Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

La casa di carta: Corea s1 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 22 Luglio 2022 nel canale CINEMA

“Stagione 1 | La versione coreana di La casa de papel è ben costruita e gli interpreti sono più che adeguati. Il problema sta nella sceneggiatura che non crea il giusto stacco con la serie originale restituendo un senso di già visto per nulla necessario, e nella poca distanza temporale con la fine della stessa.”


- click per ingrandire -

Nel 2025 Corea del Nord e Corea del Sud si uniscono nell’Area Economica Congiunta, generando una nuova valuta comune. Una ex soldatessa in cerca di fortuna si trasferisce così da Pyongyang a Seoul ma tra varie difficoltà si trova costretta a lavorare come escort. I continui abusi dei suoi aguzzini la porteranno a farli fuori diventando così una pericolosa ricercata dedita alle rapine agli strozzini. Un anno dopo, ridotta allo stremo, a un passo dal suicidio, viene fermata da un uomo che la invita a far parte di un elaborato piano per una rapina da 4000 miliardi di won (3 miliardi di euro). La ragazza prende il nome di Tokyo mentre l’uomo, che si fa chiamare Il Professore, recluta altri membri, ognuno con una mansione precisa, funzionale alla riuscita del colpo: Berlino, che ha scontato 25 anni di detenzione presso una prigione della Corea del Nord, Rio, il più giovane, membro di una famiglia benestante, ex studente di medicina diventato hacker, Mosca, più volte detenuto, che in seguito all’abbandono della moglie ha cresciuto da solo il figlio Denver, lottatore clandestino, anche lui nel gruppo, Nairobi, abile truffatrice, e i fratelli Helsinki e Oslo, ex membri di una banda criminale.


- click per ingrandire -

La voce fuori campo di Tokyo guida anche questa versione asiatica di La casa di carta, la cui serie madre spagnola ha infranto ogni record in patria ma soprattutto nel resto del mondo. Record che la rivisitazione coreana non raggiungerà, sia per limiti qualitativi, sia per il fatto che è un remake uscito troppo a ridosso del termine della precedente, nata nel 2017 e conclusa nel 2021. La maggior parte delle scelte compiute qui, sono necessarie per somigliare alla serie creata da Álex Pina, ma alcune risultano buone (come la sigla di apertura), altre meno. A partire dalle scenografie dell’interno della zecca e della base operativa della polizia che sono pressoché identiche, ammantando tutto di una patina di finzione tutt’altro che necessaria.


- click per ingrandire -

E poi ci sono le differenze, come il fatto che questa è ambientata in un futuro possibile in cui le due Coree si uniscono. L’analisi sociologico-economica è certamente il principale punto di forza della versione coreana. La questione della riunificazione (progetto realmente in atto, iniziato ufficialmente nel 2000 ad opera degli allora due presidenti Kim Dae-Jung della Corea del Sud e Kim Jong-Il, padre di Kim Jong-Un, della Corea del Nord) viene affrontata in modo specifico e crudelmente disilluso all’inizio, e poi in alcuni cenni dei personaggi circa il fatto di non potersi fidare gli uni degli altri. Il potere economico del sud ha innescato una serie di eventi a catena che ha portato i ricchi a diventare più potenti a discapito di una classe medio-bassa sempre più impoverita e ingannata. L’idea funziona e, portata avanti, potrebbe far breccia in chi quell’unione dovrà affrontarla prima o poi, e come in un prodotto fantascientifico, si ritrova a misurarsi con le conseguenze che quella sorta di utopia potrebbe trovare nella realtà.


