Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Raya e l'ultimo drago | la recensione

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 30 Marzo 2021 nel canale CINEMA

“Il film Disney sulla ragazza alla ricerca della creatura che riporti la pace nel suo regno, non è solo un intrattenimento di alta qualità. Rappresenta pienamente quello che è il mondo circostante, tra la paura del virus e il desiderio che le cose ritornino a com'erano quando tutto sembrava semplicemente normale”


- click per ingrandire -

Il regno di Kumandra in cui umani e draghi vivono in armonia, viene colpito dall’arrivo dei Druun, spiriti maligni che trasformano gli esseri viventi in pietra. Sisu, l’ultimo drago rimasto, racchiude tutti i poteri in una pietra che caccia via i Druun e riporta in vita gli umani ma non i draghi. Cinquecento anni dopo, Kumandra è divisa in cinque sottoregni, Coda, Artiglio, Dorso, Zanna e Cuore, a simboleggiare il corpo degli indimenticati draghi. Il sovrano di Cuore, Benja, addestra la figlia Raya all’arte del combattimento per difendere la Gemma Drago dalla cupidigia degli altri popoli. Durante un incontro in cui vengono riunite le varie tribù al fine di trovare un modo per tornare un unico popolo, la piccola Raya resta vittima dell’inganno di Namaari, figlia della sovrana di Zanna, che tenta di portar via la Gemma. Giungono anche gli altri e nel tentativo di accaparrarsi la pietra la rompono liberando ancora una volta il potere dei Druun. Sei anni dopo, Raya si mette in cerca di Sisu col fido Tuk Tuk, un incrocio tra un cane e un armadillo che rotola sulla propria corazza come un mezzo di locomozione. Una volta trovato l’ultimo drago inizia per loro un’avventura per riunire i cinque pezzi della Gemma e con essi i gruppi che un tempo formavano la florida Kumandra.


- click per ingrandire -

Dai creatori di Oceania e Frozen, arriva questo film d’animazione flagellato distributivamente come tanti altri dalla pandemia, uscito in alcune sale e in contemporanea sulla piattaforma streaming Disney+. Un vero peccato data la grande cura nel mettere in scena gli elementi che lo compongono, a partire dalle sontuose scenografie cui la casa di Topolino ci ha da sempre abituati. Anche la storia è all’altezza di un prodotto, non solo per bambini, che arriva in un momento in cui credere e resistere sono le parole d’ordine in un mondo in cui un ordine normale delle cose pare essere smarrito.


- click per ingrandire -

Anche se con uno spirito positivo e una grazia regale, Raya è diventata una guerriera che ha perduto qualsiasi fiducia nel prossimo. Oltre ad aver perso l’adorato padre pietrificato dai Druun, ha commesso l’errore di mostrare, a un’altra bambina come lei, la cosa più preziosa del regno. Sente il peso della colpa, come se tutto ciò che è seguito sia stata una sua responsabilità e per questo non cede di un passo sulle proprie convinzioni. Tuk Tuk è il suo amico tuttofare. Animale da compagnia, motorino monoruota e soldato impavido, rappresenta la parte dolce della ragazza. Ha l’aspetto dei due scoiattoli Cip e Ciop e la medesima simpatia, con quel pizzico di ingenuità che lo rende ancor più adorabile.


- click per ingrandire -

Il resto dei componenti del gruppo che si forma per supportare Raya è tanto variegato quanto ben caratterizzato. In testa a tutti c’è Sisudatu, l’ultimo drago sulla faccia di una terra martoriata, che viene raccontato come parte leggera della storia. Sisu non solo ha perso i due fratelli e le due sorelle, è rimasta l’unica della sua specie, ma nonostante questo mantiene uno stoico coraggio nel credere che un’alternativa sia ancora possibile. Associato solitamente al fuoco, il drago è qui rappresentato dall’acqua in tutte le sue forme e mutazioni meteorologiche. Così come, al contrario della visione occidentale che lo vuole portatore di morte e distruzione, appare nel film nella versione della cultura orientale, come creatura portatrice di fortuna e bontà.


- click per ingrandire -

Gli unici veri cattivi della favola sono i Druun, gli incontrollabili e filamentosi spiriti viola che possono sbucare ovunque senza preavviso. La giovane Namaari, rivale di Raya, farebbe di tutto pur di portare gioia e prosperità al suo popolo. Per questo è disposta a ogni bassezza, ogni possibile imbroglio. Ma al cospetto di Sisu i suoi propositi vacillano e uno spiraglio di luce inizia a farsi largo suo malgrado. In fondo le due ragazze sono le due facce di una stessa medaglia. Così come lo sono Virana, madre di Namaari, e Benja, padre di Raya, insieme agli altri capitribù.


