Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Test soundbar Hisense HS214

Recensione di Emidio Frattaroli , pubblicato il 25 Giugno 2021 nel canale AUDIO

“La prima soundbar di Hisense è un prodotto essenziale, senza fronzoli, senza funzioni 'smart' e senza subwoofer esterno ma ha un prezzo estremamente contenuto e permette un deciso aumento di prestazioni rispetto all'audio standard della stragrande maggioranza dei televisori”


- click per ingrandire -

La qualità di riproduzione audio della stragrande maggioranza dei TV è fortemente limitata da vari fattori: telai sempre più sottili, con plastiche che finiscono per vibrare e risuonare anche a volumi moderati, altoparlanti sempre più piccoli e sottili, rivolti verso il basso (quano va bene) ed equalizzazioni sul segnale musicale che portano le distorsioni ben oltre il livello della ragionevolezza. In questa situazione, l'acquisto di una soundbar, anche molto economica, porta ad un netto miglioramento nella qualità della riproduzione audio di un TV, soprattutto nelle situazioni più 'disperate'.


Il piccolo woofer emette sul lato inferiore e sfrutta il 'carico ' del piano d'appoggio
- click per ingrandire -

La nuova HS214 è la prima soundbar di Hisense e si muove proprio in questa direzione; è un prodotto essenziale, senza fronzoli e senza funzioni 'smart', senza display e senza sub-woofer esterno, neanche come opzione. Il suo punto di forza è sicuramente il prezzo, pari a 119 Euro IVA inclusa (in promozione è stata vista anche a 99 Euro, sempre IVA inclusa e su Amazon è attualmente a 116 Euro, sempre IVA inclusa), ha un telecomando - utile soprattutto per la prima configurazione - e una serie di caratteristiche, costruttive e funzionali, che mi hanno sorpreso positivamente.

 
L'accordo reflex è su un solo lato; dall'altro c'è solo un 'tappo' per la simmetria estetica
- click per ingrandire -

Il piccolo 'miracolo' della HS214 è nel buon equilibrio tra dimensioni, rubustezza, costi di produzione estremamente ridotti e un progetto che ha sfruttato al massimo ogni componente. Il sistema è piuttosto 'tradizionale', con tre altoparlanti in configurazione 2.1, quindi con due altoparlanti per la gamma medio-alta e uno per la gamma bassa. Su uno dei due lati c'è anche la bocca di uscita dell'accordo reflex, con accordo a circa 75 Hz; sull'altro lato c'è un 'tappo' per uniformare l'estetica.


La dotazione di ingressi è completa: USB, digitale ottico, coassiale, minijack stereo e HDMI
- click per ingrandire -

Il 'pozzetto' degli ingressi è essenziale ma completo: c'è una sola porta HDMI con ARC, un ingresso audio digitale coassiale, uno di tipo TOSlink (ottico), un ingresso audio analogico su porta minijack da 3,5 pollici e una porta USB 2.0 per aggiornamenti firmware e per la riproduzione di file audio nei formati più comuni. C'è anche il Bluetooth 4.2 a cui collegare praticamente qualsiasi cosa. Manca solo il Wi-Fi e le funzioni smart legate agli assistenti vocali e un display: c'è solo un singolo LED che cambia colore a seconda dell'ingresso selezionato.


L'interno, ben organizzato, è curato nei minimi dettagli
- click per ingrandire -

Dopo aver rimosso una ventina di viti, si accede all'interno che denuncia una costruzione che bada alla sostanza in maniera quasi maniacale. Ogni possibile sorgente di rumore o vibrazioni è trattata opportunamente, con inserti sigillanti e anti-vibranti che fanno decisamente il loro dovere. Tutta l'elettronica è su una sola scheda - amplificazione inclusa - con dimensioni quasi identiche all'unità di alimentazione. La potenza complessiva dichiarata è di 80W: 20W per ciascuno dei due 'satelliti' e 40W per il piccolo woofer.

