Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

La BDA apre un nuovo sito web

di Riccardo Riondino, pubblicata il 02 Dicembre 2015, alle 10:24 nel canale 4K

In attesa del Consumer Electronic Show di gennaio, la Blu-ray Disc Association ha creato un sito web dove vengono illustrate le peculiarità e i vantaggi del nuovo formato rispetto ai DVD e ai Blu-ray 1080p

Il nuovo formato Ultra HD Blu-ray sarà probabilmente uno dei temi del prossimo CES di Las Vegas. La Blu-ray Disc Association ha colto l'occasione per aprire un nuovo sito web, denominato "Ultra HD Blu-ray in numbers", nel quale sono elencati tutti i principali vantaggi del disco 4K rispetto al Blu-ray standard. La finalità è chiaramente quella di estendere al grande pubblico la conoscenza del nuovo formato, facendo comprendere appieno cosa lo differenzi dai Blu-ray 1080p oltre all'aumento di risoluzione.

"Better pixel" è infatti lo slogan adottato per enfatizzare le peculiarità dei dischi 4K, riferendosi a caratteristiche quali lo spazio colore ampliato, l'incremento del numero di fotogrammi al secondo e l'High Dynamic Range. Dopo gli annunci di supporto da parte di 20th Century Fox e le prime uscite Sony Pictures, ci si attende che altri Studios si aggiungano alla lista prima del 5 gennaio 2016, data di inizio del CES.

Fonte: AV Forums



Commenti (27)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 11 di: Nordata pubblicato il 03 Dicembre 2015, 10:39
Bell'intervento.

Giusto per continuare con gli esempi: è stato citato l'Atmos.

Sono stato presente a varie demo ed ovviamente i filmati erano ad hoc, un aereo/elicottero che sorvola la scena, la pioggia nella foresta, l'effetto era veramente carino, ma......in quanti film ci sono continuamente aerei che sorvolano la scena, magari mentre sta piovendo a dirotto?
Commento # 12 di: Accio85 pubblicato il 03 Dicembre 2015, 10:40
Originariamente inviato da: Norixone;4495745
...quanto è possibile apprezzare la differenza di un BD rispetto ad un DVD...
[COLOR=#000000][...]
[/COLOR][COLOR=#000000]Per me la gente è ormai succube dell'effetto DASH dove il bianco è più bianco che non si può. Quindi se il blu è più blu ed il rosso è più rosso vuol dire che il prodotto è più meglio.
[/COLOR][COLOR=#000000][...]
...si potrebbe partire da quei grandi magazzini che citavo all'inizio per mostrare veramente come dovrebbe presentarsi un'immagine e quindi far apprezzare un po' più la qualità alla quantità...[/COLOR]

[COLOR=#000000]E quindi mi dai ragione: ci vorrebbe una campagna di informazione e sensibilizzazione. Del resto tu stesso citi un marchio che già obbliga i propri rivenditori a farlo.

[/COLOR]
Originariamente inviato da: Norixone;4495745
...[COLOR=#000000]di B&O che obbliga i negozi a creare un corner apposito avente precise caratteristiche al fine di mostrare il televisiore con le tarature adeguate.[/COLOR]


Originariamente inviato da: Norixone;4495745
[COLOR=#000000]Ma alla fine non si tratterà pur sempre di scelte dettate dai gusti personali?[/COLOR]

Si tratterà sicuramente di scelte dettate da gusti, ed esigenze, personali. Si tratterà, però, di scelte fatte con maggior consapevolezza.
Commento # 13 di: Luca3DStudio86 pubblicato il 03 Dicembre 2015, 11:45
non capisco cosa possa centrare il 3D con i 60 fps, non penso proprio che un video a 60 fps si possa vedere senza occhialini e si veda in 3D, ne ho già visti su youtube video a 48 e 60 fps e non c'è nessun effetto 3D.
Commento # 14 di: Riccardo Riondino pubblicato il 03 Dicembre 2015, 13:16
Originariamente inviato da: Norixone;4495745
Concludendo quindi questo lungo sfogo: il DVD ha avuto un grande successo perché come la cassetta rispetto al vinile offriva moltissimi vantaggi all'utilizzatore comune. Non è stato il salto qualitativo in termini d'immagine o l'audio in DD o DTS a convincere il sig. Rossi (non me ne vogliano quelli che si chiamano Rossi) a convertirsi dall'amato VHS al DVD..........[CUT]

