Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Ridley Scott innamorato del 3D

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 28 Luglio 2011, all 10:57 nel canale CINEMA

“Il regista di Alien, Blade Runner e Il Gladiatore ha dichiarato la sua passione per il 3D e annuncia che da oggi in poi tutti i suoi film saranno sempre girati in 3D a cominciare da Prometheus, atteso al cinema nel 2012”


Un primo fotogramma tratto da "Prometheus" di Ridley Scott

Il 3D suscita ancora numerosi dibattiti, sia tra gli appassionati che tra gli addetti ai lavori. Se da una parte troviamo registi come Francis Ford Coppola o Christopher Nolan che non credono al potenziale della visione stereoscopica, dall'altra abbiamo un Ridley Scott che annuncia addirittura che non farà mai più un film in 2D. In occasione del recente Comic-Con, il regista ha confermato di essere attualmente impegnato con le riprese del prequel di Alien intitolato "Prometheus", girato in 3D con cineprese digitali 5K Red Epic e ha confidato alla platea di essere entusiasta del 3D al punto da dichiarare che: "Non lavorerò mai più senza 3D, anche per delle piccole scene di dialoghi. Mi piace l'insieme della lavorazione. Il 3D aumenta anche la portata espressiva di una semplice scena di dialoghi e sono rimasto davvero positivamente impressionato."

Al Comic-Con sono anche intervenuti Peter Jackson e Steven Spielberg (entrambi impegnati con riprese di film in 3D) i quali sono apparsi più cauti. Da una parte Jackson è convinto che sia sempre e prima di tutto la qualità del film a fare la differenza e che una ripresa in 3D possa fare di un ottimo film un capolavoro, ma che in caso contrario un film pessimo resterà sempre tale. Il regista neo-zelandese sottolinea poi come il problema della scarsa luminosità delle proiezioni in 3D rimanga ancora un ostacolo da superare.

Spielberg crede invece che il 3D sia adatto a film visivamente spettacolari (non a caso ha citato l'ultimo capitolo di "Transformers", di cui è anche produttore), ma che non girerebbe mai una storia romantica in 3D. Il Maestro di E.T. si augura che il 3D possa un giorno arrivare a un livello tale per cui gli spettatori non ci faranno neanche più caso. Solo allora il 3D diventerà davvero uno strumento adatto a migliorare il modo di raccontare una storia.

Fonte: Screenrant



Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: luctul pubblicato il 28 Luglio 2011, 11:17
ops..... adesso i contrari a questa tecnologia diranno che si è bevuto il cervello
Commento # 2 di: stazzatleta pubblicato il 28 Luglio 2011, 11:24
a tal proposito evitiamo di scatenare la solita disputa pro e contro 3D
Commento # 3 di: rpr.win pubblicato il 28 Luglio 2011, 11:52
Unica cosa, 3D a parte, ma fare un film nuovo no?!
Pure lui con i sequel e prequel?
Il cervello non lo ha più?
Commento # 4 di: the_real_redeagle pubblicato il 28 Luglio 2011, 11:55
Il problema non è di disputa o di polemica; il problema è: quanti dei titoli usciti in 3D possono vantare una qualità artistica valida?
Purtroppo in questa (lunga) fase primordiale del 3D si punta quasi tutto sulla tecnologia tralasciando il resto. Ed è questo che io critico, a prescindere dal fatto che non provo interesse nel 3D dei film (al contrario dei videogiochi).
Commento # 5 di: digimau pubblicato il 28 Luglio 2011, 12:23
Mah che discorsi... potrei dire negli ultimi mesi la stessa frase in chiave 2D: quanti dei titoli usciti (in 2D) possono vantare una qualità artistica valida?

Dai per favore...
Commento # 6 di: powerdwarf pubblicato il 28 Luglio 2011, 13:57
Originariamente inviato da: digimau
Mah che discorsi... potrei dire negli ultimi mesi la stessa frase in chiave 2D: quanti dei titoli usciti (in 2D) possono vantare una qualità artistica valida?

Dai per favore...


sono sicuramente di più di quelli 3D.
Problema di numeri complessivi.

Detto questo, Scott, se togliamo Robin Hood, non ha fatto film decenti per 10 anni, da Black Hawk Down.
Ed alcune sue uscite, francamente, riflettono un regista che non è certo quello di 30 anni fa.
Commento # 7 di: salv.scarfone pubblicato il 28 Luglio 2011, 15:03
speriamo non sia un altro film insipido come robin hood...
Commento # 8 di: robertocastorina pubblicato il 28 Luglio 2011, 21:08
Originariamente inviato da: digimau
quanti dei titoli usciti (in 2D) possono vantare una qualità artistica valida?

Ad esempio Il discorso del Re, The social network, The fighter, Inception, The Tree of Life, Il cigno nero; direi che in pochi mesi possono bastare.
Commento # 9 di: jack_the_beast pubblicato il 29 Luglio 2011, 11:38
ha ragione spielberg.
Commento # 10 di: Don_Zauker pubblicato il 29 Luglio 2011, 15:59
Originariamente inviato da: luctul
adesso i contrari a questa tecnologia diranno che si è bevuto il cervello


Sono uno di quei contrari, ma quoto Powerdwarf quando afferma che RH a parte in Scott stento sempre più a riconoscere l'autore di Alien, Blade Runner e Thelma & Louise.

Titoli come Un'ottima annata puoi girarmeli anche in 6D, ma...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »