Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Supertest: Estelon Extreme MKII

Recensione di G.P. Matarazzo , pubblicato il 26 Gennaio 2024 nel canale AUDIO

“Dopo “qualche anno” passato a far misure su diffusori di tutti i tipi e tutte le dimensioni non potevo certo tirarmi indietro, rispetto all'invito del “Frattacapo” ad effettuare un test completo 'in trasferta' di un diffusore così importante e particolare”

Premessa: Ho accettato con una certa perplessità l’invito del “Frattacapo” ad effettuare un test di valutazione oltre al set standard di misure nel pur ampio locale del “Luxury Group” di Alfredo Scauzillo. Quando più difficile è la sfida tanto più allettante è parteciparvi, pur con qualche riserva, viste le dimensioni del diffusore. Ma dopo “qualche anno” passato a far misure su diffusori di tutti i tipi e tutte le dimensioni non potevo certo tirarmi indietro, così che ho accettato, ho caricato velocemente metà strumentazione nella Smart di mia moglie e metà nella “Frattamacchina” ed a pomeriggio inoltrato siamo partiti alla volta di Caserta per effettuare un test praticamente unico.

SOMMARIO

 

Introduzione e caratteristiche


- click per ingrandire -

Marchio: Estelon è un marchio estone, per la precisione di Tallin, una azienda nata nel 2010 e fondata da Alfred Vassilkov che comunque vanta una notevole attività precedente di progettista di sistemi di diffusori, prima di mettersi in proprio.

Serie di appartenenza : Top di gamma del costruttore, versione limitata.  

Breve descrizione del modello: quattro vie da pavimento con carico bass reflex.

Altoparlanti: in diamante (tweeter da ben 1,5 pollici), in ceramica (midrange da 7 pollici) e struttura in doppio strato di alluminio (midwoofer e woofer da 10 pollici)

Estetica: affascinante con un design molto particolare finalizzato, oltre al notevole impatto estetico, anche al contenimento delle colorazioni.


- click per ingrandire -

Caratteristiche dichiarate:

  • Tipo: Bass reflex da pavimento
  • Sensibilità: 91 dB con 2,83 v ad 1 metro
  • Risposta in frequenza: 25– 60.000 Hz
  • Impedenza nominale: 3 0hm (minimo 2 ohm)
  • Numero delle vie: quattro
  • Tweeter: cupola in diamante da 38 millimetri
  • Midrange: 168 mm con membrana in ceramica
  • Midwoofer: da 250 mm in sandwich di alluminio
  • Woofer: due da 250 mm in sandwich di alluminio
  • Potenza massima: 500 W
  • Potenza minima: 20 W
  • Cabinet: composito di materiale resinoso e polvere di marmo
  • Dimensioni: 790 x 1770 – 2070 (regolabile) x 820 mm (L x A x P)
  • Peso: 250 Kg (cadauno)

 

Costruzione


- click per ingrandire -

  • Viti di fissaggio :  Altoparlanti fissati con estrema cura tramite sei viti passanti con madrevite.
  • Assorbente interno :  Impossibile da vedere
  • Rinforzi : Impossibili da vedere, ma la massa del diffusore, realizzato in impasto con polvere di marmo credo non abbisogni di rinforzi e la dice lunga sulla rigidità della struttura.


- click per ingrandire -

  • Pannello frontale : Satellite costruito per ospitare il midwoofer, il midrange ed il tweeter in un insieme asimmetrico per contenere le colorazioni interne. Montato avanti al grosso volume richiesto dai woofer. Esteticamente pensato sia per un notevole effetto scenico che per limitare al massimo le diffrazioni dei bordi. Disegno molto elegante, con il satellite anteriore che può essere adattato in altezza, tramite un motore telecomandato, alle dimensioni dell’ambiente di ascolto.
  • Condotto: reflex di generose dimensioni. Durante le misure, anche a pressioni elevate col segnale sinusoidale (quello più pericoloso), non ha mai manifestato segni di innesco di alcuna turbolenza.
  • Crossover: impossibile…metterci le mani…(purtroppo!)
  • Condensatori: non so
  • Induttanze:    non so


