il temibile Darth Vader.


- click per ingrandire -

“Solo con gli occhi chiusi puoi davvero vedere.”
Vedere cosa?
La Via.

L’inizio della serie è un mega recap degli episodi 1, 2 e 3 della saga di Star Wars, ovviamente centrato sul rapporto tra il protagonista e Anakin. In pochi minuti si attraversano tre film mediocri il cui solo epilogo emoziona davvero. Ma le poche immagini che scorrono sullo schermo, scelte accuratamente e con un montaggio impeccabile, smuovono una serie di sensazioni molto forti che catapultano molto bene lo spettatore in questo raccordo. Dopodiché la coprotagonista diviene la piccola Leia. Ed è un vero peccato che Carrie Fisher non abbia potuto veder recitare la giovanissima Vivien Lyra Blair (il cui personaggio ha dieci anni mentre lei all’inizio delle riprese non ne aveva ancora nove), brillante e saggia come un’adulta, già pronta a combattere contro un male che non può immaginare sia sangue del suo sangue. Perché è una delle cose migliori di questo prodotto, al punto che vengono molto dubbi sul perché il titolo non fosse dedicato proprio o anche a lei. La sua intraprendenza, la sfacciataggine, l’essere spesso irresponsabile complicando le cose (oltre a creare il cortocircuito che muove la serie), la sua improvvisa fragilità data dall’essere rimasta sola in balia degli aguzzini accanto alla forza d’animo e alla risolutezza con cui cerca di liberarsi e fuggire la rendono enormemente affascinante e le sue azioni muovono gran parte dell’intero impianto.


- click per ingrandire -

La lotta è finita. Abbiamo perso.
Dall’altra parte, il profilo basso tenuto da Obi-Wan sfiora l’accidia, la sua disillusione è imponente, più della sua Forza che ormai non usa più per non attrarre chi gli dà la caccia. È qui che cresce l’interesse per la storia: l’essere complementare dei due personaggi, la prima determinata ma ancora inesperta, non della vita, ma degli intrighi più grandi di lei, il secondo che non solo deve agire contro la sua volontà ma deve ritrovare sé stesso nel più breve tempo possibile. E in questo senso la sceneggiatura lavora bene, così come sui rapporti tra gli altri personaggi, condotti nelle loro avventure dalle monumentali e al contempo armoniose note delle sempre eccellenti musiche di John Williams, qui ben sviluppate dalla compositrice Natalie Holt, già autrice della colonna sonora di Loki.


- click per ingrandire -

Kenobi è l’ultimo fuoco di un’epoca morente. Spegnetelo.
La disperazione di un mondo grigio e assoggettato regna sovrana all’inizio della serie, gettando le premesse per un riscatto inevitabile, anche se dai contorni complessi e oscuri disegnati dai personaggi negativi. Nonostante tutti gli Inquisitori siano alquanto inquietanti, la Terza Sorella (interpretata da una brava Moses Ingram) appare come una perfetta SS nazista, a partire dalla sua tuta nera fino ai modi sbrigativi e costrittivi, atti unicamente al raggiungimento dello scopo. Si ha da subito la sensazione che ciò che la muove sia qualcosa di prossimo all’ancestrale, un odio spinto dall’ambizione più sfrenata dietro cui si cela un vissuto profondamente irrisolto e funesto. Il suo rapporto con Darth Vader è funzionale al raggiungimento del suddetto scopo (la cattura di Obi-Wan) ma diventa violentissimo quando incontra la frustrazione dei diversi fallimenti. E nonostante i due vadano nella stessa direzione, lo stile dell’uomo che è passato al Lato Oscuro, notoriamente poco incline alla pazienza, premia chi gli porta risultati mentre agli altri non esita a riservare altro destino che la morte, in genere per asfissia. Ma in questa gara a chi riesce ad essere più spietato, la giovane Reva pare non essere seconda a nessuno, assomigliando sempre di più al suo padrone supremo.


