Progetto Subwoofer: progettazione estrema [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : Progetto Subwoofer: progettazione estrema



Michele Spinolo
30-11-2002, 20:16
Allora avevo in mente di progettarmi un subbetto con woofer da 35cm o da 46cm (pensavo ai Ciare) in configurazione push-pull, affacciati l'uno all'altro e comunicanti con l'esterno solo tramita ad un condotto reflex per ogni camera dei due woofer.

Il cabinet pensavo di farlo in MDF da 19mm, realizzando poi un cabinet nel cabinet con un'intercapedine riempita di sabbia in modo da avere una struttura il più possibile rigida e smorzante che non trasmetta all'esterno alcuna vibrazione.

Avendo però poco (pochissimo) tempo a disposizione chiederei l'aiuto di qualcuno (Marco?), magari per la realizzazione del filtro crossover.

C'è qualcuno interessato? Ad ogni modo si tratterebbe di un progetto a lunga scadenza...;)

Guren
30-11-2002, 23:18
se ti interessano i CIARE perchè non copi pari pari uno dei loro progetti? :confused: (tra l'altro nei progetti osno indicati anche gli schemi dei crossover).

Eventualmente poi potresti "aggiungere" al progetto ciare l'idea del secondo cabinet all'esterno.

Sicuramente avrai visto il sito di Mauro Bricca e mi pare che i suoi sub siano proprio da 46 cm

Michele Spinolo
01-12-2002, 00:07
Si, ma nei progetti Ciare non ne trovo uno che mi soddisfi appieno.

Poi mi piace l'idea di progettarmelo da solo o comunque con altri avforumisti. Sai quando ti progetti e costruisci una cosa da solo questa suona "per forza" bene!;)

Guren
01-12-2002, 00:24
Su questo concordo appieno: io mi sono autocostruito 5 ciare V02 è ne sono soddisfattissimo; ma io non faccio testo perchè:

- non sono assolutamente un patito di HiFi e quindi per il sottoscritto basta che esca del rumore dalle casse e già sono perfette :D
- la stanza adibita ad HT non è certo ottimale e non consente una disposizione delle casse "decente"
- ho ancora dei grossi problemi ad alcune frequenze ma non ho soldi per comprare equalizzatori parametrici (a proposito ringrazio Microfast che ha tentato di spiegarmi e consigliarmi ma io non riesco a capire cosa devo fare :p)

Ad ogni modo se il tuo intento è l'autocostruzione anche sul forum di hWupgrade, sezione schede Audio, trovi gente in gamba che probablmente saprà aiutarti ;)

Michele Spinolo
01-12-2002, 08:47
grazie del consiglio

Gianni Wurzburger
01-12-2002, 20:29
Michele,
credo che un mdf da 19 mm sia troppo elastico per un 46 cm, per cui passerei ad uno spessore superiore o accoppierei fogli da 19mm. Inoltre per realizzazione di un filtro xover non ho ben capito se tu intenda xover attivo o passivo .

Microfast
01-12-2002, 21:04
- la stanza adibita ad HT non è certo ottimale e non consente una disposizione delle casse "decente"
- ho ancora dei grossi problemi ad alcune frequenze ma non ho soldi per comprare equalizzatori parametrici (a proposito ringrazio Microfast che ha tentato di spiegarmi e consigliarmi ma io non riesco a capire cosa devo fare :p)

Guren,

Mi spiace se non sono riuscito a spiegarmi in modo sufficientemente semplice, comunque se hai identificato le frequenze che "rimbombano" sei a meta' dell'opera :

Ora devi abbassare il livello di tali frequenze o modificando l'ambiente tramite l'utilizzo di tubes traps / risuonatori o in modo piu' semplice ed economico con dei filtri parametrici .

Saluti
Marco

Michele Spinolo
01-12-2002, 22:20
Gianni in effetti avevo pensato anche io che 19mm fossero pochi, però considerando che realizzerei una cassa nella cassa con intercapedine riempita di sabbia...comunque non dovrebbe essere un problema passare allo spessore superiore, bisogna vedere cosa offre il mercato.

Per il crossover non so: un crox passivo è innegabilmente di più facile realizzazione, ma uno attivo offre migliori vantaggi di regolazione, ma io non ne so troppo di elettronica, per questo chiedevo aiuto a Marco.

Di positivo ci sarebbe che ho due Maxim Max280 CPA0031 che potrebbero essere usati per il crox attivo, ma non saprei da dove cominciare;) .

Tu cosa ne dici?

