Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Maleficent - Signora del male

Recensione di Fabrizio Guerrieri , pubblicato il 22 Ottobre 2019 nel canale CINEMA

“Secondo capitolo della storia di Malefica. Che andrebbe visto da madri e figlie, perché racconta su più piani le storie di tre donne diverse e determinate: due madri che pongono una figlia al centro del loro contendere”


- click per ingrandire -

Sono passati cinque anni dalla riunione dei Regni. Aurora ha ereditato il titolo di Regina della Brughiera da Malefica che continua a difendere il regno non umano dai continui attacchi dei bracconieri. Quando Aurora accetta di sposare il principe Filippo, Malefica si trova a doversi misurare con gli esseri umani, che la temono vedendola esclusivamente come una perfida strega. Le cose si fanno ancor più difficili durante l’incontro con la Regina Ingrith madre di Filippo e consorte di Re Giovanni. Ingrith che trama affinché i due regni di umani e fate vengano divisi per sempre, provoca continuamente Malefica fino a che questa, furiosa, minaccia di scagliare un sortilegio perché l’unione tra i due giovani non avvenga. Ma è Re Giovanni a fare le spese del conflitto. Malefica e Aurora vengono divise e il loro già complicato rapporto va in crisi. Da fronti opposti verranno messe alla prova per riportare la pace tra i popoli e soprattutto tra loro due.


- click per ingrandire -

Dopo il primo capitolo del 2014 la Jolie qui anche produttrice torna a vestire i panni di Malefica. Joachim Rønning sostituisce Robert Stromberg alla regia del sequel di quello che è di fatto un mix di vari tipi di opera: un live action, un remake e uno spin-off del classico La bella addormentata nel bosco, film d’animazione del 1959.

La pellicola apparentemente di puro intrattenimento ha in realtà una costruzione articolata e va letta su diversi piani. Ovviamente si tratta di un prodotto Disney, non è il Trono di Spade, per cui tutto resta a un livello rassicurante e per famiglie.


- click per ingrandire -

Innanzitutto è un film su una cattiva, potenzialmente una versione fiabesca dell’ultimo magnifico Joker. Malefica prova a comportarsi bene ma il suo passato oscuro torna sempre a galla mettendola continuamente in difficoltà. Emblematica anche se divertente la scena in cui specchiandosi nelle acque fa le prove col fidato Fosco per presentarsi nel modo migliore alla cena di fidanzamento di Aurora. Con scarsi risultati.


- click per ingrandire -

È un film femminista nel senso più assoluto e oggettivo del termine. Al centro della storia ci sono principalmente tre personaggi, tre donne forti e fragili al contempo. Aurora è la giovane, bella e idealista regina che sogna l’unione dei due regni coniugandolo all’amore per il principe Filippo. La regina Ingrith che appare come una madre premurosa e una moglie devota, trama alle spalle di tutti per prendere il potere. Scatena una guerra insensata giustificandola con il vecchio adagio secondo cui chi si dimostra sensibile ai bisogni di tutti è solo un debole destinato a soccombere. Malefica è combattuta tra l’amore per la figlioccia e il perenne stato di autodifesa che la rende malvagia agli occhi di chiunque non la conosca sufficientemente da vicino. Perfino Aurora avrà difficoltà a mantenere la fede nelle sue intenzioni.


- click per ingrandire -

È un film su famiglie nobili, non proprio shakesperiano ma certamente complesso. La domanda che ci si pone è: è più importante il bene del proprio popolo o la pace con tutti gli altri? La risposta è un’improbabile catena di eventi positivi che conduce a un finale più che roseo. Non che ci si aspettasse altro ma un pizzico di cattiveria in più non avrebbe guastato.


- click per ingrandire -

È un film sui diversi che in quanto tali sono brutti, sporchi e cattivi. Come in una storia del migliore Tim Burton, Malefica viene salvata da Conall, un suo simile che le svela che le origini della loro specie sono legate al mito della Fenice. Da qui parte un percorso di rinascita che si tramuta in consapevolezza e liberazione e che le renderà la forza necessaria per affrontare la guerra ottenendo riscatto e giustizia.


