Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter YouTube

Unison Research Triode 25

di Riccardo Riondino, pubblicata il 22 Ottobre 2014, alle 10:53 nel canale AUDIO

Integrato da 25/45 W in configurazione triodo/pentodo, ultimo dei modelli celebrativi del 25° anniversario di uno dei più rinomati produttori italiani di amplificatori a valvole

Il Triode 25 è uno dei tre amplficatori realizzati da Unison Research per celebrare il 25° anniversario della propria nascita (gli altri sono le edizioni "Anniversary" delSimply Two e dell'Absolute). Si tratta di una versione completamente rinnovata del Triode 20, l'altro modello eletto dal costruttore come simbolo del successo del marchio. Sulle orme del predecessore, è un integrato in classe AB con stadio di uscita avalvole EL34 in push-pull, tipologia dove ciascuna delle valvole di potenza amplifica una delle due semionde, positiva e negativa, del segnale audio.

La ricostruzione dell'informazione musicale avviene con l'intervento del trasformatore di uscita, la cui struttura simmetrica ne ripristina la linearità. Questa configurazione è stata scelta per la maggiore potenza d'uscita e la migliore efficienza rispetto alla tipologia single ended, con effetti positivi sulla durata delle valvole e un minore assorbimento energetico.

Per limitare le nocive componenti di distorsione armonica di ordine dispari, il Triode 25 è stato sottoposto ad un lungo ed accurato periodo di progettazione e prova, nonostante l'esperienza già acquisita con il predecessore. Il nuovo amplificatore può operare in modalità triodo, con una potenza di uscita di 25 W per canale su un impedenza di 6 Ohm, oppure pentodo.

In questo caso la potenza sale a oltre 45 W/6 Ohm, sempre con distorsione armonica estremamente contenuta, così come la controreazione negativa applicata, pari a 1,8 e 5 dB rispettivamente. L'integrato è fornito di telecomando e quattro ingressi a livello linea, più due uscite: un tape rec e una per subwoofer.

Per ulteriori informazioni: unisonresearch.com



Commenti