Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

CES: Light Steering nei Laser TV Hisense

Fiere di Emidio Frattaroli , pubblicato il 10 Gennaio 2024 nel canale 4K

“L'argomento più interessante di questo CES 2024 riguarda i Laser TV di Hisense e l'introduzione della 'famigerata' tecnologia 'Light Steering' di Barco che permette di 'concentrare" la luce sui chip DMD in modo da moltiplicare il rapporto di contrasto e il picco di luminanza ”

Nel campo della proiezione professionale per applicazioni cinematografiche si parla da più cinque anni di "Light Steering", una tecnologia introdotta da Barco - ancora in stado prototipale - che permette di 'concentrare" la luce sui chip DMD in modo da moltiplicare il rapporto di contrasto e il picco di luminanza dei proiettori con tecnologia DLP. Prima di entrare nel vivo, un piccolo riassunto.

SOMMARIO

 

Proiettori DLP e Doppia Modulazione

Il rapporto di contrasto nativo "Full-on:Full-off" di un proiettore DLP di fascia alta è compreso tra 1.000:1 e 2.000:1 a seconda del chip DMD e della qualità del percorso luminoso. Questo rapporto di contrasto 'di partenza', può essere aumentato con l'impiego di diaframmi e/o con ottiche ad elevato contrasto; con queste soluzione è  possibile arrivare a rapporti di contrasto totali tra 5.000:1 e 8.000:1.

L'eccezione è rappresentata da alcuni costosissimi proiettori "Christie Digital" e "Dolby Cinema" che usano la doppia modulazione: l'utilizzo di coppie di chip DMD in cascata che permettono di moltiplicare fino a 1.000 volte il rapporto di contrasto, per arrivare in teoria sino a 1.000.000:1 di rapporto di contrasto reale, con costi elevatissimi in termini diefficienza e flusso luminoso complessivo. Trovate questi proiettori nelle sale Dolby Cinema, anche in Europa. Ne riparleremo molto presto.

 

Light Steering nei proiettori a tiro lungo


- click per ingrandire -

Poi c'è la tecnologia "Light Steering" introdotta da Barco che va nella direzione opposta rispetto alla doppia modulazione e prevede un meccanismo ottico, basato su specchi e pannelli LCoS, che permette di concentrare e distribuire il flusso luminoso in ingresso nel nel sistema su una o più zone della matrice; questo permette di aumentare il picco di luminanza e allo stesso tempo di diminuire il livello di luminanza delle zone più scuro e del nero.

Non esistono specifiche chiare sul sistema ma solo schemi più o meno dettagliati (come quello sul sito del SID) in cui però viene indicato che il rapporto di contrasto del sistema con "Light Steering" è superiore a 100.000:1, con picco di luminanza che può arrivare anche a 1.000 NIT. Senza un riferimento in lumen e in superficie dello schermo, i dati di luminanza non hanno alcun senso ma il dato di rapporto di contrasto massimo prescinde dai lumen e dai metri quadrati ed è straordinario.


- click per ingrandire -

Il rovescio della medaglia del sistema con "Light Steering" è la complessità del sistema ottico che deve essere costruito per uno specifico rapporto di tiro. Senza entrare nello specifico, vi basti sapere che il proiettore DLP con "Light Steering" deve essere costruito su misura per una specifica sala cinema, con il proiettore in una precisa posizione e lo schermo, a distanza conosciuta e con area ben definita.

 

Il Light Steering nel Laser TV

Il Laser TV è un sistema abbastanza "chiuso", soprattutto nella maggior parte dei prodotti Hisense che hanno l'ottica senza zoom e che possono essere usati solo per illuminare uno schermo con diagonale ben definita, tipicamente 100", 110" e 120". Inoltre un Laser TV di fascia alta può contare su sorgenti trilaser (perfette per la coerenza del fascio luminoso e per l'aumento del rapporto di contrasto) ed è anche basato su architettura con un singolo chip DMD e non su tre chip come nei proiettori cinematografici.

Per riassumere, sembra proprio che il Laser TV, monochip e con sorgente luminosa trilaser, sia il campo di applicazione migliore per la tecnologia "Light Steering" di Barco. E infatti l'annuncio di ieri dal CES di Las Vegas sembra andare proprio in questa direzione, almeno stando a quanto è scritto nel comunicato ufficiale di Hisense, disponibile anche sul sito italiano.

Nel comunicato, pubblicato ieri, si legge infatti che " [...] per ottenere luminosità e contrasto impeccabili, il Dynamic Light Steering Laser TV di Hisense, che utilizza la tecnologia Barco Bright, ha soddisfatto la domanda dei consumatori per un'immagine superiore indipendentemente dall'ambientazione: luminosa, buia e in ogni situazione intermedia". Sono parole quasi in fondo al comunicato, quasi 'nascoste' e infatti ingnorate da tutta la stampa, sia mainstream che specializzata..

