Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Disincanto | parte 3 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 05 Febbraio 2021 nel canale CINEMA

“La serie animata di Netflix creata dall'ideatore dei Simpson e Futurama, fa intraprendere altri viaggi a Bean e soci mostrandoci nuovi personaggi e fantastiche scenografie in una storia che è una grande metafora dei tempi, raccontata attraverso continui mutamenti e contraddizioni”


- click per ingrandire -

Dopo essere tornata in vita, la Principessa Tiabeanie detta Bean si ritrova nel regno dei Trøg dominato da sua madre, la Regina Dagmar. Bean riesce a tornare nel regno di Dreamland per sventare un complotto: il ministro Odval e l’Arcidruidessa con l’aiuto del mago Sorcerio, stanno infatti macchinando per sostituire, alla guida del regno, Re Zøg con suo figlio Derek, facilmente manipolabile. Ma una volta scoperta, l’Arcidruidessa fugge in motocicletta lasciando però delle tracce che Bean segue assieme ad Elfo. Si ritrovano così a Steamland, una terra steampunk tecnologicamente e industrialmente evoluta. Intanto a Dreamland Re Zøg inizia a impazzire.


- click per ingrandire -

Dopo la prima stagione (composta da parte 1 e parte 2), la serie creata da Matt Groening per Netflix giunge alla terza parte. Tornano così le avventure della ribelle principessa Bean e dei suoi compagni d’avventura Elfo e Luci che archetipicamente rappresentano l’angelo e il diavolo sulle opposte spalle della protagonista. Due consiglieri maldestri che la seguono in ogni dove, due amici dai caratteri complementari: da una parte un elfo timido e impacciato ma puro e nobile d’animo, dall’altra uno spirito demoniaco cinico e sornione ma che in fondo a sé trova a volte, suo malgrado, qualcosa di buono. Attorno ai nostri antieroi si sviluppano tutta una serie di intrighi propri di una corte reale. I risvolti shakespeariani non mancano mai. Il fare sconclusionato di Bean si scontra con le responsabilità che toccano a una figura del suo rango. E in questa terza parte qualcosa inizia a materializzarsi inequivocabilmente.


- click per ingrandire -

L'andamento di tutta la serie è piuttosto lento ma questo permette di godere a fondo delle scenografie tridimensionali e degli altri dettagli di cui è ricca. E stavolta assistiamo all’ingresso di diversi nuovi personaggi. Il mondo sotterraneo dei Trøg e i suoi collegamenti al palazzo reale costituiscono l’inizio del nuovo capitolo. La Regina Dagmar, madre di Bean, che per anni è mancata nella vita della figlia, diviene la sovrana venerata dagli inquietanti (sebbene alquanto innocui) mostriciattoli dagli occhi neri e le orecchie alla Spock. Il fatto che Dagmar abiti un luogo nelle profondità della terra rappresenta una metafora ardita. Quasi come se la presenza nella mente della ragazza della madre pietrificata non fosse mutata col suo ritorno, assumendo però un valore opposto: da genitrice amata ad antagonista da cui tenersi a distanza.


- click per ingrandire -

Si arriva poi a Steamland, un luogo in cui tutto è calcolato e razionalizzato come in Tempi moderni di Chaplin o nel Brazil di Terry Gilliam. E ancora più interessante è il suo Luna Park, particolarmente con l’attrazione dei Freaks, diversi e strani ma tutti a loro modo affascinanti come lo show business pretende. Costretti in gabbie, rappresentano la percezione di Bean della propria vita. Con Mora finisce nel regno delle sirene in cui sembra trovare sé stessa. Ma è solo una parentesi temporanea, che però l’aiuta a prendere maggiore coscienza di chi sia e di cosa desideri veramente. Nel proprio mondo Mora è anche lei una principessa, per cui rappresenta uno specchio per Bean, qualcuno con cui condividere le proprie aspettative e paure senza inibizioni.


