Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Snowpiercer | stagione 2 | la recensione

di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 06 Aprile 2021 nel canale CINEMA

“La serie che parte dal film del 2013, prosegue la sua corsa con grande qualità, amplificando pathos e azione in un turbinio di accadimenti che mette accanto ai protagonisti della prima stagione due nuovi personaggi che destabilizzano e aggrovigliano ulteriormente una trama già ricca e avvincente”


- click per ingrandire -

In seguito al successo della rivoluzione, Melanie cede il controllo dello Snowpiercer a Layton che vi stabilisce un governo democratico. Ma proprio quando tutto sembra scorrere per il meglio, il Big Alice, un treno di rifornimento, prototipo di quello definitivo, aggancia lo Snowpiercer bloccandolo. Ne viene fuori Alexandra, la figlia ormai adolescente di Melanie, da lei creduta morta, che chiede la resa incondizionata a nome di Mr. Wilford. Nasce così una nuova contesa tra quelli che vorrebbero libertà e giustizia e quelli che preferiscono stare sotto il controllo di chi ha di fatto salvato quel che resta dell’umanità.


- click per ingrandire -

Dopo il finale mozzafiato della prima stagione (qui la nostra recensione Snowpiercer | stagione 1), la serie tratta dall’omonimo film del 2013 del regista sudcoreano Bong Joon-ho (premio Oscar per Parasite, qui in veste di produttore) amplifica le controversie dovute alla lotta di classe che teneva ben separati i vari strati sociali all’interno del treno/arca. Con la proclamazione di una democrazia da mettere a punto, per cui ancora fragile e complessa, gli equilibri si sono spostati a favore dei più deboli e maltrattati che dopo aver combattuto vorrebbero approdare definitivamente al tanto agognato riscatto. La bugia circa la presenza di Wilford sul treno tenuta in piedi da Melanie per sette anni viene adesso messa da parte proprio dal ritorno di chi era stato sostituito.


- click per ingrandire -

Nonostante la manifesta megalomania dell’uomo, il mito della resurrezione del creatore fa immediatamente presa sulle menti di una larga parte dei passeggeri, quelli che senza di lui si sentivano privati di una guida autorevole e sicura. L’impalcatura democratica ottenuta col sangue inizia a vacillare sotto i continui colpi di chi sa bene come affascinare e manipolare, anche grazie al vantaggio nell’aver costruito il treno, che gli permette di conoscerne ogni anfratto, specialmente nella parte ingegneristica. Quando tutti sembrano smarrire la direzione e scelgono di delegare le responsabilità nelle mani di una sola persona si genera il paradosso: un’apparente democrazia che cela una perfetta dittatura.


- click per ingrandire -

La scrittura della storia, resa anche stavolta con dovizia e cura, crea nuovi centri di attenzione stabilendo fulcri alternativi a quelli che parevano ormai consolidati, semplicemente inserendo due personaggi: Wilford e Alex. Quando Melanie scopre che Alexandra è viva si ritrova all’improvviso nella scomoda posizione di chi ha abbandonato la figlia, dovendone riconquistare fiducia e affetto. Ma d’altro canto, questo le dà un’enorme spinta a sopravvivere, non tanto per sé quanto per lei. Melanie sa bene cosa Wilford può aver inculcato nella mente della ragazza durante la sua assenza. Lo conosce a fondo e sa che è in grado di fare qualsiasi cosa pur di ottenere il potere. Alex è il fulcro primario su cui si concentrano due forze contrastanti: da una parte un uomo spietato pronto a tutto per tornare ad essere re, dall’altro una donna in cerca di redenzione dopo aver però mentito a tutti per anni, interpretando proprio la parte di quell’uomo.


- click per ingrandire -

Soprattutto in questa seconda stagione, Snowpiercer rappresenta una serie profondamente politica, sia in senso alto, cioè ideale, che in senso basso, legato ai meccanismi atti a prevalere. Il divide et impera del dominatore si contrappone a una libertà difficile da mantenere. Layton è un guerriero che ha condotto i reietti a essere riconosciuti come uguali agli altri, in una guerra che ha visto il sacrificio di tanti amici e anche di un amore. Non è dunque la paura il suo limite. Lo è invece l’inesperienza di fronte a una responsabilità tanto grande quanto complessa e piena di sfumature. Sa di essere in svantaggio rispetto a Wilford ma non esita a confrontarsi con lui, sempre mosso dal senso di giustizia che da vittima lo ha trasformato in eroe.


- click per ingrandire -

L'illusione è utile se ti priva del dolore.
Accanto a questo si colloca la parte interiore dei personaggi che destabilizza ogni razionalità e prevedibilità. Neanche Wilford ne resta immune. Audrey è il suo punto debole. La donna che gestisce la carrozza notturna in cui le tensioni si stemperano attraverso la guarigione dello spirito, conosce i segreti più intimi di tante persone e li gestisce con eleganza e onestà. Le sue canzoni mettono i brividi per intensità e forza, mostrando un animo sensibile e profondo. Fino a quando il ritorno al passato che la vedeva vicina a Wilford non la porta a corrompere di nuovo la sua natura.


