Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Test Sub Definitive Technology DN8

Recensione di G.P. Matarazzo , pubblicato il 13 Gennaio 2023 nel canale AUDIO

“Il piccolo Descend DN8 è un subwoofer in configurazione 'reflex', con driver da 8 pollici, due woofer passivi dello stesso diametro, piccolo ma dotato di una resa eccellente, frutto di una costruzione ed una configurazione originale, dotato di amplificatore da 200 watt RMS e fino a 500 W di picco”


- click per ingrandire -

INTRODUZIONE

Marchio: DEFINITIVE TECHNOLOGY

Modello: Descend 8

Provare un subwoofer in generale potrebbe sembrare facile, ma secondo il nostro punto di vista non è affatto cosa semplice, sia per l’interfaccia con l’ambiente che con i satelliti. Occorre infatti conoscere bene la sua costruzione ed i suoi limiti. Ed è quello che abbiamo fatto in questo test. Il piccolo Definitive Technology è un subwoofer piccolo ma dotato di una resa eccellente, frutto di una costruzione ed una configurazione originale.

CARATTERISTICHE DICHIARATE DAL COSTRUTTORE

  • Tipo: Subwoofer in reflex con due woofer passivi
  • Potenza amplificatore: 200 watt rms – 500 di picco (THD < 1%)
  • Regolazione di fase: 0 / 180°
  • Risposta in frequenza: 34 – 200 Hz
  • Numero delle vie: una
  • Frequenza di incrocio: da 60 a 120 Hz
  • Subwoofer: Cono in cellulosa e 2 passivi da 200 mm
  • Ingressi: Livello linea L/R/LFE e livello diffusori
  • Dimensioni: 304,8 x 304,8 x 304,8 mm (L x A x P)
  • Peso: 12,2 Kg
  • Alimentazione: 110 – 240 Vac 50-60 Hz
  • Prezzo: 499,00 euro IVA inclusa


- click per ingrandire -

Breve storia del marchio

Il marchio nasce negli States all’inizio degli anni ’90 dall’intuizione del fondatore che l’Home Cinema richiedesse altoparlanti e tecnologie all’avanguardia così che, radunati i migliori progettisti ed audiofili allora disponibili, diede vita a Definitive Technology che nel tempo ha ricevuto nella sua nazione molti premi e riconoscimenti. L’azienda produce diverse serie di diffusori, sempre orientati all’Home Cinema, alcuni dei quali con subwoofer attivo inegrato, anche per i canali centrali. I modelli da pavimento prevedono anche la compatibilità col Dolby Atmos grazie ad un due vie sistemato all’apice del box.

Serie di appartenenza del modello in prova

Il modello 8 è il piccolo della serie Descend che comprende altri subwoofer con la stessa configurazione (un driver e due radiatori passivi con stesso diametro) da 10", 12" e 15", tutti con caratteristiche veramente interessanti. Al momento in Europa sono disponibili soltanto i modelli con diametro dei driver da 8" e 12".

Breve descrizione del modello.

Il sub è di dimensioni molto contenute, praticamente un cubo da 30 cm di lato, dotato di un box molto solido ed abbastanza afono, viste le dimensioni. All’interno in effetti rimane poco spazio, come possiamo vedere dalle foto, tanto che il carico con due woofer passivi si è rivelata l’unica scelta possibile.

Estetica e controlli

Il Descend 8 è caratterizzato da una copertura di stoffa leggera e fonotrasparente che nasconde tutti i driver lasciando in vista soltanto l’unità di comando dell’amplificatore, posto alle spalle del woofer attivo e quindi praticamente invisibile in ambiente.

 


- click per ingrandire -

LA COSTRUZIONE

Viti di fissaggio

Woofer e passivi ben bloccati, con 8 viti passanti e madrevite annegata nel box. Incasso di 1 cm per le teste delle viti e driver fissato posteriormente al pannello.

Assorbente interno

Due pannelli di acrilico a media densità ripiegati in doppio strato. Dalle foto si vede il poco volume interno a disposizione.


- click per ingrandire -

Rinforzi

Nessun rinforzo, viste le dimensioni e la solidità del box.

Pannello frontale

Spessore di 2 cm. con viti incassate ma senza alcuna spia di accensione.

Condotto

Al posto del condotto che sarebbe stato certo di discrete proporzioni ci sono due woofer passivi da 8”, come il driver attivo, per ovviare elegantemente al volume in più che sarebbe stato necessario per un accordo tradizionale.

Crossover

La frequenza di taglio va da 60 Hz a 120 Hz, come da misure, con una esaltazione di qualche dB a circa 34 Hz. Ovviamente ottenuta con un passa alto del II ordine elettrico anche se abbastanza originale. Si nota la 'solita' relazione poco precisa tra frequenza indicata dalla manopola e l’effettiva frequenza di taglio acustico. Un deviatore consente anche l’inversione della fase, senza però alcuna regolazione intermedia.

