Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Il cinema in HFR secondo Douglas Trumbull

di Riccardo Riondino, pubblicata il 28 Luglio 2021, alle 12:55 nel canale CINEMA

Nel corso di un'intervista, il creatore degli effetti speciali di "2001: Odissea nello spazio" e "Blade Runner" ha spiegato come introdurre le riprese a 120 o 160 fps nel cinema senza effetto "soap opera", tramite la sua tecnologia Magi che verrà prossimamente dimostrata a SMPTE


- click per ingrandire -

Douglas Trumbull, il maestro degli effetti speciali, considera l'High Frame Rate (120 fps o superiore) il futuro del cinema. Nel corso della sua inimitabile carriera, il 79enne californiano è stato supervisore agli effetti speciali di film come 2001: Odissea nello spazio, Star Trek e Blade Runner. Durante un'intervista con RedShark, Trumbull ha spiegato la sua idea su come far funzionare l'High Frame Rate al cinema evitando il famigerato effetto "soap opera". L'HFR viene apprezzato particolarmente negli eventi sportivi, ma per molti l'assenza di "stuttering" e "flickering" nei film li rende troppo simili a un programma TV o un videogioco. Di recente James Cameron ha giudicato i 120fps "distraenti".


- click per ingrandire -

"Pochissime persone a Hollywood comprendono il funzionamento dei film. Non sanno che in tutti i proiettori digitali installati non ci sono otturatori - quindi non c'è sfarfallio. (Eppure lo sfarfallio) è ciò che differenzia i film dalla TV. Dunque, se introduci lo sfarfallio digitale nella proiezione del film (in realtà nel file DCP) può apparire totalmente cinematografico anche se aumenti il ​​frame rate a 120 o 160", ha dichiarato Trumbull. Registi come Peter Jackson (Lo Hobbit - 48 fps) e Ang Lee (Gemini Man, Billy Lynn's Halftime Walk - 120fps) hanno sperimentato l'HFR, ma a giudizio di Trumbull non correttamente.


- click per ingrandire -

Nell'intervista ha specificato di essere arrivato a queste conclusioni solo di recente e che sono disponibili già tutti gli elementi per far sì che l'HFR renda il cinema più coinvolgente, con movimenti più fluidi e meno sfocati.

- "... quei proiettori digitali nei cinema oggi funzionano a 144 flash al secondo. Per mostrare un film a 24 fps si ripete il fotogramma 5-6 volte senza otturatore. Il potenziale per l'HFR è già integrato nel settore. Tutti gli strumenti per l'aggiornamento sono già presenti. Kubrick stava cercando di aprire la strada a una nuova forma di cinema immersivo e la maggior parte delle persone non se ne è resa conto. Io sto cercando di farlo di nuovo". ha spiegato Trumbull.

Trumbull ha in programma di dimostrare a SMPTE la sua tecnologia Magi per riprese in 4K con 3D e fino a 160 fotogrammi/sec, il cui sviluppo ha richiesto un decennio. Magi ha anche la capacità di cambiare dinamicamente il frame rate durante la proiezione, consentendo di riprendere e montare insieme scene a 24, 120 e 160 fps. L'idea è quella di dare ai registi la possibilità di usare l'high frame rate solo nelle sequenze dove ha un reale senso. Trumbull ha anche intenzione di creare a Los Angeles un centro dimostrativo Magi per mostrare la nuova tecnologia a responsabili della produzione, direttori della fotografia e registi di Hollywood.

Fonte: Flatpanels HD, What Hi-Fi



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: CarloR1t pubblicato il 29 Luglio 2021, 01:01