- click per ingrandire -

Gli altri personaggi costellano gli episodi di grande ricchezza di particolari. A partire da Ruth, la responsabile dell’accoglienza e della comunicazione sul treno (che adora Wilford) che si confronta con Kevin, suo omologo su Big Alice. Dovrà però fare i conti con la sua coscienza che alla luce dei nuovi equilibri rischia di rimanere pesantemente compromessa. C’è anche un ritorno inaspettato che mette in crisi la volontà di Layton, ma tesse al contempo una rete di comunicazione tra i due convogli come in una spy story. Le altre sottotrame aggiungono forza a un impianto ben rodato che proprio per questo necessita costantemente di nuova linfa vitale. Che davvero non manca mai.


- click per ingrandire -

Lo sviluppo di questo seguito è ricco di colpi di scena che aumentano il pathos iniziale già molto denso. I tanti elementi presenti nella serie vengono gestiti egregiamente ed esaltati anche qui. Dalla sceneggiatura, alla fotografia, passando per effetti visivi e musiche, tutti i reparti concorrono a un successo nient’affatto scontato che cattura l’attenzione dello spettatore rendendolo in un modo o nell’altro parte della locomotiva lunga 1034 carrozze. Nel finale resta qualche dubbio nell’intreccio, fin troppo sbrigativo nel risolvere un accadimento chiave, che potrebbe però essere funzionale a ciò che succederà in seguito. E data la necessità di mantenere standard decisamente alti per soddisfare adeguatamente le aspettative del pubblico, la terza stagione potrebbe arrivare verosimilmente all’inizio del 2022.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

soglia d’attenzione
Scorrevolezza MEDIO/ALTA Impegno MEDIO

visione
Intrattenimento 9 Senso 7 Qualità 8,5

dal trailer all’intera serie
Aspettativa 8 Potenziale 9
Risultato 8,2

Snowpiercer | stagione 2
drammatico, thriller, fantasy | USA | 26 gen - 30 mar 2021 | 10 ep / 47 min | Netflix

ideatore Graeme Manson

personaggi interpreti
Melanie Cavill Jennifer Connelly
Andre Layton Daveed Diggs
Mr. Joseph Wilford Sean Bean
Alexandra “Alex” Cavill Rowan Blanchard
Josie Wellstead McConnell Katie McGuinness
Audrey Lena Hall
Zarah Sheila Vand
Kevin Tom Lipinski
Ruth Wardell Alison Wright
Bess Till Mickey Sumner
Pike Steven Ogg
Bennett Iddo Goldberg
Roche Mike O'Malley
L. J. Folger Annalise Basso
John “Oz” Osweiller Sam Otto
Avi Roberto Urbina
Bojan “Boki” Boscovic Aleks Paunovic
Dottor Headwood Damian Young
Dottoressa Headwood Sakina Jaffrey
Icy Bob Andre Tricoteux
Dottoressa Pelton Karin Konoval
Winnipeg “Winnie” Emma Oliver
Miles Jaylin Fletcher

critica IMDB 7,8 /10 | Rotten Tomatoes 7,3 /10 | Metacritic 59 /100

camera RED Epic Dragon
aspect ratio 16 : 9

 

 

Articoli correlati

Raya e l'ultimo drago | la recensione

Raya e l'ultimo drago | la recensione

Il film Disney sulla ragazza alla ricerca della creatura che riporti la pace nel suo regno, non è solo un intrattenimento di alta qualità. Rappresenta pienamente quello che è il mondo circostante, tra la paura del virus e il desiderio che le cose ritornino a com'erano quando tutto sembrava semplicemente normale
Sky Rojo | stagione 1 | la recensione

Sky Rojo | stagione 1 | la recensione

Stagione 1 | La serie spagnola dei creatori di La casa di carta, ha molto più da dire rispetto alla premessa di tre ragazze costrette alla prostituzione in fuga dal proprio boss. Tra scene d'azione alla Tarantino e riflessioni sulla sopravvivenza in una storia non scontata e dagli esiti imprevedibili
La Coppia quasi Perfetta | la recensione

La Coppia quasi Perfetta | la recensione

Stagione 1 | Un test del DNA può abbinare chiunque alla propria anima gemella. La serie di Netflix mette in evidenza conflitti morali tra l'amore felice e l'ambizione spietata con esiti a tratti forzati ma dai risvolti intriganti che tengono lo spettatore col fiato sospeso e a rischio binge watching
Raised by Wolves | la recensione

Raised by Wolves | la recensione

Stagione 1 | La serie prodotta da Ridley Scott inizia in maniera distaccata rivelandosi al contrario come un'avventura appassionante. Ambientata su un pianeta sconosciuto pieno d'insidie, in cui filosofia, mistero e fantascienza si incontrano per raccontare una storia di umana imperfezione
Fino all'ultimo indizio | la recensione

Fino all'ultimo indizio | la recensione

Denzel Washington si muove tra sicurezza, ossessione e paura, preda di un diabolico Jared Leto. Il film di John Lee Hancock, che ha avuto una lunga gestazione, ha una grande fascinazione che non culmina, come avrebbe dovuto, in un finale coerente col resto della pellicola



Commenti