Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Singulus: Blu-ray al top tra 5 anni

di sabatino pizzano, pubblicata il 13 Novembre 2008, all 15:11 nel canale HT

“La società di ricerche tedesca Singulus sostiene che l'apice delle vendite per l'hardware Blu-ray Disc verrà raggiunto tra 5 anni, mentre il 50% delle famiglie americane disporrà di almeno un dispositivo "blu" entro due”

L'attuale crisi dei mercati non ostacolerà il cammino del Blu-ray Disc verso l'adozione di "massa": è quanto in buona sostanza ritiene Singulus, società di ricerche tedesca, prevedendo il raggiungimento di un fatturato dell'industria "blu" pari a 409,4 milioni di dollari per il 2010.

Stefan Baustert di Singulus fa sapere infatti che prevede un tasso di penetrazione del Blu-ray Disc pari al 50% delle famiglie statunitensi, mentre tale valore verrà raggiunto in Germania non prima del 2012. Lo stesso Baustert prevede inoltre che l'apice delle vendite dell'hardware Blu-ray verrà raggiunto però non prima di 5 o 6 anni.

Non la pensa così Roger Kay, presidente di Endpoint Technologies Associates, sostenendo che la cavalcata del Blu-ray rallentaterà - forse in maniera decisiva - già a partire da quest'ultimo trimestre del 2008 a causa dell'espansione della tv via cavo, via satellite e via internet.

Fonte: CE PRO



Commenti (14)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Dave76 pubblicato il 13 Novembre 2008, 15:16
Ma in tempo di crisi globale, non potrebbero risparmiare evitando di commissionare certe ricerche che lasciano il tempo che trovano? magari evitando di sperperare soldi in questo modo si riuscirebbe a limare un po' il prezzo del hardware/software BR...
Commento # 2 di: IukiDukemSsj360 pubblicato il 13 Novembre 2008, 16:15
I Più appassionati che sono una nicchia, omeglio ancora i fortunati possessori di VPR da 100 o più pollici che sono la nicchia della nicchia, tra circa 5 anni vorranno perlomeno la 1440p, e dovranno ricomprare tutto da capo...
Commento # 3 di: Iota Hor pubblicato il 13 Novembre 2008, 16:15
In teoria questi sarebbero tempi logici ma la situzione socio-economica che si prospetta potrebbe minare o fortemente ritardare la diffusione dei blu-ray, senza considerare nel frattempo l'avvento di nuove tecnologie.
E fintanto che non si raggiungono numeri un pochino più importanti i prezzi non calano: insomma un gatto che si morde la coda
P.S. se compriamo un BD a € 15,00 lo riteniamo un affare... ma € 15,00 non sono esattamente così pochi...per un DVD (ok alta definizione, qualche volta audio HD, ma sempre un DVD rimane)
Commento # 4 di: IukiDukemSsj360 pubblicato il 13 Novembre 2008, 16:43
Originariamente inviato da: Iota Hor
senza considerare nel frattempo l'avvento di nuove tecnologie.

E fintanto che non si raggiungono numeri un pochino più importanti i prezzi non calano: insomma un gatto che si morde la coda


IL problema sulla diffusione per un 50% dipende certamente dal prezzo più elevato, ma l'altro 50% dipende dal parco titoli molto limitato e soprattutto dalla difficolta di poter far capire ed apprezzare la differenza qualitativa tra il formato DVD ed Blue-Ray, perlomeno nella resa video, visto che l'audio spesso in molti Blue-Ray usciti finora non è poi così migliore, con l'ausilio della sola codifica Dolby 5.1 a 640Kbps, invece di un vero audio HD, o perlomeno un DTS Full-Rate a 1500Kbs, che è già ottimo, e totalmente apprezzabile e fruibile da molte, molte più persone, senza dover spendere altri soldi per un costoso lettore Blue-Ray per la decodifica audio interna, o addirittura un nuovo sinto-ampli... tutto ciò spaventa e scoraggia la gente, anche quella appasionata come me, ma dalle limitate possibilità di spesa.

Senza una tv HD, sufficentemente grande la differenza non è paragonabile a quella che si poteva vedere semplicemente sulla tv da 29 pollici che uno aveva in casa tra il VHS e il DVD-Video in RGB 16:9 anamorfico

Devono lavorare sulla comunicazione, e trovare il modo di far vedere, conoscere e capire cosa è realmente vedere un film in HD a 1080p,

i molti mega-store con tutte le tv non tarate, illuminazione eccessiva o inadeguata e quasi sempre accatasti l'uno vicino a l'altro, non aiuta di certo, anche solo nella visione di un Lcd da 40... che poi per le masse un 40 è già un esagerazione, ma comunque decisamente più tollerabile e fattibile di un 50, 60, o VPR... sia per ragioni di mentalità, spazio disponibile, e possibiltà economiche di voler o poter investire migliaglia di € per vedersi un paio di film in HD a noleggio la settima (noleggio sempre più costoso), e rivedersi ogni tanto durante l'anno qualche Blue-Ray acquistato... alcuni poi ci giochearanno con una console di nuova generazione, navigare in internet, altri per tv a pagamento, le partite di calcio e stop

per fare tutti questi usi dell'hd, non la sola visione da appassionato di nicchia dei soli Blue-Ray... ci vogliono altri soldi, altri aggeggi da mettere in salotto o in una camera, quindi spazio, e cosa fondamentale, tempo libero da dedicare a tutto ciò.

Le masse della popolazione che lavorano per vivere (che poi sono loro a fare i grandi numeri) ha altre priorità, ha difficoltà a capire, non è informata a sufficenza, ha poco tempo da dedicare a cose strettamente personali superflue, e tira a campare con fatica, il Blue-Ray è di certo è l'ultimo dei pensieri... il DVD continuerà a prevalere se qualcosa di concreto non si smuove.

Credo che tra 2 o 3 anni, avremo definitivamente capito se il Blue-Ray ce l'avrà fatta o meno ad espandersi su buoni livelli a livello globale (non solo in USA e Giappone).
Commento # 5 di: Urca pubblicato il 13 Novembre 2008, 21:18
Problema di fondo: chi ha pagato queste ricerche?...
Commento # 6 di: aznable-r pubblicato il 13 Novembre 2008, 22:39
il br è finito. le ricerche in un periodo di crisi diventano ancora più importanti
Commento # 7 di: artics1 pubblicato il 13 Novembre 2008, 22:56
Blu-ray rallentaterà ... a causa dell'espansione della tv via cavo, via satellite e via internet.

Ma che cavolo di affermazione è questa! Cavo, Satellite e Internet (non parlo di digital download) non hanno minato il DVD, perché dovrebbero minare la diffusione del blu-ray?
Commento # 8 di: Iota Hor pubblicato il 13 Novembre 2008, 23:11
Devono lavorare sulla comunicazione, e trovare il modo di far vedere, conoscere e capire cosa è realmente vedere un film in HD

Altro problema: visto il momentaccio l'utente non cinefilo sente ancor meno il bisogno di HD, va motivato e ingolosito più che mai. Si, ma da chi? Dai commessi di MW p.e. che l'unico requisito che devono avere è l'educazione? E poi un conto è spingere l'HD per vendere più abbonamenti Sky, un conto è spingere l'HD per la visione e la vendita di BD...

Alla cassa: lo sa che lei ha acquistato un Blu-ray è che necessita di un lettore apposta? Si, lo so (almeno io/noi)... ma se lo chiedono evidentemente...
Commento # 9 di: GYC pubblicato il 14 Novembre 2008, 14:36
Ciao a tutti! Sono nuova del forum e vorrei intromettermi nel discorso, da addetta al settore.
Singulus è un produttore di linee di replicazione, non una società di ricerche di mercato!
Vedete voi...

E comunque veramente nel BD (questa è l'abbreviazione del BluRay) siamo solo all'inizio; ci sono un sacco di problemi di produzione del disco e la produzione è ancora bassa. Praticamente siamo solo alla pubblicità, non alla vendita vera!!!
Non possono spingere ancora troppo, perchè se davvero partisse il BD come si deve, non i replicatori non sarebbero in grado di soddisfare le quantità, e di conseguenza il mercato si romperebbe.

Vorrei fare una considerazione sul mercato Media in generale. In un periodo di crisi, la gente deve risparmiare giusto? Meno viaggi, meno vestiti, cambio macchina meno frequente, meno divertimenti. ERGO: sta più in casa! ERGO: aumenta il consumo dei media, non tanto film, quanto giochi.
E credetemi, il BD non punta ai film (nicchia per pochi veri appassionati) ma soprattutto ai giochi (la massa).


Commento # 10 di: Dave76 pubblicato il 14 Novembre 2008, 14:41
Originariamente inviato da: GYC
Singulus è un produttore di linee di replicazione, non una società di ricerche di mercato!


Azz...è vero...Sabatino, stavolta hai toppato!!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »