Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

John Williams in Vienna Dolby Atmos

Recensione di Marco Cicogna , pubblicato il 02 Ottobre 2020 nel canale AUDIO

“La DG sbanca con il grande concerto di John Williams a Vienna. Una suite di colonne sonore in CD, file audio, Blu Ray (audio e video) e un doppio vinile da collezione. Un prodotto discografico per tutte le stagioni e per ogni appassionato. Qualunque sia il vostro formato d'elezione, il suono dei Wiener Philharmoniker saprà affascinarvi”

Il giudizio di Emidio Frattaroli


- click per ingrandire -

L'emozione dell'acquisto, nell'attesa e all'arrivo del cofanetto del concerto dei Viener diretti da John Williams, non la provavo da molto tempo. Del resto il mix perfetto tra la meravigliosa acustica del Musikverein di Vienna, il repertorio popolare e l'esclusivo direttore, sarebbero irresistibili per chiunque. E in effetti l'acquisto non è stato dei più semplici. Il cofanetto, con CD e Blu-ray Disc, è andato esaurito rapidamente. Io l'ho acquistato su amazon.de, ad un prezzo sensibilmente più basso rispetto a quello medio "italiano"; misteri del mercato globale...


- click per ingrandire -

Le caratteristiche audio sono di gran pregio, non soltanto per la presenza di tre mix differenti - ovvero stereo, multicanale classico e Dolby Atmos - ma per la qualità della produzione, con mix caratterizzato da equilibrio timbrico e dinamica all'altezza delle aspettative. A pochi giorni dall'arrivo l'ho già ascoltato parecchie volte ed è già diventato un 'disco test' particolarmente utile, soprattutto per l'articolazione, la potenza e l'estensione in gamma bassa. Il giudizio sulla qualità video è molto diverso.

 
Due inquadrature con dettaglio e risoluzione sensibilmente differenti
- click per ingrandire -

Se la produzione audio è decisamente al passo con i tempi, quella video è decisamente superata. La traccia video è in formato Full HD a scansione interlacciata che è ancora oggi - purtroppo - uno 'standard' per le produzioni di musica colta. Vi ricordo che il formato video Full HD a scansione interlacciata è quello 'televisivo', lo stesso formato trasmesso dal digitale terrestre oppure dal saltellite, anche da Sky. In Europa il segnale Full HD a scansione interlacciata ha una frequenza di 50Hz. Questo significa che ogni secondo si alternano 50 semiquadri, ciascuno a metà risoluzione Full HD. Per questa produzione, invece hanno scelto una scansione a 60Hz (per la precisione, la frequenza è 59,94 Hz).

 
Due identiche inquadrature, con bilanciamento del bianco differente
- click per ingrandire -

Per completezza, lo 'standard' dei film sullo stesso supporto Blu-ray Disc è a scansione progressiva ma con frame-rate più basso, ovvero 24Hz: in questo secondo caso, ognuno dei 24 fotogrammi al secondo è a piena risoluzione full HD. Eppure, una produzione a 24Hz a scansione progressiva non avrebbe permesso di apprezzare il dettaglio nei movimenti - talvolta rapidissimi - degli esecutori e del direttore d'orchestra. Ecco perché per le produzioni musicali si preferisce utilizzare il Full HD a scansione interlacciata, poiché il numero di fotogrammi al secondo è più che doppio, ma la risoluzione è dimezzata.

 
- click per ingrandire -

La qualità video generale soffre quindi di questa 'tara' che è insita nel formato scelto per la distribuzione e, quasi certamente, anche per la produzione. La qualità video generale è tra il molto buono e l'ottimo (ma non eccellente), sia per risoluzione che per dinamica e rumore. Il bitrate è abbastanza elevato e spesso sale oltre i 25 Mbps. Eppure è comunque presente un po' di rumore che non si capisce se sia un effetto della quantizzazione oppure - più probabilmente - un mix di quest'ultimo e del rumore video delle telecamere, soprattutto di alcune.

 
Anne Sophie Mutter, inquadrata troppo spesso di spalle​ e con inquadrature troppo strette
- click per ingrandire -

Anche la regia e il montaggio, in alcuni casi, mi hanno lasciato un po' interdetto. In generale le inquadrature sono un po' troppo strette oppure da un'angolazione discutibile. Come quelle sulla straordinaria Anne Sophie Mutter, inquadrata troppo spesso di spalle e con dettagli sullo strumento così stretti da essere troppo mossi e addirittura fastidiosi. La tendenza allo stringere troppo c'è anche nel dettaglio delle varie sezioni (archi, ottoni, legni). Inoltre, vengono inquadrate col contagocce sia le percussioni che i contrabassi. 

 
Le percussioni, come il pianoforte, inquadrate col contagocce
- click per ingrandire -

A parte la scelta dell'inquadratura, nella maggior parte dei brani la partitura viene seguita in maniera esemplare, con un montaggio serrato e avvincente, con dettagli sugli strumenti, sugli esecutori e sul direttore che sarebbero impossibili da cogliere anche se fossimo seduti nella posizione ideale, al posto di John Williams, che indossa una cravatta che è un perfetto generatore di moirè, sopratuttto per quei TV, proiettori o lettori Blu-ray Disc che non hanno una sezione di de-interlaccio al di sopra di ogni sospetto.


John Williams e la sua cravatta, un perfetto generatore di moirè
- click per ingrandire -

Tornando alla qualità video, se fosse stata AV Magazine a produrre un disco del genere, che venderà probabilmente centinaia di migliaia di copie, avrei 'copiato' come minimo gli standard di produzione dei Berliner Philarmoniker che - ve lo ricordo - trasmettono addirittura dal vivo, in streaming, a risoluzione 4K a scansione progressiva, in HLG, con qualità video molto elevata, meno camere rispetto a quelle utilizzate a Vienna ma con inquadrature dal respiro più ampio e una richezza di dettagli che fanno diventare interessante anche il repertorio più difficile e noioso.

I pochi limiti - non molti del resto - che riguardano la qualità video, non bastano a intaccare un giudizio generale che è estremamente positivo. E non vedo l'ora di utilizzare questo Blu-ray Disc in una delle prossime dimostrazioni assieme a Marco Cicogna, confrontando - ad esempio - le sonorità  dei Viener con lo stesso repertorio eseguito da altre orchestre, come i Berliner diretti da Sir Simon Rattle a Waldbühne nel June 2015... Per l'alto profilo tecnico, l'eccellente qualità audio e l'ottima qualità video, la 'Deluxe Edition' del cofanetto 'John Williams Live in Vienna, riceve il nostro 'Editor's Choice' 2020. come miglior edizione musicale in Blu-ray Disc.

 

 

Articoli correlati

Disco del mese: Telarc best of Pop & Jazz

Disco del mese: Telarc best of Pop & Jazz

Gli storici CD della etichetta americana offrono chicche preziose. Il "Telarc Sound" più affascinante che mai anche nel classico formato CD. La maggior parte del catalogo Telarc è ancora disponibile. Perché non approfittarne?
Disco del mese: 'piano' in Dolby Atmos?

Disco del mese: 'piano' in Dolby Atmos?

L'impianto messo in campo da Garman a Roma, per un pomeriggio di grande musica, ci ha permesso di confrontare il valore aggiunto della traccia Dolby Atmos di un concerto per 'solo pianoforte', rispetto alla riproduzione in stereo e in 'semplice' multicanale
Il multicanale di AM Audio

Il multicanale di AM Audio

Un sistema 5.0 (o 5.1) è in grado di soddisfare non soltanto l’audiofilo, ma stimolare il piacere della famiglia intera nell'entertainment domestico. Impiegando un sistema multicanale si apprezza una maggiore definizione e "sostanza" della gamma bassa e medio-bassa oltre ad un inedito senso di presenza e partecipazione all'evento sonoro.
Disco del mese - aprile 2020

Disco del mese - aprile 2020

Mariss Jansons: in CD, SACD, file audio PCM e DSD e Blu Ray Video, la vasta discografia del direttore lettone scomparso pochi mesi fa offre grande musica in eccellenti registrazioni



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: SydneyBlue120d pubblicato il 02 Ottobre 2020, 15:42
Molto interessante!
Segnalo che Amazon music HD è disponibile anche in Italia e il concerto è anche scaricabile offline senza problemi, in particolare risulta disponibile anche in formato Ultra HD lossless.
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 02 Ottobre 2020, 18:25
Originariamente inviato da: SydneyBlue120d;5083950
... risulta disponibile anche in formato Ultra HD lossless.
Diciamo che si tratta di una 'interpretazione' molto libera dell'audio ad alta risoluzione. Quella di Amazon non è una versione video Ultra HD 4K ma solo Audio HD

Emidio
Commento # 3 di: adslinkato pubblicato il 02 Ottobre 2020, 20:07
Originariamente inviato da: SydneyBlue120d;5083950
(...) Segnalo che Amazon music HD è disponibile anche in Italia e il concerto è anche scaricabile offline senza problemi, in particolare risulta disponibile anche in formato Ultra HD lossless.


Grazie in ogni caso per la segnalazione.
Commento # 4 di: igorman pubblicato il 03 Ottobre 2020, 13:58
Comprato anche io il Bluray edizione deluxe su Amazon.de, confermo tutti i giudizi, soprattutto quello di Angeloni sulla qualità delle registrazioni DG, che non mi hanno mai entusiasmato, anche per il fatto che sono - da sempre - grande fan di Telarc e del suo suono. Ad ogni modo un best buy
PS: sono sorpreso della scelta, fatta anche da Roger Waters con il suo US+THEM appena uscito, di non rilasciare un BRD 4K... strategie commerciali (rilasciare come re-issue fra qualche anno?) o che?
Commento # 5 di: Aenor pubblicato il 03 Ottobre 2020, 21:49
Originariamente inviato da: SydneyBlue120d;5083950
Molto interessante!
Segnalo che Amazon music HD è disponibile anche in Italia e il concerto è anche scaricabile offline senza problemi, in particolare risulta disponibile anche in formato Ultra HD lossless.


Idem su Tidal, ove sono presenti sia le traccie audio in qualità Master che le traccie Audio/Video.

Sono d'accordo con Emidio sulla sua disamina Video, l'interlacciato è davvero un pugno in un occhio.
Commento # 6 di: aladar pubblicato il 07 Ottobre 2020, 11:17
Giudicare oggi un video full hd, per di più interfacciato è davvero dura, l’occhio ormai è abituato al 4K. Tuttavia ci sono registrazioni egregie anche il full hd, dove lo scaler del lettore non fa molto sforzo a riprodurle con dettaglio e realismo. Qui l’immagine non è da riferimento, peccato.
Il sonoro è godibile, niente da dire.