- click per ingrandire -

Anakin non c’è più. Io sono quel che è rimasto.
E poi interviene il passato di Obi-Wan e Anakin, il maestro e l’allievo, due amici il cui legame sembrava inossidabile e che avrebbe potuto portare pace e prosperità in ogni dove. Il momento chiave della serie, atteso dalle prime scene, si consuma attraverso emozioni e ricordi di momenti che non torneranno, infranti da differenze che sembravano colmabili e che invece hanno allontanato i due uomini fino a dividerli per sempre. La Forza usata in due modi opposti, da una parte quella da ritrovare, un tema vincente specie di questi tempi fatti di ripartenze, e dall’altra quella da usare senza giudizio solo per ottenere una vittoria sull’altro, l’affermazione del sé anteposta al bene comune per cui andrebbe usata. Entrambi sono stati sconfitti. Obi-Wan nel suo credere fermamente in ciò che è giusto e nelle sue capacità di passare il suo sapere in eredità alla persona migliore, Anakin nell’aver abbracciato un credo cupo e distruttivo che lo ha quasi portato alla morte e che per giungere a rinascita ha dovuto trasformarsi in Lord Vader.


- click per ingrandire -

Chi conosce la saga, sa per sommi capi come potrebbe finire la serie, un po’ come quando si racconta un evento storico. L’effetto è quello del “non è importante la meta ma il viaggio”, la trama assume via via significati dapprima reconditi e man mano sempre più svelati e appaganti per lo spettatore, per il quale ciò che conta è in che modo si giungerà a compimento. Il problema sta nell’incomprensibile mancanza di cura in diversi passaggi, sia dal punto di vista narrativo che tecnico (come quando il protagonista esce dall’inquadratura sul lato destro e nella successiva, scenograficamente molto simile, rientra sempre da destra come se fosse tornato indietro, e invece si trova da un’altra parte). Sviste grossolane che non possono essere presenti in una serie centrata, non su un personaggio secondario, ma sul punto di riferimento dell’intera saga. Le altissime aspettative sono così tradite non poco, l’alone di mistero che circondava l’uscita della serie (a tratti esagerato e distorto, al punto da non mostrare mai nei trailer il personaggio di Leia, ben presente, in favore di quello di Luke, che appare appena) non regge le promesse e il risultato finale è ben al di sotto del potenziale che avrebbe meritato il protagonista, interpretato da uno Ewan McGregor, non più fisicamente prestante e brillante, ma pur sempre carismatico e fondamentale. Una menzione speciale va a Indira Varma (che nel Trono di Spade era l’affascinante Ellaria Sand) che interpreta l’eroica Tala, ufficiale dell’Impero passata dalla parte dei buoni coi quali collabora a suo rischio e pericolo, un personaggio importante che fa da perno all’interno della storia in maniera elegante e allo stesso tempo determinata, una madre putativa per la piccola Leia e un ottimo supporto per Obi-Wan.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 8,5 Potenziale 9

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 7,5 Senso 7 Qualità 7
Giudizio Complessivo 7,2

Obi-Wan Kenobi | miniserie
fantascienza, avventura, drammatico | USA | 27 mag - 22 giu 2022 | 6 ep / 43 min | Disney+

regia Deborah Chow

personaggi interpreti
Obi-Wan Kenobi Ewan McGregor
Leia Organa Vivien Lyra Blair
Reva Sevander / Terza Sorella Moses Ingram
Haja Estree Kumail Nanjiani
Tala Durith Indira Varma
Kawlan Roken O'Shea Jackson Jr.
Owen Lars Joel Edgerton
Beru Whitesun Lars Bonnie Piesse
Bail Organa Jimmy Smits
Breha Organa Simone Kessell
Grande Inquisitore Rupert Friend
Quinto Fratello Sung Kang
Vect Nokru Flea
Anakin Skywalker / Darth Vader Hayden Christensen
Darth Vader (voce) James Earl Jones

critica IMDb 7,2 /10 | Rotten Tomatoes critica 7,7 /10 utenti 3,5 /5 | Metacritic critica 73 /100 utenti 6,8 /10

camera Arri Alexa LF, Tribe7 Blackwing7 Lenses
aspect ratio 2,39 : 1

 

Articoli correlati

Peaky Blinders | stagione 6 | la recensione

Peaky Blinders | stagione 6 | la recensione

L’ultima stagione della serie Netflix con Cillian Murphy mantiene intatta una qualità enorme perché resta fondata non sull’effetto immediato ma sul carisma degli interpreti, una sceneggiatura cesellata e una cura dei dettagli che solo un prodotto britannico è in grado di portare avanti con tanta potenza ed efficacia
Bang Bang Baby | la recensione

Bang Bang Baby | la recensione

La nuova serie italiana su Amazon Prime Video gode di una partenza fulminante, grazie a interpreti di spessore, le ottime sceneggiatura e regia e un montaggio serrato. Peccato per alcune ingenuità nella seconda parte che ne indeboliscono un po’ il mirabile impianto.
Stranger Things | s4 v1 | la recensione

Stranger Things | s4 v1 | la recensione

Stagione 4 Volume 1 | I primi sette episodi della quarta stagione della serie dei Duffer Brothers, ambientata nei favolosi anni ’80, confermano la qualità già espressa nei capitoli precedenti, tra citazioni, canzoni che tornano alla memoria e suggestioni audiovisive di rara densità
Love, Death & Robots v3 | la recensione

Love, Death & Robots v3 | la recensione

Volume 3 | L’analisi dei singoli episodi del terzo capitolo della serie animata, prodotta tra gli altri da David Fincher, che ci porta ancora una volta tra amore, morte e automi più o meno intelligenti e senzienti, con una certa originalità tra i vari generi cinematografici utilizzati
Better call Saul | stagione 6 p. 1 | la recensione

Better call Saul | stagione 6 p. 1 | la recensione

Il prequel di Breaking Bad continua a sorprendere per l’assoluta qualità estetica e tecnica con cui conduce lo spettatore all’interno della storia, che anche quando sembra aver raggiunto il massimo possibile, sposta l’asticella una tacca più in alto con grande cura e rara potenza
Moon Knight | la recensione della miniserie

Moon Knight | la recensione della miniserie

La quinta serie Marvel con Disney+ risulta molto avvincente nella prima parte, nonostante qualche sbavatura qua e là, ma perde di tono subito dopo per una sterzata improvvisa che per una miniserie di soli sei episodi invece di rappresentare un beneficio diventa una perdita di ritmo e senso difficile da colmare
Ozark | stagione 4 parte 2 | la recensione

Ozark | stagione 4 parte 2 | la recensione

L’ultima stagione della serie Netflix con Jason Bateman mantiene inalterata l’altissima qualità dell’intero impianto. Con le ultime scene che non rispettano appieno le aspettative, a causa di una certa mancanza di coerenza col resto della storia. Ma, anche se importante, è l’unica pecca.



