Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Timelapse test 4K su youtube

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 10 Ottobre 2015 nel canale 4K

“A distanza di quattro anni dalla produzione del nostro primo contenuto in 4K, usato con profitto per l'analisi di risoluzione e dettaglio e in vista dei prossimi shoot-out, lo abbiamo messo sul nostro canale Youtube a piena risoluzione UHD 4K, in modo che i nostri lettori possano utilizzarlo per l'analisi su proiettori e display ad elevata risoluzione”

Risoluzione: istruzioni per l'uso


L'alba a Roseto Degli Abruzzi con dimanica elevatissima e ricca di elementi su basse luci-
- click per l'immagine a risoluzione UHD 4K (560 kB) -

Il piccolo "corto", realizzato in fretta e furia in meno di una settimana, rendering compreso, è molto lontano dall'essere perfetto. Nella sequenza dell'alba, ad esempio, c'è un salto di fotogramma (si inceppò il comando remoto della 5D Mark II) ma nei giorni seguenti non riuscimmo a ripetere l'acquisizione per "mancanza" di sole, quindi fummo costretti ad adattare il materiale così com'era. Eppure, incertezze a parte, ci sono scene perfette per analizzare alcuni aspetti chiave di un prodotto a risoluzione nativa 4K: primo fra tutti proprio la risoluzione. Dal tempo 1':57" al tempo 2':04" c'è la "famigerata" edicola di Piazza Martiri della Libertà a Teramo, ripresa da Ermanno al crepuscolo, con elementi ad elevata risoluzione e ad alto contrasto fuori dall'ordinario.


L'edicola di Piazza Martiri a Teramo, con il "Lanciarazzi di Scooby-Doo"
- click per l'immagine a risoluzione UHD 4K (1,4 MB) -

Il nostro riferimento per la risoluzione è stato (ed è ancora) il "Lanciarazzi di Scooby-Doo!" (che ho ovviamente acquisato): si tratta della pubblicazione che è in basso a sinistra, evidenziata dalla freccia rossa qui in alto. Qui in basso invece, c'è una simulazione di come dovrebbe essere la riproduzione su un display o proiettore perfetto, con risoluzione nativa UHD 4K (3840x2160) e come invece dovrebbe presentarsi su un display o proiettore a risoluzione nativa full HD (1920x1080). Nonostante l'elevata compressione effettuata da Youtube, con una media di circa 15 Mbps e codec AVC, la scena dell'edicola contiene tutte le informazioni necessarie e le tre scritte del "Lanciarazzi" sono ben visibili se si possiede un display nativo 4K.


Il confronto del "lanciarazzi di Scooby-Doo" a risoluzione UHD 4K e full HD

Con la disponibilità su Youtube del nostro piccolo timelapse in 4K, speriamo di fare cosa gradita ai nostri lettori in un momento in cui display e videoproiettori 4K (o presunti tali) stanno iniziando a diffondersi sempre di più, fornendo elementi per l'analisi di numerosi aspetti della qualità d'immagine che non si limitano a risoluzione e dettaglio ma che continuano con gamma ed elementi sui primissimi gradini di luminanza, oltre che naturalezza dei colori e bilanciamento del bianco. L'unica cosa che non può essere analizzata con questo timelapse è la ricchezza di sfumature: purtroppo l'elevata compressione effettuata da Youtube va a limitare proprio il numero di livelli su quegli elementi dell'immagine più critici, come il cielo e l'evidenza di "banding" (alias solarizzazioni) è una certezza.


Corso San Giorgio a Teramo
- click per l'immagine a risoluzione UHD 4K (1,3 MB) -

Come già detto qualche tempo fa, nell'articolo dedicato al "making of" pubblicato a febbraio del 2012, abbiamo a disposizione il timelapse per i nostri lettori in vari formati. Io stesso porto sempre con me la versione in H.264 da 1,6 GB  e quella in H.265 da 560 MB nei numerosi eventi come shoot-out e fiere di settore: un file che non raggiunge la perfezione del formato DPX a 10 bit per componente oppure di quello in JPEG2000, dedicato alla proiezione nelle sale digitali. Eppure, la versione in H.264 realizzata con Adobe Media Encoder in doppia passata è un bel passo in avanti rispetto al file da 280 MB che rimane dopo la compressione di Youtube. Se siete interessati, al prossimo evento portate con voi un supporto di memoria adeguato e chiedete al sottoscritto una copia: sarete accontentati.

