Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung: nuovi progressi nei QLED blu

di Riccardo Riondino, pubblicata il 27 Ottobre 2020, alle 11:38 nel canale DISPLAY

“In un articolo pubblicato su "Nature" del 14 ottobre, Samsung ha annunciato i progressi ottenuti nello sviluppo dei QLED di colore blu, un importante passo in avanti verso i TV con pixel Quantum Dot auto-illuminanti ”


- click per ingrandire -

Samsung ha annunciato lo sviluppo di QLED blu dalle prestazioni di riferimento, compiendo un ulteriore passo in avanti verso i display QDEL. Il termine QLED è quello utilizzato per i TV/monitor LCD con filtro QDCC (Quantum Dot Color Converter), posto tra i LED e la matrice a cristalli liquidi, ma in questo caso si riferisce ai display composti da pixel Quantum Dot auto-illuminanti. Di questi esistono attualmente solo dei prototipi e secondo Nanosys, holding all'avanguardia in questa tecnologia, passeranno almeno tre anni prima che arrivino sul mercato. SAIT (Samsung Advanced Institute of Technology), la divisione ricerca e sviluppo di Samsung, dichiara risultati da leader di settore nei QLED blu, il più difficile da implementare dei tre colori primari.


- click per ingrandire -

SAIT ha raggiunto un'efficienza luminosa del 20,2%, 88.900 NIT di luminosità massima e un durata di 16.000 ore (misurata a metà luminosità per una luminanza di 100 NIT). In altri termini, i QLED blu possono funzionare per 16.000 ore prima che la luminosità si dimezzi fino a 50 NIT. Saranno necessari sicuramente ulteriori progressi, ma queste sono attualmente le prestazioni di riferimento per i QLED privi di cadmio, la cui tossicità ha indirizzato la ricerca verso dispositivi "cadmium free" o in cui è presente in piccolissime quantità.

I risultati sono stati pubblicati su Nature del 14 ottobre 2020 con il titolo Efficient and stable blue quantum dot light-emitting diode. I primi display Quantum Dot auto-illuminanti saranno comunque i QD-OLED, che impiegano Quantum Dot rossi/verdi applicati su uno strato di OLED blu, al centro tra l'altro di una controversia interna tra Samsung VD e Samsung Display.

Fonte: Flatpanels HD



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: rooob pubblicato il 28 Ottobre 2020, 11:45
Ma come i QD autoemittenti e inorganici dovevano risolvere definitivamente i problemi degli oled e si degradano dopo 16.000 ore quando LG ne dichiara 100.000 per i suoi OLED? boh.... non mi sembra un gran risultato da sbandierare
Commento # 2 di: Riccardo Riondino pubblicato il 30 Ottobre 2020, 12:50
Da qui a tre-cinque anni ci saranno miglioramenti, altrimenti non potranno commercializzarli

Inoltre quel dato si riferisce a uno solo dei tre sub-pixel, quindi non va confrontato direttamente con la durata di un pannello
Commento # 3 di: rooob pubblicato il 30 Ottobre 2020, 13:03
Anche se poi è proprio il blu che viene scelto nelle composizioni QD-OLED o QD-NED se non erro per la sua purezza...