Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Digifast senza madVR

Intervista di Redazione , pubblicato il 21 Dicembre 2020 nel canale SOFTWARE

“Lunga chiacchierata sul futuro del Digifast e del prossimo processore video con render EVR che vedrà la luce nelle prossime settimane e che coinvolgerà la nostra community”

Lunga chiacchierata con Marco Bagna sul futuro del Digifast dopo il 'niet' di madVR Labs LCC sull'utilizzo della licenza (ne abbiamo parlato in questo articolo). Marco Bagna anticipa anche il futuro del processore video con render EVR che vedrà la luce nelle prossime settimane e che coinvolgerà direttamente la community del forum di AV Magazine. Il confronto tra Emidio Frattaroli e Marco Bagna tocca temi molto interessanti che riguardano anche la correzione dell'acustica ambientale e le possibilità di utilizzo del famoso e apprezzato render madVR per applicazioni personali. 

Per maggiori informazioni: 

avmagazine.it/news/4K/digifast-input-hdmi-su-madvr_16001.html

avmagazine.it/news/4K/digifast-senza-madvr_16101.html

avmagazine.it/articoli/4K/1405/digifast-multimedia-un-anno-dopo_index.html

avmagazine.it/articoli/4K/1291/digifast-multimedia-station_index.html

 

 

Articoli correlati

Sony VPL-W790ES vs. madVR Envy

Sony VPL-W790ES vs. madVR Envy

La calibrazione del nuovo proiettore laser Sony 4K è l'occasione per mettere alla prova l'elaborazione del 'Dynamic HDR Enhancer' di Sony, grazie ad un confronto con madVR Envy



Commenti (46)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 11 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 22 Dicembre 2020, 16:08
Certo.

Quello che intendevo dire è che la fascia alta ha comunque un bel mercato. Ovvio che un prodotto come il vostro Digifast, che comunque è un prodotto diverso dal prezzo pari ad un quarto dell'Envy Extreme, ha potenzialità di penetrazione completamente differenti. Ancora di più il futuro processore video...

Emidio
Commento # 12 di: Microfast pubblicato il 22 Dicembre 2020, 16:27
Ma certo, sono d'accoro con te, per quanto si tratti di nicchie del mercato c'è spazio per tutti, lo dimostra quanto hai postato; era proprio necessario tutto questo?

Io penso di no, ma l'importante è accontentare e soddisfare gli audio/videofili indipendentemente da quanto vogliano e possano spendere: come sempre la concorrenza non può che essere positiva per gli utenti, per quanto possa essere scomoda per chi è abituato male ...
Commento # 13 di: Miki1971 pubblicato il 23 Dicembre 2020, 03:10
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli;5108148
Se parliamo solo di HDR e tone mapping, sono tanti i modi......[CUT]
Tra i modi citati sicuramente madVR freeware con un HTPC è il meno costoso, ed è un vero peccato non si possa più usare nel DIGIFAST.
A noi utenti non ci resta che sperare si parta presto con la nuova soluzione del processore, che a dirvi la verità è quella che mi piace di più, perché avere tutto in una macchina come nel DIGIFAST non è che mi piacesse molto, preferisco componenti separati per argomenti tecnici distinti, come la correzione ambientale, o il media player a se stanti da quello che è un processore video.
Spero comunque che in futuro testerai approfonditamente sia Lumagen che JVC, perchè ho visto un video in youtube che paragonava entrambi più per completamento della catena che non per sfida, e sicuramente Lumagen credo sia degno di nota alla pari dell'Envy, con il fatto però che costa un pò meno
Commento # 14 di: Microfast pubblicato il 23 Dicembre 2020, 04:04
Noi non possiamo più installarlo, ma nulla impedisce ad un utilizzatore privato di utilizzarlo ....

Per il video processore invece non è permesso utilizzarlo nemmeno come end user, l'unica possibilità è l'Envy

Per il resto non farti illusioni ad oggi non c'è niente di paragonabile come performance...
Commento # 15 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 23 Dicembre 2020, 08:40
Originariamente inviato da: Microfast;5108300
... Per il video processore invece non è permesso utilizzarlo nemmeno come end user, l'unica possibilità è l'Envy...
Neanche la versione 'vecchia' di madVR?

Emidio
Commento # 16 di: Microfast pubblicato il 23 Dicembre 2020, 11:48
Leggendo la licenza vecchia si potrebbe fare tutto, trovo in ogni caso improbabile che un utilizzatore finale corra qualche rischio ..., tanto che Eisa ha eletto player dell'anno un prodotto che senza infrangere le regole serve a poco o niente, il che é tutto dire
Commento # 17 di: Miki1971 pubblicato il 23 Dicembre 2020, 19:58
Originariamente inviato da: Microfast;5108348
Leggendo la licenza vecchia si potrebbe fare tutto, trovo in ogni caso improbabile che un utilizzatore finale corra qualche rischio ..., tanto che Eisa ha eletto player dell'anno un prodotto che senza infrangere le regole serve a poco o niente, il che é tutto dire

Perchè lei dice che l'utente finale correrebbe dei rischi ad usare una vecchia versione ? Quale sarebbe l'ultima vecchia versione che l'utente finale potrebbe pensare di usare ? Per il player eletto da Eisa lei pensa non serva a nulla perché non supporta il Dolby Vision o per quale altro motivo ? Certo che se fosse ancora in vendita l'Oppo le si potrebbe dare ragione, ma non è più in vendita e di media player non ne vedo molti con caratteristiche complete come il Zappiti Pro 4K HDR
Commento # 18 di: Microfast pubblicato il 23 Dicembre 2020, 21:31
Basta scaricarsi i software in oggetto e leggere attentamente le licenze allegate ...

Mentre dal punto di vista pratico può avere un senso far causa ad una ditta che non rispetta regole e licenze, rimane quanto mai improbabile che un utilizzatore privato ed individuale di un PC ( o HTPC che dir si voglia), venga scoperto.

A questa considerazione si collega il discorso circa il player citato: non avendo tale apparecchio un lettore ottico come l'Oppo in grado di leggere Blu Ray ne tantomeno le licenze per farlo, mi dica lei quali contenuti gli si daranno da riprodurre se non rippati di dischi fisici che come noto essendo media protetti risulta un'operazione illegale ( perlomeno in Italia ,anche se si è in possesso dei relativi dischi fisici regolarmente acquistati )...

Concludendo, chi mai si accorgerà di questo tipo di infrazioni? oltretutto agevolate dagli internet provider che chiudono un occhio e mezzo se non entrambi ad attività di download facilmente rilevabili.
Commento # 19 di: tyson pubblicato il 23 Dicembre 2020, 21:55
Non concordo sul fatto dei raggiri di licenze dei dischi,allora chi come me acquista l’originale è uno stupido?ho paura che per cercare di proteggere il tuo prodotto stai dicendo cose senza senso e pure illegali
Commento # 20 di: Microfast pubblicato il 23 Dicembre 2020, 22:04
Neanche io lo concordo, ma purtroppo questo accade ...

Come pure accadono tante cose dove l'utente non viene minimamente tutelato, ricordi le matrici cotte dei vpr?

Questi sono i presupposti per una realtà dove ognuno si arrangia come può e con i mezzi che ha.

Detto questo, io ho fatto tutto quello che dovevo fare e non vedo cosa ci sia di male se poi all'utente finale rimane la possibilità di utilizzarlo di sua iniziativa, come ha spiegato Emidio.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »