Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Anteprima Magico M6

di Marco Cicogna , pubblicato il 03 Febbraio 2018 nel canale AUDIO

“Le Magico M6 arrivano in Italia assieme al progettista Alon Wolf per un fine settimana di ascolti ad alta tensione musicale nel negozio HiFi Tommasini di Oderzo, inserite in una catena d'eccezione con sorgente Aurender, Nagra HD DAC, Nagra HD Preamp e i finali monofonici Nagra HD Amp”

Introduzione: l'evento a Oderzo


 - click per ingrandire -

Per giudicare un grande chef ci vuole un menu che in piccoli assaggi possa fornire un’esperienza ampia e diversificata. Ci fa piacere proporre un buffet sonoro per cogliere profili timbrici sempre diversi in grado di mettere in evidenza il carattere di una catena audio. Il jazz in DSD “nativo” segna oggi un nuovo traguardo in termini di naturalezza, ma è tutta la musica acustica a ricevere grande articolazione in questo formato. Dai piccoli gruppi strumentali alle grandi masse sonore ne sentiremo delle belle. Tra nuovi e vecchi formati audio ciò che conta è la buona musica e la sua corretta registrazione.


 - click per ingrandire -

La cornice tecnologica di Nagra ne confezione una suggestiva raffigurazione, con l’anteprima italiana del nuovo raffinatissimo pre. Nuove sono anche le M6 di Magico a dare solida voce alla nostra passeggiata sonora. Per l’occasione arriva in Italia Alon Wolf, fondatore e patron dell’azienda californiana i cui prodotti in pochi anni sono entrati ai vertici dell’High End mondiale. Con un impianto di tale levatura le incisioni vengono effettivamente messe a nudo. Ascoltiamo il colore degli strumenti antichi, il ricco smalto dei fiati che arricchisce in modo insospettabile partiture apparentemente “facili”.

 

 
 - click per ingrandire -

Proveremo poi a rendere con realismo l'impatto della percussioni nella grande orchestra, apprezzando se del caso diverse edizioni a confronto, ciascuna con la propria impronta sonora. Non manca il jazz acustico nella strepitosa incisione del trio di Yuko Mabuchi (Yarlung Records). Non dimentichiamo alcuni classici audiofili, come la sempre godibile “Guantanamera” eseguita dai Weavers nel 1963. Anche i piccoli gruppi strumentali esibiscono dinamiche insospettabili; da qui un percorso breve ma intenso ci conduce alle solide pagine romantiche e la straordinaria dinamica del XX secolo, con le incisioni della olandese Pentatone, Challenge e Channel in primo piano, sino a giungere a pagine che hanno fatto la storia del Rock.

“Degustazioni Musicali”, se volete, ma attenti alle imitazioni. Buona Musica a tutti.