Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Apple: i nuovi Macbook Pro e il Mac Mini con M2 Pro sono dotati di HDMI 2.1

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 19 Gennaio 2023, alle 11:00 nel canale 4K

I nuovi portatili da 14 e 16 pollici e il desktop compatto si sono aggiornati con i nuovi processori M2, migliorando prestazioni e connettività


- click per ingrandire -

Apple ha presentato ieri i nuovi laptop Macbook Pro da 14 e 16 pollici e i desktop Mac Mini dotati di processori M2, la seconda generazione di SoC basati su architettura ARM. Oltre alla maggiore capacità di calcolo, la caratteristica che spicca tra le specifiche è la presenza di un'uscita HDMI 2.1. Quest'ultima non è però presente su tutti i modelli: è infatti inclusa solo sui computer con M2 Pro o M2 Max, le versioni che offrono una maggiore capacità di calcolo sia per la CPU sia per la GPU.

Chi opta per un Macbook Pro non deve prestare attenzione alla scelta del modello: la base è rappresentata da M2 Pro e di conseguenza qualsiasi versione è equipaggiata con un'uscita HDMI 2.1. Sul Mac Mini bisogna invece escludere la versione base con M2, facilmente riconoscibile perché priva anche delle due porte Thunderbolt aggiuntive (quattro in totale) presenti sul Mac Mini con M2 Pro.


- click per ingrandire -

L'uscita HDMI 2.1 dei nuovi Mac supporta risoluzioni fino a 8K a 60 Hz e fino al 4K a 240 Hz. Qui occorre fare una distinzione: i 48 Gbps a disposizione dell'ultima revisione di HDMI sono più che sufficienti per gestire l'8K a 60 Hz con campionamento del colore in 4:2:0 fino a 12-bit. Il 4K a 240 Hz eccede invece la quantità di dati che HDMI 2.1 può veicolare senza applicare alcuna compressione.

Entra quindi in gioco la tecnologia Display Stream Compression (DSC), sviluppata da VESA e capace di applicare una compressione senza perdita di qualità apprezzabile a occhio. L'utilizzo di DSC consente anche di sfruttare l'8K fino a 60 Hz senza applicare il chroma subsampling, cioè con un migliore campionamento del colore, potenzialmente fino al 4:4:4 a 12-bit.

Per poter visualizzare segnali 4K a 240 Hz è necessario che non solo la sorgente (in questo caso i computer) sia compatibile con DSC, ma che lo stesso supporto sia fornito anche lato display, cioè sul monitor, TV o proiettore collegato.

Fonte: Apple



Commenti