Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Space Sweepers HDR Atmos | recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 01 Marzo 2021 nel canale CINEMA

“Il film sudcoreano distribuito da Netflix risulta essere un buon intrattenimento che al contempo solleva questioni sociali importanti. I personaggi molto diversificati si muovono bene tra commedia e dramma, con omaggi a capolavori come Blade Runner.”


- click per ingrandire -

2092. La vita sulla Terra sta diventando insostenibile. La società UTS ha costruito una stazione orbitante in cui è riprodotta una vita terrestre ideale. Ma diventarne abitanti è esclusiva di pochi fortunati. Gli space sweepers, spazzini dello spazio, rimuovono i detriti lungo l’orbita terrestre per rivenderli e assicurarsi la sopravvivenza. Si occupa del lavoro anche l’equipaggio della navicella Victory che nel recuperare un carico trova al suo interno una bambina, Dorothy. Ma scoprono presto che la piccola sarebbe in realtà un robot che come una bomba può deflagrare in ogni istante. Eppure Dorothy si mostra adorabile e i componenti della Victory, dopo aver cercato di venderla a un prezzo esorbitante, cercheranno di capire la verità sulla sua identità e sul perché sia ricercata.


- click per ingrandire -

I primi 10 secondi di Space Sweepers sono un’evidente citazione a Blade Runner, sia nelle immagini, che nei suoni, che nelle note musicali. E non è un caso perché i riferimenti al capolavoro di Ridley Scott sono diversi nelle premesse. La terra sta morendo e il sole è sempre più debole. I personaggi parlano ognuno nella propria lingua. E la musica che accompagna il tutto suona proprio come la colonna sonora di Vangelis. Poi tutto si sposta nello spazio e le atmosfere virano verso quelle di Star Wars.


- click per ingrandire -

Il film è degno di nota nonostante alcuni difetti decisamente evitabili, sia in sceneggiatura che in fase di editing. I dialoghi sono spesso troppo incalzanti, non lasciano respiro soprattutto quando mescolano momenti colloquiali a questioni tecniche che per chi non sia un ingegnere aerospaziale del futuro non sono di immediata comprensione. Specialmente poi per chi non è abituato ai sottotitoli che in vari momenti sembrano esser stati tradotti da Google Translate e questa mancanza di cura vizia un poco la visione. È strano infine come - sebbene sia consigliata la visione in lingua originale - un film del genere abbia l’audio in diverse lingue tranne l’italiano.


- click per ingrandire -

Le immagini risultano piacevoli grazie ad effetti speciali ben realizzati e una fotografia frizzante. La storia non ha niente di particolarmente originale ma scorre bene grazie alla buona consistenza dei personaggi la cui varietà arricchisce la narrazione e dona il giusto ritmo e vigore all’intreccio, anche e specialmente per la transizione che le loro vite hanno subito in seguito ai cambiamenti del pianeta che da terrestri li ha trasformati in marinai del mare magnum spaziale.

Una regola per chi scrive o mette in scena un film recita che sarebbe bene evitare nel cast artistico persone troppo anziane, animali o bambini, perché sono i più complessi da gestire. Eppure qui la piccola Dorothy alias Kot-nim tiene in piedi una buona metà dell’opera (un po’ come Baby Groot nel secondo capitolo di Guardiani della Galassia). Non solo il suo personaggio è la protagonista intorno alla quale tutto ruota ma i suoi modi sono tanto deliziosi, quanto la sua provenienza e il suo destino sono oscuri.


- click per ingrandire -

Il capitano della Victory, Jang, era un’enfant prodige che aveva creato alcune invenzioni di alta tecnologia per la UTS. Ma una volta venuti a galla gli scopi dell’azienda aveva misteriosamente cambiato vita scegliendo la pirateria. Diventata una guerriera senza troppi scrupoli, guida l’equipaggio col piglio di un vero lupo di mare che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno. Tiger Park sulla Terra era un boss della droga. Sulla nave gestisce i vari macchinari ed è un appassionato di armi. Ma di fronte a Kot-nim diventa dolce e premuroso come un’amorevole maestro elementare. Bubs è un robot antropomorfo che desidera diventare umano. È dotato di coscienza propria al pari degli altri compagni e sogna di poter guadagnare abbastanza per potersi permettere gli innesti di pelle che come un novello Pinocchio lo tramutino in una persona anche esteriormente. Tae-ho era un militare della UTS, privilegiato e rispettato perché tra i migliori, fin quando una crisi di coscienza lo priva di ogni cosa. È in cerca della figlia perduta le cui ricerche si sono interrotte a causa delle sue scarse possibilità economiche.


- click per ingrandire -

Una delle cose che saltano all’occhio è una forte critica al predominio cultural-economico americano. Essendo in un universo sudcoreano la cosa è normale, ma per chi come noi è abituato alla propaganda a stelle e strisce praticamente in ogni loro prodotto audiovisivo la percezione è quasi alienante. Ed essendo subliminale non è d’immediata lettura anche se di facile condivisione. La personificazione di ciò è James Sullivan, l’imprenditore apparentemente illuminato e pacifico a capo della UTS. Una sorta di salvatore del genere umano che in realtà nasconde un animo ignobile mosso dal bisogno di restare giovane e detenere un potere illimitato. Un parallelo evidente con economie che appaiono belle solo se viste dall’esterno, ma che in realtà celano un consumismo che fa sì che si sia perennemente in debito, come accade nel film. Ogni volta che gli spazzini guadagnano qualcosa vengono subissati da altri debiti ben più grandi dei loro introiti.


- click per ingrandire -

Le efficaci scene d’azione si mescolano all’alternanza di commedia e dramma creando una tensione continua verso il traguardo finale. Un intrattenimento, certo, ma supportato da un buon impianto di scrittura e regia che dirigono lo spettatore tra i meandri di un film godibile, non scontato e che è in grado di far ridere ed emozionare con la complessa semplicità che non tutti i blockbuster sono capaci di esprimere. Un buono modo per trascorrere un paio d’ore davanti al televisore.


- click per ingrandire -

Nota tecnica a cura di Emidio Frattaroli
Space Sweepers sembra un piccolo capolavoro di qualità audio e video. La parola 'sembra' non è scelta a caso poiché - attualmente - viene distribuito in esclusiva su Netflix solo in HD e con un bitrate di soli 5,5 Megabit per secondo, con audio in lingua originale in Dolby Atmos  e video in HDR10 o Dolby Vision per i dispositivi compatibili. Se si guarda oltre il mortificante bitrate, troverete una fotografia esaltante, con dinamica eccezionale e anche molto ben colorata, con varie occasioni in sembra 'sfondare' anche lo spazio colore DCI-P3. L'audio è molto divertente e la cura nel montaggio e nella disposizione delle sorgenti sonore è quasi maniacale e il risultato è esaltante. Lo potete assaggiare già nei primi secondi e ancora di più nella prima scena, con dialogi disposti nello spazio in maniera quasi chirurgica, con un certosino sfruttamento della codifica Dolby Atmos, anche questa purtroppo moritifcata da un bitrate che non è all'altezza dell'alta qualità del lavoro di post produzione.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

Regia 7,5 Sceneggiatura 7,5 Recitazione 7
Fotografia 7,5 Musiche 7
Film 7

Space Sweepers (Seungriho)
fantascienza, drammatico, azione, commedia | Corea del Sud | 2021 | 137 min | Netflix

regia Jo Sung-hee sceneggiatura Yoon Seung-min, Yoo-kang Seo-ae, Jo Sung-hee fotografia Byun Bong-sun musiche Kim Tae-seong

personaggi interpreti
Tae-ho Song Joong-ki
Dorothy / Kot-nim Park Ye-rin
capitano Jang Kim Tae-ri
Tiger Park Jin Seon-kyu
Robot Bubs Yoo Hae-jin
James Sullivan Richard Armitage
Kang Hyeon-u Kim Mu-yeol

critica IMDB 6,6 /10 | Rotten Tomatoes 6,5 /10 | Metacritic 64 /100

camera n.d.
formato n.d.
aspect ratio 1,85 : 1
formato audio Dolby Atmos

 

 

Articoli correlati

Wonder Woman 1984 | la recensione

Wonder Woman 1984 | la recensione

Il seguito del film del 2017, ci trasporta negli ipercolorati anni ‘80 in cui l’avere veniva prima dell’essere. La sfida tra Gal Gadot e Kristen Wiig, sorta dall’invidia, sfocia in una follia che mira a una probabile catastrofe globale iniziata dall’altro villain interpretato da Pedro Pascal. Con esiti altalenanti.
Soulmates | stagione 1 | la recensione

Soulmates | stagione 1 | la recensione

Se un'azienda garantisse al cento per cento che può trovare la vostra anima gemella tramite un semplice test che cosa succederebbe nel mondo? La nuova serie antologica su Amazon Prime Video risponde a questa domanda in sei storie cui se ne aggiungeranno altre nella già rinnovata seconda stagione
Anna | la recensione

Anna | la recensione

Il film interpretato dalla modella Sasha Luss, Helen Mirren, Cillian Murphy e Luke Evans, arrivato in Italia direttamente in streaming su Amazon Prime Video mostra, non senza qualche difetto, la consueta abilità di Luc Besson nel raccontare storie ad alto tasso di adrenalina con al centro donne tutt’altro che arrendevoli
Bliss | la recensione

Bliss | la recensione

Le buone premesse del film, prodotto e distribuito da Amazon Studios, che si muove tra dramma e fantascienza, evocano un mondo in cui tutto potrebbe essere migliore di come lo vediamo. Ma il risultato finale è viziato dalla confusione che regna sovrana, nonostante la presenza dell’inedita coppia Owen Wilson e Salma Hayek
Disincanto | parte 3 | la recensione

Disincanto | parte 3 | la recensione

La serie animata di Netflix creata dall'ideatore dei Simpson e Futurama, fa intraprendere altri viaggi a Bean e soci mostrandoci nuovi personaggi e fantastiche scenografie in una storia che è una grande metafora dei tempi, raccontata attraverso continui mutamenti e contraddizioni



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: ellebiser pubblicato il 24 Febbraio 2021, 14:34
Il film è ben fatto, ci sono diversi riferimenti colti anche da Elysium imho.
Commento # 2 di: marklevi pubblicato il 24 Febbraio 2021, 15:06
E' il genere di film che non sopporto ma l'ho trovato molto divertente e mai banale. In Originale (Atmos dd+) è interessante perchè gli interpreti parlano in Coreano, Inglese, Francese e Spagnolo, creando dialoghi assurdi.
Un tocco di commedia che non guasta ed effetti che non hanno nulla da rimpiangere dai BlockBuster
Commento # 3 di: zorro101 pubblicato il 05 Marzo 2021, 11:21
ma perchè non c'è il doppiaggio italiano?
Commento # 4 di: stazzatleta pubblicato il 05 Marzo 2021, 11:31
nope, solo sottotitoli
Commento # 5 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 10 Marzo 2021, 12:39
Originariamente inviato da: zorro101;5127133
ma perchè non c'è il doppiaggio italiano?
Forse sarebbe costato troppo... Chissà
Commento # 6 di: mauro-1966 pubblicato il 10 Marzo 2021, 18:35
Film davvero simpatico mi è piaciuto parecchio