Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Sony 360 Reality Audio con speaker Wi-Fi via Amazon Music HD

di Riccardo Riondino, pubblicata il 26 Marzo 2021, alle 13:59 nel canale AUDIO

A partire dal mese prossimo, Amazon Music HD offrirà i brani del formato multicanale 3D ad oggetti di Sony, ascoltabili tramite gli speaker Wi-Fi premium con suono omnidirezionale Sony RA5000/RA3000


- click per ingrandire -

Sony ha annunciato che, a partire dal 6 aprile, in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito saranno disponibili contenuti 360 Reality Audio tramite Amazon Music HD. Il catalogo include attualmente circa 4000 brani di artisti come Megan Thee Stallion, Noah Cyrus, Zara Larsson, Paloma Faith, Billy Joel, Jeff Beck, Mark Ronson e Pharrell Williams. Il formato "open"  Sony 360 Reality Audio ha esordito durante il CES 2019. Basato sul codec MPEG-H, genera un campo sonoro 3D che tiene conto della distanza, angolazione e posizione delle sorgenti sonore pre-mappate in uno spazio sferico, per un livello di coinvolgimento comparabile ai concerti dal vivo.

??

Le tracce 360 Reality Audio potranno essere ascoltate in Wi-Fi tramite Amazon Music HD con gli speaker Sony RA5000 (€599)/RA3000 (€359), dotati di Amazon Cast e diffusione del suono omnidirezionale. Amazon Music HD offre una qualità fino ai 24 bit/192 kHz al costo è di €14.99 per il piano individuale o €19,99 per il piano Family. In aggiunta, l'esclusivo algoritmo Immersive Audio Enhancement ricrea un campo sonoro surround da ogni sorgente stereo. Per l'ascolto in cuffia viene fornita un'app iOS/Android, che ottimizza la ricostruzione del campo sonoro dopo aver eseguito una scansione 3D del padiglione auricolare tramite la fotocamera dello smartphone.

Fonte: What Hi-Fi



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: pace830sky pubblicato il 26 Marzo 2021, 16:11
Sarei curioso diconoscere quale miracolo della fisica acustica consente di produrre suono in 3D da una sorgente puntuale (=assimilabile ad un punto nella spazio) anche perché a questo punto mi chiedo che diamine stiamo facendo con i nostri sitemi con 5, 7, 9 o 11 casse...
Commento # 2 di: rooob pubblicato il 26 Marzo 2021, 16:34
Ti rispondo da assoluto inesperto, ma da quello che ho capito si basa su un concetto abbastanza se vuoi banale: il nostro apparato uditivo è fondamentalmente stereo ma è capace di recepire la tridimensionalità dei suoni, quindi queste tecniche (a partire dalla fase di cattura della sorgente, quindi lasciando perdere i fake che simulano la tridimensionalità da una sorgente stereo flat) cercano di replicare lo stesso concetto per ingannare l'udito a percepire i suoni nello spazio.
Sempre da quello che ho capito l'implentazione è fattibile essenzialmente con le cuffie, i sistemi 5/7/9/11 casse hanno una finalità ed un uso diversi
Commento # 3 di: pace830sky pubblicato il 26 Marzo 2021, 19:28
Originariamente inviato da: rooob;5132352
...cercano di replicare lo stesso concetto...


Ti ringrazio per lo sforzo, ma vorrei una spiegazione tecnica, non filosofica.

So bene quali sono quelli che chiami concetti, sono 50 anni che ci si sta lavorando per dare spazialità al segnale stereo (con due sole casse) ma ancora non ci si è cavato il classico ragno dal buco perché per funzionare decentemente il sistema andrebbe tarato stanza per stanza (quindi non mi stupisce che con le cuffie si riesca a fare meglio, perché non c'é stanza" in compenso proliferano sistemi con nomi fantasiosi che mascherano la solita [B][I][U]FUFFA[/U][/I][/B].