Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Samsung: più investimenti nei MicroLED?

di Riccardo Riondino, pubblicata il 20 Dicembre 2019, alle 14:42 nel canale DISPLAY

“La compagnia coreana starebbe valutando se destinare ulteriori capitali ai MicroLED per anticiparne la produzione di serie, annunciandolo probabilmente dopo il prossimo Consumer Electronics Show ”


- click per ingrandire -

Secondo un articolo di ETNews, Samsung potrebbe decidere di aumentare gli investimenti nei MicroLED entro la prima metà del 2020. La fonte sarebbe il funzionario di un azienda che costruisce le apparecchiature necessarie per la produzione di serie. I MicroLED sono display auto-emissivi, quindi in grado di spegnersi completamente ed ottenere neri assoluti. Un'altra analogia con gli OLED è la possibilità di essere depositati anche su substrati flessibili, offrendo una maggiore luminosità, efficienza e durata (fino a 100.000 ore).


- click per ingrandire -

I MicroLED inoltre sono modulari, permettendo di realizzare display di varie proporzioni, grandezza e risoluzione, poiché la densità dei pixel può essere mantenuta indipendentemente dall'ampiezza dello schermo. Samsung è stata la prima a lanciare un MicroLED, il The Wall mostrato in anteprima al CES 2018, talmente costoso però da limitarne l'impiego alle installazioni professionali e al settore di lusso. Lo stesso vale per il più recente Sony Crystal LED. Samsung attualmente starebbe valutando gli equipaggiamenti per la costruzione prodotti da aziende nazionali e straniere.


- click per ingrandire -

Le decisioni saranno rivelate ai partner l'anno prossimo, ma secondo l'articolo alcuni di loro sarebbero già a conoscenza dei suoi piani. Altre fonti tuttavia sostengono che le attrezzature attuali debbano diventare più efficienti per poter avviare la produzione di massa. La risposta comunque dovrebbe arrivare dopo il CES di Las Vegas del mese prossimo. Samsung sta al tempo stesso continuando nello sviluppo delle varie tipologie di Quantum Dot autoemissivi: Electroluminescent (QDEL), QD-OLED e Quantum Dot-MicroLED (QNED).

Fonte: HDTV Test



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: xxxxyyyy pubblicato il 20 Dicembre 2019, 15:23
Ottima notiza... speriamo.
Ricordiamo che i MicroLED sono migliori rispetto agli OLED sotto l'aspetto della degenerazione (degenerano molto piu' lentamente (sono inorganici) e in maniera piu' uniforme/controllata), sono piu' luminosi e hanno un range di colori maggiore.
Commento # 2 di: spiraz pubblicato il 24 Dicembre 2019, 08:58
ma intendono gli stessi di tlc?
Commento # 3 di: Riccardo Riondino pubblicato il 02 Gennaio 2020, 13:32
Originariamente inviato da: spiraz;5014161
ma intendono gli stessi di tlc?


Attenzione a non confondere microLED e Mini LED. I Mini LED, come quelli utilizzati da TCL, hanno dimensioni nell'ordine dei decimi di mm e compongono la retroilluminazione di un pannello LCD per ottenere molte più zone di local dimming

I microLED invece sono molto più piccoli (millesimi di mm) e vengono usati per produrre display auto-emissivi come gli OLED. Ogni punto sullo schermo è formato quindi da tre sub-pixel RGB che si illuminano o si spengono autonomamente.