Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Cowboy Bebop | stagione 1 | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 03 Dicembre 2021 nel canale CINEMA

“La versione live action dell’anime del 1998 non è all’altezza dell’originale. I buoni spunti iniziali non trovano il giusto slancio nel prosieguo degli episodi, nonostante le potenzialità offerte dai tanti generi da cui la serie è composta e dai vari reparti, non ultimo quello del buon cast artistico.”


- click per ingrandire -

Nel 2171 i cacciatori di taglie Spike Spiegel e Jet Black cercano in tutti i modi di sbarcare il lunario cercando di incastrare i ricercati dalla legge. Dopo alcuni episodi andati male, fanno la conoscenza di Faye Valentine, bounty hunter come loro che, inizialmente riluttante, decide di unirsi al gruppo sulla nave Bebop. Ma il passato turbolento di Spike viene di colpo a galla quando incrocia sul proprio cammino Vicious, spietato capo del Red Dragon Crime Syndicate. Quello che si nasconde nelle trame della loro violenta vita precedente comprende anche Julia, affascinante moglie di Vicious, che per anni ha pensato che Spike fosse morto.


- click per ingrandire -

Basata sull’omonimo anime del 1998 (in Italia è arrivato un anno dopo, trasmesso da MTV) di Hajime Yatate sviluppato in 26 episodi (da cui è stato tratto anche un manga e due videogiochi) e sul seguente film d’animazione Cowboy Bebop: Il Film del 2001, questo live action parte in modo bruciante con una prima scena d’azione ad altissimo tasso di adrenalina, oltre che brillante e divertente. Dopo la quale vengono presentati efficacemente i personaggi principali e la loro collocazione spazio-temporale. Spike è un uomo ironico ma dal passato oscuro, Jet un ex poliziotto condannato ingiustamente. Entrambi a caccia di taglie si ritrovano a condividere i loro destini con la rivale in affari Faye, svampita ragazza dalle doti di combattimento pari a quelle dei due colleghi. Intanto vengono introdotti diversi ricercati che si alternano sulla scena in maniera poco riuscita. I diversi antagonisti minori vengono come gettati nella mischia senza mai assumere il giusto spessore, lasciando loro poco spazio, necessario a renderli sufficientemente affascinanti e pregnanti.


- click per ingrandire -

Fino a quando il plot inizia a concentrarsi sulle vicende che riguardano il vissuto di Fearless, nome con cui era conosciuto Spike un tempo. Da qui, l’ingresso di due personaggi chiave, l’irascibile Vicious e la sua bellissima moglie Julia, sembra poter garantire un’accelerazione dell’intreccio e una dinamica maggiore. L’effetto è quello dell’aggiunta di diverse suggestioni, che dalla semplice avventura trasformano la serie in noir, quello fatto di musiche jazz suadenti (che fanno da ottima colonna sonora), intrighi passionali e violenza senza esclusione di sangue e morti. In mezzo, tante citazioni che rendono probabilmente omaggio alle varie fonti di ispirazione. C’è il rum Monkey Punchy, il ricercato che di cognome fa Asimov, lo psicopatico Pierrot Le Fou, e c’è spazio anche per uno stralcio del monologo finale di Roy Batty in Blade Runner. Tutto interessante ma non abbastanza ben imbastito da rendere il prodotto coinvolgente, come avrebbe meritato di essere.


- click per ingrandire -

L’episodio migliore è quello total flashback che dopo diversi momenti nei vari episodi in cui si va nel passato, riassume dall’inizio in maniera esaustiva quello che c’era stato tra Spike e Vicious. L’atmosfera è molto forte, le inquadrature decise, la storia si fa d’un tratto molto più densa. Se il resto della serie avesse avuto lo stesso pathos sarebbe stata decisamente più riuscita. Anche il momento in cui Spike finisce a vagare nel proprio inconscio, preda di una macchina, è interessante e ben fatto. E anche la scelta di utilizzare la stessa grafica dell’originale, così come la sigla, risulta intelligente e ben realizzata. Peccato che non basti a salvare le sorti del resto di quello che è di fatto uno space western le cui possibilità non sono sfruttate a dovere.


- click per ingrandire -

La serie si discosta molto dall’anime e questo poteva essere un bene. Il tradimento dell’originale è ben accetto se ne rispetta le intenzioni aumentandone le potenzialità. Una serie live action di questa portata avrebbe dovuto aggiungere senso alle versioni da cui proviene e qui la scommessa era a dir poco succulenta, specialmente per il seguito di appassionati derivante dal cartone. Non che non ci sia niente da salvare, per fortuna. Tra i vari attori, tutti abbastanza capaci, spicca certamente Alex Hassell, che interpreta Vicious con le giuste dosi di irresponsabilità e spietatezza. La sua faccia tirata e i suoi occhi sbarrati sono tra le cose migliori della serie. Altra menzione va fatta per Tamara Tunie che interpreta Ana, la proprietaria del jazz club che rappresenta la figura materna per Spike. Che recita con grazia e determinazione, in un equilibrio di forze non da tutti.