- click per ingrandire -

  • Woofer: Sia i due woofer in basso che il midwoofer superiore sono da 250 mm costruiti in collaborazione con la Accuton, caratterizzati da una membrana convessa realizzata in sandwich a struttura Honeycomb di alluminio per uso aeronautico ma costruito secondo un procedimento lungamente studiato all’interno dell’Accuton. Il costruttore dichiara infatti che l’offset del trasduttore da ben 250 mm di diametro è comparabile con quello del tweeter grazie al particolare disegno della membrana. Il supporto bobina è di notevole diametro, con una massa discreta ed una cedevolezza mediamente contenuta. La membrana è capace di una notevole escursione, stimata ad occhio attorno agli 8-9 mm.  


- click per ingrandire -

  • Tweeter: Si tratta di un costosissimo Accuton da 38 mm con cupola in diamante e ghiera di protezione. La risonanza è molto bassa, attorno ai 500 Hz, senza la minima traccia di olio ferromagnetico nel traferro. L’andamento della risposta pubblicata dal costruttore è praticamente identica a quella misurata sulla Estelon.


- click per ingrandire -

  • Midrange: Accuton da 168 mm con membrana rovesciata in una particolare cottura dell’alluminio che lo rende meccanicamente identico alla ceramica. Si tratta di un componente abbastanza particolare, caratterizzato da una escursione da oltre 5 mm di picco in regime assolutamente lineare, con una massa notevole ma con una cedevolezza mediamente elevata. La bobina in rame di notevole diametro è immersa in un traferro dall’altezza molto maggiore (underhung) , in modo che durante tutta la sua escursione rimanga immersa nel campo magnetico. La membrana è protetta da una ghiera metallica.  


- click per ingrandire -

  • Morsetti: originali e versatili, predisposti per un cablaggio dal serraggio sicuro.
  • Cablaggio interno:  non so

Misure di laboratorio


- click per ingrandire -

Le misure sono state effettuate in condizioni che definirei “estreme” e senza precedenti, ovvero in un ambiente non basso di altezza ma con un diffusore estremamente alto, ove per questioni logistiche e per la presenza di altri diffusori era quasi impossibile allontanare il microfono di misura oltre il metro. Nonostante ciò abbiamo effettuato quasi tutto il set di misure senza eccessive sbavature pur con una finestra temporale ovviamente contenuta. MLSSA comunque ci è ampiamente venuta incontro con la particolare finestra adattativa messa a punto da Doug Rife.


- click per ingrandire -

Qualche esitazione alle basse frequenze comunque è visibile, specialmente se si tiene conto della diversa quota dei tre trasduttori da 10 pollici, configurati tutti e tra a bandpass. Manca l’Articulation Test per un mio deprecabile errore. E’ stato davvero difficile misurare la gamma bassa a causa delle notevoli distanze del midwoofer, posizionato a circa due metri di altezza. Ho preferito salvare le singole acquisizioni e poi, con calma, montarle insieme, pur effettuando una risposta globale per confronto. Il microfono ed il preamplificatore-polarizzatore B&K si sono trovati a proprio agio pur con dei cavi non lunghissimi, ma la disponibilità dello staff di Scauzillo ci ha permesso di superare qualunque difficoltà logistica. La distorsione armonica ha creato qualche apprensione alla massima pressione misurata, ma il coriaceo amplificatore di misura dell’Audiomatica pur con un carico così ridotto ha lavorato davvero al suo limite e pur monitorato attentamente con l’oscilloscopio non ha mai fatto storie.


- click per ingrandire -

Risposta: La risposta in frequenza, pur con le notevoli limitazioni della misura, appare mediamente regolare e molto estesa verso il basso, con un andamento in leggera discesa dalle basse alle alte frequenze e con due avvallamenti, in gamma media ed in gamma medioalta. La misura fuori asse appare bene in linea con quella in asse tranne per il naturale abbassamento delle frequenze altissime. Sembra una risposta pensata per un ascolto ad una distanza di almeno 3 metri.


