Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

L'High Frame Rate di TrueCut Motion arriverà a breve nell'home cinema

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 13 Dicembre 2022, alle 14:17 nel canale CINEMA

Pixelworks, creatrice della tecnologia, ha annunciato che ci saranno presto novità riguardanti l'utilizzo di TrueCut Motion per l'intrattenimento domestico


- click per ingrandire -

Le tecnologie utilizzate al cinema per "Avatar: La via dell'acqua" potrebbero presto debuttare anche tra le mura domestiche. A dichiararlo è stata Pixelworks, l'ideatrice della tecnologia TrueCut Motion (ne abbiamo già parlato in questo articolo), usata nel secondo capitolo di Avatar per mostrare il film in High Frame Rate (HFR) a 48 fotogrammi al secondo. TrueCut Motion consiste in una serie di algoritmi applicati al moto anche in funzione di altri parametri quali ad esempio la luminanza. Gli strumenti messi a disposizione permettono di modificare la fluidità agendo sul numero di fotogrammi al secondo (si può aumentare rispetto al materiale di partenza), sulla riduzione dei microscatti e della sfocatura.

Si parla non a caso di motion grading, chiara allusione al color grading che da sempre si applica durante la lavorazione dei contenuti. L'obiettivo dichiarato è del resto simile, seppur applicato ad ambiti diversi: fornire ai creativi tutti gli strumenti necessari per conferire il taglio desiderato alle scene in movimento. Al momento TrueCut Motion è disponibile unicamente come soluzione per le sale cinematografiche ma la situazione sembra destinata a cambiare a breve, come dichiarato dalla stessa Pixelworks:

"Ad oggi TrueCut Motion offre un'esperienza cinematografica ad elevato frame rate solo nei cinema (questa è una settimana importante per l'high frame rate nei cinema), ma non c'è bisogno di trattenere il fiato, presto avremo qualcosa da annunciare sul TrueCut Motion per l'home theater"

Della tecnologia TrueCut Motion si era già parlato durante il CES 2022, anche per via di un accordo siglato tra Pixelworks e TCL, il produttore di elettronica cinese che riveste ormai un ruolo di primo piano nel mercato TV. Era quindi già chiaro che, a meno di ripensamenti o impreviste difficoltà, l'arrivo entro le mura domestiche fosse solo una questione di tempo. Si potrebbe perciò pensare ad un annuncio in occasione dell'imminente CES 2023, in programma dal 5 all'8 gennaio a Las Vegas. Resta da capire come verrà effettivamente implementata la tecnologia, considerando che ad oggi una gestione nativa dei 48 fps non è prevista a livello di sorgenti (supporti ottici e streaming) e tendenzialmente nemmeno sui televisori. Non mancheremo ovviamente di riportarvi tutti gli aggiornamenti che arriveranno da Oltreoceano.

Fonte: FlatpanelsHD



Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: stazzatleta pubblicato il 13 Dicembre 2022, 16:09
Non ho ben capito come funzioni, ma tutto quello che renda più fluido il movimento è ben accetto.

Se poi riuscirà a mettere d'accordo i nostalgici del 24 e chi apprezza la fluidità dei 48/60, allora si può esclamare TOMBOLA! a gran voce.
Commento # 2 di: Onslaught pubblicato il 13 Dicembre 2022, 21:09
TrueCut Motion è una serie di strumenti piuttosto complessi perché prende in considerazione molti aspetti: gli studi alla base hanno dimostrato che la resa sul moto cambia tra HDR e SDR, è influenzato dalla tecnologia usata per vedere i contenuti e anche la luminanza gioca un suo ruolo se si vuole mantenere una fluidità accettabile da valori bassi fino a 1.000 nit.

Quello che viene offerto in pratica è una serie di strumenti che si integra col flusso di lavoro, in fase di produzione dei contenuti, in modo da poter cucire il trattamento del moto su misura secondo le caratteristiche del contenuto e la visione di chi li realizza.

Si può modificare la fluidità indipendentemente da come il contenuto è stato girato, applicando quindi una compensazione a monte anziché a valle (tramite TV, proiettori o processori) come si fa di solito. Chi effettua il motion grading decide come intervenire per avere più o meno fluidità, più o meno sfocatura e quanto eventualmente spingere per non esasperare l'effetto soap opera.

Questo in parole povere, l'argomento è veramente molto complesso.
Commento # 3 di: AlbertoPN pubblicato il 14 Dicembre 2022, 07:46
Originariamente inviato da: Onslaught;5224656
TrueCut Motion è una serie di strumenti piuttosto complessi perché prende in considerazione molti aspetti: gli studi alla base hanno dimostrato che la resa sul moto cambia tra HDR e SDR, è influenzato dalla tecnologia usata per vedere i contenuti e anche la luminanza gioca un suo ruolo se si vuole mantenere una fluidità accettabile da valori bassi fino a 1.000 nit.


Nicola c'è un white paper o altro di questa tecnologia ?
Perché sarà l'età, ma ho letto e riletto 5 volte quello che ho quotato e non l'ho capito o mi sembra una supercazzola brematurata con lo scappellamento a sinistra, ovviamente come se fosse Antani

Dove hai estrapolato le frasi qui sopra ? Così provo a vedere se i pochi neuroni che mi sono rimasti sono in grado di elaborare il concetto. Denghiu !
Commento # 4 di: stazzatleta pubblicato il 14 Dicembre 2022, 08:09
mi associo
Commento # 5 di: Onslaught pubblicato il 14 Dicembre 2022, 16:43
Eh lo so che sembra tutto pierrese stretto, solo che non è facile condensare: non è una tecnologia come il Motionflow Sony, il Motion Plus Samsung eccetera, che funziona in un determinato modo preimpostato e stop.

Qui il principio di base è lo stesso: si agisce sulla compensazione del moto, non a caso offrono regolazioni separate per intervenire sulla fluidità e sulla riduzione della sfocatura, come sui TV più avanzati.

La differenza è che gli strumenti sono integrati nei flussi di lavoro per chi effettua il color grading, infatti l'interfaccia è disponibile anche (ma non solo) come integrazione per DaVinci Resolve. Prima si effettua il color grading e poi si interviene sul moto.

Per la questione della correlazione tra moto e luminanza (e in realtà c'è altro, anche il modo con cui vengono impostate le videocamere influisce), c'è una breve spiegazione all'interno del white paper corredata da un grafico. Lo trovate qui in fondo alla pagina https://www.pixelworks.com/en/truecut
Commento # 6 di: e.frapporti pubblicato il 14 Dicembre 2022, 18:10
mi auguro che questa novità non comporti novi hardware per essere esperita in homevideo ma temo che possa accadere, se no come evitare che il mercato ristagni? Poi magari basterebbe un semplice aggiornamento firmware per molti dispositivi ma temo che i produttori di hardware non si lasceranno sfuggire l'occasione per rendere più appetibili le future sfornate di roba
Commento # 7 di: AlbertoPN pubblicato il 14 Dicembre 2022, 19:49
Originariamente inviato da: Onslaught;5224766
Per la questione della correlazione tra moto e luminanza (e in realtà c'è altro, anche il modo con cui vengono impostate le videocamere influisce), c'è una breve spiegazione all'interno del white paper corredata da un grafico. Lo trovate qui in fondo alla pagina https://www.pixelworks.com/en/truecut


Grazie Nicola