Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

SanPa | la recensione della docuserie

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 18 Gennaio 2021 nel canale CINEMA

“Il documentario di Netflix sulla controversa figura di Vincenzo Muccioli affronta un viaggio a ritroso nella coscienza collettiva, attraverso l’esame di un’enorme quantità di materiale, riuscendo nella non facile impresa di risultare quanto più oggettivo possibile perché dà voce a diversi testimoni diretti e indiretti di quella vicenda”


- click per ingrandire -

Il rapporto di SanPa con la verità è entrato in crisi nel momento in cui SanPa ha pensato che la sua immagine pubblica fosse più importante della sua verità interiore.
Perché l'immagine pubblica faceva più colpo, faceva più impressione, ti dava più consenso, no?
Ma quella è una strada di perdizione. Ti perdi.
Perdi la tua anima. Perdi la tua verità, che è una verità sfuggente, sempre molteplice, spesso contraddittoria.
Però è la vita che è così. Se tu chiudi la porta a quella verità, chiudi la porta alla vita, cioè smetti di evolverti.


- click per ingrandire -

L’uscita di SanPa: luci e tenebre di San Patrignano è stata la deflagrazione di un ordigno bellico parzialmente esploso ma rimasto ancora attivo nel sottosuolo per 25 anni. Un racconto tanto dettagliato quanto potente. Dentro ci sono le testimonianze di chi in quel microcosmo ci aveva vissuto, sia direttamente che indirettamente, con il fondatore Vincenzo Muccioli su cui è centrata l’intera serie. Ci sono gli ex ospiti della comunità, tra cui il suo braccio destro e autista personale Walter Delogu, padre della conduttrice televisiva e radiofonica Andrea che dentro San Patrignano è nata e cresciuta, anche lei presente nel documentario in brevi ma interessantissimi passaggi. C’è Red Ronnie, che al tempo da noto giornalista musicale si era proclamato “Soldato di San Patrignano” dando voce ed eco mediatica alle battaglie di Muccioli.


- click per ingrandire -

C’è chi mette in risalto le luci del titolo e chi le ombre e chi, la maggior parte, le ricorda e le porta a galla entrambe, sottolineando come sia sopravvissuto “grazie e nonostante” SanPa. L’elenco dei personaggi raccontati nei cinque capitoli del documentario è davvero sterminato. Ma chi non si può non citare è Fabio Cantelli, anche lui ex ospite della comunità, uscitone a un certo punto ma poi tornato in preda alla disperazione legata alla ricaduta nella dipendenza dalla droga. Il suo racconto è fortissimo sia per la profondità con cui affronta quel ricordo che per il ruolo chiave che ricevette da Muccioli al suo ritorno, quello di responsabile della comunicazione di San Patrignano.


- click per ingrandire -

Le reazioni alla docuserie non si sono fatte attendere. La comunità se ne è legittimamente dissociata. Così come hanno fatto altre figure molto coinvolte come Andrea Muccioli, figlio di Vincenzo, che ha proseguito il lavoro del padre per 16 anni e Letizia Moratti che col marito Gian Marco, scomparso alla fine del 2019, sono stati (e sono rimasti) finanziatori del progetto e grandi amici della comunità, nella quale hanno passato diversi momenti importanti tra cui tutti i loro pranzi di Natale. Tanti altri però (troppi) hanno ridotto quello che poteva essere un dialogo aperto, interessante e soprattutto ancora purtroppo attuale alla solita bagarre politica e strumentalizzazione mediatica. Per cui non li citeremo per dovere etico e buon gusto minimo.


- click per ingrandire -

Quando si affronta un documentario bisogna tenere presenti due aspetti fondamentali: la costruzione delle immagini e il punto di vista.

La quantità di materiale esaminato dagli autori in tre anni di lavoro era ovviamente gigantesca, sia per quanto riguarda le immagini dell’epoca che per le interviste realizzate oggi. Quello che è stato selezionato mostra una cura sia nel montaggio che a livello stilistico che nel nostro paese si è visto raramente. La potenza delle immagini di SanPa, accompagnate da una pregevole colonna sonora, sfonda lo schermo portando gli spettatori in quel tempo e in quei luoghi con una drammaticità esplicita, priva di filtri, in cui, anche chi quegli anni non li ha conosciuti, resta avvinto. Vedere un albergo trasformarsi in una piccola città, con tanto di ospedale, nell’arco di pochi anni lascia meravigliati. Gli ospiti che passano da cento a tremila. Muccioli che diventa un vero e proprio taumaturgo agli occhi di tutta Italia, per poi finire alla sbarra in più procedimenti giudiziari e in vari telegiornali, nazionali e non. Il vedere i protagonisti della storia oggi e, parallelamente, tra i venticinque e i quarant’anni prima, mette in evidenza la fortissima dedizione degli autori. Tutto è affascinante e contemporaneamente mette i brividi.


- click per ingrandire -

La docuserie evidenzia i vari aspetti di quanto avvenuto tra il 1978 e il 1995, dalla fondazione di San Patrignano alla morte di Muccioli. Ciò che è rimasto nell’immaginario collettivo come una sfida per tanti versi persa, qui ottiene una verità molto più estesa. Le immagini iniziali mostrano dei ragazzi completamente alienati dagli stupefacenti che sbattono contro le siepi del centro cittadino, finendo per cadere di sotto da una sporgenza. Dei veri e propri zombie, come più volte vengono definiti nella serie, proprio come in un film dell’orrore. Da qui si cominciano a comporre le tante storie che fecero nascere la comunità, accanto a tante domande, tra cui quella che riguardò il cosiddetto “metodo San Patrignano” a causa del quale avvennero gli episodi che segnarono negativamente il percorso, trasformando un luogo di rinascita in luogo di soprusi, detenzioni e torture fino alle estreme conseguenze.


- click per ingrandire -

Quando una struttura, fisica e organizzativa, diventa così grande sarebbe saggio delegare il più possibile. Mentre San Patrignano cresceva in maniera quasi abnorme, le gerarchie sono rimaste nelle mani del fondatore, con poco confronto e insufficiente spirito critico. E d’altronde in quella situazione era davvero difficile scegliere qualcuno che potesse sostituire degnamente una volontà così spiccata e forte. Anche perché Muccioli disprezzava tutte le strutture pubbliche ritenendole a ragione le prime responsabili dell’abbandono dei tantissimi ragazze e ragazzi che in quegli anni erano del tutto invisibili e in lui trovarono un padre e un salvatore. La comunità è ancora viva ed è diventata un esempio per moltissime altre realtà nate in seguito in tutto il mondo, non solo nel campo della tossicodipendenza. Questo è forse uno dei pochi difetti della serie, il fatto di non aver mostrato quello che oggi è diventata la comunità senza Vincenzo.


- click per ingrandire -

Il racconto è imponente per via della varietà di voci che raccoglie. E proprio per questo risulta notevole: perché il suo punto di vista è imparziale, specialmente se lo si riesce a vedere in libertà, provando, per quanto possibile, a sospendere ogni giudizio. Oppure provando a stare da entrambe le parti: quella di chi ragionando oggettivamente nota i limiti nell’agire di Vincenzo Muccioli e quella di chi avendo vissuto tutto in prima persona si è ritrovato in una condizione tutt’altro che semplice. Da una parte i tossicodipendenti e le loro famiglie, che nel dover affrontare un nemico tanto forte, non avevano la capacità, la forza e/o gli strumenti per reagire e dall’altra chi quel coraggio e determinazione ce l’ha avuta esponendo sé stesso e anteponendo la missione di salvare tutte quelle vite a un’esistenza normale con la propria famiglia. Nel bene e nel male che questo ha comportato.


- click per ingrandire -

Perché in SanPa si passa da una posizione all’altra ad ogni cambio di scena. E alla fine qualcuno resterà dell’opinione che aveva prima e qualcuno forse la cambierà, o almeno potrà mettere meglio a fuoco. Con la certezza che quello che i media non sono stati in grado di fare, questo documentario lo fa: mostrarci se e quanto siamo cambiati dal 1995 ad oggi attraverso un viaggio a ritroso nelle nostre coscienze, decisamente più obiettivo ed esaustivo di qualsiasi altra immagine che ci sia giunta o ci sia rimasta dentro in tutti questi anni.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

soglia d’attenzione
Scorrevolezza ALTA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 9 Qualità 9

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 7 Potenziale 9
RISULTATO 9

SanPa: luci e tenebre di San Patrignano
documentario, biografico | Italia, USA | 30 dic 2020 | 5 ep / 60 min | Netflix

ideatore Gianluca Neri regia Cosima Spender scritto da Carlo Gabardini, Gianluca Neri e Paolo Bernardelli fotografia Diego Romero montaggio Valerio Bonelli musiche Eduardo Aram prodotto da 42

critica IMDB 7,9 /10

 

Articoli correlati

Lupin | parte 1 | la recensione

Lupin | parte 1 | la recensione

Serie TV | Vale la pena guardare la serie Netflix con Omar Sy ispirata al famoso ladro gentiluomo di Maurice Leblanc? Sì, ma con alcune riserve, tra cui quella circa la scelta del titolo e una fotografia tutt’altro che all’altezza di un prodotto di respiro internazionale.
The Undoing | la recensione

The Undoing | la recensione

Serie TV | Quanto è difficile riconoscere la verità quando si è coinvolti in prima persona? La controversa serie con Nicole Kidman, Hugh Grant e Matilda De Angelis solleva questo e altri interrogativi, destabilizzando anche lo spettatore più consumato.
Equinox | la recensione della stagione 1

Equinox | la recensione della stagione 1

Serie TV | La nuova serie Netflix realizzata in Danimarca, somiglia un po’ a Dark perché ci racconta una storia che ha del drammatico e del sovrannaturale. Partendo senza molta forza ma crescendo via via che il mistero si dipana.
Alice in Borderland | la recensione

Alice in Borderland | la recensione

Serie TV | Stagione 1 | In una Tokyo frenetica tre ragazzi si ritrovano all’improvviso soli e senza elettricità, costretti a partecipare a dei giochi mortali. Una serie ben costruita in cui il binge watching è quasi impossibile da evitare.
The Midnight Sky | la recensione

The Midnight Sky | la recensione

Il settimo lavoro da regista per George Clooney è un film che ha alcune ingenuità ma nonostante queste risulta essenziale, soprattutto in un periodo come questo in cui a volte rallentare dovrebbe essere una scelta oltre che una necessità



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: pace830sky pubblicato il 19 Gennaio 2021, 18:16
Sembra un tentativo di resuscitare l' interesse su un tema - tossicodipendenza e riabilitazione - ormai uscito dalle cronache non per mancanza di drammi e tragedie ma per mancanza di interesse del pubblico. Io credo che siamo cresciuti e, crescendo, sia maturata in molti la convinzione che certi drammi siano inevitabili, che un tot per cento della popolazione maturi in un modo o in un altro la tendenza ad autodistruggersi, che la soluzione sociale sia quella delle banche in crisi: mettere i crediti deteriorati in un sacco e cercare di liberarsene per continuare a fare affari e svilupparsi con il resto.

Che fine facciano i crediti deteriorati, se periscano per definitiva insolvenza del debitore, se finiscano in mano a società di pochi scrupoli che per riscuotere tormentano i debitori, se vengano alla fine pagati ed il debitore riabilitato in realtà non interessa a nessuno se non a qualche moralista - volontario o mestierante - che alla fin fine sollevando questioni etiche su come vengano trattati gli sconfitti dalla società e dalla vita stessa bene o male ci campa.
Commento # 2 di: Lanfi pubblicato il 20 Gennaio 2021, 12:49
SanPa lo ritengo un documentario di assoluto livello, raramente ho visto una cosa del genere realizzata in Italia. Al solito un plauso va a netflix, arrivata nel nostro paese qualche anno fa e di cui adesso cominciamo a vedere produzioni importanti.

Il documentario quindi, come espresso dalla recensione, è realizzato molto bene. In effetti non si esamina cosa sia adesso San Patrignano però credo ci possa stare in quanto è ben chiarito che ad essere trattato è il periodo che va dalla nascita della comunità alla morte di Muccioli. In generale mi è piaciuto il modo in cui si dipana il tutto, senza voce narrante, con i protagonisti che spiegano, a modo loro, i fatti accompagnati da documenti d'epoca, alcuni dei quali sostanzialmente inediti.

Su tutto ciò che viene narrato, e soprattutto su Muccioli, ognugno si può fare la propria idea. Per quanto mi riguarda io lo vedo come un uomo forte, incredibilmente carismatico, che per rispondere ad un problema gigantesco (trattato dallo Stato come il proverbiale elefante nella stanza) si dedica anima e corpo ad un'idea - quella di comunità - del tutto nuova per l'epoca. E come succede in questi casi i risultati in parte sono buoni (tanto è vero che vengono seguiti ancora oggi), in parte sono pessimi. Questo per il primo periodo, poi dalla fine degli anni 80' mi pare chiaro che si sia fatto prendere la mano dagli eventi (e ci può stare) e abbia commesso il gravissimo errore di delegare la gestione a persone che, in certi casi, non erano affatto qualificate. A cui si somma l'errore di averle volute coprire quando, com'era prevedibile, sbagliavano.