Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pioneer TAD Reference One

di Pietro di Giovanni , pubblicato il 22 Settembre 2010 nel canale DIFFUSORI

“Le grandi Reference One di TAD, arrivate nel nostro Paese solo lo scorso anno, sono considerate dalla stragrande maggioranza dei pochi fortunati che le hanno ascoltate un ottimo candidato come miglior diffusore al mondo”

La sala d'ascolto di Gennaro Aversa

Facciamo il nostro ingresso nella sala di ascolto di Gennaro Aversa alle 10 in punto ed io inizio a domandarmi se quest'uomo sia un genio oppure uno sconsiderato. La sala d'ascolto infatti non ha alcun trattamento acustico visibile, non ha orribili totem variamente assortiti di tube traps e nemmeno pareti trattate con “pelle di camoscio”, come si dice in gergo quando si vuole indicare un trattamento raffinato ma costosissimo. Nulla.

I meno accorti affermerebbero immediatamente che questa sala non può suonare, ma il sorriso appena sornione di don Gennaro mi tranquillizza, assieme ad uno straordinario caffè offertoci dalla moglie del padrone di casa. Ah, i partenopei sono fortunati: un sole stupendo, un cielo terso, gli odori dell'estate che è arrivata, l'ospitalità sacra: tutte cose alle quali non sono abituato e che mi inebriano con una sensazione di rilassata e sorridente beatitudine.

Stanno suonando due diffusori Dromos ed immediatamente vedo sparire la mia iniziale diffidenza per quell'ambiente sonoro così rigoroso, così inesistente e non partecipativo alle performance dei due diffusori. Quante volte avete sentito la musica provenire dalle pareti laterali e dal fondo senza alcuna soluzione di continuità? Poche volte? Bene, anch'io. Qui l'orchestra si allarga talmente tanto, senza mai svuotarsi al centro, che mi guardo furtivamente in giro, giusto per vedere se stessero suonando anche due canali “side” accessori.

No, l'elettronica è una sola e da lì partono due cavi nemmeno grandissimi che vanno ai due diffusori. Nulla più. Ma della qualità dei progetti di Dromos parleremo molto presto: a me è bastato vedere la faccia che ha fatto il capo quando si è seduto ad ascoltare le tracce per grande orchestra che si era portato dietro!