- click per ingrandire -

Angelina Jolie ci mostra il lato basilare del personaggio, quello algido, privo di sentimenti, alternandolo però a tutta una serie di stati emotivi profondi. Oltre a quello quasi impacciato nel tentativo di risultare più “umana”, affronta la condizione di perdita di sé stessa con le conseguenti crisi e ricostruzione come in un romanzo di formazione. Non è solo la dolce Aurora di Elle Fanning a crescere ma anche la sua madrina. Michelle Pfeiffer nei panni dell’antagonista di Malefica risulta una perfetta villain. Perfida, falsa, avida, non si risparmia mai suscitando fastidio e rabbia, mai simpatia. Chiwetel Ejiofor interpreta ottimamente Conall che guida Malefica con pazienza e saggezza tra i meandri delle caverne in cui vivono, perfetta metafora della mente di cui la protagonista sembra prigioniera.

Ci sarà un Maleficent 3? Il regista contrario a un ulteriore seguito ha però affermato “Vedremo… Per ora vediamo come andrà questo capitolo e ripartiremo da lì.”. Appuntamento al 2024?

La pagella artistica

Regia 7,0
Sceneggiatura 7,5
Fotografia 8,0
Musiche 7,0
Recitazione 8,0
Film 7,5

Maleficent - Signora del male (Maleficent: Mistress of evil)
fantasy, avventura, sentimentale | USA | 2019 | 118 min

regia Joachim Rønning | sceneggiatura Linda Woolverton, Micah Fitzerman-Blue, Noah Harpster | fotografia Henry Braham | musiche Geoff Zanelli

personaggi | interpreti
Malefica | Angelina Jolie
Aurora | Elle Fanning
regina Ingrith | Michelle Pfeiffer
Fosco | Sam Riley
Borra | Ed Skrein
principe Filippo | Harris Dickinson
Conall | Chiwetel Ejiofor
Giuggiola | Imelda Staunton
Fiorina | Lesley Manville
Verdelia | Juno Temple
re Giovanni | Robert Lindsay
Sicofante | Warwick Davis
Gerda | Jenn Murray
Percival | David Gyasi
Shrike | Judith Shekoni
fata guerriero della giungla | John Carew

critica | IMDB 7.1 (su 10) | Rotten Tomatoes 5.1 (su 10) | Metacritic 43 (su 100)

incasso $ | 310 MLN (budget 185 MLN) | Maleficent (2014) 758 MLN (budget 180 MLN)

camera Panavision Millennium DXL2, Panavision Primo 70, Primo Artiste and Sphero 65 Lenses - Red Helium 8K, Panavision Primo 70, Primo Artiste and Sphero 65 Lenses | formati D-Cinema - Digital Cinema Package | aspect ratio 1.90 : 1 (IMAX version) - 2.39 : 1 | formati audio Dolby Atmos

 

Articoli correlati

Gemini man

Gemini man

Un regista plurimpremiato, dalla cinematografia di qualità sconfinata realizza un film dimenticabile proveniente da un progetto di oltre 20 anni fa. Perché se si tratta di fantascienza ci aspettiamo fantascienza non semplice azione
Joker

Joker

Un regista da commedie di successo, un interprete che più volte ha sfiorato l'Oscar e una colonna sonora puntuale creano un capolavoro unico che accresce la grandezza di un personaggio iconico. Perché nonostante irriti, affascina restando scolpito nella storia del fumetto e del cinema di tutti i tempi.
C'era una volta a… Hollywood

C'era una volta a… Hollywood

È davvero necessario che un film di Tarantino sia un capolavoro per giudicarlo imperdibile? La questione aspettative si pone al centro dell’ultima pellicola di uno degli ultimi veri grandi maestri del cinema di tutti i tempi, che riesce ad abbinare qualità e incassi come ormai praticamente nessun altro.
It - Capitolo due

It - Capitolo due

Nel seguito del successo di due anni fa il vero incubo è la noia. La difficoltà nel riassumere il libro porta inesorabilmente lo spettatore ad attendere che si giunga al finale il più presto possibile



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: eraclito77 pubblicato il 12 Novembre 2019, 12:48
Sembra interessante