Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

La nuova proprietà Nanosys vuole anticipare i display Quantum Dot elettroluminescenti

di Riccardo Riondino, pubblicata il 15 Settembre 2023, alle 13:41 nel canale DISPLAY

Shoei Chemical, la compagnia nipponica che ha rilevato Nanosys, vuole accelerare lo sviluppo dei NanoLED, display con Quantum Dot auto-illuminanti che promettono prestazioni superiori con costi di produzione ridotti


- click per ingrandire -

Nanosys, il principale fornitore conto terzi di Quantum Dot, è stato acquisito dalla compagnia giapponese Shoei Chemical. I materiali Nanosys, stando alle sue dichiarazioni, vengono utilizzati da oltre 70 milioni di dispositivi, suddivisi tra televisori, tablet e monitor.  A questo punto è forse opportuno riassumere le varie tipologie di display Quantum Dot sviluppate da Nanosys nel corso degli anni. I primi ad arrivare sul mercato sono stati gli LCD QDEF (Quantum Dot Enhancement Film), una sorta di filtro con nanocristalli rossi e verdi inserito tra la retroilluminazione e le matrici a cristalli liquidi.. Combinandosi con i LED blu, si ottiene una luce bianca più pura, scomposta poi di nuovo dai filtri colore nei tre subpixel RGB. In questo modo si ottiene una considerevole espansione del gamut e un aumento della luminanza. La successiva variante xQDEF sfrutta lo stesso principio, ma è più efficiente a livello produttivo e permette di ridurre lo spessore del pannello.


- click per ingrandire -

Viene infatti eliminato il substrato QDEF, dato che i Quantum Dot sono integrati direttamente nel diffusore. I Quantum Dot possono essere applicati a tecnologie diverse dagli LCD, come nel caso dei QD-OLED. Anche questi display sfruttano le proprietà fotoluminescenti dei Quantum Dot, ovvero la capacità di emettere luce quando sollecitati da radiazioni luminose ad alta energia. L'architettura dei QD-OLED comunque rappresenta uno passo successivo rispetto ai QDEF / xQDEF, quella che Nanosys definisce QDCC (Quantum Dot Color Conversion). In questo caso i Quantum Dot, stimolati dagli emettitori OLED, convertono la luce alle lunghezze d'onda corrispondenti ai colori rosso e verde, mentre per la componente blu viene utilizzato un filtro che ne restringe lo spettro, avvicinandolo ancora di più alle coordinate di riferimento.


- click per ingrandire -

Lo stesso principio è applicabile anche ai microLED, ed è in sostanza quello che Samsung Display sta cercando di ottenere con i QNED (da non confondere con gli omonimi LCD Quantum Dot prodotti da LG Electronics). Durante il CES 2023, Nanosys ha mostrato il prototipo di un NanoLED, ulteriore evoluzione della tecnologia Quantum Dot, ovvero un display elettroluminescente. In questo caso non è più necessaria una sorgente luminosa, visto che la luce viene generata direttamente dai Quantum Dot sollecitati dal passaggio di una corrente elettrica. Diversi costruttori hanno mostrato negli ultimi anni prototipi analoghi, come ad esempio BOE sotto l'acronimo AMQLED . Per questa tipologia  di display sono state usate anche altre sigle, come QDEL, ELQD, QD-LED e QLED, la stessa degli LCD con filtro QDEF attuali.


- click per ingrandire -

QLED inizialmente indicava infatti la tecnologia QD Vision, basata anch'essa su Quantum Dot elettroluminescenti, prima che venisse acquisita da Samsung. Tornando all'attualità, Shoei ha espresso l'intenzione di accelerare lo sviluppo dei NanoLED, stando a quanto dichiarato a Display Daily da Jeff Yurek, vicepresidente marketing di Nanosys. Nell'intervista viene sottolineato come i Quantum Dot elettroluminescenti garantiscano prestazioni superiori in termini di luminosità, colori e contrasto a costi nettamente inferiori, dato che la produzione avviene tramite tecnologia di stampa al posto della deposizione in camera sottovuoto. Lo stesso Yurek, intervistato da Franco Baiocchi di AV Magazine, dichiarò che i Quantum Dot elettroluminescenti sarebbero potuti arrivare sul mercato entro il 2025, ma a questo punto i tempi potrebbero accorciarsi.

Fonte: Flatpanels HD, Display Daily



Commenti