Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Apple Music Classical

di Riccardo Riondino, pubblicata il 14 Marzo 2023, alle 10:03 nel canale SOFTWARE

Apple Music verrÓ integrato con un'interfaccia ottimizzata per la musica classica, che offrirÓ ricerca delle registrazioni anche in base al numero di catalogo, accesso ai brani con qualitÓ Hi-Res o audio spaziale, informazioni sui compositori e le loro opere principali


- click per ingrandire -

Apple ha annunciato la nuova applicazione Apple Music Classical, disponibile gratuitamente per gli abbonati Apple Music anche in Italia partire dal 28 marzo. In questo modo il servizio offrirà un elemento di differenziazione grazie a un’interfaccia studiata specificamente per la musica classica. Le registrazioni potranno essere ricercate in base al compositore, all’opera, al direttore d’orchestra o il numero di catalogo. L’applicazione inoltre contiene note editoriali sui compositori, biografie e le descrizioni delle loro opere principali. Ci saranno anche i ritratti digitali ad alta risoluzione, appositamente commissionati da Apple, dei compositori più famosi.


- click per ingrandire -

Al momento del lancio saranno disponibili i ritratti di Ludwig van Beethoven, Frédéric Chopin e Johann Sebastian Bach. Apple Music Classical, risultato dell'acquisizione di Primephonic avvenuta nel 2021, offrirà l'accesso a oltre cinque milioni di brani di musica classica, ascoltabili in streaming anche con qualità Hi-Res fino a 24 bit/192 kHz lossless. Migliaia di registrazioni saranno inoltre disponibili anche in formato 3D Spatial Audio, che si basa sulla codifica Dolby Atmos. Al lancio l’app supporterà solo dispositivi con sistema operativo iOS 15.4 o più recente.

Fonte: 01Smartlife



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: pace830sky pubblicato il 14 Marzo 2023, 13:04
Speriamo che le altre piattaforme seguano presto l' esempio di Apple!

Si ciarla tanto di intelligenza artificiale ma su certe piattaforme la tecnologia del motore di ricerca è a dir poco arcaica.