Caratteristiche dichiarate:

Modello: HS214
Potenza: 20W x2 + 40W (sub)
Risposta: 40Hz - 20kHz
configurazione: 2.1
Altoparlanti: 2 + sub
formati: Dolby Digital, PCM
HDMI: 1x ARC
Digital IN: 1x COAX, 1x TOSLink
Analog IN: minijack stereo
Wireless: Bluetooth 4.2
Consumo: 20W (0,5W st.by)
Dimensioni: 650x95x58mm
Peso: 2,17 kg
note: kit muro, cavo HDMI, telecomando

Per maggiori informazioni:  hisense.it/soundbar/soundbar-2-1

 
A sinistra  (in alto) c'èla risposta dell'accordo reflex;
a destra (in basso) quella in ambiente ('Music', surround off)

- click per ingrandire -

Il piccolo woofer, accordato con un piccolo tubo reflex a 75 Hz, affaccia verso il basso, sul piano d'appoggio, distanziato qualche millimetro dai due piedini di gomma che sono all'estremità della barra sonora. In questo modo viene sfruttato anche il carico acustico della superficie su cui è poggiata la soundbar, con risultati quasi sorprendenti. Qui in alto a sinistra potete osservare la risposta in ambiente a terzi d'ottava con 'sub' al massimo del volume e con microfono ad un metro di distanza: oltre al picco centrato a 80 Hz e il piccolo avvallamento a 250Hz, la risposta è piuttosto regolare e si estende da 65Hz fino ad oltre 16kHz.

 
A sinistra (in alto) la risposta con 'sub' al minimo;
a destra (in basso) la risposta in ambiente con 'surround' attivato'

- click per ingrandire -

In alto a sinistra, potete osservare la risposta in ambiente, sempre nelle stesse condizioni, stavola con 'sub' al minimo del volume, in modo da evidenziare la banda di frequenze in cui l'unità medio-bassi esercita maggiormente la sua funzione. A destra, la risposta con sub di nuovo al massimo, stavolta anche con effetto 'surround' attivato, con una eccessiva esaltazione dello spettro più alto, quasi fastidiosa. La rispsta in frequenza cambia sensibilmente nelle tre modalità di funzionamento. Le prestazioni migliori si raggiungono nella modalità 'Music', con effetto 'Surround' disattivato e sub-woofer quasi al massimo. In queste condizioni la linearità timbrica è quasi sorprendente mentre la distorsione è accettabile al di sopra dei 300Hz e tende ad alzarsi sensibilmente nella porzione più bassa.

Conclusioni

La piccola Hisense HS214, nonostante alcuni limiti oggettivi, fa comunque il suo dovere e permette un deciso aumento di prestazioni rispetto all'audio standard della stragrande maggioranza dei televisori, soprattutto per quelli di fascia 'media' e più bassa. I vantaggi sono innegabili: la risposta in frequenza è regolare ed è possibile alzare il volume fino ad oltre 90 dB in ambiente, senza la minima vibrazione del telaio e, soprattutto, con un livello di distorzione ancora 'accettabile'. Come anticipato in apertura, il prezzo suggerito al pubblico è di 119 Euro, su Amazon la trovate a 116 Euro ma è stato 'avvistato' anche a meno: un vero affare per che di chi desidera un netto aumento della qualità audio di un TV, anche di fascia media.

La pagella secondo Emidio Frattaroli: voto finale 7,5

Costruzione 7,5
Design 7,0
Versatilità 8,0
Qualità Audio 6,5
Rapporto Q/P 8,5

Per maggiori informazioni: hisense.it/soundbar/soundbar-2-1/

Link alla soundbar su Amazon: Hisense HS214 Soundbar 2.1, 80W

 

 

Articoli correlati

Test soundbar Yamaha Yas-109

Test soundbar Yamaha Yas-109

La piccola soundbar Yamaha, offre contenuti tecnologici avanzati, compatibilità con Amazon Alexa e tutti i principali servizi di streaming musicale, tecnologia DTS Virtual:X, uscita per un subwoofer opzionale e una qualità di riproduzione sorpendente, il tutto a 179 Euro.
Supertest TCL TS9030 Ray-Danz

Supertest TCL TS9030 Ray-Danz

Per misurare la soundbar Dolby Atmos di TCL, vincitrice dell'EISA Award come best-buy e dal rapporto qualità prezzo quasi irragionevole, abbiamo passato una intera giornata nella più grande camera anecoica pubblica che c'è in Italia: un'esperienza a dir poco esaltante!



Commenti