Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Bitch Slap - Le superdotate

di Alessio Tambone , pubblicato il 20 Luglio 2011 nel canale CINEMA

“In anteprima la recensione del film omaggio al genere exploitation movie diretto da Rick Jacobson. Nell'articolo pubblichiamo la recensione di AV Magazine e quella del nostro lettore - che ringraziamo per la disponibilità - Emanuele Stavagna”

La recensione di Alessio Tambone

Una spogliarellista squattrinata, un killer/corriere della droga e l’intermediaria di un’azienda. Sono queste le tre protagoniste di Bitch Slap, film diretto da Rick Jacobson e distribuito in Italia (in grandissimo ritardo) da Eagle Pictures a partire dal prossimo 22 Luglio. Tra tradimenti e rivelazioni, le tre cercano un importante bottino da sottrarre ad uno spietato boss della malavita. Ma la situazione sfugge presto di mano.

Bitch Slap è un preciso omaggio a generi b-movie ed exploitation movie, un progetto che si inserisce (o almeno questa è l'intenzione) nell'affollata categoria dei film stracult. All'interno c'è di tutto: dalle citazioni e omaggi a film come Dragstrip Girls, Faster Pussycat, Kill, Kill, Kung fu Nun a spruzzate di trovate registiche e di script di vari cineasti, da Russ Meyer al recente Zack Snyder, passando chiaramente per Tarantino e Rodriguez. E c'è anche posto per Memento, dal quale Bitch Slap prende in prestito una narrazione con flashback al contrario.

Citazioni, omaggi, citazioni e omaggi. Bitch Slap è letteralmente infarcito di rimandi visivi e non che - probabilmente - sono la parte più riuscita del film. Rick Jacobson non è infatti Meyer o Tarantino (nella sua carriera cinematografica troviamo Bad Guys e Le ragioni del cuore, nella carriera televisiva qualche episodio di Spartacus, Baywatch, Xena principessa guerriera, Cleopatra 2525 e Hercules). I suoi limiti si vedono chiaramente dopo pochi minuti: ai dialoghi manca quel pizzico di genialità e la tecnica del flashback presto stanca, con effetti su greenscreen e un montaggio con splitscreen e ralenti che diventa pesante ed inutile.

Per la recitazione delle tre belle... beh, lasciamo stare e limitiamoci a guardare...

Bitch Slap è sicuramente da evitare se non siete amanti del genere. Se invece avete un'anima pulp, la visione di questo film vi farà apprezzare maggiormente i titoli che sicuramente fanno già parte della vostra collezione home video.

Voto finale 5

La recensione di Emanuele Stavagna

Il film si presenta sullo stile di Kill Bill e di Sin City, ma sono evidenti i rimandi al cinema b-movies anni 50-60 (Russ Meyer, per fare un nome che sicuramente si trovi in sintonia con il film). Comunque la trama è alquanto macchinosa e alcuni personaggi presenti (ad esempio Kinki) sono una versione macchiettistica di quelli presenti su Kill Bill (in questo caso il personaggio di Gogo Yubari). Il continuo ricorso a flashback non facilita la comprensione della trama e il finale porta una rivelazione a sorpresa un po' scontata. Forse la citazione finale di Sun Tzu è azzeccata al riguardo anche per il film medesimo.

La fotografia del film è valida ed enfatizza le scene di combattimento tipo kung-fu movies e trilogia di Matrix, ma a un livello minore. Alcune trovate sono forse un po' eccessive come il personaggio di Camero che esce viva dalla macchina colpita da un bazooka; in scene simili di altri film (ad es. Commando) c'era una certa ironia nella scena, che qui è assente: ci si prende un po' troppo sul serio.

La visione in streaming era all'altezza di un buon DVD e si sono notati problemi solo nelle scene più buie dove comparivano "blocking" e pixels: nel complesso buono. Forse, con una connessione migliore (20Mb/s) e trasmissione in HD il risultato potrebbe migliorare. Sarebbe interessante recensire il BluRay.

Il film è da classificare come sufficiente perchè presenta valide scene di combattimento (il motivo per scegliere la visione di tale titolo), ha alcune citazioni cinefile da Kill Bill a Sin City a Russ Meyer e pur con una struttura un po' barocca si lascia guardare. Comunque alla fine del film resta il dubbio se dalla sceneggiatura originale si potesse fare qualcosa di meglio.

Voto finale 6

 

Articoli correlati

Home Video HD: Luglio 2011

Home Video HD: Luglio 2011

Panoramica sulle uscite home video in alta definizione per il mese di Luglio 2011. Pubblichiamo il calendario delle uscite Blu-ray evidenziando i prodotti meritevoli di attenzione sul piano tecnico o artistico, con un breve sguardo al mercato estero con audio italiano. Buona collezione a tutti
Tutti al cinema: Luglio 2011

Tutti al cinema: Luglio 2011

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di Luglio. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Neros22 pubblicato il 20 Luglio 2011, 15:09
Iolao ed Hercules di nuovo assieme!
Commento # 2 di: fossile pubblicato il 20 Luglio 2011, 23:02
Superdotate, di che... silicone?
Commento # 3 di: sanfeb pubblicato il 21 Luglio 2011, 14:19
La doppia recensione mi ha garbato assai...
10 a AVMAGAZINE
Commento # 4 di: gius76 pubblicato il 22 Luglio 2011, 13:05
Film? Mi sembra una parola grossa....
Commento # 5 di: djfix13 pubblicato il 22 Luglio 2011, 15:41
mi sa che c'è qualcosa di ripreso dalle Charlie's Angels...
che tristezza questi film però...ci saranno anche gli amanti del genere che dobbiamo rispettare ma le storie sempre quelle e per far venire qualcuno in più al cinema: Tette e gnocca messa dove non c'entra... non so ancora se definirli film degni di nota e recensioni, rispetto cmq il lavoro della redazione e qui ho detto solo il mio pensiero.
Commento # 6 di: fabio3 pubblicato il 22 Luglio 2011, 18:52
Va be' che è estate...

e d'estate non ci sono molte uscite da commentare, ma piuttosto che commentare questo pseudofilm era meglio andare a farsi una bella nuotata in piscina.