- click per ingrandire -

La sceneggiatura del film ha una qualità e ricchezza invidiabili, anche se con qualche minima sbavatura. Non mancano diverse citazioni a Indiana Jones, tutte più che esplicite, come se la protagonista volesse essere la sua versione al femminile. Qui non è tanto l’unione a fare la forza quanto piuttosto la fiducia, che manca proprio alla protagonista. Il suo sforzo di restare salda si contrappone al bisogno di conciliare le esigenze di tutti, unica modalità per rimettere insieme i cocci di un passato che rischia di restare tale. Le chiavi di lettura si moltiplicano proprio a partire da questo apparentemente semplice presupposto che scardina convinzioni e convenzioni laddove anche la personalità più aperta farebbe fatica.


- click per ingrandire -

Un film che sarebbe stato bello vedere nelle sale, dove ha incassato molto tenendo presente le limitazioni dovute alla pandemia. In un periodo tanto lacerato, Raya e il suo universo sono davvero necessari per ricordare quanto sia fondamentale resistere sempre e comunque, una metafora profonda, piacevole e a tratti allegra dei nostri tempi oscuri. Così come la paura di un virus ha destabilizzato la percezione della realtà, così il ritorno degli spiriti maligni a Kumandra alimenta instabilità, violenza e prevaricazione. I Druun sono la rabbia collettiva che serpeggia sotterranea e subdola in attesa di essere liberata, il drago Sisu rappresenta la pace interiore, il traguardo da raggiungere con ogni mezzo. Raya siamo noi, insicuri, spaventati, ma col desiderio che tutto ritorni a com’era quando ogni cosa appariva semplicemente normale.


- click per ingrandire -

VALUTAZIONI

Regia 7,5 Sceneggiatura 7 Musiche 8
Film 7,8

Raya e l'ultimo drago (Raya and the Last Dragon)
animazione, avventura, fantastico | USA | 2021 | 107 min

regia Don Hall, Carlos López Estrada sceneggiatura Qui Nguyen, Adele Lim musiche James Newton Howard

critica IMDB 7,5 /10 | Cinematografo 3 /5 | Rotten Tomatoes 7,7 /10 | Metacritic 75 /100
incassi cinema $ | 69 MLN

formato 4K Ultra HD, Dolby Vision, HDR10
aspect ratio 2,39 : 1
formato audio 5.1

 

 

Articoli correlati

Sky Rojo | stagione 1 | la recensione

Sky Rojo | stagione 1 | la recensione

Stagione 1 | La serie spagnola dei creatori di La casa di carta, ha molto più da dire rispetto alla premessa di tre ragazze costrette alla prostituzione in fuga dal proprio boss. Tra scene d'azione alla Tarantino e riflessioni sulla sopravvivenza in una storia non scontata e dagli esiti imprevedibili
La Coppia quasi Perfetta | la recensione

La Coppia quasi Perfetta | la recensione

Stagione 1 | Un test del DNA può abbinare chiunque alla propria anima gemella. La serie di Netflix mette in evidenza conflitti morali tra l'amore felice e l'ambizione spietata con esiti a tratti forzati ma dai risvolti intriganti che tengono lo spettatore col fiato sospeso e a rischio binge watching
Raised by Wolves | la recensione

Raised by Wolves | la recensione

Stagione 1 | La serie prodotta da Ridley Scott inizia in maniera distaccata rivelandosi al contrario come un'avventura appassionante. Ambientata su un pianeta sconosciuto pieno d'insidie, in cui filosofia, mistero e fantascienza si incontrano per raccontare una storia di umana imperfezione
Fino all'ultimo indizio | la recensione

Fino all'ultimo indizio | la recensione

Denzel Washington si muove tra sicurezza, ossessione e paura, preda di un diabolico Jared Leto. Il film di John Lee Hancock, che ha avuto una lunga gestazione, ha una grande fascinazione che non culmina, come avrebbe dovuto, in un finale coerente col resto della pellicola
El internado: Las Cumbres | la recensione

El internado: Las Cumbres | la recensione

Stagione 1 | La serie spagnola su Amazon Prime Video avvince per i temi ben sviluppati risultando più concreta rispetto alla versione originale del 2007. Con qualche passaggio da rivedere nel finale per una prossima stagione che promette scintille



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: bradipolpo pubblicato il 30 Marzo 2021, 15:59
Ovviamente, quando uscirà su disco, scordiamoci l'edizione 4K italiana: un bel BD+DVD, tanto per non perdere l'abitudine.....