- click per ingrandire -

Per salvare Dreamland i nostri si recano a Bentwood, il regno del Principe Merkimer, che era stato tramutato in maiale, per richiedere denaro e armi. Al ritorno in patria gli intrighi di corte continuano a moltiplicarsi come in House of cards. Ma in tutto questo dramma non manca mai l’ironia (lo striscione Make Dreamland great again è solo uno dei tanti messaggi dissacranti presenti anche stavolta) che fa da padrona più delle risate che ci si aspetta di farsi in una serie di Groening. Non che non si rida, accade anche quello, ma non è il centro vivido di una storia che vuole raccontare la formazione di una ragazza che non sta diventando semplicemente donna.


- click per ingrandire -

Da adolescente che si mischia al popolo nelle bettole e nelle bische, a persona che decide di assumersi responsabilità da regnante il passo è tutt’altro che breve. E ciò che accade nel finale getta l’ennesimo alone di mistero e genera ulteriore attesa verso quella che sarà la quarta parte che vedremo nel 2022. Non sappiamo ancora cosa succederà a Disincanto, di sicuro non durerà quanto i Simpson, appena giunti alla trentunesima stagione, ma la sua visione resta un piccolo evento che una volta iniziato si fatica a lasciar andare. Perché Bean, Elfo, Luci e le loro avventure rappresentano le contraddizioni e i mutamenti, cui tutti noi siamo sottoposti, con la giusta dose di leggerezza e un sano prendersi poco sul serio di cui abbiamo molto più bisogno di quel che pensiamo.

Un consiglio: non saltate le sigle di testa, ognuna è diversa dall’altra perché rappresenta lo stilizzato trailer dell'episodio.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO/BASSO

visione
Intrattenimento 6,5 Qualità 7 Senso 7

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 7 Potenziale 8 Risultato 6,5

Disincanto | parte 3 (stagione 2) (Disenchantment)
fantastico, avventura, commedia, drammatico | USA | 15 gen 2021 | 10 ep / 28 min | Netflix

ideatore Matt Groening

critica IMDB 7,6 /10 | Rotten Tomatoes 5,4 /10

aspect ratio 16:9 HD

 

Articoli correlati

Ava | la recensione

Ava | la recensione

Il film distribuito da Netflix, con l'idolatrata Jessica Chastain accanto a Colin Farrell e John Malkovich, sembra scorrere pienamente grazie alle buone premesse, ma lascia l'amaro in bocca per confusione e incompletezza, dovute anche a problematiche produttive in corso d'opera
La Tigre Bianca 4K HDR | la recensione

La Tigre Bianca 4K HDR | la recensione

4K, Dolby Atmos e Dolby vision per il film interpretato e prodotto dalla superstar indiana Priyanka Chopra Jonas, che racconta senza alcuna pietà di un ragazzo semplice cresciuto in povertà che ambisce a una vita migliore, per la quale sarà disposto a qualsiasi gesto, anche il più estremo
Sweet Home | stagione 1 | la recensione

Sweet Home | stagione 1 | la recensione

Serie TV | La serie horror coreana di Netflix è molto più di quel che appare, rivelando una drammaticità e complessità proprie di un prodotto di spessore, che accanto ad ottimi effetti visivi sviluppa temi e personaggi con una qualità e una cura difficilmente presenti in altre storie dello stesso genere
Outside the Wire | la recensione

Outside the Wire | la recensione

L’ultimo film bellico di Netflix a base di fantascienza parte con dei buoni presupposti: un pilota di droni ritenuto non idoneo viene mandato in territorio di guerra per capire cosa si prova a stare sul campo. Ma il risultato finale è molto lontano da quello che si poteva sviluppare.
SanPa | la recensione della docuserie

SanPa | la recensione della docuserie

Il documentario di Netflix sulla controversa figura di Vincenzo Muccioli affronta un viaggio a ritroso nella coscienza collettiva, attraverso l’esame di un’enorme quantità di materiale, riuscendo nella non facile impresa di risultare quanto più oggettivo possibile perché dà voce a diversi testimoni diretti e indiretti di quella vicenda



Commenti