Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Blackmagic Video Assist 4K

di Emidio Frattaroli , Ermanno di Nicola , pubblicato il 11 Dicembre 2017 nel canale 4K

“Field monitor e registratore fino a risoluzione 4K 30p, con ingressi XLR stereo e alimentazione phantom, il tutto con alta qualitÓ, robustezza e prezzo molto aggressivo, aspetti che caratterizzano i tanti prodotti con marchio Blackmagic Design...”


- click per ingrandire -

Field monitor, registratore video di qualità fino a risoluzione 4K 30p e anche registratore audio, con ingressi XLR stereo, preamplificatore e alimentazione phantom, il tutto con alta qualità, robustezza e prezzo molto aggressivo, aspetti che caratterizzano i tanti prodotti con marchio Blackmagic Design. Il "Video Assist 4K" ha un display da 7" in 16:10 da 1920x1200 punti, doppio slot per SD card (fino a UHS-II) e registra video fino al 4K 30p a 10 bit 4:2:2. 

Il display, molto probabilmente con tecnologia LCD IPS, ha controlli "touch" per alcuni parametri (non tantissimi, purtroppo), è dotato di "focus assist", "zebra pattern", "false color" (purtroppo senza indicazioni sui riferimenti cromatici), mascheratura e grlglie con vari rapporti d'aspetto, codec e bitrate selezionabili e controlli per saturazione, luminosità e contrasto. La parte "display" permette anche di caricare LUT in modo da visualizzare le immagini in modo corretto, senza interferire con la registrazione.


- click per ingrandire -

Gli ingressi a disposizione sono di tre tipi; abbiamo un ingresso HDMI ed uno SDI 6G, purtroppo soltanto con "loop-out", quindi senza possibilità di convertire un HDMI in SDI e vice-versa. Ci sono anche due ingressi mini-XLR per collegare una sorgente audio stereofonica, con preamplificatore microfonico (di qualità elevatissima), anche con alimentazione phantom; gli eventuali adattatori (un connettore costa 5 Euro) vanno acquistati a parte.

La registrazione viene effettuata su schede SD card che sono un'arma a doppio taglio. Sono economiche fino a 64GB di capacità ma vista la possibilità di registrare in formato DNx anche di tipo HR, servono schede veloci, quindi abbastanza costose, soprattutto per autonomie adeguate ad un lavoro in studio. Prodotti concorrenti utilizzano SSD, più economiche e veloci di una SD card per capacità di 250GB o superiori ma in quel caso è il monitor/recorder che costa un po' di più.


- click per ingrandire -

La luminosità del monitor misurata è di 380 NIT, non abbastanza per l'utilizzo sul campo senza palpebra (non prevista purtroppo neanche come accessorio), ma solo in studio. La fedeltà cromatica è buona, sia per il bilanciamento del bianco che per il gamma e i colori a varie saturazioni, ma solo con luminosità a 80 e saturazione a 47: in queste condizioni il bilanciamento del bianco (non modificabile in nessun modo) è abbastanza corretto a partire dal 30% di intensità della scala dei grigi, fino al bianco, con gamma vicino a 2.2 per buona parte della rampa di luminanza. 

Il Video Assist 4K è energivoro, scalda abbastanza e l'autonomia con due batterie ELP-6 è ridicola. Il touch è comodo anche se lo scotto da pagare è una superficie sempre piena di ditate. La qualità di registrazione è eccellente e la possibilità di mixare anche un microfono stereo esterno è molto interessante, soprattutto per la qualità - elevatissima - dei preamplificatori audio che sono integrati nel prodotto. Il prezzo di listino, pari a 765 Euro IVA eslcusa, è pienamente adeguato alla qualità e alle caratteristiche, specialmente per il doppio ingresso (HDMI + SDI), oltre alla possibilità di caricare LUT per visualizzare correttamente i contenuti, anche per correggere le prestazioni del monitor, come il bilanciamento del bianco sulle basse luci.

Segue il nostro test, con misure.

Per informazioni e caratteristiche: www.blackmagicdesign.com/it/products/blackmagicvideoassist

 

 

Articoli correlati

Lumix DC-GH5: introduzione

Lumix DC-GH5: introduzione

A pi¨ di sei mesi dall'introduzione sul mercato, abbiamo messo finalmente le mani su un esemplare della nuova Panasonic Lumix GH5, con firmware giÓ in versione matura, registrazione in camera in 4K fino a 60p, fino al component 4:2:2 e anche fino a 10 bit per componente...
Tutorial: AE vs. Fusion. Nodi o livelli?

Tutorial: AE vs. Fusion. Nodi o livelli?

In questo quarto tutorial dedicato al compositing, affronter˛ un'analisi comparativa tra il software "After Effects" di Adobe e "Fusion" di Blackmagic Design, soprattutto per quanto riguarda i vantaggi che offre l'impostazione generale del lavoro a nodi rispetto a quella tradizionale a livelli



Commenti