Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Preview Panasonic PT-AE700

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 16 Marzo 2005 nel canale PROIETTORI

“In attesa di una prova completa, ecco una prima analisi delle caratteristiche del videoproiettore Panasonic PT-AE700, vero blockbuster del momento che si candida come nuovo riferimento tra i videoproiettori LCD con risoluzione di 1280x720 punti.”

Introduzione

apertura.jpg (12651 bytes)

L'anno 2001 sarà probabilmente ricordato come uno dei momenti chiave nella storia della videoproiezione home theater. Prima di allora, "home theater" e "tecnologia LCD" erano termini che non andavano molto d'accordo, soprattutto in quei prodotti dedicati alla videoproiezione. Con qualche rara eccezione, tutti i videoproiettori LCD erano destinati ad applicazioni "business", settore in cui è la pura potenza luminosa a fare la differenza mentre correttezza cromatica e livello del nero passavano decisamente in secondo piano.

Fino a quando, un bel giorno, qualcuno si accorse degli ottimi passi in avanti compiuti da Seico-Epson nella produzione dei pannelli LCD, soprattutto per quelli in formato 16:9. In breve tempo arrivò un prodotto destinato a mettere in discussione il monopolio della tecnologia DLP nella videoproiezione domestica. Nel segmento "entry level" fu Panasonic a stupire il mondo con un prodotto realmente rivoluzionario.

Il progetto Panasonic "PT-AE"

Nel novembre 2001 fu presentato il piccolo Panasonic PT-AE100, un videoproiettore con tre pannelli LCD con risoluzione di 854x480 punti in formato 16:9. Quello che stupi. Più di ongi altra cosa, fu l’ottimo equilibrio cromatico generale ed un contrasto che fino ad allora sembrava una caratteristica esclusiva della tecnologia DLP.

ptae200.jpg (3674 bytes) PT-AE300.jpg (3674 bytes) ptae500.jpg (3229 bytes)
Panasonic PT AE100 (a sinistra), PT AE300 (al centro) e PT AE500 (a destra)

Negli ultimi anni la serie Panasonic PT-AE è stata aggiornata, prima con l’evoluzione del primo prodotto chiamata PT-AE200 ma soprattutto con il modello PT-AE300 che introduceva la matrice con risoluzione pari ad ¼ di quella HDTV: 960 punti per 540 linee in modo da riprodurre immagini in alta definizione con nessun tipo di ricampionamento. Matrice che poteva essere sfruttata in modo intelligente anche per i segnali video PAL  che abbiamo in Europa con risoluzione di 720 punti per 576 linee.

risoluzioni.PNG (3637 bytes)
Risoluzioni a confronto dei proiettori Panasonic PT-AE

L’apice della produzione PT-AE sembrava fosse stato raggiunto con il modello “500”, con risoluzione di 1280x720 punti e pannelli LCD di produzione Seiko-Epson di terza generazione. Eppure, già nel mese di luglio di questo anno, circolavano già molti “rumors” su una possibile evoluzione del PT-AE500 che nel frattempo si era aggiudicato il prestigioso premio E.I.S.A. come miglior videoproiettore home theater dell’anno 2004.