Guren
01-12-2002, 22:40
Originariamente inviato da Microfast
Mi spiace se non sono riuscito a spiegarmi in modo sufficientemente semplice, comunque se hai identificato le frequenze che "rimbombano" sei a meta' dell'opera :

Ora devi abbassare il livello di tali frequenze o modificando l'ambiente tramite l'utilizzo di tubes traps / risuonatori o in modo piu' semplice ed economico con dei filtri parametrici .


scusa michele se mando leggermente Ot il tuo topic per un poco.

Marco una volta acquistato tale filtro/equalizzatore parametrico cosa devo farci?

Nel senso: a che punto della catena devo collegarlo? tra lettore dvd ed ampli? tra ampli e le casse? (non credo)

Se mai un giorno avrò un proiettore ed il relativo HTPC dove dovrò collegare l'equalizzatore?

sono cosciente del fatto che siano domande da lamer ma purtroppo la mia "cultura2 in questo campo, come in molti altri, rasenta lo scandalo :p

L'unica cosa che ho capito è la marca di questi amplificatori e che nuovi costano troppo.. ma eBay ci viene incontro in questo caso e non appena la situazione economica migliora e trovo un buon affare non mancherò di chiederti consiglio in privato :D:D

scusate nuovamente l'OT

Microfast
02-12-2002, 00:43
Michele,

Ho capito che vuoi costruire un sub e ok, ma per il filtro devi essere piu' preciso :

1) Vuoi fare un sub passivo od amplificato ?

2) Che segnale ci vuoi applicare ? ( l'uscita LFE ? )

Se il sub e' amplificato mi sembra fuor di dubbio che debba essere un filtro attivo ( non vorrai mica sprecare potenza propio nel sub dove ce ne vuole ).

L'integrato MAX280 non mi sembra il massimo per un uso HIFI ......., meglio uno schema tradizionale con operazionali di buona qualita' tipo gli OP275 che ho usato io ( trovi un sacco di schemi e le formule per il calcolo dei componenti sono molto semplici ).

Io ti consiglierei di tagliare la testa al toro e prendere il DSP1124 ( 160 Euro ) che ti risolve egregiamente tutti i problemi di filtraggio e contemporaneamente di correzione in ambiente.


Guren,

L'equalizzatore va collegato tra l'uscita LFE dell'Amplificatore-pre-decoder e l'ingresso del sub.

Per l'impiego "brevemente" ti spiego in termini semplici : hai dei filtri parametrici ( nel DSP1124 Behringer ce ne sono 12 per canale di tipo digitale ) che significa regolabili dove puoi regolare per ogni filtro la frequenza di taglio ( frequenza dove hai il rimbombo ), l'attenuazione ( tanto quanto necessario per azzerare il rimbombo ) e il q o la larghezza di banda ( da regolare al meglio per toccare il meno possibile le frequenze adiacenti sopra e sotto il rimbombo ).

I filtri di tipo digitale ti permettono interventi molto pesanti ( spesso necessari per questi lavori ) senza alterare piu' di tanto la qualita' del suono.

Spero di esservi stato utile

Saluti
Marco

Gianni Wurzburger
02-12-2002, 06:50
Sinceramente
io non sprecherei un solo cents per un xover passivo su un sub.
Io ho realizzato due "semiattivi" nel senso che i sub sono passivi, ma vengono pilotati da un ampli che ha il segnale filtrato da un xover elettronico a 50 Hz. . Considerando il ridotto range di frequenza riprodotte dal sub, e dalle enormi induttanze necessarie per tagliarlo o per "linearizzarlo:p :p concordo con Microfast e mi orienterei o verso un ampli con xover dedicato, o su un xover elettronico e un ampli solo per il sub.

G.Carlo Valletta
02-12-2002, 13:32
Ho letto tutti i post e le vostre considerazioni. Sicuramente l'MDF da 19 è inadeguato, ci vorrà un 25 mm magari con dei rinforzi (dipende anche dalla grandezza del mobile).
Ci sono anche molte altre considerazioni da fare, la prima riguarda il filtro che deve essere per forza attivo, con frequenze di taglio attorno agli 80-100 Hz un cross passivo è una scelta sucida. Su questo c'è anche da dire che molti dei nuovi integrati e/o processori hanno la frequenza di taglio del LFE, per cui il cross attivo potrebbe essere inutile; se poi si vuole fare i raffinati e impostare frequenze di taglio ripide (24 db/oct -opportune per un sub-) e controllare anche la frequenza di cut-on (che dipenderà dal tipo di Sub), oltre che il tipo di taglio (bessel, butterword ecc ecc) sarà necessario un cross-over elettronico deicato. Altra questione riguarda la fase: con una realizzazione del genere (sia con cross attivo che utilizzando il pre/processore) sarà possibile solo lo 0° o 180° (invertendo i morsetti), ma di solito servono aggiustamenti tra questi 2 valori, per cui al nostro ipotetico filtro attivo sarà necessario aggiungere un altro stadio.
La scelta degli altoparlanti Ciare mi vede consensiente; collaboro anche con le testate Car Audio e Car Stereo e spesso mi capita di testare altoparlanti di questo marca.
Per la cronaca, adesso, come sub HT, ho un Ciare CW32ND caricato in volume da 25 litri in bass-reflex con un QB3 n°1 e pilotato da un finale Rotel RB971MkII a ponte, direttamente connesso con processore Thule. Una bomba ! Tra l'altro l'impedenza di 4 ohm, con un finale "capace" fa guadagnare molti interessanti Watt. Se vuoi esagerare oltre i 32 cm, puoi utilizzare il CS391, un 38 con sospensione in gomma molto abbondante a doppia bobina.
Comunque progettare un sub non è cosa facile e il pusch-pull , per quanto una configurazione assai interessante, mi sembra esagerata con altoparlanti da 38.... sopratutto in un appartamento normale. Tieni conto che con un 32 come il mio sonorizzo abbondantemente un'ambiente di 35 mq. circa.
Un saluto a tutti.

Michele Spinolo
06-12-2002, 18:48
Mmmmm....la faccenda si fa interessante.
Ricapitolando i punti fissi al momento sono:

-Crossover attivo (Marco cos'è il DSP1124?), possibilmente con frequenza di taglio regolabile in continua fra 0° e 180°.

-Woofer della Ciare, ma ancora non è chiaro quali, sicuramente oltre i 35cm (i miei frontali hanno 2 woofer push pull in reflex da 35cm...)

-MDF possibilmente da 25mm (anche se dove acquisto io di solito MDF da 25mm è diverso da quello da 19mm avendo una densità minore (circa la metà)

-Doppia cassa con intercapedine riempita di sabbia o simili.

Ultimo e più importante punto: io non sarei proprio per niente in grado di progettare e realizzare (realizzare forse si) un crox attivo.
Qualcuno si offre? (Marco?, Valletta?)

Amplificazione: pensavo ad un ampli esterno, tipo la soluzione adottata da Bricca con i Technics o da Valletta con i Rotel.

Amplificazione: ero orientato ad un ampli esterno

Michele Spinolo
06-12-2002, 18:48
seh va beh mi è sfuggita due volte l'amplificazione....:D

Microfast
06-12-2002, 20:15
Michele,

Se devi collegare il sub al canale LFE ( 20-120 Hz. ) cosa te ne fai di un crossover ?

Ti bastano ed avanzano una serie di filtri parametrici cosi' puoi tagliare, livellare, eliminare le risonanze etc etc :

L'uscita LFE la colleghi ad un DSP1124 ( eq. Parametrico stereo ) o meglio ancora ( cosi' puoi anche rendere la resa del centrale identica ai frontali ) ad un DSP8024 ( eq. param./grafico ) che ha anche l'unita' di delay ed i controlli di livello di uscita per poi andare all'amplificatore esterno ( la fase senza altri accrocchi puoi invertirla da 0 / 180 gradi semplicemente invertendo i cavi di uscita ).

L'altoparlante dovra' essere preferibilmente un 38 cm.

Saluti
Marco

Michele Spinolo
06-12-2002, 20:43
In effetti lo voglio collegare al canale LFE, quindi come dici tu niente crossover.

Se ho ben capito per i due DSP entro col segnale LFE e esco con i due segnali stereo da dare all'ampli e da qui al sub giusto?

Cosa ha in più il DSP8024? E cosa intendi con "rendi la resa del centrale identica ecc, ecc..."?

Microfast
06-12-2002, 23:14
I dsp in questione sono stereo quindi hanno due canali separati e per il sub ne usi uno sia in ingresso che in uscita.

Rimane cosi' un canale libero che potresti usare per esempio per il centrale collegando l'eq tra pre-out/main-in ( la cui resa nonostante si utilizzino altoparlanti simili spesso tende a differire da quella dei frontali a causa della posizione il piu' delle volte forzatamente non ottimale a causa dello schermo ).

In questo caso il DSP8024 avendo convertitori ADC/DAC migliori ( veramente eccellenti ) ed in piu' un equalizzatore grafico a 1/3 d'ottava sarebbe piu' indicato per questo compito.