Condivido buona parte della tua disamina sui motivi del successo del DVD, ma non sono d'accordo su un punto.
Sicuramente ha influito tantissimo la praticità del supporto digitale (oltre che la possibilità di accedere ai film gratis o giù di lì...), ma, almeno per la mia esperienza personale, anche i non appassionati la differenza qualitativa la notavano eccome, e rappresentava una motivazione fondamentale.
Il punto era che si trattava di un miglioramento immediatamente accessibile dal TV del salotto: bastava
l'acquisto del lettore per entrare nell'era del video digitale.
Ricordiamoci che il VHS aveva anche e soprattuto la funzione di registratore.
I primi DVD recorder sono diventati accessibili solo dopo alcuni anni, eppure il supporto DVD ha conosciuto un boom di vendite quasi da subito.
Poi però sono arrivati i TV HD Ready e Full HD, il tutto ben prima di avere disponibilità di trasmissioni e supporti.
Quindi l'utente medio fa il seguente ragionamento: DVD (digitale) + TV (digitale) HD= Alta Definizione (a cosa serve il BD?)
La qualità non è così determinante per il non appassionato?
In molti casi è vero, ma il reale problema è quello di fargliela percepire.
Supponiamo che un punto vendita allestisca un area con due identici TV Full HD, (chiaramente in condizioni ambientali e di distanza di visione ideali) dove viene riprodotto lo stesso film o documentario, ma uno su DVD e l'altro da Blu-ray,
mi riesca difficile credere che anche un utente inesperto non noti la differenza...
Commento # 15 di: Dario65 pubblicato il 03 Dicembre 2015, 14:06
Originariamente inviato da: g_andrini;4495648
Se invece la produzione è analogica (pellicola) il DVD deve rimanere disponibile.


In totale disaccordo. Il dvd non è assolutamente in grado di riprodurre fedelmente una ripresa su pellicola. Credo di poter affermare che non si tratta di un'opinione
Commento # 16 di: Dario65 pubblicato il 03 Dicembre 2015, 14:26
Originariamente inviato da: alpy;4495549
Purtroppo in questo formato sembra che non ci creda nessuno, soprattutto gli appassionati che dovrebbero essere i primi sostenitori.


Si e no. Un appassionato, alla fine, supporta quello che ritiene giusto. Al momento, non sono convinto che il 4K possa portare al sottoscritto, ma anche a tutti coloro nella mia situazione, benefici tali da doverlo sostenere.
Ma poi, a dire il vero, non capisco cosa si intenda per sostenere... dovrei cambiare l'intero impianto (o quasi) per contribuire all'affermarsi del nuovo standard? Oppure è sufficiente tesserne le lodi?


Originariamente inviato da: Norixone
... A mio avviso il problema è il solito: quanto è possibile apprezzare la differenza di un BD rispetto ad un DVD e quanto effettivamente questo importi alla gente? ...


Condivido in toto il tuo intervento.

Sono arrivato a convincermi che importino molto relativamente anche le dimostrazioni ad hoc o la corretta informazione.
Nel mio piccolo, d'altronde come tutti qui, ho cercato di informare amici e conoscenti potenziali fruitori, ho allestito anche piccole dimostrazioni a casa, ma nessun risultato. Certo, tutti entusiasti, tutto molto bello, tutti a convenire su tutto. Alla fine della fiera, però, nessuno è passato all'alta definizione.
Allora, semplicemente, mi chiedo quanto, o meglio, se la gente sia realmente interessata alla qualità audio video...
Commento # 17 di: rossoner4ever pubblicato il 03 Dicembre 2015, 16:08
Originariamente inviato da: Norixone;4495745
Accio85 mi sa che vivi in un mondo sublime. Tanta gente che conosce la mia ragazza la invita ad usare l'ipad per vedere film appena usciti al cinema in streaming.a gratis
A mio avviso il problema è il solito: quanto è possibile apprezzare la differenza di un BD rispetto ad un DVD e quanto effettivamente questo importi alla gente? La pr..........[CUT]
Bel post. Sono pienamente d'accordo purtroppo. Ma niente di nuovo... sono anni che qui sul Forum diciamo le stesse cose...
Commento # 18 di: rossoner4ever pubblicato il 03 Dicembre 2015, 16:09
Originariamente inviato da: Dario65;4495880
In totale disaccordo. Il dvd non è assolutamente in grado di riprodurre fedelmente una ripresa su pellicola. Credo di poter affermare che non si tratta di un'opinione

Infatti non ha senso... ma avevo evitato di commentare... tanto quell'utente di cose strane ne dice a centinaia.
[COLOR=#000000]Allora, semplicemente, mi chiedo quanto, o meglio, se la gente sia realmente interessata alla [/COLOR]http://www.avmagazine.it/forum/60-news/274068-la-bda-apre-un-nuovo-sito-web?p=4495945#][FONT=inherit][COLOR=#009900][FONT=inherit][U]qualità[/U][/FONT][/COLOR][IMG]http://images.intellitxt.com/ast/adTypes/icon1.png[/IMG][/FONT][/URL][COLOR=#000000] audio video...[/COLOR]
A parte i pochi appassionati... ASSOLUTAMENTE NO.
Commento # 19 di: alpy pubblicato il 03 Dicembre 2015, 18:22
Originariamente inviato da: Dario65;4495897
Ma poi, a dire il vero, non capisco cosa si intenda per sostenere... dovrei cambiare l'intero impianto (o quasi..........[CUT]