Commenti (29)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: yuzathecloud pubblicato il 05 Luglio 2022, 14:54
Citando la sigla di Carletto: che simpatica Leia, quasi quasi la stritolo!
Commento # 2 di: uncletoma pubblicato il 05 Luglio 2022, 23:33
Disney non perde occasione per dire a chiare lettere: fankubo i fan di SW dalla trilogia originale in poi, è tempo di cambiare generazione, è tempo che loro non ci guardino più e che arrivino i bambocci del nuovo millennio, quelli in età da Bambi e Sette nani.
Prima si inventano quel mostro verde di baby Yoda, al secolo Grogu, che diventa più importante del Mandaloriano.
Ora Leia bambina ruba la scena a Obi-Wan (per Hobby).
Quale bimbata rovinerà la serie su un altro iconico personaggio, non dei film ma dei cartoni, Ahsoka Tano (interpretata da un'attrice che può interpretarla esattamente come Mia Khalifa può interpretare una vergine) non ci è ancora dato a sapere.
Siamo passati da R2D2 a Grogu.... com'è caduto in basso SW con i frichettoni della Disney
Commento # 3 di: mauro-1966 pubblicato il 06 Luglio 2022, 09:28
A me sono piaciuti sia the mandalorian che OWK
Commento # 4 di: stazzatleta pubblicato il 06 Luglio 2022, 09:48
L'ho trovato al di sotto delle mie aspettative e presumo a quelle di molti.
La transizione è segnata: i primi fan, quelli che Episode IV l'hanno visto al cinema, non sono più obbiettivo primario come ha detto uncletoma.
Qualche buon spunto, qualche elemento che ci fa capire meglio i motivi che hanno spinto il Cavaliare Jedi a condurre vita da eremita, il perchè Leia si rivolga a lui per chiedere aiuto, però poco altro.
Peccato, speriamo che Cassian Andor si porti dietro tutto il buono di Rogue One.
Commento # 5 di: Anger.Miki pubblicato il 06 Luglio 2022, 11:50
Come dice sempre il buon George (Lucas), Star Wars è stato, è, e sarà sempre un film per bambini (kids). Lui stesso, rispondendo a una domanda sul perché Jar Jar Binks è stato il personaggio della seconda trilogia più odiato da alcuni fan, ha risposto dicendo che quando uscì la prima (trilogia) i fan più grandicelli odiavano R2 e C3PO(!). Forse per questo a molti di noi la seconda trilogia ha fatto storcere il naso, mentre abbiamo apprezzato Rogue One (che è il più adulto dei film di Star Wars. Praticamente un non film di SW). Gli adulti non sono il target dello Star Wars della Disney, come non lo erano per quello della vecchia Lucasfilm. Facciamocene una ragione, siamo vecchi.
Con questo spirito ho visto OWK e, nonostante non mi abbia entusiasmato, l'ho trovato interessante laddove copre, seppur in parte, il buco narrativo nella vita del maestro Jedi.

Questa puzza sono io (cit.)
Commento # 6 di: giannia pubblicato il 06 Luglio 2022, 12:36
Poteva essere di certo migliore ma l’ho apprezzato. È comunque molto più vicino a Rogue One che all’ultima trilogia, che io rifarei quasi da zero.
Commento # 7 di: renato_blu pubblicato il 06 Luglio 2022, 14:27
L’ho apprezzato pure io nonostante sia tutto tranne che privo di difetti.
Il solo rivedere le vecchie locations e respirare l’atmosfera dell’inizio di episodio IV è stato emozionante.
Commento # 8 di: runner pubblicato il 06 Luglio 2022, 16:30
potevano fare molto meglio, certo meglio del mandaloriano e di boba fett...ma di suo appena sufficiente..
Commento # 9 di: Rain pubblicato il 06 Luglio 2022, 16:48
La cosa che mi ha fatto storcere il naso è questo rapporto forzato tra Leila e obiwan e mi spiego meglio :

In episodio IV non sembra assolutamente che i 2 si conoscano quando lei manda il messaggio olografico aiutami obiwan kenobi . Eppure 10 anni prima hanno condiviso questa avventura narrata nella serie dove si sono affezionati.

Forzature di sceneggiatura apposta per creare a posteriori nuovi intrecci.

Audio pessimo l'ho notato solo io? Ma dallo streaming non mi aspetto niente di più.
Commento # 10 di: Samu1 pubblicato il 06 Luglio 2022, 17:18
Audio e video, allucinante la gestione della luce emessa dalle spade laser. Come se fosse la prima volta che le usano.
Audio solito atmouse da schifo.

Comunque pessima, buchi di trama, strafalcioni di sceneggiatura e personaggi che fanno cose senza senso.
Sono caduti veramente in basso.

Adulti o bambini, vecchi o nuovi fans non c'entrano nulla, è proprio un prodotto fatto male, mi viene quasi da dire fatto con il c***
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »