Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Chaos Walking | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 23 Giugno 2021 nel canale CINEMA

“Il film di Doug Liman risente di una produzione travagliata, colpita da revisioni e ritardi, che riduce una storia dalle buone potenzialità a un prodotto ridondante e noioso che non viene salvato neanche dalla presenza di interpreti conosciuti e capaci come Mads Mikkelsen, Daisy Ridley e Tom Holland”


- click per ingrandire -

Nel 2257 gli umani abitano un pianeta alieno sul quale i soli uomini soffrono del cosiddetto Rumore, una manifestazione sonora e visiva dei loro pensieri. Il giovane Todd scopre la presenza di Viola, una ragazza precipitata sul pianeta con la sua capsula proveniente da un’astronave terrestre. Portata all’insediamento, viene interrogata dal sindaco Prentiss sul numero degli altri astronauti della nave. Quando Viola chiede dove siano le donne, l’uomo le racconta che sono state uccise dagli Spackle, i nativi del pianeta. Ma un’altra verità verrà presto a galla e Todd verrà animato da un sentimento di rivalsa su chi ha ucciso sua madre, mentre con Viola, messa in fuga, condurrà un viaggio per raggiungere un altro villaggio molto diverso dal suo.


- click per ingrandire -

La produzione di Chaos Walking inizia nel 2011, con l’acquisizione da parte di Lionsgate dei diritti della pluripremiata trilogia letteraria di Patrick Ness. Per la regia si era pensato a Robert Zemeckis, fino al 2016 quando è stato definitivamente scelto Doug Liman. Da qui la prima stesura della sceneggiatura che, affidata a Charlie Kaufman, viene successivamente revisionata da Jamie Linden, Lindsey Beer, Gary Spinelli, John Lee Hancock, Christopher Ford e lo stesso Patrick Ness. Solo a settembre 2020 Ford e Ness vengono accreditati come sceneggiatori. Le riprese iniziano ad agosto 2017 per concludersi a novembre, ma dopo i primi test screening negativi ad aprile 2018, si decide di fissare delle riprese aggiuntive che vengono però ritardate a causa degli impegni sui set di Star Wars: L'ascesa di Skywalker per Daisy Ridley e Spider-Man: Far from Home per Tom Holland. Il tutto slitta fino a maggio 2019 sotto la regia di Fede Álvarez. Il budget finale del film ammonterà a 100 milioni di dollari, 15 dei quali per le sole riprese aggiuntive.


- click per ingrandire -

Il peso di tanto travaglio ha inciso profondamente sulla resa finale. Si sente in particolare la mancanza di elementi che molto probabilmente sarebbero stati sviluppati in seguito, in altri due film che avrebbero seguito gli sviluppi della versione letteraria. Tali mancanze creano delle notevoli voragini in una sceneggiatura già piena di errori di grammatica cinematografica. L’idea alla base del film è interessante. Un’anomalia che mostra i pensieri come in una proiezione olografica può avere una quantità esponenziale di utilizzi. Ed è invece un peccato mortale che qui venga contestualizzata e sviluppata in maniera pessima. A partire dalle reiterazioni di alcuni schemi che appesantiscono tutto l’impianto fino a trasformare l’effetto iniziale in un meccanismo scontato. Anche il concetto “il pensiero è più veloce della parola” (oltre a venire prima) sembra non essere stato preso in considerazione dagli autori che a volte rendono i protagonisti incapaci di controllare o quantomeno contenere il Rumore (e non si capisce come mai non si siano mai allenati a tale scopo), mentre altre volte gli fanno pronunciare frasi senza che prima venga visualizzato alcunché.


- click per ingrandire -

La parte buona della storia sta nella capacità di un ragazzo cresciuto in un ambiente tanto malsano di trovare la forza morale, fisica e mentale non solo di ribellarsi ma anche e soprattutto di cambiare prospettiva. Todd è cresciuto in un villaggio privo di donne ma la sua malcelata parte sensibile a un certo punto viene fuori totalmente quando incontra Viola. La recitazione di Tom Holland risente della scrittura del film, facendo apparire troppo spesso il suo personaggio quasi tonto piuttosto che con una profondità e spessore che lo distinguono dagli altri. Daisy Ridley interpreta Viola in maniera lineare ma non per questo banale. La ragazza viene dallo choc dell’incidente con la capsula ma nonostante questo mostra una volontà non comune.


- click per ingrandire -

Anche Mads Mikkelsen sa come rendere bene Prentiss, donandogli le giuste dosi di affabilità, ambiguità e crudeltà che il suo villain deve avere. Ma come per il resto, anche lui viene mitigato da una prevedibilità che sa tanto di già visto. Così come il predicatore Aaron, che ha il volto di David Oyelowo, che in diversi passaggi è reso in modo alquanto caricaturale e ovvio, non a causa dell’interpretazione dell’attore quanto di un intreccio che non segue una linea coerente e non lascia spazio a un montaggio che dia maggiore ritmo e conseguente passione alla pellicola.


- click per ingrandire -

Che avrebbe potuto essere decisamente più breve, soprattutto nella parte iniziale. Perché inizia a decollare solo dopo i due terzi della sua durata, nella quale regna quasi incontrastata una profonda noia. Purtroppo solo il finale è sbrigativo e non avrebbe dovuto. Avremmo infatti voluto sapere di più sul popolo della cosiddetta Seconda Ondata (definizione che oggi suona in tono ben diverso rispetto a quando questa storia è stata concepita) e che impatto avrebbe potuto avere sui destini dei due gruppi già insediati. E poi: dove sono gli Spackle, gli abitanti del pianeta a cui è stata data la colpa capitale dell’aver ucciso tutte le donne e che si intravedono solo per pochi secondi? Domande alle quali quasi certamente non avremo risposta, perché è improbabile che Chaos Walking avrà uno o più sequel. L’unico modo per andare più a fondo nella storia è quello di recuperare i libri scritti da Patrick Ness (editi in Italia da Mondadori) che non faranno alcuna fatica ad essere apprezzati, specialmente se confrontati con questo claudicante e sfortunato film, pieno di buone intenzioni ma dall’esito, cui il titolo sembra riferirsi, del tutto confuso e irrisolto.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

Regia 6 Sceneggiatura 4,5 Recitazione 7
Fotografia 6,5 Musiche 6,5
Film 5

Chaos Walking
fantascienza, avventura, drammatico | USA, Canada, Hong Kong, Lussemburgo | 8 giu 2021 | 109 min | Amazon Prime Video

regia Doug Liman sceneggiatura Patrick Ness, Christopher Ford fotografia Ben Seresin musiche Marco Beltrami, Brandon Roberts

personaggi interpreti
Viola Eade Daisy Ridley
Todd Hewitt Tom Holland
sindaco Prentiss Mads Mikkelsen
Ben Demián Bichir
Hildy Cynthia Erivo
Davy Prentiss Jr. Nick Jonas
Cillian Kurt Sutter
Aaron David Oyelowo
Wilf Óscar Jaenada
Jim Johnson Ray McKinnon

critica IMDB 5,7 /10 | Cinematografo nd | Rotten Tomatoes critica 4,5 /10 utenti 3,8 /5 | Metacritic critica 38 /100 utenti 5,5 /10

camera Arri Alexa 65, Arri Prime DNA Lenses
formato D-Cinema | DCP Digital Cinema Package
aspect ratio 2,39 : 1
formato audio Dolby Atmos | DTS | IMAX 6-Track | Dolby Digital

 

 

Articoli correlati

Lupin | parte 2 | la recensione

Lupin | parte 2 | la recensione

Il seguito della serie francese che ha riscosso un enorme successo a livello internazionale, affascina per il tema del ladro gentiluomo cui il protagonista si ispira, ma non brilla a causa di una sceneggiatura piena di falle, riconducibili a regie non all’altezza di quella di Louis Leterrier che ha diretto il solo episodio pilota
Sweet Tooth | stagione 1 | la recensione

Sweet Tooth | stagione 1 | la recensione

Il live action di Netflix tratto dai fumetti DC Comics inizia come una favola assumendo gradualmente tonalità più oscure e affascinanti, in un’avventura che ci racconta di una pandemia in cui un bambino per metà animale parte alla ricerca della madre mai conosciuta
The Nevers | stagione 1 | la recensione

The Nevers | stagione 1 | la recensione

Parte 1 | La serie fantasy creata da Joss Whedon brilla per racconto e ricchezza di personaggi, collocati in epoca vittoriana tra dispositivi futuristici e poteri sovrannaturali, in una storia sulla diversità vista senza troppi fronzoli da diversi punti di vista
Che fine ha fatto Sara? 2 | la recensione

Che fine ha fatto Sara? 2 | la recensione

Stagione 2 | Quello che era stato seminato nella prima stagione della serie messicana di Netflix subisce un notevole abbassamento di qualità, nonostante il quale è già stato programmato un seguito che rimetterà tutto in discussione ancora una volta
Halston | la recensione della miniserie

Halston | la recensione della miniserie

Il biopic su Roy Halston Frowick non brilla per originalità ma racconta con cura la vita dello stilista, tra gli eccessi dello Studio 54 e l’estro artistico delle sue indimenticate creazioni, mettendo a nudo i pregi dell’artista e le debolezze dell’uomo



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: gio_1981 pubblicato il 24 Giugno 2021, 13:55
film veramente brutto,non merita più di 5 nonostante gli ottimi attori.
Commento # 2 di: Lanfi pubblicato il 28 Giugno 2021, 12:48
Condivido in toto la recensione: ottime premesse, mediocre svolgimento.

In particolare bisognava scegliere se comprimere la trilogia di Chaos Walking in un unico (lungo) film o dividerla in più film.

La scelta è ricaduta in una sorta di via di mezzo con pessimi esiti (buchi nella trama e un finale che lascia quantomento perplessi).