 

Conclusioni

Con il "Light Steering" i laser TV di Hisense potrebbero avere una spinta notevole per lasciarsi la concorrenza dei TV di grande formato alle spalle, oltre ovviamente a tutti gli altri concorrenti, poiché grazie alla maggiore efficienza di questa nuova tecnologia, al notevole aumento del rapporto di contrasto e del picco di luminanza, sarebbero in grado di riempire schermi fino a 3 metri di base, anche con le sorgenti luminose attuali di tipo trilaser, senza dover aumentare il flusso luminoso di partenza.

Rimangono solo tre incognite, relative ovviamente al prezzo di un sistema del genere, alla qualità dell'ottica (a proposito di messa a fuoco e diminuzione delle aberrazioni cromatiche) e alla qualità d'immagine generale, asletto che al momento è ingiudicabile poiché al CES di Las Vegas il prototipo era installato - manco a dirlo - in presenza di luce, quindi con rapporto di contrasto assolutamente ingiudicabile. Ottime notizie invece dal picco di luminanza che sembra almeno triplo rispetto ad un Laser TV senza "Light Steering". 

L'annuncio di Hisense è al momento l'argomento decisamente più interessante di questo CES 2024 ma è stato completamente e incredibilmente ignorato da tutte le testate, soprattutto italiane. Noi ovviamente terremo l'argomento sotto controllo, pronti a darvi aggiornamenti prima possibile. Nel frattempo, potete trovare maggiori informazioni sul sito Barco e sul sito del SID

Fonti: SID, Barco, Hisense, AVSforum, Nicola D'Agostino, AV Magazine.

 

 

Articoli correlati

Oppenheimer: IMAX vs. Dolby Cinema

Oppenheimer: IMAX vs. Dolby Cinema

A distanza di tre anni dal non riuscitissimo Tenet, arriva finalmente anche nelle sale italiane Oppenheimer, il nuovo film di Christopher Nolan: scopriamo insieme com’è andata la visione a Londra in 70mm e in Dolby cinema e come goderlo al meglio anche in Italia!
Test Laser Cinema Hisense PX1-Pro

Test Laser Cinema Hisense PX1-Pro

Il nuovo PX1-Pro di Hisense è un proiettore a tiro cortissimo con tecnologia 'Tri-laser', con spazio colore gigantesco, compatibile con Dolby Vision, ha un buon flusso luminoso e altre interessanti caratteristiche, ad un prezzo molto contenuto
Supertest Trichroma Laser TV Hisense 120L9G

Supertest Trichroma Laser TV Hisense 120L9G

Approfondimento con misure complete del nuovo Tri-Laser TV Hisense L9G che si candida a nuovo riferimento del settore, grazie non solo alla straordinaria estensione del gamut e al flusso luminoso più elevato rispetto ai diretti concorrenti ma soprattutto per l'elevata qualità d'immagine con una calibrazione semplice e veloce.



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: SydneyBlue120d pubblicato il 11 Gennaio 2024, 17:10
Interessante che sia arrivata prima l'applicazione home piuttosto che Cinema...
Commento # 2 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 11 Gennaio 2024, 23:43
Solo perché è molto più semplice (monochip vs 3chip) e poi non ci sono variabili da considerare: ogni sistema è 'chiuso' e le tre variabili sono ben definite: distanza di proiezione, rapporto di tiro e posizione dello schermo. Nel Laser TV Hisense neanche l'offset si può modificare.
Commento # 3 di: revenge72 pubblicato il 12 Gennaio 2024, 09:23
@Emidio Frattaroli
Con la definizione famigerata sottintendi già un giudizio negativo.
Sarà mica perché vedremo il [U]famigerato[/U] blooming anche in videoproiezione
Commento # 4 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 12 Gennaio 2024, 16:20
Erano saltate le virgolette che ho rimesso: erano in molti a dire che il 'light steering' di Barco fosse un bluff perché a quasi sei anni dalla prima demo ancora non c'era neanche un prodotto. E sei anni in questo settore sono quasi una eternità...
Commento # 5 di: revenge72 pubblicato il 13 Gennaio 2024, 16:58
Originariamente inviato da: Emidio Frattaroli;5265610
Erano saltate le virgolette che ho rimesso: ..


Stavo scherzando mi serviva per introdurre la discussione sul blooming, nel senso che è probabile che succeda qualcosa di simile.
Temo che Barco sia in tremendo ritardo per far sopravvivere la videoproiezione dall'assalto dei cinesoni; sarebbe stato necessario che oramai anche i BenQ avessero la luce con lo sterzo invece si va avanti per inerzia e vengono colpiti alle spalle dalla lievitazione dei display.
In questo modo avrebbero salvato le vendite nelle salette ben oscurate.