Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Verso Venezia 67.

di Alessio Tambone , pubblicato il 20 Agosto 2010 nel canale CINEMA

“Breve analisi della prossima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, in programma al Lido di Venezia dall'1 all'11 Settembre 2010. Quattro le categorie maggiori, due sezioni autonome e un'interessante retrospettiva dedicata alla commedia italiana tra il 1937 e il 1988”

Film e categorie

La categoria Venezia 67 vede Quentin Tarantino presidente della giuria internazionale. Accanto a lui nomi importanti come il nostro Gabriele Salvatores, il messicano Guillermo Arriaga (sceneggiatore dei successi di Alejandro Gonzáles Iñárritu) e Danny Elfman (grande musicista ed autore delle colonne sonore di Tim Burton). Chiudono la giuria Luca Guadagnino, Arnaud Desplechin e Ingeborga Dapkunaite.

13 Assassins e Essential Killing, due dei film in concorso più attesi

Oltre alle citate opere presentate in apertura, la categoria dei film in concorso nella categoria Venezia 67 vede nomi importanti del cinema internazionale come Sofia Coppola (Somewhere), Takashi Miike (13 Assassins), François Ozon (Potiche), Julian Schnabel (Miral) e Jerzy Skolimowski (Essential Killing). Non resta indietro naturalmente il cinema italiano, con i nuovi film di Ascanio Celestini (La pecora nera), Saverio Costanzo (La solitudine dei numeri primi), Mario Martone (Noi credevamo) e Carlo Mazzacurati (La passione).

Vallanzasca e Niente Paura, due delle novità Fuori concorso italiane

Da non perdere le opere inserite in cartellone Fuori concorso, con la doppia presenza ancora di Takashi Miike con Zebraman e Zebraman 2 e il documentario firmato Martin Scorsese A letter to Elia. Imbarazzo della scelta per i prodotti italiani, con Carlo Mazzacurati (Sei Venezia), il discusso Michele Placido (Vallanzasca), Marco Bellocchio (Sorelle mai) e Piergiorgio Gay (Niente paura).

La verà novità di questa edizione è la sezione Orizzonti, creata nel 2004 e da subito dedicata alle nuove tendenze del cinema mondiale, oggi si apre a tutti i prodotti "fuori formato", diventando un laboratorio di idee per il cinema di domani in ogni sua forma. La giuria presieduta dalla regista iraniana Shirin Neshat assegnerà due premi ai migliori lungometraggi (Premio Orizzonti e Premio Speciale della Giuria), più un premio al miglior Mediometraggio e uno al miglior Cortometraggio.

La Belle endormie e Oki's Movie, apertura e chiusura della sezioni Orizzonti

La sezione Orizzonti sarà aperta il 2 Settembre dalla proiezione di La Belle endormie, film scritto e diretto da Catherine Breillat liberamente ispirato al racconto di Charles Perrault La bella addormentata. In chiusura invece l'artefice della rinascita del cinema coreano Hong Sang-soo con Oki's Movie, film suddiviso in quattro capitoli che raccontano attriti tra un giovane cineasta e il suo anziano professore a causa di una donna.

Ultima categoria in concorso è Controcampo italiano, sezione che comprende in anteprima mondiale lungometraggi in 35mm e in digitale DCP italiani. Presidente della giuria il nostro Valerio Mastandrea. Per maggiori informazioni sui film in proiezione vi invitiamo a seguire nei prossimi giorni le pagine di AV Magazine, per una copertura giornaliera del Festival.

 

Articoli correlati

Tutti al cinema: Agosto 2010

Tutti al cinema: Agosto 2010

Suggerimenti e calendario completo per le uscite nei cinema italiani nel mese di Agosto. Una rubrica di AV Magazine per essere sempre aggiornati su quello che succede all'interno dei cinema italiani, con info sul film e trailer. A voi la scelta!
Toy Story 3 - La grande fuga

Toy Story 3 - La grande fuga

Tornano in sala Woody, Buzz e tutti gli allegri amici del mondo di Toy Story nel terzo e ultimo capitolo della serie. Il film Pixar, distribuito come di consueto da Walt Disney Studios, sbarca in Italia anche in 3D dopo aver ottenuto incassi record in tutto il mondo. Ecco il giudizio di AV Magazine
Robin Hood

Robin Hood

Ridley Scott e Russel Crowe ancora insieme per un film storico. Dopo Il gladiatore, i due si trasferiscono nell'Inghilterra delle ballate e delle guerre con la Francia, reinterpretando la leggendaria storia di dell'arciere gentiluomo. Ecco il giudizio di AV Magazine sul film e sulla proiezione Digitale 2K



Commenti