- click per ingrandire -

Le scenografie sono curate nello stile, anche se non sono del tutto rispondenti alle esigenze di una trasposizione tanto ricca di dettagli. Allo stesso modo i costumi. Le scene d’azione sono realizzate bene e gli effetti visivi che le accompagnano funzionano anch’essi. Il problema principale sta nella sceneggiatura che abbassa i toni e non eleva i reparti tecnici a un livello superiore che doni i giusti personalità e fascino. Il finale poi è eccessivamente drammatico, salvo, in una nuova scena (quasi da post credit), tentare di risollevarne le sorti, ottenendo soltanto un contrasto a dir poco sgradevole, con l’introduzione di un personaggio ben presente nell’originale, che porta a una sicura seconda stagione, già pianificata dagli autori prima di scrivere questo primo capitolo. Nell’attesa di novità, si spera che questi ultimi correggano il tiro e rendano alla serie ciò che prometteva il trailer. E che i fan e gli altri spettatori si aspettano e meritano di ricevere.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 7,5 Potenziale 8,5

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 7 Senso 6 Qualità 7,5
Giudizio Complessivo 6,8

Cowboy Bebop (live action) | stagione 1
noir, avventura, fantascienza, commedia, drammatico | USA | 19 nov 2021 | 10 ep / 46 min | Netflix

sviluppata da Christopher Yost

personaggi interpreti

Spike Spiegel / Fearless John Cho
Jet Black Mustafa Shakir
Faye Valentine Daniella Pineda
Julia Elena Satine
Vicious Alex Hassell
Ana Tamara Tunie
Gren Mason Alexander Park
Caliban John Noble

critica IMDB 6,7 /10 | Rotten Tomatoes critica 5,8 /10 utenti 2,9 /5 | Metacritic critica 47 /100 utenti 4,9 /10

aspect ratio 2 : 1

 

Articoli correlati

Strappare lungo i bordi, stagione 1 4K HDR

Strappare lungo i bordi, stagione 1 4K HDR

la Recensione | La serie di Zerocalcare, al secolo Michele Rech, che sta spopolando su Netflix oltre che in tutta la rete con meme ed estratti, è tra le cose migliori viste in questo 2021, grazie a una sceneggiatura densa e reparti tecnici che nulla hanno da invidiare a produzioni ben più costose di questa
Fondazione | stagione 1 | la recensione

Fondazione | stagione 1 | la recensione

La prima stagione della serie tratta dal Ciclo delle Fondazioni di Isaac Asimov, uno dei padri della fantascienza, gli rende merito principalmente grazie a un impianto tecnico di livello. La struttura narrativa, decisamente da migliorare, decolla solo dopo la metà degli episodi.
Guida astrologica per cuori infranti, stagione 1

Guida astrologica per cuori infranti, stagione 1

La recensione | La buona idea del romanzo di Silvia Zucca viene sviluppata con qualche incertezza di troppo per un prodotto Netflix. Ma via via che gli episodi scorrono la qualità inizia a crescere, grazie ad attori freschi anche se poco conosciuti, fino a un buon finale che apre le porte a un sicuro seguito.
You | stagione 3 | la recensione

You | stagione 3 | la recensione

Il terzo capitolo della fortunata serie Netflix sul libraio stalker Joe assume forme nuove e più complesse grazie a un matrimonio e alla paternità. E la sceneggiatura si muove anche stavolta in maniera fluida e stabile in perfetta contrapposizione al carattere e al destino del protagonista che racconta.
Oats Studios | la recensione dei corti

Oats Studios | la recensione dei corti

Densi e magnifici, i corti del visionario Neill Blomkamp interpretati da Sigourney Weaver, Dakota Fanning e Sharlto Copley, raccontano di passato, presente e futuro possibili e alternativi con una capacità qualitativa rivoluzionaria, sperimentale e originale
Il codice da un miliardo di dollari

Il codice da un miliardo di dollari

Recensione | Tratto dall’incredibile storia vera di due ragazzi che avevano creato un software identico a quello che si sarebbe poi chiamato Google Earth, la serie tedesca analizza i meccanismi che hanno condotto al processo con meticolosità, andando a scavare nella passione che può sfociare in un sogno realizzato, salvo clamorosi plagi



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: ellebiser pubblicato il 03 Dicembre 2021, 11:42
Vista e non mi è dispiaciuta, ci sono dei buoni spunti concordo che si poteva fare meglio avendo diversi elementi e un buon cast a disposizione.
Commento # 2 di: yuzathecloud pubblicato il 03 Dicembre 2021, 11:48
Nonostante la stagionatura del protagonista fosse decisamente eccessiva ho apprezzato anche io la cura e l'impegno profuso in un lavoro traspositivo che non ritengo dei più semplici. Ha decisamente superato le mie, pur non elevate, aspettative.
Commento # 3 di: Franco Rossi pubblicato il 03 Dicembre 2021, 12:37
Discreta serie leggera che si lascia guardare.
Purtroppo attualmente nessuna serie mi è piaciuta come la regina degli scacchi, che ritengo un capolavoro tra quelle distruite da Netflix.