Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Preview Sony VPL-VW520ES

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 25 Novembre 2015 nel canale 4K

“Il proiettore Sony VPL-VW520ES, a risoluzione nativa 4K, introduce alcuni interessanti miglioramenti rispetto al modello precedente VW500, come un rapporto di contrasto migliorato, più luminosità, lampada a lunga durata e compatibilità HDR.”

Visione in HD, 4K, HDR e conclusioni


Una schermata dalla fiction "The Blacklist" a risoluzione nativa UHD 4K
- click per ingrandire -

Lo schermo Screen Exellence Reference Fixed AT, in dotazione nella sala di Videosell e anche in quella di Audioquality, dove ho visionato con più tranquillità il VW520, è straordinario per qualità generale e per fono-trasparenza ma non mi è mai piaciuta la superficie Enlightor 4K per quello che combina al micro-dettaglio e al gain. Forse sarebbe meglio il telo Enlightor Neo-S, di gran lunga più costoso anche se potrebbe dare qualche effetto moirè con la sua struttra regolare...  La superficie dello schermo Enlightor è composta da fibre che sono in parte permeabili ai fotoni, col risultato che una parte della luce viene diffusa tra le fibre, abbassando il gain (quello dichiarato è pari a 0,9 ma sembra più uno 0,8) e il rapporto di contrasto tra un pixel e l'altro. Pensate che per effettuare la messa a fuoco con la massima precisione è consigliabile affidarsi ad un cartoncino. Infatti, per l'analisi delle prestazioni su risoluzione e dettaglio, mi sono affidato proprio ad un cartoncino bianco, con retro più scuro, gentilmente offerto da Videosell. Sia ben chiaro: si tratta di uno schermo eccellente, soprattutto per dimensioni importanti dove si è costretti a posizionare i diffusori dietro allo schermo. Per l'analisi della qualità video di un proiettore, avrei preferito una superficie compatta. 

La prima cosa che colpisce del 520 è il flusso luminoso, ancora più elevato rispetto al modello precedente. Si tratta di una riserva di energia che dovrebbe permettere di superare agevolmente i 40 NIT anche in modalità ECO su schermi da 3 metri di base. In realtà, questa riserva di energia sarà molto più utile quando si volessero riprodurre contenuti video 4K codificati in HDR, quindi con informazioni più luminose del "bianco" al 100%. Per questo motivo, un proiettore compatibile HDR come il 520 di Sony, si troverebbe quasi a dimezzare il punto del bianco al 100% (e anche il rapporto di contrasto), in modo da avere margine più in alto per modulare tutte le informazioni in più che arrivano con la codifica HDR.

Il primo test arriva proprio con alcuni file video 4K HDR, con curva del gamma SMPTE 2084, forniti sia dalla stessa Sony che da JVC, mentre un'altra clip video è stata codificata direttamente da noi, utilizzando la suite "Da Vinci Resolve" di Blackmagic Design. Il risultato è esaltante, con alcuni colori che possono essere finalmente più luminosi del bianco e una riproduzione dei riflessi del sole su superfici reali come legno, mare e asfalto, che rendono l'immagine ancora più vera e tridimensionale. Insomma: si tratta di un vero spettacolo per gli occhi che potremo osservare soltanto il prossimo anno, quando arriveranno i nuovi supporti Blu-ray Disc a risoluzione 4K.

 
Il test del "Lanciarazzi" superato quasi a pieni voti; maggiori info sul test a questo link
- click per ingrandire -

Tornando ai segnali video più tradizionali, con materiale full HD le prestazioni sono molto simili a quelle di cui è capace il modello VW500 della passata stagione. Colorimetria e bilanciamento, con taratura REC BT-709, sono praticamente identiche. Con le immagini più scure invece il maggiore rapporto di contrasto del 520 viene fuori con prepotenza e le differenze si notano. Sony indica il passaggio del contrasto dinamico da 200.000:1 (VW500) a 300.000:1 (VW520). In effetti il livello del nero, senza l'intervento del diaframma, appare decisamente più contenuto rispetto al VW500 e probabilmente quasi allo stesso livello dell'ammiraglia VW1100. Con le sequenze più scure di film, come quelle da Oblivion o Gravity, le differenze sono nette mentre con un quadro anche solo leggermente più luminoso, diventano difficili da scovare.

Per quanto riguarda la qualità generale, come sempre ho apprezzato la presenza dell'algoritmo di riquantizzazione (smooth gradation) che evita le solarizzazioni con pochi effetti collaterali. Per quanto riguarda invece risoluzione e dettaglio, come ho già avuto modo di sottolineare più volte, la qualità d'immagine di un VPL-VW1100 è ancora distante e con segnali test a risoluzione nativa 4K si notano alcune imprecisioni che però, a distanza normale di visione, diventano più difficili da riconoscere, probabilmente anche grazie allo schermo utilizzato per questo test. In sostanza, con il nuovo VPL-VW520ES, Sony è riuscita a migliorare due aspetti, come il flusso luminoso totale e il rapporto di contrasto nativo, che da un certo punto di vista potrebbero sembrare marginali. In questo senso, chi ha un VPL-VW500ES non dovrebbe porsi alcun dubbio: secondo me non vale la pena passare al nuovo modello, anche perché per la disponibilità di contenuti HDR c'è ancora tempo e un primo bilancio su qualità e quantità di contenuti secondo me riusciremo a farlo solo nella seconda metà del 2016. Speriamo soltanto che entro quella data, Sony riesca a mandarci un sample perfettamente funzionante, in modo da poter pubblicare una recensione approfondita e finalmente esaustiva.

Nel frattempo, per maggiori informazioni sul proiettore: sony.it/pro/product/vpl-vw520es

Invece per scoprire dov'è in dimostrazione: sony.it/pro/ezone/dealers

 

 

NOTA DI TRASPARENZA: Le misure pubblicate in questo articolo sono effettuate con strumenti verificati regolarmente (alcuni dei quali con certificati di calibrazione disponibili in redazione) e seguendo precedure standard, pubblicate sul testo di riferimento IDMS rev 1.03 che può essere scaricato gratuitamente da questo link. L'analisi e i giudizi tecnici sul prodotto sono "super partes", basati su fatti concreti, verificati e ripetibili, oltre che su un'esperienza in fotometria e videoproiezione che supera i quindici anni. Segnaliamo tuttavia ai lettori che Sony è inserzionista di questa testata giornalistica, esattamente come molte altre aziende legate al settore dell'elettronica di consumo. 

 

Articoli correlati

High Dynamic Range, alias HDR

High Dynamic Range, alias HDR

Chris Chinnock, Presidente di Insight Media e organizzatore del Display Summit, ci illustra le basi dell'HDR applicata sia ai display di ultima generazione, sia ai videoproiettori per cinema digitale con tecnologia lase che potremmo vedere anche entro la fine di quest'anno
Shoot-out proiettori: Epson JVC Sony

Shoot-out proiettori: Epson JVC Sony

Durante lo scorso week-end, a Roma e a Bologna e in collaborazione con i due punti vendita Stereoland e Audioquality, abbiamo realizzato un interessante confronto tra tre videoproiettori con tecnologia LCD riflessiva: Epson EH-LS10000, JVC DLA-X500R e Sony VPL-VW300ES
Test preview Epson laser LS10000

Test preview Epson laser LS10000

In occasione di ISE 2015 e grazie alla preziosa collaborazione di Epson Italia, con l'aiuto di uno spettrometro e con la complicità di Alessandro De Pasquale, ho avuto la possibilità di fare la conoscenza con la novità più interessante della stazione in tema di proiezione HT e non solo



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: revenge72 pubblicato il 02 Dicembre 2015, 18:01
Grazie per il Link al IDMSv.