Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Diffusione microLED limitata fino al 2026

di Riccardo Riondino, pubblicata il 12 Novembre 2020, alle 12:17 nel canale DISPLAY

Nonostante ricavi che si moltiplicheranno di quasi dieci volte, i prezzi elevatissimi dei TV microLED non gli permetteranno di ritagliarsi per i prossimi sei anni che una piccola porzione di mercato


- click per ingrandire -

DSCC prevede che i ricavi ottenuti dai TV microLED aumenteranno piuttosto rapidamente nei prossimi anni, ma al tempo stesso la loro diffusione non andrà oltre una piccola nicchia di mercato. I guadagni saliranno dai circa 25 milioni di dollari del 2020 ai 228 milioni del 2026. La cifra potrebbe sembrare notevole se non fosse che rappresenta appena lo 0,1% del settore TV a livello mondiale, valutato nel 2020 oltre 200 miliardi di dollari. A titolo di confronto, dopo sei anni i TV OLED hanno raggiunto nel 2019 ricavi stimati in 2,5 miliardi di dollari.


- click per ingrandire -

Il produttore di televisori ad investire di più nei microLED è Samsung, che ha presentato all'inizio dell'anno una serie microLED da 75”, 88”, 93”, 110", 150” e 292", costruita con un diverso procedimento del primo modello The Wall, oltre al pixel pitch ridotto. I prezzi tuttavia restano a dir poco proibitivi. Nel 2021 dovrebbero essere lanciate le versioni da 88" e 93", per le quali si prevede un esborso di 1000€ a pollice. Una delle maggiori difficoltà costruttive dei microLED è il processo di trasferimento di massa utilizzato per posizionare i singoli LED sul substrato del display. Questo implica spesso un gran numero di interventi di riparazione che fa aumentare i costi e il consumo di LED.

Fonte: OLED-Info, DSCC, AV Cesar



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Franco Rossi pubblicato il 12 Novembre 2020, 17:10
Era più che scontato visto che da quando sono usciti i primi esemplari per il settore business la tecnologia non ha fatto grandi passi avanti a livello di produttività. Samsung li ha presentati giusto per distogliere l'attenzione dai TV OLED della concorrenza pur sapendo che la loro diffusione sul mercato consumer è ben lontana visti i prezzi di produzione.
Commento # 2 di: eolo1965 pubblicato il 12 Novembre 2020, 19:12
Praticamente 88.000 e 93.000 euro...un'esborso che definire fosse è un complimento.
secondo me gli converrebbe investire in maniera massiccia sulla tecnologia di retroilluminazione a MicroLED come sta facendo TCL per avere un local dimming ancora più capillare....sennò oled tutta la vita visto che l'88 LG 8K viaggia in rete sui 25.000...
Commento # 3 di: Franco Rossi pubblicato il 13 Novembre 2020, 01:07
Originariamente inviato da: eolo1965;5094173
Praticamente 88.000 e 93.000 euro...un'esborso che definire fosse è un complimento.
secondo me gli converrebbe investire in maniera massiccia sulla tecnologia di retroilluminazione a MicroLED come sta facendo TCL per avere un local dimming ancora più capillare....sennò oled tutta la vita visto che l'88 LG 8K viaggia in rete sui 25.000...


I pannelli MiniLed hanno un altro problema, il costo del pilotaggio, ovvero puoi fare una retroilluminazione costituita da diverse migliaia di mini Led così da avere un ottimo nero superando così il piu grande svantaggio rispetto ai pannelli Oled, il problema è che se quelle migliaia di led non le piloti singolarmente ma a gruppi (come pare facciano questi tv MiniLed) il risultato finale cambia poco dal mettere un centinaio di led piu grandi. Pilotare una matrice di qualche migliaia di punti (led) in sincrono all'immagine sulla matrice lcd impone l'utilizzo di un processore ed un'elettronica non indifferente come costo che va a superare il costo di un pannello Oled attuale. In pratica per emulare (non eguagliare o superare) le prestazioni di un pannello Oled spenderesti di più e quindi non c'è senso nel mettere sul mercato un prodotto che avrebbe prestazioni inferiori (l'angolo di visione resterebbe comunque quello attuale dei pannelli lcd quindi limitato) ad un prezzo maggiore. Anche la soluzione della doppia matrice lcd presentata come prototipo da Panasonic ha degli ottimi risultati, ma costa molto piu di un pannello Oled, consuma molta piu energia, scalda molto, e comunque ha il limite della visione laterale.
Dall'uscita degli Oled oramai la sfida (e la concorrenza) può essere solo su pannelli attivi (che siano microled o qualsiasi altra cosa) visto che i pannelli passivi sono oramai arrivati alla fine della corsa e non possono piu essere competitivi a livello di costo/prestazioni se si vuole un prodotto alle massime prestazioni oggi disponibili.