 
- click per ingrandire -

Woofer

Woofer da 8” ovvero 200 millimetri, ben costruito, con anello di sospensione in gomma molto largo, dimensionato per escursioni meccaniche notevoli. Risonanza bassa, misurata a 34,3 Hz, con una Re di 3,65 ohm. Massa mobile molto pesante e cedevolezza 0,2 mm/N conducono ad un Vas di appena 13,5 litri per una sensibilità molto bassa, appena inferiore ad 84 dB. Fattore di forza notevole, appena superiore a 12 Txm.

Tipo di caricamento

Allineamento in reflex meccanico con ben due woofer passivi dello stesso diametro del trasduttore attivo. La massa mobile di ognuno dei due è ottimizzata con precisione grazie ad un cilindro di metallo avvitato al centro della membrana piatta, come da foto. 


- click per ingrandire -

Cavi

I cavi sono di sufficiente sezione, con una guaina di foam che li tiene uniti e dei connettori faston ricoperti di cuffie di gomma morbida isolante.

Amplificatore

Amplificatore da 500 watt di picco in classe D, che stretto stretto significa oltre 200 watt rms. La potenza potrebbe sembrare elevata, ma occorre tenere presente che l’equalizzazione adottata per estendere la risposta in basso pretende una discreta potenza in un range di frequenza abbastanza ristretto. L’elettronica è sigillata in un guscio di plastica dura che impedisce all’aria di uscire dai connettori o dalla presa dell’alimentazione. Va notato, oltre al canale LFE, l’ingresso di potenza, che risulta comodo per avere un solo controllo del livello.

 
- click per ingrandire -

Particolarità costruttive

Avevo inserito questa voce pensando, in vero, di doverla usare soltanto per dispositivi di un certo costo. Misurando la funzione di trasferimento dell’elettronica di potenza ho notato invece che al di sotto dei 10 Hz la risposta saliva di livello invece di precipitare verso il basso come il classico passa alto per l’accordo del tipo B6. Questo accordo a fronte di una estensione notevole si porta dietro una pendenza di circa 36 decibel per ottava. Il progettista della Definitive Technology con questa enfasi a circa 7 Hz è riuscito a realizzare una curva di risposta un po’ strana ma comunque estremamente funzionale. Il risultato acustico lo leggerete ovviamente nel commento dell’ascolto.

MISURE

Risposta

 
Figura 1 (sx o sopra) - Figura 2 (dx o sotto)
- click per ingrandire -

Come possiamo vedere dai tre grafici di risposta c’è una differenza mediamente contenuta tra la risposta elettrica ai capi dell’amplificatore (Figura 1) e la risposta acustica del subwoofer (Figura 2). In Fig. 1 possiamo notare l’enfasi a circa 34 Hz e la discreta attenuazione elettrica una volta scelta la minima frequenza di taglio che dovrebbe essere di 40Hz. In Figura 2 vediamo come la sola risposta ben correlata sia quella col cursore in posizione mediana. Notate il cambio di pendenza al di sotto dei 20 Hz dovuta agli accorgimenti spiegati nel testo. 

Terzi di ottava


- click per ingrandire -

Risposta a terzi di ottava nel mio ambiente dopo la messa a punto sia dei livelli che della frequenza di incrocio. Il sistema satellite è costituito da un diffusore che progettai qualche anno fa e che uso per muletto ed è stato dotato di passa alto per preservarne l’integrità agli alti livelli. Notare la buona regolarità e la notevole estensione fino a 30 Hz.

THD ( 90 - 95 - differenze)

 
THD a 90 dB(sx o sopra) - THD a 95 dB (dx o sotto)
- click per ingrandire -

Distorsione armonica mediamente contenuta, con la seconda armonica che a 90 dB di pressione media si mantiene sui -30 dB, anche per l’azione del filtro elettronico che equalizza la bassissime frequenze. Notate come oltre i 55 Hz tutte le componenti spettrali scendano al di sotto dei -40 dB. Aumentando il livello a 95 dB di pressione la seconda armonica sale a conferma di una alterazione nella forma del segnale d’ingresso. La terza armonica, quella che indica il “clipping” delle sospensioni, rimane sempre molto bassa,, al di sotto dei -40 dB. Anche le armoniche superiori rimangono sostanzialmente allo stesso livello della misura precedente.


- click per ingrandire -

ASCOLTO

Posizionamento in ambiente

Per questo subwoofer ho trovato soddisfacente il posizionamento alla destra del sistema satellite, usando un  l’incrocio con i due diffusori da stand poco più in alto della minima frequenza di incrocio disponibile.

Rodaggio

Rodaggio del woofer a parte anche il sub completo è stato rodato con dei burst di due sinusoidi a bassissima frequenza, in modo da ammorbidire appena sia le sospensioni del woofer che quelle dei driver passivi. Una buona ora di andirivieni delle membrane è più che sufficiente a far esprimere al meglio il subwoofer che era nuovo di zecca.

Timbrica

La timbrica è solo strumentalmente limitata ai 30 Hz. Nella pratica dell’ascolto l’estensione c’è tutta, con uno smorzamento discreto ed una tenuta in potenza più che sufficiente a sonorizzare il non piccolo ambiente a disposizione

Linearità dinamica


Figura 3
- click per ingrandire -

Il sub rimane sempre abbastanza gradevole anche quando il livello sale a frequenze molto basse. Non ci sono stati mai cenni di cedimento, con qualche passaggio ad un livello sconsiderato nel quale ho annotato una leggera compressione ed una sorta di riduzione delle frequenze più basse. Nulla comunque di sgradevole o di poco musicale. In Figura 3 ho sovrapposto, eguagliando al meglio i livelli, la risposta elettrica di un transiente realizzato appositamente, concentrato in bassa frequenza, con quella acustica misurata. Possiamo vedere come, assolutamente nella norma, il primo ciclo di sinusoide ne risulti abbastanza penalizzato (massa elevata e cedevolezza molto ridotta). Si tratta di un nuovo test che ripeteremo anche sui prossimi subwoofer che ci capiteranno a tiro.

Articolazione

Per quanto sia formalmente scorretto parlare di articolazione alle bassissime frequenze posso dire che la pulizia del segnale rimane appena udibile anche ai bassi livelli.

Tipi di musica

Per l’eleganza della resa in bassa frequenza non credo ci sia un genere musicale particolare da dare in pasto al sub. Ho infatti provato sia la musica classica che quella rock senza la minima sbavatura. Vista la buona tenuta in potenza credo che l’audio dei film d’azione possa essere riprodotto con notevole impatto.


- click per ingrandire -

CONCLUSIONI

Manuale

Manuale multilingue ma accurato.

Rapporto  Valore/Prezzo

Notevole, in virtù sia delle buone prestazioni che del prezzo molto contenuto.

Valore altoparlanti

Di buon livello costruttivo, con parametri notevoli, pur nell’ottica delle grandi masse e delle cedevolezze estremamente ridotte per ottenere volumi di lavoro bassi.

Ambiente – tipo indicato per il subwoofer

Per questo sub, in unione ad un paio di satelliti di buon livello, opportunamente interfacciati, è indicato un ambiente fino a 40-50 metri quadri di medie caratteristiche assorbenti.

Mi è piaciuto

La costruzione, rigida ed originale, la costruzione del woofer.

Non mi è piaciuto

Il filtro passa alto a Q elevato che richiede 4 volte la potenza disponibile nel resto della banda, l’assenza del regolatore di fase 'continuo' sul mobile e la mancanza di un telecomando oppure di una applicazione su smartphone.

 

La pagella secondo Gian Piero Matarazzo: voto finale 8,29

Estensione in Freq. 8,0
Distors. III 100dB 8,0
Vibrazioni 9,0
Diametro driver 8,0
Controlli 7,0
Tenuta in potenza 9,0
Rapporto Q/P 9,0

Per maggiori informazioni: definitivetechnology.com

 

 

Articoli correlati

Supertest Polk Reserve R200

Supertest Polk Reserve R200

Le nuove R200 fissano un nuovo standard di riferimento per prestazioni in relazione al prezzo e anche alcune novità costruttive, ben evidenziate dalle misure e dalle nostre sessioni d'ascolto: il nuovo diffusore da battere tra i bookshelf di fascia media
Misure: l'articulation test secondo Matarazzo

Misure: l'articulation test secondo Matarazzo

Una misura non facile da pensare, da effettuare e da rendere automatica, stabile ed a prova di errore. Dopo più di un anno, sono arrivato ad una verifica strumentale, basata su MLSSA, che dura solo cinque minuti: una volta messa a punto la routine ho sostituito il rumore rosa con la musica. Con qualche sorpresa...
Test: Subwoofer XTZ SUB 10.17 e 12.17

Test: Subwoofer XTZ SUB 10.17 e 12.17

Ecco due subwoofer: il primo con woofer da dieci pollici e l'altro, più grande, che utilizza un woofer da dodici pollici. Sono entrambi abbastanza strani, sono accordati in un sistema altrettanto atipico ma estremamente versatile. Due subwoofer che funzionano davvero bene. Il prezzo? Basso molto interessante.
Il subwoofer: come e perché

Il subwoofer: come e perché

Cosa ci dobbiamo aspettare da un subwoofer da inserire nel nostro impianto? Quali sono le caratteristiche che dobbiamo tenere nel conto quando ci apprestiamo a scegliere un subwoofer? In questi casi sarà utile rileggere queste quattro note.



Commenti