Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Killing Eve | stagione 4 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 06 Maggio 2022 nel canale CINEMA

“La premiata serie britannica che vede un’assassina e un’agente del controspionaggio al contempo in conflitto ma ossessionate l’una dall’altra, giunge al termine con un finale incredibilmente deludente che non premia l’altissima qualità dei precedenti capitoli”


- click per ingrandire -

Nel tentativo di mondare i suoi peccati e soprattutto di dar pace alla propria coscienza, Villanelle va a vivere e portare i suoi servigi in una chiesa con padre Phil e sua figlia May. Eve indaga col collega Yusuf fino a quando non viene raggiunta da Carolyn che le chiede di collaborare sulla scomparsa di alcuni membri dei Dodici. Per dimostrare a Eve di essere davvero cambiata, Villanelle la trova ma viene rifiutata. Eve si imbatte in Hélène che al contrario di quanto pensava è intenzionata a uccidere i restanti membri dei Dodici. Si scava così nel passato fino alle origini dell’organizzazione, da cui riemergono verità insospettabili che condurranno a risoluzioni drammatiche in cui tutti verranno coinvolti nel bene e nel male.


- click per ingrandire -

Si conclude con questa quarta stagione uno dei prodotti migliori del panorama seriale, da noi poco conosciuto ma che fino al terzo capitolo ha collezionato dodici candidature agli Emmy e quattro ai Golden Globes vincendone uno per parte in favore delle due protagoniste. La Sandra Oh delle dieci stagioni in Grey's Anatomy che interpreta Eve Polastri, quella del titolo, e la giovane e brillante Jodie Comer, nativa di Liverpool ma in grado di recitare in ogni cadenza del Regno Unito fino a quella russa dell’assassina psicopatica Oksana Astankova alias Villanelle di cui veste gli sgargianti panni nella serie. Tratta dalla raccolta di quattro romanzi thriller dell'autore britannico Luke Jennings (il primo, Codename Villanelle, è stato pubblicato come e-book nel 2014), Killing Eve è stata scritta per la prima stagione e metà della seconda da Jennings con Phoebe Waller Bridge (anche ideatrice di questa trasposizione assieme a Sally Woodward Gentle) la celebrata e premiata autrice e interprete di Fleabag (e per chi volesse recuperare un altro suo piccolo gioiello è consigliata Crashing su Netflix) che è stata poi chiamata da Daniel Craig per ottimizzare la sceneggiatura di No Time to Die, venticinquesimo capitolo della saga di James Bond. E come già detto, gli effetti su questa serie si sono avvertiti da subito. Salvo poi iniziare a calibrarsi quasi col pilota automatico. E la cosa ha funzionato abbastanza bene all’inizio.


- click per ingrandire -

La prima immagine di Villanelle è come al solito straniante: in chiesa che canta Movin' on up dei Primal Scream in versione per organo e voce, indossando un abito talare rosso fuoco. Il diavolo e l’acqua santa sintetizzati. II modo in cui disprezza tutto e tutti e se ne prende gioco è ancora una volta eccessivo, colorito e grottesco ma anche paradossalmente delizioso. Le sue vittime preferite sono le persone buone. Non perché più facili da abbindolare ma perché uccidendole si mette al sicuro dalla tentazione di provare gli stessi sentimenti positivi che queste recano e ispirano, sentimenti che la esporrebbero a una certa debolezza. Il suo tentativo di redimersi attraverso la scoperta della chiesa cattolica non è altro che il pretesto per farsi notare da Eve. E quando la sua coscienza si palesa in forma di sé stessa con le fattezze di Gesù gli scambi verbali si tingono di un’ambiguità e un sarcasmo che sfiorano la blasfemia più sottile e violenta. È lei la protagonista della storia, gli altri personaggi servono come pretesto per farla muovere come all’interno di un oscuro luna park in cui compiere delitti ogni volta diversi ed estrosi, così come gli abiti che indossa e le espressioni uniche che le dipingono il viso. Ma tra tutti, Eve è l’unica che riesce a tenerle testa.


- click per ingrandire -

È proprio questa la forza dell’antagonista, quella di creare continuamente cortocircuiti sul percorso sanguinoso ma lineare della killer che si esalta di fronte alla possibilità di terminare la vita di qualcuno. E come la Comer è monumentale nel rappresentare la follia del proprio personaggio, così Sandra Oh è magnifica nel risultare l’unica che non ha paura di quella furia irrefrenabile. Anche stavolta le cose vanno in questa direzione, eccetto per il fatto che Eve sembra non voler avere più niente a che fare con Villanelle. Che per questo aumenta ulteriormente, se possibile, la sua rabbia nei confronti del genere umano tutto. Lo spazio per i sentimenti, la compassione, perfino l’amor proprio è relegato a pochi istanti fugaci e sembra non esplodere mai. Almeno fin qui.


- click per ingrandire -

Il genere umano. Non riesce a sopportare troppa realtà.
Alla grandezza delle due attrici si affiancano le ottime interpretazioni di Fiona Shaw che racconta la freddezza e il cinismo dell’ex agente dell’MI6 Carolyn che si ritrova a subire l’onta di una retrocessione professionale con la dignità di chi sa che presto o tardi le cose volgeranno a proprio vantaggio, e di Kim Bodnia che col suo Konstantin non smette di tessere le trame che portano agli omicidi, ancora una volta con le grasse risate che sembrano poter sdrammatizzare ogni cosa. Il nuovo ingresso di Pam (Anjana Vasan), che da imbalsamatrice presso l’impresa di pompe funebri familiare viene reclutata come assassina, e lo sviluppo del personaggio di Hélène (Camille Cottin), membro dei Dodici che cospira affinché l’organizzazione venga smantellata, sono altri due fiori all’occhiello della stagione. Impreziosita ulteriormente dal solito reparto tecnico notevole e impeccabile. Le inquadrature particolari, significanti, sono un enorme valore aggiunto che determina anche la qualità dell’intera opera. Nel montaggio, nei dialoghi sferzanti e provocatori risiede la potenza di una storia che vuol essere raccontata con uno spessore diverso da quelli dei prodotti in circolazione.


- click per ingrandire -

I flashback che spiegano i rapporti tra alcuni personaggi chiave in un passato in bianco e nero fatto di gioventù, vitalità e ambizione di poter cambiare il mondo sono la cosa migliore. Gli intrighi che hanno successivamente generato sia i Dodici che le forze che vi si sono opposte conducono perfettamente verso una risoluzione eccellente. E invece accade il peggio. Il problema di questo ultimo capitolo sta proprio nel finale, incredibilmente frettoloso e buttato via. Laddove tutto avrebbe dovuto trovare un senso concreto e una chiusura coi fiocchi, si avverte un terribile senso di vuoto e di incompiuto. Oltre a ciò che accade, che è decisamente discutibile, il modo in cui il tutto viene raccontato è a dir poco insoddisfacente. Tutto quello che è stato certosinamente seminato dalla prima stagione, trova qui una conclusione indegna, quasi banale, che non premia il valore dei personaggi e di quello che hanno fatto, buono o cattivo che sia. Quasi come se chi abbia scritto questa quarta stagione abbia terminato forzatamente volendo far intendere che non era ancora il momento. Una delusione cocente per quanti hanno amato Killing Eve dal suo esordio nel 2018.


- click per ingrandire -

Perché guardare la quarta e ultima stagione di Killing Eve?
Quelli che hanno seguito la serie per le prime tre stagioni non possono non vederne la fine. Anche se avrebbe dovuto essere molto diversa. Perché assistere all’ultimo episodio è davvero un supplizio. Anche accettando le scelte degli sceneggiatori, sarebbe stato fondamentale rispettare lo stile elevato seguito fino a questo momento, un momento cruciale e definitivo che meritava un esito certamente forte ma anche pieno e, perché no, esplosivo se necessario. Un vero peccato per una storia davvero originale che termina come non ci si sarebbe mai aspettato. Nel senso più negativo possibile.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 8,5 Potenziale 9

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 8 Senso 6 Qualità 5
Giudizio Complessivo 6,3

Killing Eve | stagione 4
thriller, drammatico | UK | 28 feb - 18 apr 2022 | 8 ep / 42 min | TIMvision

ideatrici Sally Woodward Gentle, Phoebe Waller-Bridge

personaggi interpreti

Eve Polastri Sandra Oh
Oksana Astankova / Villanelle Jodie Comer
Carolyn Martens Fiona Shaw
Konstantin Vasiliev Kim Bodnia
Hélène Camille Cottin
Martin Watson Adeel Akhtar
Vlad Laurentiu Possa
Pam Anjana Vasan
Yusuf Robert Gilbert
Lars Meier Ingvar Sigurdsson
Gunn Marie-Sophie Ferdane
Hugo Turner Edward Bluemel
Elena Felton Kirby Howell-Baptiste

critica IMDb 6,6 /10 | Rotten Tomatoes critica 6,3 /10 utenti 2,2 /5 | Metacritic critica 55 /100 utenti nd

aspect ratio 16 : 9

 

Articoli correlati

Wolf Like Me | la recensione

Wolf Like Me | la recensione

La miniserie australiana su Amazon Prime Video brilla per la capacità degli interpreti, della sceneggiatura e della regia di emozionare, divertire, commuovere e spaventare con efficacia, vivacità e un pizzico di originalità
La scuola dei misteri: Las Cumbres | stagione 2

La scuola dei misteri: Las Cumbres | stagione 2

La recensione | La seconda stagione della serie Amazon aumenta il carattere sovrannaturale a scapito di quello thriller, mettendo ancora più in evidenza il tema della memoria come necessaria per la ricerca di una verità che non necessariamente coincide col senso di liberazione da tutti i mali
Snowpiercer | stagione 3 | la recensione

Snowpiercer | stagione 3 | la recensione

Il terzo capitolo della serie su Netflix nata dal film del premio Oscar Bong Joon-ho continua a tenere avvinti per il ritmo sostenuto e implacabile e per il suo carattere fortemente politico e belligerante, particolarmente in questo momento in cui a pochi chilometri da noi si sta consumando un’ingiusta e spietata guerra
La fantastica Signora Maisel | stagione 4

La fantastica Signora Maisel | stagione 4

La recensione | Il quarto capitolo di una delle serie migliori su Amazon Prime Video torna dopo la pandemia con una storia che sembra parallela alla nostra ripartenza, con un inizio apparentemente debole, che pian piano porta a un acme che anche da solo vale il prezzo del biglietto
Upload | stagione 2 | la recensione

Upload | stagione 2 | la recensione

Il secondo capitolo della serie Amazon in cui la coscienza può essere spostata in una realtà virtuale, è interessante per l’introduzione del movimento luddista e di una ulteriore visione di un possibile futuro. Peccato per le aspettative generate nella prima stagione non del tutto soddisfatte.
Guida astrologica per cuori infranti, stagione 2

Guida astrologica per cuori infranti, stagione 2

La recensione | La seconda parte della commedia Netflix che attraversa il mondo dello zodiaco, conclude piacevolmente una serie leggera ma non inconsistente, che stavolta si tinge di toni più maturi e centrati, specialmente grazie alla divertente e brillante protagonista Claudia Gusmano



Commenti