- click per ingrandire -

Il fatto che i personaggi abbiano gli stessi alias degli originali non è un errore, come non lo è che i singoli caratteri ricalchino quelli che conosciamo. Il problema sta nel fatto che l’intreccio non si sposta abbastanza, non generando così alcuna meraviglia, principale motore di un genere simile. Chi ha visto La casa de papel (quasi certamente tutti quelli che intendono o hanno inteso guardare questa) sa già per esempio che rapporto c’è tra il Professore e Berlino (oltre al destino di quest’ultimo), una delle chiavi di volta di tutta la storia, almeno per i risvolti interiori, affettivi. Per quello che riguarda l’ispettrice di polizia, il Professore la frequenta già da qualche tempo, una differenza all’apparenza poco incisiva, ma che in realtà vira sia il passato che ciò che accadrà, verso destini se non opposti, comunque diversamente decodificati. Il che è già una bella ricchezza in termini di distacco dalla serie spagnola. O almeno così si spera.


- click per ingrandire -

I caratteri della gran parte dei personaggi differiscono solo per cultura, passionale e spregiudicata quella latina, ordinata e razionale quella asiatica. Tokyo risente maggiormente di questa distanza. La versione di Úrsula Corberó è portata verso limiti che la rendono spesso perfino fastidiosa, anche se indiscutibilmente affascinante. Quella di Jeon Jong-seo è una Tokyo molto più forte e carismatica, anche perché prima di diventare una ladra è stata una militare e questo contrasto quasi paradossale sfocia in diversi momenti in approfondimenti calzanti e intriganti. Il suo essere ferma e fedele al Professore è più centrato, risolto e risolutivo.


- click per ingrandire -

È chiaro che La casa de papel, nonostante qualche cenno di critica sociale, non fosse altro che puro intrattenimento, peraltro con diverse incongruenze, perdonabili e non, ma con l’enorme capacità di avvincere lo spettatore fino all’ultimo fotogramma. L’effetto in questo caso è smorzato perché inevitabilmente anticipato. Il fatto che non ci siano differenze sostanziali con la versione spagnola, indebolisce l’impianto che così sa molto di già visto. I pochi che hanno seguito o seguiranno la serie coreana senza conoscere la spagnola, probabilmente resteranno ben più convinti di quello cui stanno assistendo. Perché il modo in cui questa è stata costruita non è affatto male. Qualitativamente parte in maniera discreta, per poi calare dopo il pilot, fino a risalire gradualmente in favore di buone immagini e un montaggio più deciso e compiuto nel finale.


- click per ingrandire -

Non ci sono ancora voci circa una cancellazione o un seguito, ma la Top 10 di Netflix non è stata finora particolarmente favorevole a La casa di carta: Corea. Come già detto, c’era da aspettarselo visto che l’originale è finita l’anno scorso e che questa non potesse comunque eguagliarne le sorti in alcun modo. E questo nonostante la Corea del Sud abbia sfornato negli ultimi tempi prodotti di altissima qualità (Squid Game è solo l’ultimo) che hanno trovato l’attenzione di un numero sempre maggiore di spettatori che si sono avvicinati a una cultura molto distante dalla propria con grande semplicità grazie all’efficacia di un linguaggio e di un’estetica ricercati e al contempo immediati.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 7 Potenziale 8

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 7,5 Senso 6 Qualità 7
Giudizio Complessivo 6,6

La casa di carta: Corea | stagione 1 (Jong-i-ui jip: Gongdonggyeongjegu-yeok)
azione, avventura, drammatico | Corea del Sud | 24 giu 2022 | 6 ep / 69 min | Netflix

regia Kim Hong-sun sceneggiatura Ryu Yong-jae dal soggetto originale di Álex Pina

personaggi interpreti
Park Sun-ho / Professore Yoo Ji-tae
Song Sun-ho / Berlino Park Hae-soo
Lee Hong-dan / Tokyo Jeon Jong-seo
Oh Man-sik / Mosca Lee Won-jong
Oh Taek-su / Denver Kim Ji-hoon
Sim Young-mun / Nairobi Jang Yoon-ju
Han Joseph / Rio Lee Hyun-woo
Ko Myung-tae / Helsinki Kim Ji-hun
Lee Sang-yeon / Oslo Lee Kyu-ho
Seon Woo-jin Kim Yun-jin
Cha Moo-hyuk Kim Sung-oh
Cho Young-min Park Myung-hoon
Yoon Mi-seon Lee Joo-bin
Anne Kim Lee Si-woo
Hwang Hyun-ho Hong In

critica IMDb stagione 5,2 /10 singoli episodi 6,2 /10 | Rotten Tomatoes critica 6,6 /10 utenti 2,9 /5 | Metacritic critica 56 /100 utenti nd

