Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD Full HD Planar PD420

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 23 Novembre 2007 nel canale DISPLAY

“Il test sul nuovo display LCD a piena risoluzione HD prodotto da Planar non ha disatteso le nostre alte aspettative. Un monitor Full HD di elevata qualità con doppio ingresso HDMI 1.2, DSP video con tecnologia DCDi Faroudja e costruzione con materiali e componenti da primo della classe.”

Misure: colori, bilanciamento e angolo

Il gamut del Planar PD420 è straordinariamente vicino al riferimento. In particolare, considerando che lo spazio CIE 1931 non è percettualmente uniforme, lo scostamento del verde deve essere considerato poco apprezzabile. Ottima la corrispondenza delle coordinate di Rosso, Blu, Ciano e Giallo ai relativi riferimenti. Il Magenta appare leggermente più spostato verso il rosso e la deviazione (peraltro contenuta) non può essere modificata con gli strumenti a disposizione nel menu.

Il bilanciamento del bianco, scegliendo la temperatura predefinita a 6500°K, è pressoché perfetto negli ultimi tre gradini della scala dei grigi. Nella restante parte della scala, le deviazioni crescono leggermente ma nel complesso, le prestazioni sono davvero molto buone. La leggera predominanza di blu e la mancanza di verde possono essere ragionevolmente corrette senza problemi con gli strumenti presenti nel menu di calibrazione. Purtroppo, Audiogamma ci ha lasciato il display per pochissimo tempo, senza darci modo di verificare le prestazioni dopo la taratura. 

L'angolo di visuale non è molto elevato per quanto riguarda il rapporto di contrasto. In senso verticale la situazione è ancora peggiore ma visionando il display da almeno 2,5 metri di distanza ogni artefatto viene brillantemente annullato. 

La variazione del punto del bianco in base all'angolo è invece quasi esemplare e si riflette in una straordinaria tenuta anche delle coordinate dei colori principali a qualsiasi angolo di visione. Visionando il display anche a distanza ravvicinata, le variazioni tra centro e bordi sono praticamente inavvertibili.