- click per ingrandire -

Impedenza: Il grafico dell’impedenza rappresenta forse il tallone di Achille di questo fantastico diffusore. In gamma “da woofer” infatti il carico visto è molto basso a causa del parallelo pur differenziato dei 3 woofer. In gamma bassa si scende infatti sotto i 2 ohm e la pur moderata rotazione di fase sposta a 1,74 ohm a 50,1 Hz la massima condizione di carico. Carico molto impegnativo, ma dubito che chi si accosta ad un diffusore di questo tipo poi lesini sull’elettronica di potenza. Nel negozio di Scauzillo i due diffusori erano pilotati da due amplificatori che mi arrivavano al ginocchio, due monofonici Goldmund Telos 1000 NSM, pilotati dal pre Goldmund Mimesis mod. 37 S-NG con cablaggio Siltech. Insomma un impianto al di sopra di ogni sospetto!


- click per ingrandire -

Time Energy: La notevole estensione del tweeter (60 kHz dichiarati) si nota nel fronte di salita molto veloce, con un decadimento rapido e senza esitazioni e o riflessioni particolari nonostante le dimensioni del mobile.


- click per ingrandire -

Step response: Nella risposta al gradino possiamo vedere la polarità positiva di tweeter e midrange con il midwoofer in controfase che non arrivano in gran ritardo, ed i due woofer bassi che sono in leggero ritardo, almeno tenendo conto della ridotta banda passante.


- click per ingrandire -

Waterfall: Eccellente, sia per la pulizia in gamma altissima che per quella in gamma media, che risulta molto veloce. Si nota una pur minima risonanza in gamma media, dovuta probabilmente alla ghiera del midrange che il avrei rimosso molto volentieri.


- click per ingrandire -

Terzi di ottava: Risposta effettuata purtroppo a distanza non eccessiva. Notiamo un andamento simile alla misura della risposta fuori asse, pur con una eccellente estensione in gamma bassa, perfettamente in linea con le impressioni di ascolto riguardanti la timbrica.

  
- click per ingrandire -

THD: Molto contenuta, con la misura ad 85 dB che mostra distorsioni paragonabili alle elettroniche di potenza. Ancora eccellente a 90 dB con le armoniche quasi schiacciate sotto i -50 dB. La più impegnativa misura a 95 dB, decibel che ricordo sono come al solito rms e non di picco, vede la seconda e terza armonica salire fino ai -30 dB a 42 Hz. Solito comportamento notevole in gamma media, medioalta ed alta.

Articulation test: Test purtroppo non eseguito per mia esclusiva colpa: nel contenitore dedicato ho infatti trovato il CD del Led Zeppelin! Sarebbe stato un test veramente interessante!

 

L'Ascolto di Gian Piero Matarazzo


- click per ingrandire -

Bilanciamento timbrico: Per sua costituzione il basso è leggermente superiore al resto della banda, con la stratosferica qualità di “parlare solo se interrogato” ovvero di emettere pressione soltanto se nella traccia ci sono davvero basse frequenze. La gamma mediobassa non è affatto slegata e si è dimostrata molto ben armonizzata e smorzata. La gamma media e quella medioalta sono ben bilanciate timbricamente, con la gamma altissima che ha il raro pregio di essere estesa senza mai risultare fastidiosa od eccessivamente dura.  

Articolazione: Di gran livello, con la gamma mediobassa di rara qualità e la medioalta molto pulita, grazie anche ad uno studio attento delle risonanze interne. Incredibile la prestazione del tweeter.

Linearità dinamica: ovviamente non ho mai forzato inutilmente con la pur capace elettronica di potenza, ma non ho mai notato perdite di articolazione o alterazioni timbriche. Il diffusore in pratica è sempre uguale a se stesso, a qualunque livello.


- click per ingrandire -

Scena acustica: Probabilmente uno dei piatti forti del diffusore, con una resa 3D di grande effetto e con una ricostruzione disarmante.

Piani sonori: ben rispettati pur con le notevoli dimensioni del diffusore, una dote in genere difficile da far venir fuori ma che in questo caso è veramente notevole.

Tipi di musica: Non credo che ci sia un genere musicale ove il diffusore renda meglio o peggio. In pratica tutti i generi musicali vanno bene, con la musica classica che rende la scena naturale ed entusiasmante, cosa che ovviamente la musica rock non può fare, anche se la dinamica è veramente tanta.

Conclusioni


- click per ingrandire -

Rapporto  Valore/Prezzo: Prezzo stratosferico ma notevole valore generale.  

Valore altoparlanti : Altoparlanti Accuton da top di gamma. Tweeter veramente notevole.

Valore componentistica : La componentistica usata è di gran livello qualitativo, così come (mi dicono) essere quella dei componenti del filtro crossover.

Ambiente-tipo: Diffusore pensato per un ambiente di grandi dimensioni, ma che comunque rende bene anche in un salone di dimensioni da una cinquantina di metri cubi ma con una discreta distanza del punto di ascolto, diciamo a circa 3 metri.

Mi è piaciuto: beh, praticamente mi è piaciuto tutto!

Non mi è piaciuto:…solo le condizioni di misura.

Voto totale: da 9 a 10, a vostra scelta.

 

Benchmark:

  • Facilità di pilotaggio: 3,34
  • Sensibilità e regolarità: 4,44
  • Linearità dinamica: 9,9 (!!!)

 

Pagella

La pagella secondo Gian Piero Matarazzo: voto finale 9,00

Costruzione 9,5
Design 9,5
Altoparlanti 9,5
Misure 9,0
Versatilità 9,0
Ascolto 9,5
Rapporto Q/P 7,0

 

Per maggiori informazioni: luxurygroup.it  -  estelon.com/speaker/extreme

 

 

Articoli correlati

Supertest: diffusori Magico A1

Supertest: diffusori Magico A1

Un test particolare, con un diffusore pesantissimo e quasi impossibile da smontare per l’abbondante uso di colla aeronautica e per il veto assoluto del distributore. Un diffusore quasi perfetto nella costruzione, con soluzioni tecniche che onorano l’ingegneria meccanica per come è stato pensato e realizzato.
Supertest Polk Reserve R200

Supertest Polk Reserve R200

Le nuove R200 fissano un nuovo standard di riferimento per prestazioni in relazione al prezzo e anche alcune novità costruttive, ben evidenziate dalle misure e dalle nostre sessioni d'ascolto: il nuovo diffusore da battere tra i bookshelf di fascia media
Test: Wilson Audio Tune Tot

Test: Wilson Audio Tune Tot

Un diffusore di nobile, nobilissima, casata che costa molto ma rimane pur sempre un due vie da stand. Gli altoparlanti sono customizzati da uno dei migliori costruttori al mondo e le caratteristiche di allineamento e di emissione leggermente variabili in sede di messa a punto. Andiamo allora a vedere di che si tratta.
Pioneer TAD Reference One

Pioneer TAD Reference One

Le grandi Reference One di TAD, arrivate nel nostro Paese solo lo scorso anno, sono considerate dalla stragrande maggioranza dei pochi fortunati che le hanno ascoltate un ottimo candidato come miglior diffusore al mondo



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: AlbertoPN pubblicato il 28 Gennaio 2024, 08:56
Che bel regalo questa recensione; i diffusori Estelon ed in generale gli altoparlanti Accuton sono il mio sogno bagnato audiofilo e poi la particolare estetica di questo prodotto nello specifico lo rende davvero unico nel panorama.
Davvero cattivo il modulo di impedenza e di sensibilità del diffusore, ma sono cavalli di razza ed ovviamente all'acquisto ne va curato ogni minimo aspetto, compreso il posizionamento in ambiente ed appunto le elettroniche di contorno.