Saluti
Marco

Michele Spinolo
07-12-2002, 08:28
Ottima idea Marco!

Prezzo di questa bestia?

Poi esiste un software che, collegando un microfono al Pc, ti faccia l'analisi in frequenza del sistema?

Microfast
07-12-2002, 13:02
Incredibilmente ci sono rivenditori in Germania ( ed in Usa ) che da un po di tempo stanno vendendo ( trovi le offerte su Ebay ) il DSP8024 nuovo a circa meta' prezzo :
250 Euro iva inclusa !!

Un affarone a dir poco, visto che in Italia li paghi oltre 550 Euro ....

Per il software io trovo eccellente l'EFT5 venduto ( on line tramite download, poi ti mandano via email la chiave legata al tuo nome ) sul sito www.etfacoustic.com con o senza microfono calibrato ( lo stesso microfono e' venduto a prezzo molto piu' conveniente in Germania ).

Il microfono ( inclusivo di pre ) e' calibrato individualmente entro 0,5 dB. sa 20Hz. a 20Khz. usando come riferimento un costosissimo B&K.

Saluti
Marco

Michele Spinolo
07-12-2002, 15:49
Marco e il prezzo del software?

Microfast
07-12-2002, 16:17
Mi sembra sui 150 Euro, ma li vale tutti e funziona bene anche con la piu' scalcinata delle schede audio.

Saluti
Marco

Ps. Occhio che poi la tentazione di equalizzare tutto diventa grande .....

Michele Spinolo
07-12-2002, 19:04
:D :D :D :D :D

rouge
07-12-2002, 19:34
Io, su consiglio di brava gente (=molto esperti in materia), metterei un vectron -www.vectronitalia.com- ovvero un ampli dedicato al sub con il suo crossover elettronico.
Ciao!!!

G.Carlo Valletta
10-12-2002, 12:07
La fase, molto, troppo spesso, deve essere regolata in un valore nell'intorno tra 0° e 180° per cui non è sufficente l'inversione, ma ci vuole un filtro "all-pass" ad operazionali. Mi pare, in oltre, di aver capito che le unità proproste DSPXXXX convertano il segnale in digitale per trattarlo e poi lo riportino nel dominio dell'analogico; personalmente ritengo l'operazione distruttiva dal punto di vista della qualità. Per effettuare la funzione di cross-over attivo, quindi, sarebbe auspicabile un prodotto del mercato Car di alto livello (che adotti operazionali NE5532 o AD134), i quali hanno l'unica controindicazione di dover essere alimentati a 12V, che non mi sembra una grande limitazione (se decidi di farlo, tra l'altro, posso suggerirti alimentatori ad-hoc). Per quanto riguarda, invece, la scelta dei woofer da adottare direi che il fatto che tu possegga dei frontali con driver da 35 cm cambia completamente le cose. Credo che l'unica soluzione che possa aggiungere forza, sia l'adozione di driver professionali (ma a questo punto da 42 cm) caricati a tromba, che ti daranno anche una sensazione fisica, oltre che sonora, del basso. Mi chiedo, poi, cosa tu possa mai farci con degli anteriori con woofer da 35 se ci metti il sub... di certo non puoi farli "suonare insieme". Rimane ovvio, infatti, che se farai lavorare il sub fino agli 80-100 Hz, gli anteriori li dovrai tagliare con cut-on a partire dal cut-off del sub. Detto questo tengo a precisare un altra cosa: tra i migliori modi di costruire un mobile c'è quello di adottare del multistrato marino molto spesso (anche 30) e di rinforzarlo internamente con nervature (vedi , per esempio, tecnica Matrix di prima generazione B&W), non vedo praticabile quello della sabbia, che ho utilizzato una sola volta ma che ha enormi controindicazioni (a quel punto megliodirettamente nella muratura). Il progetto che vuoi realizzare è molto oneroso e di difficile realizzazione.
Un saluto.

Microfast
10-12-2002, 13:49
G. Valletta,

Mi spiace dissentire dalle tue opinioni ; io uso con profitto l'equalizzazione sull'intera banda e le alterazioni della doppia conversione ( che voglio comunque eliminare perche' si puo' sempre migliorare ulteriormente .... ) sono praticamente inavvertibili rispetto agli enormi vantaggi ottenuti.

Poi sulle basse frequenze vista la bassa sensibilita' dell'orecchio a queste frequenze il problema propio non si pone.

Al contrario sono distruttivi e molto i pesanti filtri analogici che spesso bisogna utilizzare per risolvere le problematiche dell'ambiente in bassa frequenza.