 

Articoli correlati

Stranger Things | s4 v2 | la recensione

Stranger Things | s4 v2 | la recensione

Stagione 4 Volume 2 | La chiusura della quarta stagione della serie culto di Netflix punta in alto con grandi performance tra cui spiccano quelle affidate alla giovane Sadie Sink che interpreta Max e a Joseph Quinn che si cimenta in un classico dei Metallica i quali dopo la visione si sono esaltati come il resto degli spettatori
The Umbrella Academy s3 | la recensione

The Umbrella Academy s3 | la recensione

Stagione 3 | La terza stagione della serie superhero di Netflix possiede ancora una volta una qualità estetica notevole, non supportata stavolta da una sceneggiatura forte e al contempo sensibile come nei due capitoli precedenti che l’avevano resa un prodotto di punta della piattaforma
Obi-Wan Kenobi | la recensione della miniserie

Obi-Wan Kenobi | la recensione della miniserie

La serie Disney+ sul maestro Jedi della saga di Star Wars si sviluppa bene nel tessere i rapporti tra i vari personaggi, su cui spicca quello di Leia bambina. Peccato per diverse ingenuità che abbassano la qualità di un prodotto che avrebbe dovuto essere all’altezza delle elevate aspettative.
Peaky Blinders | stagione 6 | la recensione

Peaky Blinders | stagione 6 | la recensione

L’ultima stagione della serie Netflix con Cillian Murphy mantiene intatta una qualità enorme perché resta fondata non sull’effetto immediato ma sul carisma degli interpreti, una sceneggiatura cesellata e una cura dei dettagli che solo un prodotto britannico è in grado di portare avanti con tanta potenza ed efficacia
Bang Bang Baby | la recensione

Bang Bang Baby | la recensione

La nuova serie italiana su Amazon Prime Video gode di una partenza fulminante, grazie a interpreti di spessore, le ottime sceneggiatura e regia e un montaggio serrato. Peccato per alcune ingenuità nella seconda parte che ne indeboliscono un po’ il mirabile impianto.
Stranger Things | s4 v1 | la recensione

Stranger Things | s4 v1 | la recensione

Stagione 4 Volume 1 | I primi sette episodi della quarta stagione della serie dei Duffer Brothers, ambientata nei favolosi anni ’80, confermano la qualità già espressa nei capitoli precedenti, tra citazioni, canzoni che tornano alla memoria e suggestioni audiovisive di rara densità
Love, Death & Robots v3 | la recensione

Love, Death & Robots v3 | la recensione

Volume 3 | L’analisi dei singoli episodi del terzo capitolo della serie animata, prodotta tra gli altri da David Fincher, che ci porta ancora una volta tra amore, morte e automi più o meno intelligenti e senzienti, con una certa originalità tra i vari generi cinematografici utilizzati



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Franco pubblicato il 22 Luglio 2022, 12:03
Adoro il cinema coreano ma IMHO questo è un prodotto di cui non si sentiva assolutamente il bisogno. L'ho trovato anche noioso tra le altre cose. Non vale nemmeno il tempo perso per guardarlo.
Tavanata galattica!
Commento # 2 di: marklevi pubblicato il 22 Luglio 2022, 14:08
eppure dicono sia meglio dell'originale... questa l'ho vista e ... boh, si ok come riempitivo ma veramente una robetta.
Mi ha fatto piacere rivedere l'attore che ha fatto l'iconico villain in Oldboy e l'attrice di Lost