Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Panasonic: le strategie a medio termine

di Nicola Zucchini Buriani, pubblicata il 29 Marzo 2013, all 10:09 nel canale DISPLAY

“La conferenza tenuta dal Presidente della compagnia ha rivelato i piani di Panasonic per il prossimo futuro: i settori improduttivi saranno abbandonati”

Come preannunciato nell'articolo che riportava le risposte di Panasonic sulle voci circa una presunta uscita dal mercato dei Plasma (maggiori informazioni qui), nella giornata di ieri è stata tenuta una conferenza dal Presidente della compagnia, Kazuhiro Tsuga, la cui prima asserzione è stata: ”La prima cosa che dobbiamo fare, per la strategia aziendale, è liberarci di tutti i settori che generano perdite”. Nell'ultimo anno Panasonic ha registrato perdite per 772 miliardi di Yen, con la previsione di perderne ulteriori 765 nell'anno corrente. Per uscire da questa situazione il colosso giapponese ha presentato un piano che svela tutte le mosse che verranno messe in atto da qui al 2016, illustrando, sostanzialmente, il business plan a medio termine.

Tsuga ha specificamente parlato della divisione TV, uno dei segmenti in cui il colosso giapponese mostra di avere i piedi di argilla: le perdite registrate nell'anno fiscale 2012 ammontano a 210 miliardi di Yen, con ulteriori perdite previste anche per il 2013, anche se in netta diminuzione, con un -86 miliardi preventivati. Queste le parole di Tsuga: ”Sono determinato a far tornare produttiva la divisione TV, durante questo piano di gestione di medio termine”. La divisione TV non verrà quindi abbandonata, ma subirà molti cambiamenti, essendo tra i principali punti della ristrutturazione che coinvolgerà l'intera compagnia. I punti fermi sono la necessità di focalizzare le energie sul mercato di massa, riducendo i costi fissi nella produzione delle TV, il che si traduce nella necessità di ottenere una maggiore efficienza, cambiando il modello da quello prevalentemente basato sulla produzione interna, attualmente in uso. Tutto lascia dunque pensare che Panasonic intenda far maggiormente ricorso all'outsorcing, per il prossimo futuro (rifornendosi, per una parte dei pannelli, da produttori terzi? E' effettivamente una delle voci che circolano sui futuri OLED).

Tsuga ha anche affermato che Panasonic deve spostare la sua attenzione dal mercato consumer digitale a uno “space solution”, un mercato che si interfacci ai consumatori. Dietro queste parole non esattamente cristalline, ad una prima lettura, si cela tutta la strategia per i prossimi anni, che potrebbe coinvolgere anche il mercato TV: Panasonic non intende offrire più solo prodotti finiti per i consumatori, ma soluzioni per vari utilizzi, dal comfort domestico al basso impatto ambientale, dai servizi per gli ambienti domestici a quelli professionali, dalla mobilità ai dispositivi personali, riconducendo l'intero business ad una sorta di cloud dover tutti i clienti sono al centro dell'esperienza, formato dai quattro grandi pilastri, ovvero spazi residenziali, mobilità, spazi non residenziali e dispositivi personali.

In quest'ottica vanno anche valutate le parole di Tsuga riguardo alla divisione TV: ”Stiamo cambiando il nostro approccio da una strategia verticale basata sul B2C (NDR: Business to Consumer, ovvero dal produttore al consumatore), come il mercato dei televisori al Plasma, a soluzioni che si espandano in tutte le direzioni possibili, proponendo le nostre migliori tecnologie dalla prospettiva dei consumatori”. Si confermano, sostanzialmente, le dichiarazioni verso una maggior apertura verso il mercato B2B, ovvero con Panasonic che si rivolge anche ad altri produttori, per fornire soluzioni non solo per il cliente finale nel mercato dell'elettronica consumer, ma anche ad altri soggetti che operano in campo professionale. Al momento, quindi, sono scongiurate repentine uscite dal mercato TV, ma non sono da escludere cambiamenti di approccio importanti, che potrebbero tradursi in altrettanto importanti cambiamenti per i consumatori.

Fonte: Reuters.



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: robertocastorina pubblicato il 29 Marzo 2013, 11:43
Agli ottimisti della discussione di ieri dico: pensate pure quello che volete ma questa intervista non lascia presagire nulla di buono per la sezione plasma... Detto questo mi godo per un po' di tempo il mio GT50 in attesa di ciò che succederà tra qualche anno...
Commento # 2 di: grezzo72 pubblicato il 29 Marzo 2013, 12:10
Direi che ormai mi è chiaro che la massa non vuole la tecnologia al Plasma ma preferisce andare sulla tecnoligia LCD/LED. Sembra proprio che il Plasma sia alla fine del suo ciclo di vita.

Però la ristrutturazione di cui parla, mi pare di aver capito, che non significa abbandono totale del Plasma ma più una riduzione del settore consumer ed un ingresso nel settore PRO e B2B.
All'autore dell'articolo: correggimi se sbaglio e ho interpretato male le tue parole!

Diciamo che concordo con l'affermazione di Maxt75 della precedente discussione e che quoto:
Originariamente inviato da: Maxt75;3833442
Ritengo molto più verosimile l'abbandono delle serie minori. Resterà giusto l'attuale VT o ZT....

e spero vivamente che sia così, cioè lasciano solo le linee di alta qualità con alto valore aggiunto.
Commento # 3 di: pippolo66 pubblicato il 29 Marzo 2013, 13:03
Ritengo molto significativo questo passaggio: La divisione TV non verrà quindi abbandonata, ma subirà molti cambiamenti, essendo tra i principali punti della ristrutturazione che coinvolgerà l'intera compagnia. I punti fermi sono la necessità di focalizzare le energie sul mercato di massa, .....
Mi ha dato la sensazione che si orienteranno verso la fascia bassa del mercato per fornire prodotti a basso costo/qualità per la massa, lasciando perdere i prodotti di gamma elevata e quindi, a mio parere, i Plasma ad altre prestazioni considerati di nicchia. IMHO.
Commento # 4 di: Onslaught pubblicato il 29 Marzo 2013, 15:26
Originariamente inviato da: grezzo72;3833877
All'autore dell'articolo: correggimi se sbaglio e ho interpretato male le tue parole!

Hai interpretato benissimo : Tsuga non ha proprio detto apertamente cosa hanno intenzione di fare, però la strategia globale e le dichiarazioni precedenti combaciano su un punto, ovvero non rivolgersi più solo ai consumatori, ma anche ad altre realtà che operano a livello business, quindi sì, mi aspetto che anche i Plasma vengano utilizzati in quel modo (ed uno è già ipotizzabile: display professionali forniti di touch pen, da utilizzare come lavagne interattive).
Commento # 5 di: grezzo72 pubblicato il 29 Marzo 2013, 16:18
Originariamente inviato da: Onslaught;3834033
Tsuga

pensavo fosse un insulto nei miei confronti!