Per l'elenco dei prossimi eventi: avmagazine.it/news/4K/proiezione-prossimi-eventi-av-mag_10515.html

 

Articoli correlati

Time lapse video in 2K e 4K

Time lapse video in 2K e 4K

Il Time Lapse è una tecnica piuttosto semplice che consente di realizzare video spettacolari, mettendo in sequenza immagini scattate a risoluzioni molto elevate. Nell'articolo, oltre alla produzione vera e propria delle immagini, viene affrontata la post produzione e il rendering fino a risoluzione 4K



Commenti (17)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: g_andrini pubblicato il 12 Ottobre 2015, 08:39
Il digitale permette questo ed altro, con un miglioramento netto rispetto alla pellicola.
Sarà interessante testare il video su televisori ultrahd.
Commento # 2 di: runner pubblicato il 12 Ottobre 2015, 09:09
non potreste caricarlo su un servizio di hosting in modo da permettere il download integrale senza la compressione di youtube?
Commento # 3 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 12 Ottobre 2015, 09:56
Ci abbiamo già pensato. In realtà mettemmo già una versione, su Megaupload... Dopo giorni e giorni di upload, neanche una settimana dopo che caricammo l'ultimo pacchetto, chiusero il sito e arrestarono Kim Dotcom!

Comunque, quando sarò a Bologna per l'evento Sony in programma il prossimo sabato 24 ottobre, da Audioquality dovrebbe essere già attivo un collegamento in fibra. Nottetempo approfitterò della linea per fare un upload almeno delle versioni in H.264 e H.265 e forse - se ci sarà il tempo - anche di quella in JPEG 2000.

Quella in DPX a 10 bit per componente è un po' troppo grande: sono 160 GB e secondo me non ne vale la pena. Di quella in TIFF a 16 bit per componente, neanche a parlarne: quasi 250 GB.

Emidio
Commento # 4 di: g_andrini pubblicato il 12 Ottobre 2015, 10:42
Ho eseguito il download del 4k, anzi ultrahd (3840x2160). Con il mio portatile VLC balbetta, ma, catturando la schermata della edicola, effettivamente leggo bene 'il lanciarazzi di' ...
Commento # 5 di: runner pubblicato il 12 Ottobre 2015, 11:12
sarebbe molto utile avere i file, attendo l'upload!
Commento # 6 di: adslinkato pubblicato il 12 Ottobre 2015, 16:17
In effetti a Roma col Sony 1000 fu una visione semplicemente spettacolare, non so quanto da ascrivere alla clip e quanto al Sony: direi in parti uguali!

Già pronto un hard disk portatile per quando riorganizzerai una tappa a Roma.
Commento # 7 di: graphixillusion pubblicato il 12 Ottobre 2015, 21:38
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli;4457945
Quella in DPX a 10 bit per componente è un po' troppo grande: sono 160 GB e secondo me non ne vale la pena. Di quella in TIFF a 16 bit per componente, neanche a parlarne: quasi 250 GB.


Per curiosità Emidio: che software consigli per riprodurre eventuali filmati in formato dpx/jpeg2000/tiff?
Commento # 8 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 12 Ottobre 2015, 22:41
Ciao graphixillusion

Per riprodurre TIFF full HD e DPX uso il player Desktop Video che è incluso in alcune schede del produttore australiano. Attenzione però al sistema di archiviazione che deve essere ben dotato: il datarate di un DPX 4K a 10 bit per componente sfiora il GB (Giga Byte) per secondo. Con due SSD Samsung 840 Pro da 250 GB in RAID 0 e controller Adaptec, siamo al pelo. Il TIFF 4K a 16 bit non credo l'abbia mandato mai in play neanche Ermanno.

Il JPEG 2000, se si ha un server per cinema digitale, è la soluzione migliore: 12 bit per componente e compressione praticamente invisibile. Per PC credo esistano alcuni software free ma non so se siano compatibili con materiale 4K.

Io utilizzo Easy DCP Player del Fraunhofer Institute ma la licenza è piuttosto sapida. C'è anche da dire che il JPEG 2000 lossless (quindi non compatibile con lo standard DCI) è la migliore soluzione di archiviazione, meglio del TIFF se pensiamo all'enorme risparmio di spazio.

Emidio
Commento # 9 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 12 Ottobre 2015, 22:46
Aggiungo che sto iniziando a conoscere anche il formato H.264. Mi sembra eccellente e anche ben scalabile. Non aspetto altro che uno dei nuovi lettori Blu-ray 4K, con la speranza che almeno uno (Oppo?) possa riprodurre contenuti HEVC 4K a 10 bit e compressione component 4:2:2 anche da supporti esterni.

Sarebbe una gran cosa!

Emidio
Commento # 10 di: graphixillusion pubblicato il 13 Ottobre 2015, 03:48
@emidio

Grazie mille, esaustivo come al solito!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »