Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Sintonie 2019: prima parte

Report di Fabio Angeloni , Emidio Frattaroli , pubblicato il 14 Novembre 2019 nel canale AUDIO

“Sintonie High End e Audio Video Show s'incontrano a Rimini per unire le forze e mettere l'ipoteca sulla più importante manifestazione audio e video in Italia: le premesse ci sono tutte e iniziamo il nostro reportage proprio dalle sale e dalle aziende legate ai settori video e home theater”

Yamaha: Aventage + Soavo


- click per ingrandire -

Un seminario audio-video nella sala Yamaha, ancora una volta ha acceso un faro potente su una considerazione su cui puntualmente ci piace ritornare. Diciamolo chiaramente: tranne pochi “illuminati”, la stragrande maggioranza degli audiofili ha snobbato l'ascolto di musica in multicanale. Il motivo di tutto questo ci sfugge, ma è fuori dubbio che pochissimi hanno avuto modo di ascoltare al meglio qualcuna delle tante incisioni oggi disponibili in questo formato. E non che per questo occorra necessariamente un sistema particolarmente costoso. C’è chi dedica ai cavi una cifra con la quale si acquista un ottimo lettore multistandard.  E’ semmai un paradosso che l’ascolto a 5.1 (o più) avvenga quasi esclusivamente nell’ambito di impianti spesso economici di stampo home theater.


 

Si pensa al surround, si pensa agli effetti speciali, si immagina che tutto che abbia qualcosa in più dei canonici due canali sia una “moderna diavoleria”, un feticcio da condannare o, al più, da ignorare. La realtà musicale non è a due canali, ma il complesso campo sonoro (ad esempio) di un'orchestra, ti avvolge. Spesso ho incontrato sistemi HT di alto rango che suonano musica in modo più coinvolgente di un sistema stereo con componenti di pari livello. Nelle nostre dimostrazioni di musica in multicanale, sin dai tempi del Top Audio, è stato facile apprezzare la bellezza del suono di una grande orchestra. La musica “attorno a me”. 


- click per ingrandire -

Ma un sistema HT offre anche alla musica il coinvolgimento delle immagini. E il sistema allestito da Yamaha, con amplificatore integrato Aventage RX-A3080 e diffusori Soavo NS-901 (frontali NS-F901, centrale NS-C901, surround NS-B901), in configurazione 5.1 con subwoofer MusicCast Sub 100 in modalità wireless, hanno colpito per naturalezza, equilibrio, potenza ed emozione. Uno dei titoli che altri ha destato entusiasmo è stata l’esecuzione berlinese dei “Quadri di un’esposizione” in Blu-ray Disc HD. La forza espressiva dalla Filarmonica di Berlino, la dinamica ed incalzante direzione di Simon Rattle e la buona resa del DTS Master Audio hanno ispirato applausi spontanei. Una regia attenta segue le frasi dei solisti e delle diverse sezioni strumentali senza mancare in suggestive inquadrature anche le percussioni.


- click per ingrandire -

In alcuni episodi e nello spettacolare finale diventano davvero protagoniste. Il Blu-ray Disc documenta il concerto di San Silvestro 2007 con Rattle e la Filarmonica di Berlino. Nei potenti “Quadri” l'orchestra offre spunti di rilievo assoluto a coronare un programma generoso. La forza delle immagini fa apprezzare la totale intesa tra il maestro inglese e i Berliner, equilibrio perfetto tra raffinatezza ed energia, coinvolgendo ogni parte in un grande gioco di squadra. Disponibile anche in streaming sul sito della Digital Philharmonie, che vi invito a conoscere. Un prodotto moderno e culturalmente vincente. 

 

 
- click per ingrandire -

Per quanto riguarda i file musicali in multicanale è il sito di Native DSD ad offrire uno scrigno prezioso, forte di quasi 2.000 titoli tra jazz e classica. Ma c’è di più. Le più recenti produzioni sono talvolta disponibili solo in questo formato e in molti casi è possibile apprezzare anche la più elevata risoluzione in DSD 128 e DSD 256. Quelle registrazioni concepite e prodotte in multicanale sono disponibili anche in “immersive audio”. Un esempio fra i tanti le performanti incisioni della Channel Classics, della Pentatone, della Reference Recordings e della 2L, che rappresentano lo stato dell’arte in termini di naturalezza e coinvolgimento della riproduzione discografica. 

Un sistema 5.0 ben realizzato è dunque in grado di soddisfare l’audiofilo, ma sa stimolare il piacere della famiglia intera nei risvolti anche di entertainment cinamatografico. Si apprezza una maggiore definizione e “sostanza” della gamma bassa e medio-bassa, una trasparente porzione in gamma media e medio-alta, il senso di presenza e partecipazione all'evento sonoro nella sala piuttosto che l'ascolto attraverso una “finestra”. Notevole in generale (s'intende che poi il tutto dipenda anche dalla qualità della registrazione) la concreta presenza nelle prime ottave, mentre percussioni “difficili” come i timpani orchestrali divengono più tangibili, emergono dalla materia sonora, con una più realistica concretezza del medio-besso. Per non parlare dalla stabilità del fronte sonoro, grazie al canale centrale che realizza una scena godibile non solo nel “punto magico” della sala. A parte i titoli in SACD ancora disponibili (letti con efficacia e semplicità dall’economico lettore Sony che avevamo a disposizione) ci sono anche tanti video musicali in Blu Ray, con audio in DTS Master Audio.