Non per niente sui sub di alto costo ( tipo l'ultimo Infinity provato su AF Digitale ) si cominciano ad utilizzare equalizzazioni parametriche digitali con eccellenti risultati e sono sicuro che tra non molto saranno utilizzate su larga scala perche' irrinunciabili.

E poi permettimi , mi sembra piu' razionale prima eliminare i problemi piu' grossi ( che sono risolvibili solo digitalmente e che invece vengono chissa' perche' ignorati come non esistessero ) e poi pensare ai dettagli ...............

Sfatiamo una volta per tutte questi preconcetti che non ci permettono di migliorare ed accettiamo il fatto che il 90% ( ed oltre ) degli utenti non possono per vari motivi affrontare la ristrutturazione della casa ( ed a volte non basta ancora ) per eliminare problemi di acustica ambientale di grossa entita' ( 10 e piu' dB. ).

Questa ovviamente e' solo la mia opinione personale, comunque maturata da lunghe esperienze ( oltre due anni di test strumentali e di sessioni di ascolto ) ottenute con l'aiuto di professionisti di sicuro valore.

Saluti
Marco

G.Carlo Valletta
10-12-2002, 14:51
Non ho alcun problema a riflettere sulle tue opinioni. Anzi, è importante guardarsi intorno e non trincerarsi sulle proprie opinioni. Io ho una discreta esperienza sia in campo amatoriale che professionale di musica riprodotta e di acustica, nella mia esperienza, anche giornalistica, oltre che tecnica e progettuale, mi è capitato di imbattermi in molte soluzioni e in molte problematiche diverse. Quello che ho maturato e che sento vero, è l'enorme differenza tra una sorgente analogica (giradisci) e digitale (CD), differenza oramai data come dato di fatto praticamente da tutti. Il dominio del digitale, per quanto rappresenta il futuro e per quanto abbia ancora dei grossi margini di miglioramento, è ancora molto di là da eguagliare l'analogico. Solo poche volte mi è capitato di "sentire" un digitale suonare "quasi come" un analogico. Per dovere di cronaca mi preme sottolineare che a dire la loro in quella occasione erano giradischi Linn LP12 in massima configurazione e il lettore CD Linn CD12.
E', però, anche vera un altra considerazione che fai tù, sicuramente giusta: nel dominio del digitale si può trattare il segnale in modo molto più energico e risolutivo di quanto non si possa fare nel dominio dell'analogico, per cui a questo punto la diatriba diventa imbarazzante.
Del resto non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca...
Comunque, e questo solo per esperienza di ascolto, anche le basse frequenze "tecnicamente" molto più insensibili alle affezzioni del digitale, ne sono, invece, influenzate; questo lo affermo proprio per esperienza di ascolto, unicamente per quella. Io sono uno di quelli che gridava allo scandalo quando si parlava di differenze tra i cavi sia in analogico ma sopratutto nel digitale; mi sono dovuto ricredere, fidandomi delle mie orecchie e non degli strumenti di misura.
Tornando a noi, io il sub lo realizzerei tutto in analogico, rimanendo nei confini (stretti?) delle mie convinzioni e esperienze progettuali, ma nella vita......
Ti salto cordialmente.

Michele Spinolo
13-12-2002, 13:55
Valletta,

Il sub lo utilizzerei solo ed esclusivamente come canale LFE, mai nell'ascolto musicale dove vado in stereo puro con i due frontali e ne sono soddisfattissimissimo.

Per questo motivo, concorderai, quello che cerco è "l'effetto botta" che forse, proprio come dici tu, è ottenibile con altoparlanti professionali caricati a tromba (ma i costi??).

La mia idea era quella di acquistare il Rotel RSP 1066, che , se non soffrisse del problema del bass management, configurerei col taglio a 40-60Hz per il sub.

Quindi effettivamente non mi servirebbe un crossover, solo un buon finale stereo per guidarlo.

barbara aghemo
14-12-2002, 16:51
ma sono andato a cercare le caratteristiche di questi Ciare, e mi sembra di aver capito che siano caratterizzati da valori di Xmax nei dintorni degli 11/12 mm.
Con una superficie radiante tra i 500 e gli 800 cm2, valori tipici di componenti tra i 12" e i 15", otteniamo volumi di aria tra i 550 e gli 880 cm3, che, a 30 hz, corrispondono a potenze acustiche tra i 105 e i 107 dB ad un metro. Non che sia poco, per carita`, ma visto il costo non indifferente di questi componenti, volevo segnalarvi l'esistenza di trasduttori caratterizzati da escursioni lineari decisamente superiori ( sino ad oltre 30 mm), che consentono allineamenti in sospensione pneumatica con fattori di merito estremamente bassi (e quindi con lemigliori risposte ai transienti possibili), il cui roll off in bassissima frequenza diviene facilmente correggibile con equalizzatori digitali.
Con componenti capaci di muovere sino a 2000 cm3 di aria in regime di escursione lineare, abbiamo la possibilita` di ottenere 110dB ad un metro a 20 hz, ovviamente con amplificatori sufficientemente poderosi.
Per un paio di progetti che sono in cantiere, ma non ancora partiti, sto valutando alcuni dei componenti che potete trovare a questo link:
http://www.acoustic-visions.com/Shiva.htm .
Non so come vadano e non li ho ancora potuti testare ( se tutto va bene, le prime realizzazioni sono previste per meta` 2003) ma le caratteristiche dichiarate mi sembrano, a dir poco, interessanti.
Saluti a tutti..

Microfast
14-12-2002, 17:04
Andrea,

Un trasduttore per sub molto interessante ...... ed anche dal costo piu' che accessibile.

Sullo stesso sito ci sono anche altri interessanti trasduttori come il 15", amplificatori di ogni potenza e cabinet di vario tipo ; pur avendo il Velodyne sarei curioso di provare e vedere cosa si ottiene.

Speriamo che finalmente si cominci a comprendere l'importanza e sopratutto la necessita' dell'equalizzazione ( come in questo caso ).

Cambiando discorso :

Hai poi fatto altri test ?

A me e' arrivata dal Giappone l'evaluation board per trasformare il DSD in Pcm, peccato che sono molto impeganto per lavoro in questo periodo ma quanto prima conto di incominciare i test .....


Saluti
Marco

barbara aghemo
15-12-2002, 00:56
No, per il momento no, Marco, sono un po` troppo preso tra il mio lavoro e il progetto che sto curando insieme ad alcuni amici, del quale gia` ti ho accennato: il tutto e` solo rinviato, comunque, gli approfondimenti ci saranno, eccome se ci saranno, soprattutto con i progetti in cantiere per quanto riguarda il parco diffusori...
Anzi, rinnovo l'invito all'altro Marco a farmi sapere qualcosa dei suoi scritti, visto che ormai stiamo per scolare la pasta!
Auguroni per i tuoi, di progetti, che seguo con attenzione: questa settimana finalmente potro` tirare un po` di fiato e telefonero`alla NPC americana per il tuo chip.
Salutoni!

Microfast
15-12-2002, 13:27
Ti ringrazio Andrea e ricambio gli auguri a te e famiglia.

Circa l'NPC come scrivevo nel post precedente puoi fare a meno di telefonare perche' ho gia' i samples e addirittura la evaluation board ( veramente gentili ).

Grazie ancora e a risentirci.

Saluti
Marco


Ps.

Circa Marco Cavallaro l'ho visto recentemente e mi ha detto che e' ancora impegnato ... , comunque e' interessato della cosa e appena si libera ti contattera'.

G.Carlo Valletta
16-12-2002, 12:12
Dunque, per quanto riguarda i woofer a lunga escursione, almeno per la mia esperienza redazionale di Car Audio e Car Stereo, anche se di grande impatto, non ne ho mai sentito uno particolarmente veloce. Per uso HT, sopratutto quando si sale con il diametro, occorrono trasduttori snelli, questo è quello che penso.
Non sarebbe male adottare anche degli RCF, per esempio gli L15P200 a tromba, utilizzando la configurazione classica consigigliata dal costruttore. Allego un file, in privato, con il progetto. Io l'ho eseguito una sola volta e ti posso garantire bassi da palco, LIVE, insomma; non scendono moltissimo ma ti spostano i vestiti. Per la mia esperienza, in HT, si sbaglia a guardare "quanto scende in basso" un sub, molto spesso sotto i 30 Hz gli effetti dell'ambiente d'ascolto sono talmente pesanti da rovinare tutto il messaggio, io preferisco trasduttori veloci e perentori.
Potresti anche vedere la produzione CIARE professionale o Beyma, cmq questo L15P200 è uno dei migliori driver professionali da 38cm, è stato impiegato, in versione OEM, da molti costruttori, anche americani.

Microfast
16-12-2002, 13:54
Valletta,

Non generalizziamo troppo :

I Velodyne HGS sono a "lunga escursione", usano drivers tutto fuorche' leggeri e non mi sembra propio che soffrano delle pecche' di cui parli.

Guarda caso si avvalgono delle tecniche che non gradisci ( amplificazione switch, DSP, accelerometro ..... ), come vedi se ben impiegate le innovazioni a qualche cosa servono.

E non mi dire che il suono che producono non e' pulito perche' e' semplicemente fenomenale per pulizia, potenza, estensione verso il basso e poca distorsione.

Saluti
Marco

G.Carlo Valletta
16-12-2002, 14:13
Michele, volevo solo segnalarti che il forum non è uno scontro tra opinioni, ma un "gruppo di discussione".
Consentimi, le tue risposte hanno, almeno a mio sentore, il tono della "sfida di competenze". A me non piacciono i forum proprio per questo, già mi sembra di aver puntualizzato la mia totale posizione di apertura verso qualsiasi opinione diversa dalla mia. E' ovvio, che se io la penso in un certo modo, nel forum i miei repost saranno indirizzati in quel senso.
Non voglio dire, in oltre, non ho proprio parlato di Velodyne, che tutti i lunga corsa vadano male; tra l'altro questo ambito è diverso, stiamo parlando di autocostruzione, e quindi di tutti quei componenti woofer a lunga corsa disponibili in commercio. Se ti fai un giro tra i cataloghi, ti accorgi che grossa parte della produzione disponibile è per uso Car, visto che quel mercato verte in quel senso.
Sul "fenomenale" del velodyne ho alcune perplessità, ma giusto perchè "fenomenale" per me sono alcuni sub REL e il vecchio Celestion SL6000, il Velo lo trovo molto buono per uso HT; credo, però sia una cosa soggettiva.
Un cordiale saluto.

Microfast
16-12-2002, 22:28
Valletta,

Penso che la tua replica fosse indirizzata a me e non a Michele.

Premesso che non ho nessuna intenzione di scontrarmi con nessuno e tantomeno di fare polemiche o sfidare chicchessia, come pure e' ovvio che le nostre sono tutte opinioni personali e che piu' se ne sentono e meglio e' per i partecipanti del forum, le mie sono semplici repliche che mi sembra giusto scrivere quando leggo delle opinioni contrastanti per chiedere spiegazioni, puntualizzare e capire meglio.

Scusa non te la prendere ma sei tu che hai scritto che i trasduttori a corsa lunga e pesanti non sono adatti all'HT e poi dici che il Velodyne che ha appunto queste caratteristiche e' adatto all'HT .

Forse ho capito male la tua spiegazione .....

Un'altra cosa che mi ha colpito e' la tua affermazione che la resa sotto i 30 Hz. spesso e' resa cosi' problematica dall'ambiente ( ed e' vero ) che e' meglio rinunciarci.

Io mi sento di aggiungere ( per esperienza personale ) che oggi ( a differenza di qualche anno fa ) e' cosi' facile ed economico porvi rimedio che e' assurdo doverci rinunciare; questa non e' una critica solo un invito se gia' non l'hai fatto a provare realmente le tecniche di cui mi sono servito.

Circa il Velodyne, a me dopo aver sostituito il B&W ASW3000 e aver sentito molti altri sub mi ha dato un impressione di pulizia e controllo come non mi era mai capitato di ascoltare in precedenza, riproducendo note cosi' esenti da distorsioni e colorazioni da sembrare inizialmente quasi vuote ( non e' sicuramente un sub colorato e adatto al "bum bum" ), ma ai miglioramenti ci si abitua molto in fretta e poi si che diventa dura tornare indietro....

Detto questo non escludo certo che ci possano essere sub ancora migliori, non pretendo di averli ascoltati tutti.

Mi sembra pero' giusto sottolineare che molti esperti di tutto il mondo ritengono la tecnologia Velodyne al vertice per la riproduzione delle basse frequenze e questo mi sembra anche confermato da quanta tecnologia hanno impiegato nel progetto e nello sviluppo dei loro prodotti.

Cordialmente
Marco

G.Carlo Valletta
17-12-2002, 15:16
Come fare a "recuperare" i 30 hz perduti ? Parliamone, magari sul forum, in modo che in molti ci leggano. Io sono della vecchia scuola, quella analogica, ma sono contento di crescere.
Comunque, ascolta, se ti capita, i Sub della REL, li importa Audio Natali.

amorfo
16-01-2003, 00:26
ho da poco acquistato un filtro cerwin vega! che asalta di 5 o 10db i 30hz appena lo metto nello scanner :) mettero' a disposizione il pcb e il layout.

Sto' cercando invece uno schema di filtro subwoofer da 50 a 150hz e fase regolabile in continio da 0 a 180° qualcuno mi sa aiutare????
ciao e grazie a tutti!!!!!!!!

RickDeckard
21-03-2003, 17:01
Concordo con quanto già detto, probabilmente i REL sono tra i migliori (se non i migliori) sub in commercio, purtroppo in Italia non hanno la fama che meritano,(Nella terre di Albione sono praticamente gli unici sub
"accopiati" con diff. elettrostatici o dinamici di alto livello....) in passato troppo costosi (da poco tempo ne esistono anche di economici) hanno il "difetto" di avere una basso troppo pulito, veloce, MUSICALE! per essere appetibili all' utente medio di un sub HT, anche se dotato economicamente... :o

Microfast
21-03-2003, 20:10
Posso dirti per esperienza diretta lo stesso dei Velodyne serie HGS :

Bassi di qualita' allo stato puro non certo per fare baccano; il primo impatto e' sbalorditivo : dove e' finita la distorsione ?

Ma ci si abitua in fretta a tanta qualita' ...........

Piuttosto il solito problema : possibile che in Italia bisogna pagare il doppio o quasi di quanto costino in USA ?

Saluti
Marco

barbara aghemo
23-03-2003, 06:18
Eh, beh,
Marco,
se non avessi almeno il vantaggio di pagare meno tutto quello che qui che qui viene definito "HT gear", che cosa sarei venuto a fare in un paese in cui parmigiano (quello vero), farinata, vino e prosciutto crudo costano come i diamanti di De Beers?
Tanto per capirsi, prezzi della zona di Detroit: Mozzarella: $ 25 al kg. Prosciutto crudo: $ 80 al kg. Caffe`: $ 5 per pacchetto 200 g Lavazza Qualita` Rossa. Olio d'oliva: $13 al litro. Pane: $5 al Kg.....siete cosi` sicuri che vivere qui sia un affare?
Ciao...

Mirko
23-03-2003, 11:29
Originariamente inviato da andrea aghemo
Eh, beh,
Marco,
se non avessi almeno il vantaggio di pagare meno tutto quello che qui che qui viene definito "HT gear", che cosa sarei venuto a fare in un paese in cui parmigiano (quello vero), farinata, vino e prosciutto crudo costano come i diamanti di De Beers?
Tanto per capirsi, prezzi della zona di Detroit: Mozzarella: $ 25 al kg. Prosciutto crudo: $ 80 al kg. Caffe`: $ 5 per pacchetto 200 g Lavazza Qualita` Rossa. Olio d'oliva: $13 al litro. Pane: $5 al Kg.....siete cosi` sicuri che vivere qui sia un affare?
Ciao...

Potremo attivare uno scambio noi ti mandiamo i prosciutti e le forme tu ci mandi l'elettroniche.:D

Michele Spinolo
23-03-2003, 11:34
Originariamente inviato da Mirko
Potremo attivare uno scambio noi ti mandiamo i prosciutti e le forme tu ci mandi l'elettroniche.:D

Io offro piadina in quantità!;)

Microfast
23-03-2003, 13:20
Originariamente inviato da andrea aghemo
Eh, beh,
Marco,
se non avessi almeno il vantaggio di pagare meno tutto quello che qui che qui viene definito "HT gear", che cosa sarei venuto a fare in un paese in cui parmigiano (quello vero), farinata, vino e prosciutto crudo costano come i diamanti di De Beers?
Tanto per capirsi, prezzi della zona di Detroit: Mozzarella: $ 25 al kg. Prosciutto crudo: $ 80 al kg. Caffe`: $ 5 per pacchetto 200 g Lavazza Qualita` Rossa. Olio d'oliva: $13 al litro. Pane: $5 al Kg.....siete cosi` sicuri che vivere qui sia un affare?
Ciao...

Andrea,

Sicuro non si puo' avere tutto .....

Certo che preferisco risiedere in Italia e per i prezzi delle elettroniche poi, noi "intraprendenti" ci arrangiamo lo stesso in qualche modo.

C'e' comunque da arrabbiarsi quando oltre che negli Usa si trova di molto meglio anche in Europa.

Riguardo a mandare in Usa le cibarie, visto le stringenti regole penso sia piu' facile far arrivare in Europa le elettroniche.

Comunque finche' stai li approfittane

:D

Saluti
Marco

Ps. giovedi' prossimo ho l'incontro con i ricercatori dell'universita', speriamo si trovi un accordo conveniente.

RickDeckard
26-03-2003, 12:04
Originariamente inviato da Mirko
Potremo attivare uno scambio noi ti mandiamo i prosciutti e le forme tu ci mandi l'elettroniche.:D

Io posso offrirti cassate, cannoli, ed altre specialità siciliane.....