Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

AMC Theatres taglia i ponti con Universal

di Riccardo Riondino, pubblicata il 30 Aprile 2020, alle 11:54 nel canale CINEMA

“La principale catena cinematografica mondiale non proietterà più i film Universal, in risposta alla decisione degli studi di distribuire i prossimi film nelle sale e in formato VOD contemporaneamente”


- click per ingrandire -

AMC Theaters, la maggiore catena di cinema a livello mondiale, d'ora in poi non proietterà più i film Universal in nessuna delle sue sale. Il comunicato è giunto appena dopo che Universal ha dichiarato di voler distribuire contemporaneamente i film al cinema e in formato digitale, non appena le sale riapriranno. Il motivo è il successo riscontrato da Trolls World Tour disponibile in video on demand dal 10 aprile scorso, che in sole tre settimane ha fatto guadagnare ad Universal Pictures la stessa cifra del primo capitolo (Trolls) nei suoi cinque mesi di permanenza al cinema. Una delle cause è che Universal trattiene circa l'80% delle entrate retail, contro il circa 50% del botteghino.


- click per ingrandire -

Gli studi hanno incassato circa 95 milioni di dollari dal noleggio di Trolls World Tour, disponibile a 20$ per 48 ore tramite piattaforme come Apple TV (iTunes), Google Play Movies o Vudu, che secondo il Wall Street Journal è stato scelto da 5 milioni di account. Il risultato è stato talmente sopra le aspettative da spingere Universal a ripensare il modello della finestra cinematografica, su cui l'industria ha puntato per oltre un secolo. AMC si trova in gravi difficoltà economiche, tanto da dover richiedere un prestito di 500 milioni di dollari con un tasso d'interesse annuo del 10,5%.


- click per ingrandire -

La crisi innescata dal coronavirus ha indotto anche Warner ad annunciare la distribuzione di Scoob, nuovo capitolo della saga di Scooby Doo, tramite servizi VOD premium. AMC ha sottolineato come il divieto si applichi a tutti i film Universal, aggiungendo che la stessa politica si estenderà a tutti gli studi che contesteranno il modello tradizionale. Universal da parte ha risposto di sentirsi "delusa" da quella che sembra un'iniziativa coordinata da parte di AMC e l'associazione americana dei proprietari di cinema (N.A.T.O).

Fonte: Flatpanels HD



Commenti