Non lo so, forse hai ragione tu, ma sarà che sono preoccupato del fatto che i supporti fisici vadano a sparire. Il fatto di non sostenere un formato come il BD-UHD (con le vendite ovviamente e non solo a parole), che potrebbe essere la naturale continuazione del BD, mi da come l'idea di dare un calcio e buttare via tutto. Ma magari mi sbaglio. Naturalmente ciò dipenderà anche dai costi dei lettori e dei dischi, non è che non me ne renda conto. Ma bisogna tenere presente che in ogni caso non significa buttare via la precedente collezione di BD, come non si butteranno via i DvD, visto che la retrocompatibilità è assicurata.
Originariamente inviato da: Norixone;4495745
il DVD ha avuto un grande successo perché come la cassetta rispetto al vinile offriva moltissimi vantaggi all'utilizzatore comune. Non è stato il salto qualitativo in termini d'immagine o l'audio in DD o DTS a convincere il sig. Rossi (non me ne vogliano quelli che si chiamano Rossi) a convertirsi dall'amato VHS al DVD.....[CUT]

Senza dubbio, ma non fu una cosa immediata come si pensa. Se si guarda indietro, si trovano più o meno le stesse discussioni che oggi riguardano il BD, ma che all'epoca riguardavano il DvD (in Italia, tanto per cambiare). Un utente un po' di tempo fa riportava un editoriale di una nota rivista dell'epoca, dove si accusava l'associazione (analoga all'attuale BDA), di non fare abbastanza per promuovere l'allora nuovo formato o di farlo male. Forse da qualche parte devo avere anche io qualcosa di cartaceo.
Originariamente inviato da: Accio85;4495699
temo di essere l'unico, nell'azienda in cui lavoro, ad avere un lettore BD in casa e a non scaricare nulla, illegalmente, dalla rete; alcuni miei colleghi hanno un lettore DVD, molti hanno AppleTV e/o simili.CUT]

Da quel punto di vista idem. A nessuno o quasi frega della qualità. Probabilmente ciò dipende anche dal fatto che i film sono una cosa usa e getta. La maggior parte delle nuove generazioni non riesce nemmeno a distinguere gli artefatti digitali. Certo, gli appassionati sarebbero sempre una nicchia, per lo meno quelli disposti a spendere oltre una certa cifra per avere determinati impianti, tuttavia da quel punto di vista concordo con Accio85, c'è una generale diseducazione alla qualità delle immagini (e del suono).
Riguardo il sito della BDA, non mi sembra niente di speciale e trovo davvero preoccupante la finestra a scorrimento dell'HDR. Temo davvero per i vecchi classici perchè la cosa non ha davvero senso.
Commento # 20 di: Norixone pubblicato il 04 Dicembre 2015, 12:10
@Accio 85 non credo che informare correttamente possa portare la gente a scegliere meglio. Quello che intendevo è che se un'azienda si prende il disturbo di far allestire degli spazi appositi per mostrare il proprio prodotto nelle migliori condizioni (e quasi reali) significa che pone l'accento sulla qualità e di conseguenza sia l'appassionato che il non si troverebbero ad acquistare, più o meno coscientemente, prodotti di qualità. C'è una dura legge del mercato a cui tutti siamo soggetti: le aziende forniscono ciò che il mercato richiede a meno che intervengano fattori esterni come è avvenuto per il digitale terrestre. Se non vi fosse stata una legge (in questo caso Europea) che sospendeva la trasmissione analogica, credo che le vendite di nuovi TV digitali non sarebbero state così esuberanti. C'è anche chi ha optato per il decoder pur di non affrontare la spesa iniziale per i tv lcd (ricordiamo tutti quando il 32 costava quasi 1000€).

Torno anche sul punto sollevato da qualcuno di voi che la qualità del DVD è stato uno dei fattori determinanti per coloro che sono passati dal VHS a questo formato.
Io non credo. Il DVD è letteralmente esploso dal momento in cui si potevano noleggiare i medesimi film usciti in VHS. Ciò, ad esempio, non è accaduto per il BD e molti hanno spostato la loro attenzione al download (più o meno legale), che promette prestazioni molto simili al BD. Salvo avere apparecchi tarati e schermi di dimensioni importanti è veramente arduo vedere le differenze tra il BD ed il film scaricato o in streaming. Bisogna saper dove cercare per poter apprezzare le differenze d'immagine su tv di 32, 42 o 46 pollici (la maggioranza dei tv venduti).

Comunque, io ho avuto tre amici che dopo aver assistito a qualche proiezione da me si sono fatti traviare ed hanno acquistato televisiori di ottima qualità con impianti sonori veramente multicanale. Pensate che gli abbia indotrinati? No. Semplicemente erano interessati e quanto vedevano ed ascoltavano a casa loro durante la fruizione dei film non gli bastava più. Ma queste sono mosche bianche, la massa critica è ben altra cosa
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »