Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

First look firmware 3.50 JVC N5/N7/NX9

Anteprima di Emidio Frattaroli , pubblicato il 12 Novembre 2020 nel canale 4K

“Con il nuovo firmware 3.50 per videoproiettori 4K D-ILA serie DLA-N5, N7 ed NX9, disponibile gratuitamente, JVC introduce ulteriori miglioramenti alla qualità d'immagine e spinge l'elaborazione del Dinamic Tone Mapping su livelli ancora più estremi grazie al nuovo Theater Optimizer”


- click per ingrandire -

La pandemia di Covid 19 ha modificato pesantemente la stragrande maggioranza dei piani delle aziende impegnate nel settore dell'elettronica di consumo, soprattutto quelle che si occupano di videoproiezione. Eppure, nel settore home theater le novità non sono mancate. L'avanzata dei proiettori a tiro cortissimo, con sistemi d'illuminamento a stato solido sempre più sofisticati, è ormai sotto gli occhi di tutti. Nella fascia medio-alta del mercato, nell'ultimo lustro abbiamo assistito ad un testa a testa tra Sony e JVC, soprattutto da quando l'azienda di Yokohama ha introdotto i proiettori a risoluzione nativa 4K in occasione di IFA 2018

A due anni di distanza, JVC continua ad avere un sensibile vantaggio rispetto a Sony sia in termini di rapporto di rapporto contrasto nativo, sia in ricchezza di sfumature, sia nelle possibilità di calibrazione decisamente più articolate per l'utente finale e che prevedono anche un software di auto-calibrazione completamente gratuito, compatibile con alcune sonde prodotte da Datacolor e Xrite da acquistare a parte. In più, con il firmware 3.10 rilasciato l'anno scorso, JVC ha introdotto il Tone Mapping Dinamico che è stata una vera rivoluzione, portando la visione di contenuti HDR ad un livello inimmaginabile fino a poco prima.


- click per ingrandire -

Lo scorso settembre, Sony ha introdotto due nuovi proiettori con un algoritmo chiamato 'Dynamic HDR Enhancer' che - almeno sulla carta - avrebbe dovuto addirittura superare il tone mapping dinamico di JVC ma che invece si è rivelato decisamente limitato, soprattutto nella gestione della gamma dinamica in tempo reale, rimanendo quindi sensibilmente più indietro rispetto agli algoritmi di 'Frame Adapt HDR' che JVC ha introdotto lo scorso anno; nel video qui in basso potete osservare una comparativa tra un proiettore Sony VPL-VW790ES e il processore video madVR Envy che sottolinea buona parte dei limiti del proiettore Sony.

Ieri JVC ha rilasciato un nuovo aggiornamento firmware completamente gratuito che introduce ulteriori miglioramenti e spinge l'elaborazione del Dinamic Tone Mapping (DTM) su livelli ancora più estremi. La prima innovazione, a dir poco rivoluzionaria, si chiama 'Theater Optimizer' e prevede l'indicazione di due parametri a cura dell'utente finale oppure dell'installatore che riguardano la dimensione dell'immagine proiettata in pollici e il guadagno dello schermo, quest'ultimo compreso tra un gain di 0,8 e 5,0. Questi due valori, assieme alla posizione dello zoom, del diaframma e della lampada (sia come livello di alimentazione che di 'vecchiaia') vengono utilizzati dal nuovo algoritmo di 'Frame Adapt HDR' per modulare con efficienza ancora più elevata la gamma dinamica, in modo da spingere il DTM a livelli ancora più estremi.


- click per ingrandire -

Ho avuto l'opportunità di osservare una versione 'beta' del firmware (la rev 3.30) il mese scorso presso la sede di JVC Italia, utilizzando come test un esemplare di DLA-N5 ed un paio di UHD Blu-ray 4K e HDR. Nel video subito qui in basso potete osservare non solo il nuovo menu ma anche gli effetti sulla modulazione della gamma dinamica, soprattutto sulle alte luci. L'acquisizione delle immagini non era prevista e le impostazioni della camera che ho utilizzato non riescono a raccontare le straordinarie capacità di restituire tutte le sfumature sulle bassissime luci. Sulle alte luci invece quello che vedete nel video è abbastanza vicino a quello che ho potuto vedere con i miei occhi.


- click per ingrandire -

Al momento non abbiamo in redazione un esemplare di JVC DLA-N5 oppure N7 oppure ancora NX9 e data la situazione (l'Abruzzo è in zona arancione ed è probabile che presto sarà in zona rossa, purtroppo) credo sarà difficile poter verificare il nuovo firmware 3.50 direttamente qui in laboratorio. La speranza che JVC ci metta in condizioni di effettuare un test però c'è ancora. Nel frattempo segnaliamo che i proiettori aggiornati con firmware 3.50 saranno costretti ad utilizzare il nuovo software per auto-calibrazione 12 rev 1.10 che purtroppo perde la compatibilità con il colorimetro Spyder5 di Datacolor: da oggi si potrà utilizzare il colorimetro SpyderX di Datacolor oppure lo spettrometro i1 Pro 2 di Xrite, entrambi nella nostra disponibilità.

Nell'attesa di un test, confidiamo nei commenti dei nostri numerosi lettori, possessori di un JVC DLA-N5, N7 ed NX9 che non mancheranno di aggiornarci e commentare sul nostro forum di discussione. Prima dei link per scaricare l'aggiornamento, vi segnaliamo che con l'upgrade potrebbero andare perduti tutti i banchi di memoria per la calibrazione manuale.

Per maggiori informazioni sui proiettori JVC: https://it.jvc.com/

 

 

Articoli correlati

JVC DLA-Z1 vs. DLA-N7

JVC DLA-Z1 vs. DLA-N7

Un evento organizzato da JVC e da Gruppo Garman è stata un'ottima occasione per mettere alla prova il DLA-Z1, ovvero il proiettore home theater con sistema d'illuminamento laser più potente di JVC, con un più recente DLA-N7: due proiettori molto diversi tra loro per un confronto a dir poco esaltante!
Preview JVC DLA-N7

Preview JVC DLA-N7

La giornata di sabato 9 novembre, presso la splendida sala Ellipse del punto vendita Videosell di Trezzano Sul Navigio, è stata l'occasione perfetta per fare il punto sul già noto DLA-N7 con "Frame Adapt HDR" sfruttando l'autocalibrazione
Auto HDR per proiettori JVC 4K

Auto HDR per proiettori JVC 4K

A Berlino JVC mostra un importante aggiornamento firmware per l'attuale linea di proiettori nativi a risoluzione 4K che porta con sé la possibilità di gestire il tone-mapping in maniera dinamica e automatica, con precisione al singolo fotogramma



Commenti